Migliori tostapane

di

Il tostapane fa parte di quei piccoli elettrodomestici di uso quotidiano di cui non siamo più in grado di fare a meno. Quando lo si acquista per la prima volta si resta sbalorditi da quanti modelli ne esistono, dai vintage ai super tecnologici. Leggi la guida per conoscerne caratteristiche, tipologie, design e come scegliere il modello in base al numero di toast da fare.

Caratteristiche

Il tostapane è un elettrodomestico entrato a far parte della nostra vita quotidiana da quando, negli ultimi anni, la maggior parte di noi non ha più la possibilità di andare dal fornaio ogni mattina a prendere il pane appena sfornato, per cui, quando vogliamo del pane, si scaldano le fette di pane confezionato.

Tostapane orizzontale

Proprio per questa sua recente maggior diffusione ne sono stati prodotti diversi modelli: abbiamo quello classico con le pinze e quello orizzontale a piastra (a mio avviso quest’ultimo è più indicato se si vuole preparare il classico toast prosciutto e formaggio).

Quello verticale può essere squadrato, oppure lo si può trovare con i bordi superiori arrotondati, inoltre ne esistono alcuni stretti e lunghi, in cui le fette non vengono inserite in due diversi fori (per capirci quelli che hanno una resistenza che riscaldandosi permette la doratura del pane) ma in un unico lungo foro; quasi tutti ormai hanno la parte inferiore estraibile, per permettere una più facile pulizia dalle briciole.

L’esterno può essere di metallo colorato o lucido, oppure in plastica colorata, in entrambi i casi ho visto delle fantasie davvero simpatiche e altri molto sobri e altri vintage.

Quelli orizzontali mostrano una varietà di modelli non minore rispetto a quelli verticali; ci sono quelli con le piastre lisce, quelli con le piastre rigate che dividono il toast, quelli con le piastre ancorate alla base e quelli con le piastre che si possono togliere (queste ultime sono più facile da lavare a parte).

Tipologie

tostapane verticale

Tostapane verticale

Ho già accennato che esistono due grandi famiglie di tostapane: quelli verticali e quelli orizzontali. Devo ammettere che li ho entrambi e non credo che siano interscambiabili. Andando a comprare quello verticale ne ho visti davvero tanti, alcuni sono più bombati di altri, alcuni hanno il rivestimento esterno in plastica colorata, mentre altri sono in metallo lucido, alcuni hanno solo un timer per il tempo di cottura, altri invece hanno anche dei pulsanti per lo scongelamento o per spegnere le resistenze.

Ce ne sono per tutti i gusti e per tutte le esigenze (sia economiche che estetiche). Anche di quelli orizzontali ne esistono diversi modelli: quelli con la piastra che si può togliere (onestamente sono quelli che preferisco, ho la sicurezza di poter eliminare tutti i residui di formaggio fuso senza la paura di far cadere gocce d’acqua dove passa la corrente), quelli che sigillano e dividono i toast (questi hanno il vantaggio che cuocendo troppo i toast il formaggio fuso non fuoriesce dai bordi), quelli che stampano sul toast una figura (Topolino è il più diffuso, ma c’è anche quello che raffigura SpongeBob), quelli da un solo posto, ideali per i single o per chi ama fare uno spuntino sfizioso, e quelli da due.

Insomma si può dire che ne esistono due tipi, la cui struttura è conforme al servizio che offrono: con quelli orizzontali è più facile fare il classico toast prosciutto e formaggio, perché se lo si cucina troppo non si rischia di trovare tutto il formaggio sul fondo del tostapane, mentre con quello verticale è più facile scaldare le fette di pane in egual modo su entrambi i lati, rispetto a quello che può fare uno orizzontale.

A cosa serve

A differenza di altri piccoli elettrodomestici, si pensa che il tostapane abbia un’unica funzione: scaldare il pane e preparare i toast. Il che è vero, da un certo punto di vista, tuttavia l’utilità che il pane così scaldato può avere è più ampia di quello che si crede; di seguito vorrei farvi qualche esempio pratico.

Se a qualcuno non piace il pane confezionato a fette, può benissimo andare dal panettiere e prendersi un filone di quello cotto a legna, tagliarlo a fette e metterlo in congelatore; quando poi ne avrà voglia, potrà tirarne fuori una o più fette e, una volta fatto scongelare in microonde o all’aria, lo potrà scaldare e dorare con un modello verticale.

Un altro esempio è preparare il pane da bruschette: molti ritengono sia essenziale farlo dorare in forno con dell’olio, ma per avere delle bruschettine più leggere si può usare il tostapane, sia verticale che orizzontale.

Quello orizzontale che non sigilla e divide i toast, poi, può andar bene anche per scaldare anche pezzi di torte come lo strudel, oltre a scongelare e dorare il pane congelato, senza aver paura che dell’acqua cada sulle resistenze.

Quelli che ho riportato qui sono solo alcuni degli esempi dell’utilità di questo elettrodomestico, chi l’ha avuto potrebbe citarne tanti altri; vorrei comunque aggiungerne un altro, utile per quei genitori che non sanno come far mangiare il proprio figlio che è pizza-dipendente: fategli un toast con mozzarella e salsa di pomodoro, sarà meno pesante e meno costoso di una pizza, nonché vi permetterà di fargli mangiare anche dell’altro dopo, dal momento che un solo toast non lo avrà saziato.

Come scegliere un tostapane di buona qualità

Di fronte a tutti i modelli che ci sono in commercio è difficile fare una scelta, io ho girato un paio di centri commerciali per trovare quello che cercavo; comunque considerate come prima cosa a quale scopo lo state comperando.

Ossia, per far dei toast simili a quelli che si possono gustare al bar è meglio prendere quello orizzontale, magari con le piastre che si possono togliere, così da poterlo lavare comodamente e senza paura di scosse; se temete di fare dei gran disastri è indicato quello che sigilla e divide il toast in due, anche se l’effetto non è quello da bar.

Se invece il toast è solo uno sfizio e non intendete usarlo abbastanza spesso, consiglio quello piccolo, per capirci quello che sforna un solo toast alla volta, perché, finito di usarlo, lo potrete mettere via in un cassetto, senza che vi occupi troppo spazio (e chi vive in appartamento sa che di spazio non ce n’è mai abbastanza).

Se vi interessa solo scaldare le fette di pane, allora basta uno di quelli verticali; meglio se ha delle funzioni in più, generalmente dei pulsanti, per esempio quello con la funzione di scongelare che permette di mettere la fetta ancora congelata dentro il tostapane, ma non sono tanti che le hanno.

Tra tutti quelli verticali che ho visto tenderei a sconsigliare quelli che non hanno lo spegnimento automatico (ossia quelli con l’interruttore): se tenete sempre l’elettrodomestico collegato alla corrente e ne prendete uno che non ha tale funzione, potreste in una mattina particolarmente concitata lasciarlo acceso col rischio di mandare a fuoco la casa.

Consiglio anche di valutare dove metterlo, perché se la sua posizione sarà vicino a qualcosa che sviluppa calore, meglio uno con le pareti in metallo anziché in plastica (questi ultimi sono la maggioranza, ma con un po’ di pazienza troverete anche i primi).

Dove acquistare

Dovendo acquistare un tostapane e volendone uno particolare, per esempio il vintage, consiglio di andare in quei negozi di città che si occupano di liste nozze o che trattano esclusivamente marchi di un certo livello: sono molto più forniti di certi articoli, rispetto ai centri commerciali.

Se si cerca un tostapane qualsiasi, che sia verticale o orizzontale, meglio scegliere i centri commerciali specializzati in oggetti per la casa ed elettronica, qui troverete una scelta ampia di prodotti, con ampio spettro di prezzi.

Onestamente non credo abbia senso andare nei centri commerciali che trattano soprattutto in alimentari, qui ci sono sicuramente dei modelli, ma in numero minore rispetto a quanti ne potrete trovare in centri specializzati in non food; insomma rischiate un giro a vuoto, a meno di non dover fare la spesa, ma in caso contrario un giro esplorativo equivale a spendere soldi in benzina per un oggetto che non costa poi molto (questo vale se i centri commerciali distano tra loro o da casa vostra, in caso contrario, guardare non costa niente).

Eviterei anche i piccoli negozi di città, che tengono pochi modelli, rischiate di uscire con qualcosa che non risponde in pieno alle vostre aspettative, solo perché vi vergognavate di uscire a mani vuote (per farla breve, se siete timidi non entrateci, a meno di non aver visto qualcosa in vetrina che vi ha colpiti).

Credo che, alla fine, sia più sensato andare a colpo sicuro dove ne tengono di più, così da poter decidere liberamente quale prendere, anche in funzione di quanto si vuole spendere, cosa che secondo me è possibile solo dove non ci sono commessi che pressano e c’è una maggiore scelta.

Migliori tostapane sul mercato

La nostra redazione ha selezionato i migliori tostapane sul mercato per potenza, pinze di cottura, sistema di estrazione dei toat. Leggi la recensione per conoscere le nostre opinioni su caratteristiche, prezzi e offerte dei migliori tostapane in commercio.

De Longhi CTE 2303 BK

De Longhi CTE 2303 BKDe Longhi CTE 2303 BK al prezzo di 35 euro. Nonostante si collochi nella fascia di prezzo più bassa, questo modello vanta semplicità e robustezza.

Ha una potenza di 550 W e consente di regolare digitalmente il grado di tostatura della fetta. Sono due i vani presenti e due, di conseguenza, le fette che si possono inserire.

A nostro parere, comoda la presenza del cassettino raccoglibriciole estraibile e di una griglia scalda briosche da inserire sopra la fessura principale, per poter variare la colazione e far fronte a ogni esigenza. La sua potenza è di 550 W.

Philips HD2589 Daily Collection

Philips HD2589 Daily CollectionPhilips HD2589 Daily Collection al prezzo di 39 euro.

Il modello proposto da Philips rappresenta, secondo la nostra opinione una valida opzione per chi vuole contenere la spesa ma senza rinunciare a solidità e sicurezza.

Sono ben 7 le funzioni che consentono di regolare il grado di tostatura desiderato ma il ciclo di cottura si può interrompere in qualsiasi momento nel caso si cambi idea. Comoda la funzione che spegne automaticamente il tostapane nel caso in cui del pane rimanga incastrato all’interno.

Inoltre, le pareti esterne sono isolate e rimangono dunque sempre fredde, per evitare il rischio scottature per grandi e piccini. Con questo apparecchio è possibile tostare e scongelare, anche contemporaneamente, e, naturalmente, scaldare.

Dotato di cassettino raccoglibriciole estraibile, piedini antiscivolo e di due fessure comode, questo modello è in acciaio inox spazzolato, con la parte superiore in cromo ed ha una potenza di 650 W. Il suo cavo misura 0.9 m e si avvolge facilmente nel vano apposito.

Smeg TSF02SSEU

Smeg TSF02SSEUSmeg TSF02SSEU al prezzo di 189 euro. Questo tostapane è uno dei modelli di punta della Smeg e, in linea con lo stile di questa azienda, il suo design fa chiaramente l’occhiolino agli anni ’50.

Il corpo è robusto, in acciaio cromato, mentre la base e il top sono in acciaio cromato opaco. E’ dotato di due scomparti capienti, per tostare quattro fette di pane alla volta.

Le fette vengono centrate ed espulse automaticamente a fine cottura. Il cassetto raccoglibriciole, in acciaio inox, è facilmente estraibile e lavabile. Questo modello ha un cavo lungo 1 m avvolgibile nel vano integrato.

Il peso dell’intero apparecchio è di 3,360 kg ed è dotato di piedini antiscivolo che lo rendono stabile e sicuro. Buone anche le funzioni disponibili: 6 livelli di doratura disponibili e 3 programmi impostabili sulla manopola retroilluminata per riscaldare, scongelare e preparare i bagel. Buona anche la potenza, di 1500 W.

Dati il peso e la bellezza estetica, si tratta di sicuro di un modello da lasciare a vista in cucina e non da riporre dopo ogni uso.

Kenwood Tostiera elettrica TTM312

Kenwood Tostiera elettrica TTM312Kenwood Tostiera elettrica TTM312 al prezzo di 105 euro.
Questo modello è dotato di dieci funzioni per scegliere il grado di tostatura preferito e, grazie alle pinze in alluminio in dotazione, può tostare due fette di pane alla volta. Durante la cottura, permette di far risalire leggermente le fette, così da controllarne la doratura.

Inoltre, è possibile selezionare 2 temperature di cottura per scaldare pane ma anche prodotti più delicati e consente di impostare la tostatura su un solo lato della fetta. Anche questo modello ha il cassettino raccoglibriciole estraibile e cavo avvolgibile.

Secondo la nostra opinione il plus di questo elettrodomestico è la tecnologia Peek & View che consente il controllo della doratura senza interromperla. L’apertura dove vengono inserite le pinze è lunga e regolabile in larghezza fino a 6 cm. Questo consente di usare l’apparecchio non solo per il pane in cassetta ma anche per baguette, ciambelle, muffin e ciabatte.

Solido e compatto, questo modello pesa 2,45 kg, è completamente in alluminio spazzolato ed è dotato di manici isolanti. Ha una potenza di 1066 W.

Ariete T-Brunch metal

Ariete T-Brunch metalAriete T-Brunch metal al costo di 37 euro. Anche questo modello si colloca nella fascia di prezzo bassa, ma è caratterizzato da un design elegante e contemporaneo.

E’ possibile regolare il termostato su sei livelli, così da decidere il grado di tostatura ma in ogni caso è la macchina stessa a espellere la fetta di pane una volta cotta, così da scongiurare il rischio di bruciature.

Oltre a tostare, inoltre, questo modello riscalda e scongela ed è quindi utile anche per rendere più fragrante il pane del giorno prima.

Facile da pulire, è dotato dell’immancabile cassetto raccoglibriciole estraibile e di cavo avvolgibile. Secondo la nostra opinione la potenza è buona, 800 W, e il peso è di circa 1,5 Kg.

Anche in questo caso non manca l’attenzione alla sicurezza: dotato di marchio di conformità CE, il prodotto ha pareti esterne isolate e dunque sempre fredde e piedini antiscivolo che lo rendono stabile.

Imetec Dolcevita TS1

Imetec Dolcevita TS1Imetec Dolcevita TS1 al prezzo di 34 euro. 500 W di potenza per questo modello dal design morbido e pulito.

Sono cinque i gradi di tostatura che si possono impostare attraverso un semplice timer dotato di autospegnimento.

Due, invece, le fessure in cui inserire le pratiche pinze. Secondo la nostra opinione uno dei plus di questo elettrodomestico è dato dal fatto che tutti gli accessori metallici (pinze e cassettino raccoglibriciole) si possono lavare facilmente in lavastoviglie.

Il cavo, lungo 0,9 m, si avvolge in modo molto semplice del vano interno rendendo semplice e pratico riporre l’apparecchio dopo l’uso. Il peso è di 1,8 kg e le dimensioni sono piuttosto compatte, per un uso quotidiano pratico e comodo: 31,4 x 26,6 x 22,4 cm.

CONDIVIDI SU FACEBOOK
Miglior prezzo rilevato sul mercato il 23 gennaio 2017
Prodotti selezionati dalla nostra redazione
Come acquistare a metà prezzo
golden list - servizio gratuito per acquistare prodotti a metà prezzo
Per ottenere uno sconto superiore al 50% sul prezzo di listino, la nostra redazione ha sviluppato golden list, servizio gratuito e garantito.