Consigli per usare correttamente il forno a legna

Una serie di consigli e trucchi per utilizzare al meglio il forno a legna che ti consentiranno di ridurne i consumi e aumentarne la durata nel tempo.

Preriscalda il forno

Per ottenere risultati soddisfacenti e dare al cibo un profumo invitante, è necessario seguire alcune accortezze. Al primo utilizzo è opportuno riscaldare il forno lentamente fino ad una temperatura di circa 170 °C per poi lasciarlo raffreddare. Successivamente si deve ripetere l’operazione per altre due volte, portando però la temperatura fino a 280 °C.

Il motivo di questa procedura è la presenza dell’isolante termico e di residui della lavorazione che potrebbero sprigionare, solo inizialmente, cattivi odori. Per ottenere cotture omogenee la temperatura interna deve raggiungere i 260/280 °C e consiglio di attendere circa un’ora prima di infornare.

Manutenzione della canna fumaria

La canna fumaria dev’essere controllata e pulita con regolarità, per evitare problemi di tiraggio che andrebbero ad influire sul buon funzionamento del forno.

La presenza di fuliggine sul cibo, difficoltà a raggiungere la temperatura ed eccessiva formazione di fumo, sono tutti indizi di una canna fumaria parzialmente ostruita. Basterà rimuovere i depositi di fuliggine impiegando una specifica spazzola e avendo cura di avvolgerla con un panno umido per evitare la dispersione di residui nell’ambiente circostante.

Puliscilo bene

Come ogni altro elettrodomestico impiegato per la cottura del cibo, anche il forno a legna necessita di manutenzione e in particolare di un’accurata pulizia. Ciò consente di mantenere un efficiente funzionamento e, soprattutto, evitare che le pietanze possano assorbire cattivi odori. Il più delle volte se sforniamo del pane o una pizza con aspetto e sapore poco invitanti, la colpa è da attribuire ad una pulizia trascurata o mal eseguita.

Il primo step è rimuovere la cenere prodotta dalla combustione della legna. Un’operazione semplice da eseguire utilizzando un’apposita paletta, ma facendo attenzione a non scavare troppo poiché si potrebbe rovinare la superficie del forno. Qualora sul piano di cottura fossero presenti residui di cibo, si possono eliminare a piastra ancora tiepida impiegando un panno imbevuto di acqua e aceto. Per qualsiasi pulizia all’interno della cavità è bene evitare l’uso di detersivi o altre sostanze chimiche.

Controlla la cupola del forno

Quest’operazione riguarda solo chi possiede forni a legna di vecchia concezione con volta realizzata in materiale refrattario. Non è raro che col passare del tempo emergano crepe in cui la fuliggine si deposita facilmente. I problemi maggiori insorgono quando le fessure raggiungono considerevoli dimensioni e i suddetti depositi potrebbero incendiarsi ad alte temperature.

Fortunatamente la tecnologia ha fatto enormi progressi anche in questo settore e oggi la maggior parte dei forni a legna sono realizzati con cupola in acciaio. Un materiale praticamente indistruttibile, immune alla formazione di crepe, con minor dispersione di calore e anche più facile da pulire.

Ti consiglio di leggere la mia classifica dei migliori forni a legna