Come usare bene la lavatrice?

Una serie di consigli e trucchi per utilizzare al meglio la lavatrice che ti consentiranno di ridurne i consumi e aumentarne la durata nel tempo.

Come limitare il consumo di corrente

La maggior parte dei costruttori cerca di offrire lavatrici con elevate classi di efficienza energetica e intelligenza artificiale sempre più sofisticata in grado di sfruttare numerosi sensori per automatizzare i parametri di funzionamento e ridurre i consumi. Ciò nonostante puoi comunque adottare una serie di accortezze che ti faranno risparmiare qualche soldo in bolletta.

In tal senso cerca di utilizzare quanto più possibile il programma ECO o comunque cicli a basse temperature. Non sovraccaricare la lavatrice e riempi il cestello ad un massimo del 60/70% della sua massima capacità.

Meglio fare due cicli anziché uno solo a pieno carico ottenendo risultati insoddisfacenti. Non commettere l’errore opposto ovvero caricare con pochissimi indumenti e far lavorare a vuoto la lavatrice, sarebbe un inutile spreco di acqua ed elettricità. Sfrutta la funzione della partenza ritardata per avviare la macchina durante la notte o in fasce orarie con tariffe energetiche più convenienti.

Dividi correttamente i capi

Buttare ogni tipo di tessuto all’interno del cestello è il metodo migliore per combinare veri e propri disastri. La suddivisione non riguarda solo capi bianchi e colorati, ma deve tener conto del tipo di fibra e livello di sporco.

Tessuti diversi richiedono anche differenti temperature e tempistiche, quindi più la suddivisione è precisa e migliori saranno i risultati finali. Per facilitare l’operazione utilizza sacchi per la raccolta della biancheria e osserva sempre le etichette per capire quali indumenti si possono raggruppare. Altro consiglio è lavare insiemi capi del medesimo peso, in modo da evitare che il tessuto più leggero venga rovinato. Per esempio meglio non inserire nello stesso carico un cappotto con delle camicie.

Leggi sempre le istruzioni

Troppo spesso per pigrizia o perché credi non ci sia nulla di rilevante da conoscere, il manuale allegato viene sfogliato velocemente. In realtà è sempre una buona idea dare un’attenta lettura, in particolare alla sezione relativa ai cicli di lavaggio e opzioni aggiuntive.

Solo così potrai capire quali programmi meglio si adattano alle tue esigenze e scoprire pratiche funzioni che ignoravi del tutto. Questo consiglio diventa un aspetto imprescindibile, soprattutto, se hai acquistato una lavatrice smart di ultima generazione che, oltre ad innumerevoli funzioni, aggiunge la connessione Wi-Fi e l’app per la gestione da remoto.

Le istruzioni sono utili anche per decidere la tipologia di detersivo e come aggiungerlo correttamente nella vaschetta, nonché conoscere le principali operazioni di manutenzione ordinaria e le corrette procedure.

Fai attenzione alla regolazione della centrifuga

Normalmente la lavatrice imposta automaticamente il numero di giri della centrifuga in base al programma selezionato. Molti modelli offrono la possibilità di variare manualmente la velocità e ciò comporta un bucato più o meno umido al termine del ciclo. Una regola di massima è restare sempre attorno agli 800/1000 giri al minuto, ossia un valore che evita danni ai tessuti. In caso di capi in lana la velocità non deve superare i 400 giri al minuto, mentre con indumenti in seta la centrifuga va esclusa.

Non trascurare la pulizia della lavatrice

Non puoi pretendere capi perfettamente igienizzati se la lavatrice è sporca. Molti credono che essendo un elettrodomestico in costante contatto con detersivi, ciò sia sufficiente per mantenerlo pulito. Purtroppo sporco, calcare e residui di sapone si depositano in punti invisibili alla vista e col passare del tempo possono causare malfunzionamenti o scatenare allergie cutanee in soggetti sensibili.

L’indizio di una trascurata pulizia è un cattivo odore proveniente dal cestello, che andrà a contaminare il bucato trasferendosi sugli indumenti lavati. Uno dei motivi è la proliferazione di muffe e batteri che si annidano tra le pieghe della guarnizione dello sportello, nel filtro e direttamente all’interno della lavatrice.

Ogni parte dev’essere pulita con regolarità impiegando specifici disinfettanti oppure prodotti naturali. Per il cestello è possibile sfruttare appositi programmi di pulizia qualora presenti oppure basta avviare un ciclo a vuoto con acqua a 90°C, aggiungendo una sostanza disinfettante. Il filtro si rimuove con facilità ed è sufficiente risciacquarlo sotto il rubinetto per rimuovere ogni impurità. Oblò e guarnizione si possono igienizzare usando acido citrico o percarbonato di sodio disciolto in acqua, facendo attenzione a eliminare ogni deposito di muffa e sporco.

Ti consiglio di leggere la mia classifica delle migliori lavatrici