Recensione De Longhi Essenza Mini EN85

Recensione della macchina da caffè espresso a capsule De Longhi Essenza Mini EN85, oltre alle mie opinioni sul prodotto trovi pro e contro, caratteristiche e comparazione prezzi.

Recensione De Longhi Essenza Mini EN85

Pro

  • Dimensioni compatte
  • Rapido riscaldamento
  • Memorizzazione lunghezza caffè
  • Si può posizionare anche una tazza grande
  • Programma per la decalcificazione

Contro

  • Spegnimento manuale poco pratico
  • Scomoda rimozione sia del contenitore capsule usate che vaschette raccogli-gocce
  • Impossibile eseguire una pulizia approfondita

De Longhi Essenza Mini EN85 è una macchina da caffè espresso a capsule dal design moderno e accurato. L’azienda italiana offre diverse colorazioni potendo scegliere la versione nera, bianca oppure con tinte decisamente più vivaci per dare un tocco di originalità all’ambiente domestico. Solitamente nella fornitura è compresa una confezione di capsule Nespresso con varie miscele, comunque possiamo utilizzare anche capsule compatibili.

La larghezza di soli 8,4 centimetri, profondità di 33 centimetri e altezza di 20,4 centimetri consentono di posizionare l’apparecchio occupando pochissimo spazio. Chiaramente le dimensioni così compatte costringono ad alcuni compromessi, ovvero un serbatoio dell’acqua di appena 0,6 litri e un portacapsule usate da 6 elementi. A tal proposito è opportuno ricordarsi di non inserire un’ulteriore capsula quando il contenitore è pieno, poiché rischia di rimanere incastrata.

Il design essenziale è accompagnato da un funzionamento altrettanto elementare. Infatti dispongo di due soli pulsanti con led per avviare la macchina (basta premerne uno), attendere che le luci da lampeggianti diventino fisse e selezionare un caffè corto oppure lungo. Inoltre ho l’opportunità di memorizzare la lunghezza tenendo premuto uno dei tasti per alcuni secondi, così al successivo avvio la macchina erogherà il caffè in base alle mie preferenze.

Il riscaldamento dell’acqua è piuttosto rapido impiegando dai 25 ai 30 secondi. Il merito è della caldaia con sistema Thermoblock e resistenza elettrica da 1150 W. Si tratta di una potenza molto alta per cui anche i consumi elettrici non sono da sottovalutare in caso di uso frequente.

Per spegnere la macchina devo premere contemporaneamente i due tasti. Soluzione poco comoda in quanto se sbaglio parte la fase di riscaldamento. La macchina entra comunque in modalità stand-by dopo 3 minuti e si arresta automaticamente trascorsi 9 minuti di inattività. Per avviare il programma di decalcificazione devo sempre premere nello stesso tempo i due pulsanti a macchina spenta.

Altro interessante particolare costruttivo riguarda l’altezza dell’erogatore che permette di posizionare sia una tazzina da caffè che una tazza da cappuccino. Non ho invece trovato molto pratici né il contenitore delle capsule usate né la vaschetta raccogli-gocce divisa in due.

Oltre alle piccole dimensioni che comportano un rapido riempimento e frequenti svuotamenti, anche la rimozione è piuttosto laboriosa. A parte questi tre componenti, non posso smontare e pulire nient’altro. Al massimo riesco a rimuovere qualche residuo dal vano portacapsule attraverso una piccola spazzola.

Secondo la mia opinione De Longhi Essenza Mini EN85 offre come punti di forza il design ricercato, le dimensioni compatte e la rapida erogazione di un buon caffè alla corretta temperatura. Vista la ridotta capacità di serbatoio, vaschette di raccolta e contenitore capsule usate è una macchina per espresso adatta a chi prepara pochi caffè. Viceversa bisogna mettere in conto frequenti operazioni di riempimento e svuotamento.

Migliori macchine da caffè a capsule