Migliori Umidificatori

di

Il riscaldamento delle case, durante l’inverno, è necessario per far fronte al calo delle temperature. Ma, se da un lato fa bene, perché ci dà quella sensazione di benessere e di tepore, dall’altro può essere nocivo alla salute. In casa, infatti, non c’è ricambio d’aria, quando i caloriferi sono accesi, pertanto la stessa tende a seccarsi. L’umidificatore è la soluzione a questo problema! Infatti, grazie all’emissione di vapore acqueo, ristabilizza il tasso d’umidità nelle mura domestiche.

Caratteristiche

Come spesso si legge l’umidificatore è utile per prevenire malattie o disturbi polmonari. Ed i sintomi non trascurabili sono le irritazioni alle vie respiratorie, arrossamenti o raucedine. Non bisogna sottovalutare l’importanza della salubrità degli ambienti in cui viviamo! L’idea di umidificare gli ambienti può essere fatta risalire all’utilizzo di stufe e camini, poi, ai caloriferi, come metodo per riscaldare.

Avvalendosi di contenitori di coccio riempiti d’acqua, infatti, si rimedia alla progressiva saturazione dell’ossigeno, da parte dei gas emanati da queste fonti di calore ed alla conseguenze secchezza degli ambienti in cui queste sono ubicate. Lo sprigionamento di vapore preserva l’aria, garantendo la presenza di umidità.

Oltre ai metodi tradizionali, ben rappresentati dai diffusori per caloriferi, di qualsivoglia forma e colore, in cui si possono utilizzare anche essenze aromatiche, si affiancano moderni apparecchi, frutto della più avanzata tecnologia. Essi sono la soluzione ideale per chi vuole risolvere questo problema. Non è difficile usarli e non sono ingombranti. Necessitano di corrente elettrica per il funzionamento. E hanno funzioni automatiche come indicatore livello dell’acqua e lo spegnimento. Esteticamente alcuni di essi sono anche simpatici, perché molto spesso pensati per essere utilizzati nelle stanze dei bambini. In ogni modo, come qualsiasi elettrodomestico, possono diventare parte integrante del nostro arredamento!

Possono essere usati come valore di riferimento per la temperatura degli interni, i seguenti parametri: le stanze da letto tra i 15° e i 18°C; il soggiorno e lo studio tra i 18° e i 20°C; la cucina tra i 15° e i 17°C; bagno tra 20° e 22°C. Con gli umidificatori, tali valori possono essere mantenuti.

Come scegliere un umidificatore di buona qualità

L’offerta è moltissima. È opportuno, però, capire quali sono le reali necessità dell’acquisto. Anche in base alle caratteristiche della nostra abitazione. L’esigenza di umidificare le nostre abitazioni avviene nei mesi invernali. Durante questo periodo siamo molto spesso in casa, ed utilizziamo il riscaldamento. Chi è fortunato ha riscaldamento di tipo autonomo, può, quindi, predisporre l’accensione dei caloriferi. Stabilire in maniera indipendente, quando riscaldare la casa, rende più gestibile, anche, il problema dell’umidità e, pertanto, si riflette sull’acquisto di un umidificatore.

Altri invece, usufruiscono di riscaldamento con caldaia condominiale. Qui si fa dura! L’accensione è costante e programmata. Ha orari ben precisi e non si può regolarne l’intensità. Anche in una giornata d’inverno, non molto fredda, si è costretti (è il caso di dirlo!) a sottostare a temperature, che possono risultare fastidiose ed eccessive.

L’accensione avviene, solitamente, alcune ore al mattino. E poi sin dal primo pomeriggio, dello stesso giorno, fino a sera. Il nostro organismo può risentirne. L’umidificatore è la nostra “ancora di salvezza”. Il suo impiego è, infatti, in grado di ripristinare il livello di umidità degli ambienti in cui si soggiorna fino al 50%. Un’altra caratteristica da non sottovalutare è la possibilità di sceglierne alcuni con il sistema di purificazione dell’aria. Generalmente hanno un sistema a carboni attivi e ioni. È consigliabile negli ambienti in cui si fuma, o ci sono odori che rendono sgradevole, nonché a lungo andare dannoso, il respirare un’aria malsana.

Fattore importante è la presenza, in famiglia, di bambini o anziani, che sono facilmente soggetti a malattie dell’apparato respiratorio e a sindromi influenzali. In ogni caso le condizioni di temperatura dell’abitazione devono mantenere l’equilibrio fra la produzione e la perdita di calore del corpo, in modo da dare un senso di benessere termico tale da permettere la normale esplicazione delle attività fisiche.

Tra le tante proposte, credo che i più idonei all’utilizzo in casa siano gli umidificatori ad ultrasuoni. Voglio, infatti, sottolineare che l’aria secca non è l’unico nemico della nostra salute. Infatti, fumo, odori sgradevoli possono formare un mix nocivo da non sottovalutare. Questo tipo di umidificatori hanno una caratteristica molto importante. Purificano l’aria. Infatti, il movimento vibrante dell’apparecchio forma goccioline ionizzanti che aggrediscono le impurità. Tant’è vero che questo tipo è impiegato, soprattutto, nelle stanze dei bambini. Sono molte, infatti, le aziende che oltre a culle e giochi hanno realizzato vere e proprie linee di umidificatori ad ultrasuoni.

Se facciamo quindi due calcoli è davvero la soluzione migliore. Con una spesa abbiamo unica abbiamo un elettrodomestico che risolve il problema dell’umidificazione, ed in più fa sì che a qualità dell’aria sia anche migliore di quella fuori casa. Satura di gas di macchine e di fabbriche. Insomma l’aria buona è in montagna! Ma a questo punto noi possiamo averla “fai da te” nel nostro salotto.

Tra le tante curiosità che ho scoperto, c’è la possibilità di usare gli umidificatori come profumatori per ambiente. Infatti, spesso sugli scaffali dove sono esposti, ci sono piccole boccette contenenti aromi ed essenze profumate. È consigliabile usare queste, poiché, in effetti, altre soluzioni fatte in casa potrebbero danneggiare l’umidificatore. Altra curiosità, per i bimbi e non solo, la possibilità di usare degli unguenti all’eucalipto. Mescolando all’acqua alcune gocce durante la notte. Il vapore avrà un effetto ”balsamico” per le vie respiratorie, con azione decongestionante. Non ci volevo credere, invece, è vero! Solo che è in vendita per lo più nei negozi per bimbi.

Dove acquistare

Una volta presa la decisione. Bisogna comprare! Possiamo subito affermare che non è un elettrodomestico inaccessibile. Il prezzo più basso può essere intorno ai 50 euro. I centri commerciali sono i luoghi deputati per eccellenza all’acquisto di elettrodomestici. Tra i tanti modelli in bella mostra, c’è l’imbarazzo della scelta. Un grande rivenditore è anche consigliabile perché, magari, si può approfittare di promozioni o sconti particolari. In effetti, si può godere anche di un’assistenza tecnica migliore, garanzie di restituzione entro sette giorni dall’acquisto e così via…

Ma non sono gli unici luoghi dove trovarli! Possiamo acquistare un umidificatore anche in un negozio per articoli cosiddetti “casalinghi”. Queste attività, infatti, vendono piccoli elettrodomestici (come l’umidificatore). Qui troviamo poche marche, generalmente le migliori. Ma anche alcuni, per così dire, non “griffati”. È possibile così trovare dei prezzi accessibili a tutte le tasche. Altro luogo sono i negozi per bambini. Ma l’acquisto in tal caso è più in relazione ad un “lieto evento”, magari per allestire la cameretta di un nascituro o per regalarlo ad un battesimo. I costi comunque, pur trattandosi, di gadget per bimbi non sono esosi.

Per gli internauti, un’altra possibilità è quella di affidarsi all’e-commerce. E quindi scegliere su internet il proprio umidificatore. Questa soluzione la consiglio anche per chi vuole comprare qualcosa di originale. Navigando in rete si possono trovare umidificatori di forme stranissime, rane, orsetti. Oltretutto sono ormai moltissimi i portali che vendono elettrodomestici, anche di marca. Veri e propri centri commerciali online. Così si possono fare veri affari. Si gode anche in questo caso di tutti i diritti come, soddisfatti e rimborsati entro un “tot” di giorni dalla data di ricevimento della merce al proprio domicilio.

Migliori umidificatori in commercio

La nostra redazione ha selezionato i migliori umidificatori sul mercato per funzionalità, silenziosità e design. Leggi la recensione per conoscere le nostre opinioni su caratteristiche, prezzi e offerte dei migliori umidificatori in commercio.

De Longhi UH 800E

De Longhi UH 800E

De Longhi UH 800E si colloca in una fascia di prezzo medio-bassa, da un punto di vista puramente estetico è uno degli elettrodomestici che salta subito all’occhio per il suo design futuristico che consente di farne anche un elemento decorativo per la nostra casa.

Per quel che riguarda la struttura invece, questo umidificatore si caratterizza per la sua estrema leggerezza in quanto pesa appena 1,7 kg ed è quindi abbastanza facile da trasportare da una camera all’altra. Il serbatoio dell’acqua risulta poi molto ampio con una capacità massima di ben 6,1 litri. Inoltre se lo terremo al minimo potremo tenerlo in funzione anche per due notti consecutive senza dover aggiungere altra acqua e senza preoccuparci del consumo di energia.

Infatti il De Longhi UH 800E è impostato per avere il maggiore risparmio energetico grazie ad una potenza di 260 W che si rivela sufficiente per avere ottime prestazioni per una singola stanza. Il prodotto è quindi dotato di un piccolo display LCD con il quale potremo scegliere le impostazioni di umidità più adatte alle nostre esigenze specifiche.

In particolare si tratta di un umidificatore molto silenzioso, cosa decisamente importante visto che viene utilizzato prevalentemente di notte ed è quindi fondamentale non essere disturbati da ronzii o fastidiosi rumori. Nonostante non sia presente il funzionamento ad ultrasuoni non dovremo preoccuparci del vapore caldo poiché in genere non arriva a temperature particolarmente elevate.

Ciò che può apparire un po’ scomodo è soltanto la manutenzione dell’umidificatore perché il serbatoio è collocato in basso e per caricarlo dovremo abbassarci. Per quel che riguarda la sicurezza invece, il dispositivo è dotato di una funzione di spegnimento automatico che si aziona quando rimane vuoto il serbatoio.

In realtà questo umidificatore presenta dei piccoli svantaggi che però non intaccano la solidità del modello. Nello specifico avremo un cavo di alimentazione abbastanza corto che non permette di allontanarsi molto dal muro al quale attaccheremo la presa elettrica.

Altro piccolo neo sono i tasti del display che sono davvero piccoli ed è quindi più difficile impostare le funzioni per chi ha le mani più grandi. In verità la stessa forma allungata dà un’idea di scarsa stabilità ma osservando meglio la struttura ci si rende conto che i piedini di gomma posti al di sotto danno il giusto sostegno e consentono uno spostamento agevole.

In conclusione di può tranquillamente affermare che il De Longhi UH 800E è un piccolo elettrodomestico che svolge il suo lavoro in modo affidabile ed è perfetto soprattutto per coloro che vogliono umidificare stanze di piccole e medie dimensioni come le camerette dei bambini. Siamo quindi in presenza di un esemplare a buon mercato che nonostante alcuni trascurabili dettagli opera in maniera continua e a basso consumo.

Imetec Living Air HU-200

Imetec Living Air HU-200

Imetec Living Air HU-200 è un tipo di umidificatore abbastanza classico nella struttura e nelle sue funzioni ma da bravo prodotto di fascia bassa riesce comunque ad assicurare un resa più che soddisfacente. Una volta sfilato dalla scatola ci troveremo davanti ad un design semplice ma al tempo stesso bello e d’effetto. Disponile nei colori bianco e blu elettrico, la forma è quella di una mezza cupoletta di plastica che ricorda la metà di un guscio d’uovo rovesciato.

Non è un elettrodomestico ingombrante visto che le dimensioni non sono eccessivamente grandi. La base contiene un doppio serbatoio con sistema antiapertura che rimane isolato rispetto all’esterno ed ha una capacità di ben 4 l. Su un lato poi troveremo un’asta fissata ad un galleggiante nella tanica che ci servirà a monitorare il livello dell’acqua del serbatoio in maniera più pratica. Molto importante per la sicurezza è poi il sistema di bloccaggio che previene l’ipotetico sganciamento della base quando il cavo di alimentazione è inserito nella presa elettrica.

Nella parte anteriore dell’umidificatore troviamo invece una manopola che ci consente di poter impostare la quantità di vapore secondo le nostre necessità mentre nella zona posteriore abbiamo una luce al led blu che si accende quando il prodotto è acceso.

In verità alla prima accensione la prima cosa che si nota è l’assenza di un pulsante di accensione in quanto per accendere e spegnere basterà attaccare e staccare la spina. Molto buona è anche l’autonomia di impiego che si aggira intorno alle 12 ore se ci manteniamo alla minima potenza e la stessa vaporizzazione tra 4 e 8 g/min è di assoluta qualità per offrire un giusto livello di umidità in una camera di media grandezza.

Un’opzione molto interessante è anche quella che ci dà la possibilità di profumare l’aria dell’ambiente con delle essenze e fragranze naturali. Non a caso sulla sommità di questo modello troveremo una comoda vaschetta essenze nella quale inserire poche gocce di una qualsiasi fragranza.

Un punto a favore è quindi rappresentato dalla silenziosità dell’elettrodomestico che produce un lieve ronzio dell’acqua in fase di ebollizione che però non disturba più di tanto. Una delle poche mancanze di Imetec Living Air HU-200 è per lo più il fatto che non è provvisto di sistema di autospegnimento quando manca l’acqua e questo non depone certo a favore della sicurezza.

Del resto si tratta sempre di un umidificatore essenziale e meno costoso e di conseguenza qualche limite certamente lo incontreremo. Ad esempio lo stesso serbatoio non è facile da svuotare completamente e si corre il rischio di avere ristagni di acqua e calcare. Inoltre anche gli elettrodi non sono resistenti all’usura e una volta consumati andrebbero sostituiti a cadenza regolare.

Per finire è bene prestare attenzione ai consumi perché questo prodotto assorbe fino a 700 W ed è quindi meglio valutare se questo umidificatore fa davvero al caso nostro. Comunque al netto di questi minimi difetti Imetec Living Air HU-200 è il regalo ideale per chi vuole un dispositivo efficace ad un prezzo economico.

Chicco 5872

Chicco 5872

Chicco 5872 è un prodotto che si colloca a metà strada tra gli apparecchi di alta e quelli di fascia economica. Il design ad alcuni può apparire infantile, ovvero richiama la fantasia ed i colori che l’azienda impiega per realizzare passeggini, fasciatoi e altri elementi per bambini.

A prima vista risulta abbastanza curiosa la forma perché ha l’aspetto di una tozza piramide rovesciata bianca e azzurra con delle piccole nuvolette in rilievo. La struttura comunque si compone di materiali plastici di media qualità che riescono comunque a conferire un’idea di robustezza e solidità.

Per quanto riguarda invece la grandezza ed il peso, questo modello si pone nella media in quanto è abbastanza compatto, facile da spostare e non occupa molto spazio. La stabilità poi è di medio-basso livello poiché il design insolito non convince del tutto.

Ad ogni modo questo umidificatore è di semplice utilizzo ma è bene comunque porre particolare attenzione alle specifiche tecniche. Per prima cosa avremo una potenza di 200 W che sembrano davvero pochi ma permettono al tempo stesso un consumo energetico abbastanza ridotto. Naturalmente scarsa potenza fa rima con poca autonomia ed è per questo motivo che il Chicco 5872 è meno competitivo rispetto ai diretti concorrenti.

Abbiamo quindi un’autonomia complessiva di circa 8 ore (una notte intera) che sono molte meno rispetto ad altri modelli simili che consentono 24 ore di lavoro continuo. Un aspetto positivo è però il fatto di poter inserire delle essenze profumate nell’apposita vaschetta per allietare la nostra casa con piacevoli note aromatiche. Molto utile è poi il sistema di spegnimento automatico che garantisce la massima sicurezza in caso di mancanza di acqua.

All’atto pratico comunque è evidente che questo umidificatore si accende subito e comincia a vaporizzare in modo rapido innalzando anche la temperatura dell’ambiente nel quale è collocato. La stessa manutenzione risulta estremamente semplice ed è consigliabile utilizzare dell’acqua distillata per evitare i fastidiosi residui di calcare.

Insomma è chiaro che il Chicco 5872 è facile da utilizzare ed è per questo il prodotto ideale per chi ha poca dimestichezza con questo genere di apparecchi elettronici. Data la potenza limitata è preferibile metterlo in camere di piccole dimensioni nelle quali svolgerà un lavoro preciso e puntuale nonostante qualche watt in meno.

Ad un prezzo contenuto si avrà dunque l’opportunità di portare a casa un umidificatore piccolo, essenziale e soprattutto silenzioso. In realtà proprio l’aspetto esteriore così tipicamente ‘Chicco’ lo rende perfetto per le camerette dei più piccoli nelle quali potrà mimetizzarsi come elemento decorativo non invasivo. Sarà così adatto per le esigenze dei bambini che sempre più spesso soffrono di asma e tosse allergica.

Philips HU4801/01

Philips HU4801_01

Philips HU4801/01 è un modello che possiamo annoverare tra i prodotti di media-alta fascia. Una volta aperto la scatola dell’imballaggio ci troveremo di fronte ad un piccolo apparecchio a forma di cilindro bianco che ha un diametro di 24 cm ed un’altezza di 33 cm.

L’umidificatore funziona ad evaporazione, ovvero la ventola assorbe l’aria dall’ambiente circostante e la spinge all’interno del filtro immerso nell’acqua presente all’interno del serbatoio. L’obiettivo è quello di trattenere ed eliminare peli, pulviscono, polveri e altri residui sparsi nell’aria umidificando al contempo. Lo stesso calcare e batteri dell’acqua non vengono dispersi per via aerea ma rimangono intrappolati. Il serbatoio ha comunque una capacità di 2 l ed è fornito di una piccola finestrella a oblò che ci consente di controllare il livello dell’acqua anche quando il prodotto è acceso.

L’aspetto esteriore risulta allegro e moderno grazie alla linee arrotondate e alla zona superiore di colore bianco e azzurro. Il rivestimento esterno è fatto plastica lucida il cui spessore conferisce comunque una buona sensazione di solidità. La parte superiore, dove abbiamo il motore e la ventola di aerazione, si divide dal serbatoio nella zona sottostante sollevandola ed al suo interno abbiamo una capiente tanica corredata da filtro.

Nella parte superiore del Philips HU4801/01 è stata posto un tasto di controllo sul quale sono indicate le opzioni Acceso/Spento, Ventilazione minima e Ventilazione massima. Uno degli indubbi vantaggi di questo dispositivo, rispetto a quelli a ultrasuoni o a ebollizione, è il grado di consumo elettrico. Infatti il motore utilizza soltanto 14 W per alimentare la ventola ed è sicuramente meno di quanto non farebbe un qualsiasi altro umidificatore.

Di conseguenza l’autonomia non potrà essere molto prolungata ma in ogni caso avremo assicurate almeno 8 ore, quanto basta per una nottata intera. Ad ogni modo questo modello è predisposto per funzionare adeguatamente solo nelle camere di dimensioni ridotte che hanno una metratura di massimo 25 metri quadrati. È comunque dotato anche di una ottima silenziosità in quanto non supera quasi mai i 26 decibel che sono impercettibili di giorno e appena udibili nel corso della notte.

Dalle stesse manopole presenti nella parte superiore si evince che l’esemplare non è fornito di specifiche funzioni tipiche di altri modelli come igrometro e timer di accensione/spegnimento. Non manca però la funzione di autospegnimento che scatta nel momento in cui il livello di acqua nel serbatoio scende troppo. A proposito della manutenzione poi, quest’ultima è abbastanza semplice e non richiede sforzi particolari.

L’azienda produttrice consiglia di effettuare un lavaggio del serbatoio una volta alla settimana con detersivo delicato e acqua per evitare il formarsi di calcare, odori indesiderati e muffe. L’operazione è quindi molto facile anche grazie alla forma a cilindro della tanica che in fondo è leggera da sollevare. Anche il filtro necessita di una accurata pulizia che potrà essere svolta lasciandolo immerso in acqua e asciugandolo prima di rimetterlo al suo posto.

È importante sapere che però questo filtro non è permanente, ovvero andrà sostituito dopo un certo periodo di tempo e per averlo basterà acquistarlo online. Insomma il Philips HU4801/01 si rivela la scelta opportuna per tutti quelli che hanno bisogno di umidificare piccoli ambienti come salotti e camere da letto.

Brevi ClimaRelax 2.0

Brevi ClimaRelax 2

Brevi ClimaRelax 2.0 è un umidificatore a ultrasuoni che possiamo inserire in una fascia di prezzo medio-alta. Si presenta subito con uno splendido design moderno dalle linee eleganti che cercano di evocare la forma di una goccia d’acqua.

Il serbatoio in plastica bianca e argento ha una capienza di 3,5 litri ed è totalmente trasparente per avere un facile controllo del livello dell’acqua. Le stesse componenti in plastica sono state arricchite con particelle d’argento che servono proprio ad impedire il proliferare di batteri nocivi. Il filtro dell’acqua contiene delle piccole sfere di ceramica ed è indispensabile per eliminare il calcio e magnesio dell’acqua che finiscono poi nell’aria come polvere bianca.

Nella parte anteriore di questo modello troviamo quindi un display a LED dotato di una serie di pulsanti per impostare il livello di intensità del vapore che preferiamo o la funzione di ionizzazione del vapore. In aggiunta l’igrometro integrato dà la possibilità di scegliere anche la percentuale di umidità che desideriamo da un valore massimo del 90% ad uno minimo del 45%. Molto utile è il timer che permette di selezionare ben 5 intervalli di attivazione differenti. Infatti terminato ogni intervallo l’umidificatore entra in stand-by e continuerà a segnalare solo l’umidità e la temperatura della stanza.

In dotazione nella confezione avremo anche un piccolo telecomando a batterie con una portata di 3 metri grazie al quale potremo azionare il prodotto a distanza. A proposito della sicurezza invece, abbiamo un sistema apposito che spegne automaticamente l’apparecchio quando il livello dell’acqua è ormai insufficiente. Il rumore che si avverte poi durante l’accensione è davvero minimo e raggiunge al massimo i 35 decibel. Inoltre durante il funzionamento si accende una piccola luce blu dentro il serbatoio che può essere molto utile nel corso della notte.

L’unica vera pecca del Brevi ClimaRelax 2,0 è soltanto la manutenzione che per lo più risulta abbastanza complicata. L’azienda raccomanda infatti un’accurata pulizia per eliminare il calcare almeno una volta alla settimana ma l’operazione si rivela piuttosto lunga. Dovremo quindi mettere il filtro in acqua e sale per 24 ore mentre la base ed il trasduttore devono essere riempiti di aceto e lascati così per una notte. Successivamente l’aceto deve essere rimosso con un panno e per rimuovere tutti i residui dovremo eseguire due cicli di risciacquo con acqua da versare e assorbire.

Ovviamente una manutenzione che richiede almeno un giorno non ci consente di umidificare per una giornata intera. Al di là di questo piccolo inconveniente il Brevi ClimaRelax 2.0 è un modello di eccellenza che si caratterizza per essere igienico, silenzioso e programmabile in tutte le sue funzionalità. In poche parole è idoneo per umidificare le stanze di bambini e anziani che più di altre persone hanno bisogno di aria fresca e purificata.

CONDIVIDI SU FACEBOOK
Miglior prezzo rilevato sul mercato il 26 febbraio 2017
Prodotti selezionati dalla nostra redazione
Come acquistare a metà prezzo
golden list - servizio gratuito per acquistare prodotti a metà prezzo
Per ottenere uno sconto superiore al 50% sul prezzo di listino, la nostra redazione ha sviluppato golden list, servizio gratuito e garantito.