Migliori Caminetti a Bioetanolo

di Andrea Pilotti 29 Gennaio 2019

Classifica, Recensioni e Offerte dei Migliori Caminetti a Bioetanolo sul mercato, selezionati dalla nostra redazione per tipologia di installazione, potenza termica, autonomia, design, sicurezza, rapporto qualità prezzo e marca.


Classifica e Recensioni dei Migliori Caminetti a Bioetanolo

Il migliore

Tomasucci White Kokka è il caminetto a bioetanolo che riteniamo migliore tra i modelli presi in considerazione per realizzare questa guida all’acquisto.

Ciò che abbiamo maggiormente apprezzato è la cura nei dettagli per creare un oggetto dal design ricercato in grado di aggiungere un tocco di originalità, calore ed eleganza nell’ambiente in cui viene installato.

La struttura è abbastanza complessa con una combinazione di più forme geometriche progettata per offrire un aspetto che, di certo, non passerà inosservato nemmeno a fiamma spenta.

La parte in appoggio da fissare alla parete è uno schienale in acciaio inossidabile, con dimensioni di 50 x 50 centimetri e uno spessore di soli 2,5 centimetri. Completano il caminetto altri due elementi, di cui uno verticale che dà slancio alla struttura e l’altro orizzontale che contiene il bruciatore con serbatoio in acciaio inox da 1 litro.

A protezione della fiamma è stato inserito un vetro temperato che sembra solo appoggiato, donando un senso di leggerezza a tutto l’oggetto. In definitiva le dimensioni totali sono un’altezza di 75 centimetri, larghezza di 65 centimetri e una profondità di 22 centimetri.

L’installazione a parete è molto semplice dovendo appendere il prodotto come fosse un quadro e senza la necessità di doverlo incassare. Altra caratteristica è la presenza di lana di roccia all’interno del bruciatore per rendere la fiamma più intensa e duratura.

Tomasucci White Kokka è un caminetto a bioetanolo che offre materiali di qualità, solidità e resistenza nel tempo, facilità d’installazione e di eventuali spostamenti: il tutto senza manutenzione, cattivi odori e fumi sparsi per casa.

Da parete

Stones FP 014 l’Astra è un caminetto a bioetanolo con un design minimal che bene si inserisce in ambienti moderni e in quelle situazioni dove si predilige un arredamento essenziale.

La struttura è molto semplice con una base in metallo con verniciatura di colore nero che funge da schienale e un vetro temperato anteriore. Il tutto è separato dal bruciatore in acciaio inox e unito da tiranti, sempre in acciaio, con lavorazione a specchio.

Il modello analizzato in questa recensione offre un notevole colpo d’occhio con un ricercato contrasto cromatico tra i vari materiali e l’aggiunta di colore dovuta alla fiamma ardente.

Le dimensioni massime sono 60 x 40 x 22 centimetri con un peso netto di 11 chilogrammi. Prodotto che si installa con estrema facilità e in qualsiasi zona della casa. Il bruciatore a doppio strato ha un serbatoio da 1,5 litri che assicura un’autonomia massima di 3 ore.

Stones FP 014 l’Astra rappresenta, per la nostra opinione, un connubio ideale tra eleganza, semplicità e funzionalità. Un caminetto che abbiamo deciso di inserire sul podio della classifica anche alla luce di un prezzo d’acquisto molto competitivo.

Da incasso

Flig Boston 2 offre la possibilità di scegliere un’installazione a parete oppure ad incasso.

Nel primo caso si deve procedere ad un fissaggio tramite semplici tasselli, mentre nel secondo è necessario avere un’apposita nicchia.

La soluzione ad incasso è quella maggiormente complicata e richiede, il più delle volte, un intervento invasivo per ricavare lo spazio all’interno della parete; tuttavia offre un risultato estetico decisamente migliore riducendo al minimo lo spessore, con il caminetto che appare quasi a filo muro.

L’utente può decidere in base alle proprie esigenze ma in ogni caso potrà godere di un design moderno, che rende questo modello adatto a qualsiasi tipo di ambiente.

La struttura è realizzata con una lamiera in acciaio di colore nero e con una porzione di vetro temperato che protegge dal contatto diretto con la fiamma. Il bruciatore è in acciaio inossidabile con una capacità di 1,2 litri in grado di assicurare una buona autonomia.

Flig Boston 2, oggetto di questa recensione, è un caminetto dal soddisfacente rapporto qualità prezzo. Ciò che più convince è la solidità, qualità dei materiali, attenta manifattura e cura nei dettagli: caratteristiche che lo rendono un prodotto meritevole di una delle prime posizioni della classifica.

Il più venduto

Teporus A180 3,5 KW è un caminetto a bioetanolo con un aspetto estetico di assoluto impatto grazie ad un design che rappresenta una via di mezzo tra stile moderno e antico.

Il prodotto è realizzato con una cornice esterna in legno e con la possibilità di scegliere tra una finitura di colore bianco o marroneL’installazione è molto semplice e basta posizionare il prodotto nel punto desiderato appoggiandolo a terra e contro la parete.

Al centro è stato inserito il focolare con una struttura in acciaio verniciato a polvere e una finestra panoramica in vetro temperato. Basta accendere la fiamma per avere l’immediata sensazione che solo un vero camino riesce a regalare. Senza la necessità di una canna fumaria e in maniera assolutamente ecologica, si può creare un’atmosfera suggestiva ed accogliente in pochissimi minuti.

Le principali caratteristiche di questo modello sono un bruciatore a serranda per la regolazione e lo spegnimento della fiamma, una potenza termica di 3,5 kW, un peso complessivo di 30,5 chilogrammi e dimensioni d’ingombro pari a 80,5 x 28,5 x 75 (h) centimetri. Dati tecnici che permettono di utilizzare il prodotto anche in locali di medie e gradi dimensioni fino a 50 metri quadri.

Teporus A180 3,5 KW è un caminetto a bioetanolo che abbiamo deciso di inserire in una buona posizione della nostra classifica. È un prodotto che, a fronte di un prezzo d’acquisto abbastanza contenuto, riesce ad offrire un piacevole effetto estetico con materiali di apprezzabile qualità e soddisfacente funzionalità.

Il più economico

Qlima FFB4242 è un caminetto a bioetanolo che rientra nella categoria da appoggio. La sua migliore qualità è la facilità con cui si può inserire in qualsiasi contesto sia dallo stile moderno che classico.

L’articolo di questa recensione colpisce da subito per l’originalità delle forme e un design ricercato grazie alle finiture in acciaio satinato di colore nero. Le dimensioni compatte di 42 x 42 centimetri, una profondità di 23 centimetri ed un peso di soli 7 chilogrammi consentono di poterlo spostare con comodità e di posizionarlo ovunque si voglia creare un’atmosfera più accogliente.

Grazie alla presenza di un serbatoio da 0,5 litri si ottiene una fiamma prolungata con un’autonomia di poco superiore alle 2 ore. Altre caratteristiche da sottolineare sono una potenza termica totale sviluppata di 1,26 kW, sistema che facilita l’inserimento del bioetanolo nel serbatoio, doppio bruciatore di sicurezza, protezione dalla possibile fuoriuscita del combustibile e spegnifiamma in dotazione.

Qlima FFB4242 è il modello più economico tra i prodotti che abbiamo selezionato ma, secondo la nostra opinione, offre qualità interessanti per renderlo un oggetto utile e nello stesso tempo un valido complemento d’arredo.

Di arredo

Maisonfire Smoky Bio è un prodotto che abbiamo deciso di inserire in questa guida all’acquisto vista la sua originalità. Più che un caminetto a bioetanolo è un vero e proprio complemento di arredo, in grado di creare una calda atmosfera all’interno della casa.

L’oggetto proposto in questa recensione appare come una scatola in acciaio realizzata con un’attenta cura nei dettagli e un’adeguata solidità.

Le dimensioni sono piuttosto compatte con un massimo ingombro di 50,6 x 25,6 centimetri e un’altezza di circa 10 centimetri. Il peso complessivo è di 11 chilogrammi a dimostrazione della robustezza garantita.

Viene venduto con un’unica finitura che prevede la cornice esterna al bruciatore verniciata di colore nero. All‘interno è inserito un serbatoio con la capacità di 2 litri che permette di ottenere una fiamma della durata di circa 6 ore.

Maisonfire Smoky Bio è, secondo la nostra opinione, una buona scelta d’acquisto per chi desidera un bruciatore portatile dal design ricercato che assicura una notevole versatilità d’uso e una lunga autonomia. Oggetto che si può posizionare in centro ad una tavola per renderla più originale, per creare luce in un angolo della casa oppure anche all’esterno per una suggestiva serata estiva passata tra amici.

Offerte caminetti a bioetanolo

A parete

A pavimento

Da tavolo

A incasso

Come scegliere un caminetto a bioetanolo

Il Bioetanolo

Cosa c’è di meglio che passare una fredda sera d’inverno davanti al fuoco di un bel camino? In città, ma soprattutto in montagna, il caminetto oltre a riscaldare crea una bellissima sensazione di tepore e relax.

Il soggiorno è chiaramente lo spazio più indicato per installarne uno, ma spesso i grossi lavori che richiede questo intervento portano a lasciar perdere la realizzazione del progetto.

In particolare, il posizionamento della canna fumaria richiede delle complicate operazioni di muratura. La canna fumaria è un elemento essenziale nel camino, poiché serve a convogliare all’esterno dell’abitazione i fumi prodotti dalla legna o dal pellet.

Tuttavia, non è necessaria se il combustibile usato è il bioetanolo. Questo elemento è naturale al 100%, poiché proviene dalla fermentazione di barbabietola da zucchero e patate.

In seguito alla combustione si ottengono anidride carbonica e acqua. Tali elementi fanno parte anche degli “scarti” prodotti dalla nostra respirazione, e per eliminarli dai locali di abitazione è sufficiente una semplice presa d’aria.

Oltre ad evitare lunghi e costosi lavori per l’installazione della canna fumaria, il caminetto al bioetanolo permette una manutenzione molto ridotta, perché la combustione non produce ceneri, ma soprattutto l’accensione è molto più facile da realizzare.

Inoltre, non bisogna sottovalutare l’aspetto della comodità nello stoccaggio di combustibile: infatti, viene venduto in pratiche taniche da 5 o 10 litri, ma anche in bottiglie meno ingombranti da 1 litro.

Non mancano però delle voci negative sul bioetanolo: in alcuni casi viene posta l’attenzione sui controlli effettuati, che non garantirebbero una sicurezza al 100%.

Potrebbe accadere che durante la combustione vengano liberate delle sostanze dannose per la salute, e che richiederebbero quindi l’installazione della canna fumaria per una corretta areazione.

Altri invece ne fanno una questione di prezzo: il costo di questo combustibile infatti è molto più alto rispetto agli equivalenti più “tradizionali”.

Non è possibile tuttavia muovere commenti negativi al valore del caminetto in bioetanolo quale oggetto di arredo: l’eleganza e l’ordine che viene garantito da una più facile manutenzione, fanno si che anche i più appassionati del caminetto riescano a tenere pulita e sistemata la zona del camino senza troppi sforzi, abbellendo l’ambiente.

Caminetto a bioetanolo: come funziona

Passiamo ora a vedere come funziona questo caminetto. Il bioetanolo viene inizialmente inserito in un serbatoio, che lo trasforma in vapore.

Sotto questa forma il combustibile arriva in un’apposita zona, detta bruciatore, che di solito è costruita in acciaio inossidabile. Questo meccanismo si ripete in maniera identica per tutti i modelli a bioetanolo.

L’ambiente si riscalda molto velocemente, non essendoci l’aspirazione della canna fumaria che disperderebbe parte del calore.

In una sala molto piccola, in meno di un’ora si riesce già ad avere un notevole tepore. La sicurezza nel funzionamento si deve all’installazione di rilevatori di anidride carbonica.

Per quanto riguarda l’aspetto estetico, si può contare su un’ampia scelta di stili: esistono infatti modelli più tradizionali, ma anche estetiche che si confanno maggiormente agli ambienti dal design moderno, puliti ed essenziali.

Non è superfluo far notare che l’installazione di questo caminetto è talmente facile da non richiedere necessariamente l’intervento di un tecnico: chi è pratico del fai da te riuscirà ad installarlo facilmente in meno di mezz’ora.

Quel che davvero fa la differenza in un caminetto del genere è l’utilizzo del combustibile: possiamo infatti trovare bioetanolo sottoposto a vari gradi di controlli, ed è facile intuire che i migliori sono quelli più puri, ma anche più costosi.

Nei modelli più tecnologici possiamo anche trovare dei dispositivi per l’accensione automatica o eventualmente degli strumenti di controllo sull’emissione di monossido di carbonio.

[Voti: 506    Media Voto: 4.9/5]
Elettrodomestici che potrebbero interessarti
Come acquistare a metà prezzo

Per ottenere uno sconto superiore al 50% sul prezzo di listino, la nostra redazione ha sviluppato golden list, un servizio gratuito che ti informa quando i prodotti sono a metà prezzo. Guarda un esempio

GUIDA ACQUISTI
Guida all'acquisto degli Elettrodomestici
Dal 2007 Guida Acquisti è la rivista consumatori indipendente che ti aiuta scegliere gli elettrodomestici, attraverso classifiche,recensioni e offerte dei migliori prodotti sul mercato.