Prodotti per la pulizia del pavimento in marmo

Autore Andrea Pilotti

Se siete amanti del pavimento in marmo non potete allora esimervi dal chiedervi come pulirlo e soprattutto come mantenerlo lucido. Il marmo è sicuramente un materiale che rispetto ad altri si sporca meno facilmente. Di contro, però, è particolarmente esposto ad aloni. Quest’ultimi sono la causa principale della perdita di lucentezza e dunque del suo aspetto opaco. Pulire un pavimento in marmo significa seguire alcuni piccoli accorgimenti, che vedremo qui di seguito, come curarne la finitura, affinché la sua superficie rimanga lucida e pulirlo in base all’uso che ne viene fatto, per prevenire il sorgere di aloni e di sporco.

Come fare

Se volete che il vostro pavimento in marmo sia ben pulito occorre che seguiate delle semplici norme:

  • Rimuovere lo sporco
    Non vi è alcuna preferenza. Sia che utilizziate una scopa o un aspirapolvere, ciò che conta e che riusciate ad eliminare completamente la polvere e i residui accumulati. Se però volete effettuare una pulizia approfondita, allora l’ideale sarebbe usare entrambi gli attrezzi. Tenete tuttavia presente che l’aspirapolvere per quanto efficace non può essere adoperata per raccogliere i residui più grandi, la danneggerebbero. La scopa d’altra parte permette anche di pulire i punti più difficili da raggiungere e gli angoli.
  • Lavaggio
    Tra i due è consigliabile utilizzare uno straccio o se preferite un panno morbido, immerso in un secchio con dell’acqua e del detergente. Il mocio, invece, potrebbe lasciare sul pavimento degli sgradevoli aloni, macchie e graffi. Per una pulizia più profonda è opportuno passare lo straccio più volte, strofinando a fondo nel caso di macchie resistenti. Per questo motivo non si può usare sempre lo stesso straccio e per tutte le stanze della casa. Occorre cambiarlo e usarne di puliti. È preferibile poi usare due secchi, uno deve contenere l’acqua pulita e il detergente, l’altro invece serve per raccogliere l’acqua sporca. Chi noi non ha provato la difficoltà di non riuscire a pulire gli angoli e i punti più difficili della nostra casa? Inutile farlo con lo straccio e lo spazzolone, ma vi arriveremmo. Piuttosto è preferibile pulirli a mano. Solo in questo modo è possibile arrivare allo sporco ed eliminarlo.
  • Asciugatura
    Una volta lavato il pavimento occorre asciugarlo. Potete sia passarvi dei panni o teli asciutti oppure farlo asciugare naturalmente, magari lasciando finestre e porte aperte per velocizzare l’evaporazione dell’acqua.
  • Lucidatura
    Ma il pavimento in marmo non si accontenta del solo lavaggio e asciugatura. Periodicamente vuole essere anche lucidato. Esistono diversi modi per lucidare il pavimento in marmo, tra questi il più efficace è quello che consiste nello stendere la cera sul pavimento e su questa passarvi la lucidatrice o, se non l’abbiamo, un panno con dell’olio di lino. Se preferiamo possiamo utilizzare anche il famoso lavaincera, un prodotto auto lucidante che una volta passato sul pavimento deve essere lasciato asciugare per un po’ di tempo, altrimenti rischia di lasciare aloni e macchie.

Sapone specifico

Esistono diverse tipologie di pavimento in marmo, per le quali non è certo possibile utilizzare lo stesso tipo di detergente e lo stesso procedimento di pulizia. Vediamoli più dettagliatamente. Anzitutto il pavimento in marmo naturale, per esso è consigliabile utilizzare dell’acqua con del sapone di Marsiglia. Per il pavimento in marmo chiaro è opportuno utilizzare dell’acqua ossigenata diluita, per evitare che questo ingiallisca. Nel caso di pavimento in marmo scuro occorre mescolare dell’acqua con del detersivo per lavatrice e con della ammoniaca. Per tutti i tipi di pavimento in marmo è possibile usare sia un detergente neutro oppure uno fatto da noi, composto di tre litri d’acqua, due cucchiai di bicarbonato, cinque di alcool e sapone di Marsiglia in scaglie.

Sottocategoria:
Menu