Come scegliere un mobile coprilavatrice

In commercio esistono mobili coprilavatrice da interno o esterno, slim o con lavabo/lavatoio, di design o mimimalisti. Leggi la mia guida per scegliere il modello più indicato per le tue esigenze domestiche.

Mobile coprilavatrice interno esterno con lavatoio

Un mobile coprilavatrice è un complemento d’arredo che non serve solo per migliorare l’estetica degli ambienti domestici, ma permette di sfruttare al meglio lo spazio e prolungare il ciclo di vita dell’elettrodomestico.

Spesso integrare la lavatrice o l’asciugatrice in casa si rivela complicato perché non tutti hanno la fortuna di avere una stanza adibita a lavanderia o una veranda esterna. L’acquisto di un mobile coprilavatrice consente di nascondere l’elettrodomestico anche in punti critici, come ad esempio nel sottoscala, in garage o sul balcone.

Altre volte, invece, si tende a trascurare l’arredo bagno e a non considerare l’acquisto di un mobile coprilavatrice che favorisce una progettazione più funzionale e ordinata. Infatti, proprio in base al colore e alle finiture, il mobile per coprire la lavatrice aggiungerà una connotazione più moderna ed elegante alla stanza.

In commercio esistono mobili coprilavatrice che differiscono per materiale, struttura e stile, indicati per interno o esterno, da scegliere in base al proprio gusto e alle specifiche esigenze, ma anche alla metratura di cui si dispone.

Tipologie di mobili coprilavatrice

L’offerta dei mobili coprilavatrice presente in commercio comincia dai modelli con un design essenziale a giorno e che si possono facilmente fissare al muro grazie ai supporti che spesso completano la dotazione. In alternativa si trovano mobili che nascondono completamente la lavatrice, quindi provvisti di ante a battente o di serranda scorrevole per un minor ingombro.

Chi non ha problemi di spazio potrà concentrare la scelta sui mobili coprilavatrice dotati di vano laterale, molto utile per riporre e organizzare i detersivi. Questa tipologia di mobili integra in genere anche il lavatoio nella parte superiore, in modo da eseguire in una sola postazione tutte le operazioni legate alla cura del bucato.

Esistono anche mobili coprilavatrice con una struttura simile a quella di un armadio che offrono uno spazio aggiuntivo in bagno. Questi complementi che si sviluppano in altezza presentano ripiani e/o un pensile in cui riporre i prodotti per la pulizia, così da averli sempre a portata di mano.

Infine si segnalano i mobili a colonna, a giorno o con le ante, per impilare lavatrice e l’asciugatrice in modo da ottimizzare al meglio la zona bagno. Solitamente fra i due vani è presente un piano estraibile per scaricare comodamente i capi, mentre sul retro i due elettrodomestici vengono fissati tramite un morsetto regolabile per una maggiore stabilità.

La disposizione in verticale della lavatrice e dell’asciugatrice si adatta in diversi contesti, ristretti o ampi, e può essere ulteriormente affiancata alle colonne con cesto portabiancheria, ai piani di lavoro oppure a cassettiere e scarpiere, per allestire così una lavanderia comoda e ben organizzata con tutto l’occorrente.

Mobili coprilavatrice da interno

I coprilavatrice da interno sono realizzati con materiali differenti, come ad esempio il legno e la resina, e in alcuni casi presentano pannelli di legno nobilitato idrofugo che resistono bene all’umidità. Quando il legno truciolare non è rivestito con materiale sintetico, come la carta melamminica, rischia di gonfiarsi con il passare del tempo e quindi di danneggiarsi irrimediabilmente.

Mobili coprilavatrice da esterno

Occorre considerare che le schede e i circuiti delle lavatrici non vantano sistemi di protezione contro gli agenti climatici e la struttura stessa dell’elettrodomestico è concepita per essere collocata in spazi interni. Questo vuol dire che progettare una lavanderia sul terrazzo o in balcone implica necessariamente l’acquisto di un mobile a prova di intemperie.

Il complemento da posizionare all’esterno, pertanto, dovrà essere maggiormente resistente rispetto a quello per interno. I modelli realizzati in alluminio o acciaio inox rappresentano valide scelte per chi cerca durevolezza nel tempo e bassa manutenzione. Altrimenti si possono acquistare i mobili in PVC, anche essi molto semplici da pulire e appositamente studiati per resistere alla polvere, pioggia e vento.

Colori, finiture e design

Molte aziende del settore realizzano mobili per lavatrice che coniugano praticità e design per fare in modo che la lavatrice venga nascosta in modo gradevole e funzionale, senza diventare un elemento di disturbo. Oltre ai classici mobili bianchi, non mancano modelli proposti con svariate finiture opache o lucide e tonalità, proprio per consentire un’ampia personalizzazione.

Alcuni coprilavatrice sono particolarmente curati e presentano gradevoli dettagli come maniglie cromate, piedini regolabili o ante con chiusura rallentata. La scelta, in questo caso, dipende non solo dal proprio gusto personale, ma anche dall’arredo già presente nell’ambiente.