in

Migliori caffettiere moka

Le migliori caffettiere moka selezionate per qualità dei materiali, capacità del serbatoio, marca e prezzo

miglior caffettiera moka

Alessi 9090

Recensione

Bialetti Brikka

Recensione

Ilsa Napoletana Acciaio

Recensione

Giannini La Giannina 101

Recensione

Guzzini Zazà

Recensione

 

Come scegliere una caffettiera Moka

Diffusa ormai in tantissimi paesi del mondo, la caffettiera moka è disponibile in una grande varietà di versioni: la più classica, realizzata solitamente in acciaio inox o alluminio, è composta da tre pezzi.

La base, di forma tronco-conica, è un recipiente destinato al contenimento dell’acqua; nella parte più stretta viene inserito il filtro dove viene collocata la miscela di caffè macinato.

La terza sezione è costituita dalla parte superiore: si tratta di un tronco di cono rovesciato munito di un coperchio e di un fusto interno lungo e sottile, nel quale il caffè sale lentamente per poi fuoriuscire. Una apposita guarnizione in gomma posta nel punto di unione fra le tre parti evita che il caffè e l’acqua si riversino all’esterno durante la preparazione.

La caffettiera moka è lo strumento più diffuso per la preparazione domestica della bevanda più apprezzata dagli italiani: disponibile in varie forme e misure a seconda del numero di tazze, garantisce un caffè dal gusto decisamente differente rispetto a quello prodotto dalle macchine a cialde. Deve essere realizzata con materiali di elevata qualità per garantire un utilizzo sicuro ed ottenere un caffè fragrante e corposo. A tal proposito, la caffettiera moka può essere realizzata interamente in metallo o accostare parti in materiali differenti.

In commercio, infatti, oltre alla classica caffettiera in acciaio inox o alluminio esistono prodotti con la base e il filtro in metallo e il serbatoio in ceramica o vetro trasparente; il manico è generalmente in materiale plastico e, in molti modelli, può essere sostituito ( esattamente come il filtro e la guarnizione) in caso di danneggiamento o rottura.

Prima di acquistare un modello occorre verificare se esso ottempera alle più importanti normative di sicurezza e se sia adatto al proprio piano di cottura: esistono infatti caffettiere che, per i materiali di cui sono composte e per le loro peculiarità strutturali, sono appositamente studiate per i piani cottura a induzione, mentre altre possono essere utilizzate solo sul tradizionale fornello a gas.

Una buona caffettiera moka, inoltre, offre la possibilità di eseguire agevolmente le normali operazioni di apertura e di chiusura senza bloccarsi o richiedere uno sforzo eccessivo. un prodotto di qualità, infine, anche i dettagli in apparenza insignificanti possono fare una grande differenza: il beccuccio deve essere ben strutturato in modo tale da impedire al caffè di traboccare, mentre il manico deve essere solido ed ergonomico per garantire una presa sicura.

Un criterio di valutazione molto importante concerne il rapporto qualità-prezzo, che varia sensibilmente a seconda della qualità dei materiali e delle prestazioni offerte dal prodotto: una differenza sostanziale nella valutazione del giusto prezzo riguarda, in particolare, la differenza tra caffettiere tradizionali e caffettiere elettriche. Oltre alla tradizionale moka manuale, il mercato offre infatti un’ampia scelta di modelli elettrici, alcuni dei quali possiedono comandi digitali ed un timer per l’accensione automatica. Molti consumatori scelgono le macchine per caffè americano, preferendo questa bevanda “lunga” alla tradizionale tazzina di caffè che si può ottenere con una buona moka.

Elettrodomestici simili