Migliori forni professionali per bar

di

Che sia a microonde, trivalente o elettrico, per essere utilizzata all’interno di un locale bar o pub, questa attrezzatura per la cottura o il riscaldamento di alimenti deve essere di alta qualità. Leggi la guida all’acquisto per conoscerne caratteristiche, tipologie, e consigli su come scegliere i migliori forno professionali per bar e pub per qualità, marche, prezzo e opinioni.

Forno professionale bar pub

Nell’ultimo decennio le tecnologie preposte alla preparazione e alla cottura dei cibi, si sono enormemente evolute, compreso il forno. Il vecchio microonde e il piccolo elettrodomestico a resistenze incandescenti, adatti ai soli panini o toast, sono stati sostituiti da apparecchiature multifunzione in grado di trasformare il servizio e capaci di scaldare, cuocere e grigliare con costi contenuti e con strutture dal design accattivante.

Come scegliere

Tabella comparativa

Modello Dimensioni (cm) Ricettario Connessione smartphone
Lainox Naboo 87,5 X 82,5 X 82 Si Si
RATIONAL AG SelfCookingCenter® 5 Senses 84,7 X 77,1 X 78,2 Si Si
Techfood Combi twist Plus 62.2 x 65.1 x 589 Si No
Samsung CM1929 46,4 X 36,8 X 55,7 No No
Angelo Po FM423E 70 X 50,5 X 50 No No
Smeg ALFA45 MFPGN 60.2 x58.4x 53.7 No No

Come muoversi nella vasta scelta di forni proposta dal mercato? Quali sono i regolamenti a cui fare riferimento? Quale scelta operare per il locale? Per operare una buona scelta si dovrà tenere in considerazione la tipologia di lavoro che il locale affronta giornalmente, il numero dei pasti, le richieste che fanno i clienti e le dimensioni del locale.

Tutto ciò senza dimenticare che l’avventore è incline ad osservare le apparecchiature che vengono utilizzate nel locale e che quindi, l’utilizzo di un modello altamente tecnologico e dal design accattivante induce fiducia in colui che frequenta il bar. Un ottimo prodotto, non solo permetterà di preparare portate complesse e all’altezza delle richieste, ma suggerirà un’idea di qualità e di efficienza.

Quando si parla di avanguardia la scelta non può che ricadere sui forni trivalenti o combinati. In origine erano destinati alle cucine industriali e ai ristoranti ma, con l’evolversi della microtecnologia si sono adeguati, in dimensioni, a locali come bar e pub senza perdere in efficienza e praticità.

La possibilità di tenerli sul bancone o sul retrobanco, non solo facilita il lavoro di chi opera in ambienti dalle metrature ridotte, ma li rende accattivanti anche alla vista di chi accede al bar. Un solo imperativo da rispettare per ottenere l’effetto sperato, quello di applicare le norme di igiene e pulizia.

Un bel forno poco attira gli sguardi del cliente se non viene adeguatamente pulito e igienizzato e, nel tempo, anche la cottura e gli aspetti organolettici delle pietanze ne risentirebbero negativamente.

Trivalenti

Come funzionano i forni trivalenti? Questi elettrodomestici combinano la cottura a convenzione con quella a vapore coprendo tutte le necessità che si presentano in cucina. La cottura a convenzione si ha quando il calore, prodotto da una sorgente termica, viene trasmesso all’interno di un forno. L’aria riscaldata da una resistenza o da una fiamma passa nella camera di cottura dove la temperatura è più bassa creando un circolo che scaldandosi progressivamente porta ad una diffusione uniforme del calore alla base di una cottura perfetta.

La cottura a vapore avviene grazie alla vaporizzazione termica dell’acqua. Attraverso un boiler esterno o grazie a speciali ugelli riscaldati, l’acqua calda si trasforma in vapore che raggiunge la camera di cottura cuocendo i cibi senza seccarli. In un trivalente, come dice la parola stessa, si possono avere la cottura a convenzione, a vapore o un mix di queste. I trivalenti possono essere interamente elettrici , a gas, o in un’alternanza dei due.

Grazie alle semplici operazioni che può svolgere l’operatore, un modello trivalente di ultima generazione, può cuocere più pietanze insieme, di diversa natura e con tempi di cottura differenti. Utilizzando software appositamente pensati, in base al tempo stabilito dal personale, alla ricetta, al peso e alla tipologia di alimenti inseriti nel forno, si possono differenziare tempi e metodi, si possono realizzare differenti preparazioni e portare a termine le cotture in più riprese senza intaccare la qualità delle pietanze.

Inoltre, la possibilità di escludere alcune funzioni, non solo favorisce un risparmio energetico, ma consente di utilizzare le funzioni base del forno come nel caso delle colazioni, quando per scaldare una brioches serve una quantità minima di energia.

A microonde

Per chi volesse optare per soluzioni più economiche, il mercato offre le ultime generazioni di forni a microonde ed elettrici, questi ultimi anche con piano in materiale refrattario.

Bisogna superare l’idea che un microonde scongeli e cuocia cibi precotti, i moderni apparecchi, non solo offrono queste opzioni, ma sono in grado di grigliare, cuocere paste a levitazione come pane e pizza e controllano costantemente temperatura e umidità dell’alimento. Le piccole dimensioni, i consumi contenuti e la versatilità delle funzioni, rendono il forno a microonde uno strumento indispensabile per bar e locali dalle dimensioni ridotte e per chi ha un occhio di riguardo in più per i consumi energetici.

Elettrici

I forni elettrici, non trivalenti, a piano di cottura in materiale refrattario, sono ideali per quei locali che hanno un largo consumo di croissanteria, panini e pizze. Il materiale refrattario è un materiale capace di resistere per lunghi periodi a temperature molto elevate senza perdere in consistenza e senza trasmettere agli alimenti odori, sapori e sostanze nocive alla salute dell’uomo. In molti casi, questi modelli, hanno dimensioni molto contenute e sono facilmente collocabili sul bancone o nel retrobanco, non necessitano di canne di aspirazione poichè, hanno già insita una cappa di aspirazione a carboni attivi.

Sia per i microonde che per i forni elettrici, vale la stessa fondamentale regola che si applica per i forni trivalenti e cioè una costante e profonda pulizia ed igienizzazione.

Una volta individuato il modello che meglio risponde alle esigenze del locale, ci si dovrà sincerare delle norme di istallazione dello stesso.

Innanzitutto, prima di acquistare un forno nuovo, bisognerà sincerarsi se questo avrà necessità della presenza o meno di una canna fumaria.

A seconda delle necessità di servizio, alcuni modelli non prevedono lo scarico dei fumi, avendo cappe a carboni attivi, ma nella maggioranza dei casi il gestore del locale dovrà provvedere all’istallazione o al restauro di una canna fumaria. Il grande problema in merito è la selva di regolamenti e norme legislative territoriali che cambiano da comune a comune, i rapporti che si stabiliscono con i vicini e i regolamenti condominiali.

Una volta che si decide di acquistare un forno nuovo, non solo bisognerà attentamente informarsi sulle sue caratteristiche e sulle specifiche indicate dalla casa produttrice, ma bisognerà partire in anticipo nella richiesta di permessi e regolamenti presso gli uffici competenti per non rischiare di avere un forno inutilizzabile nel locale o rischiare una multa molto salata per un utilizzo non a norma.

Anche se sul mercato sono presenti trivalenti alimentati elettricamente, forni elettrici a cappa integrata che non prevedono l’installazione di canne fumarie, alcuni comuni richiedono comunque l’utilizzo di queste ultime. Non solo è difficile districarsi nei prolissi regolamenti comunali ma, spesso, gli uffici preposti, hanno tempi burocratici molto lunghi.

Non solo i regolamenti comunali, possono rivelarsi un ostacolo per l’utilizzo o meno di una canna fumaria, ma anche i rapporti di vicinato e i regolamenti condominiali. Se la canna fumaria è preesistente all’installazione di un forno, le richieste sono già state evase, ma il gestore dovrà sincerarsi se filtri, altezza e quantità di lavoro non vadano ad interferire con le attività altrui con fumi, odori sgradevoli e rumorosità.

Ma nel caso si debba realizzare un’opera exnovo si dovranno seguire alcune regole per mantenere inalterati i rapporti di buon vicinato. La canna fumaria non dovrà limitare il diritto di veduta, cioè non potrà limitare la veduta delle finestre altrui.

Non potrà in alcun modo alterare la visione d’insieme dello stabile dove andrà costruita e questo vale sopratutto per gli edifici storici o in quartieri in centri storici. Infine, la costruzione della stessa, non dovrà avvenire su di una facciata che già vede il passaggio di tubi, cavi o quant’altro in uso ad altri condomini.

Migliori forni professionali per bar

La nostra redazione ha selezionato i migliori forni professionali per bar sul mercato per potenza, tipologia, velocità di cottura. Leggi la recensione per conoscere le nostre opinioni su caratteristiche, prezzi e offerte dei migliori forni professionali per bar in commercio.

Lainox Naboo

Lainox NabooTrivalente compatto. Aspetto veramente innovativo di questo forno è la connessione internet continua che collega l’apparecchio ad un cloud di ricette e istruzioni sempre consultabili. Innovazione che però, in possibili momenti di mancanza di elettricità o connessione alla rete, può portare ad un blocco dell’intero servizio.

Può contenere sette gastronorm, nella versione più compatta ha misure di 87,5 X 82,5 X 82 cm.

RATIONAL AG SelfCookingCenter® 5 Senses

RATIONAL AG SelfCookingCenter SensesTrivalente a più cotture contemporanee. Possiede una memoria interna con un vasto ricettario e può cuocere più portate contemporaneamente con diverse temperature e tempi di cottura. Può contener sino a sei gastronorm di diverse profondità.

Ha un prezzo molto più alto della media di categoria ma offre il top di gamma. Ha dimensioni pensate non solo per cucine professionali ma anche per bar e pub. Dimensioni che comunque non sono adatte a metrature contenute.

Il modello meno ingombrante, comunque dotato delle tecnologie più all’avanguardia ha misure di 84,7 X 77,1 X 78,2 cm.

Techfood Combi twist Plus

techfood combi twist plusE’ un unicum nel panorama dei compatti per bar. Combina un sistema a raggi infrarossi con la convenzione. I cestelli di cottura vengono scossi a intervalli regolari per far si che la cottura avvenga in modo omogeneo grazie ad una migliore distribuzione del calore.

E particolarmente adatto a locali di piccole dimensioni e a preparazioni da basi surgelate.

Samsung CM1929

Samsung CM1929A microonde per la ristorazione rapida. Permette di impostare sino a dieci diverse cotture con la possibilità di raddoppiare le impostazioni per cotture in doppia porzione. Ha comandi molto semplici e intuitivi.

Rispetto a modelli più potenti e di dimensioni maggiori, consente la cottura di due piatti alla volta ed è quindi consigliato a quei locali che forniscono giornalmente un numero minore di pasti.

Ha una capacità di 26 litri e ha dimensioni molto contenute 46,4 X 36,8 X 55,7 cm.

Angelo Po FM423E

Angelo Po FM423ETrivalente super compatto di dimensioni ridottissime, 70 X 50,5 X 50 cm, ha in dotazione quattro teglie, o gastronorm, e vari programmi di cottura. Nel modello più completo si ha anche la funzione di lavaggio automatico.

E’ un modello indicato per ogni tipo di cottura ma in quantità ridotte (massimo 30 pasti a servizio). Per volumi maggiori o servizi più lunghi si consigliano modelli dalle capacità di carico maggiori.

Smeg ALFA45 MFPGN

Smeg ALFA 45MFPGNCon pietra refrattaria. Interamente in acciaio inox e dotato di base in pietra refrattaria, è particolarmente indicato per i prodotti da forno e la pizza. Sviluppando un calore umido controllato non secca i cibi.

Per le sue caratteristiche è indicato per quei bar che lavorano molto con le colazioni o con pizze e panini nel mezzogiorno.

Eurochef Pizza chef

Eurochef Pizza ChefElettrico con cappa integrata a carboni attivi. Di diverse dimensioni può preparare dalla pizza singola sino, nella versione più grande, a quattro pizze. Può essere utilizzato con buoni risultati con pasta fresca, ma i risultati migliori si hanno con basi precotte e guarnizioni fresche.

Ha tempi di cottura molto brevi (due minuti a pizza) e dimensioni che vanno dai 53 cm di larghezza per il modello più piccolo, sino agli 89 cm per il modello 4 pizze.

Stima VP2 Evolution

Stima VP2 EvolutionElettrico con cappa a carboni attivi integrata. Ha due camere di cottura con la possibilità di impostare due diversi tipi di temperatura. Questa funzione non lo rende adatto solo per la pizza ma anche per stuzzicheria da forno come bruschette, panini focacce e tutte quelle preparazioni veloci che prevedono anche la cottura al forno.

Non è consigliato per quei locali che hanno un menù molto ricco e che prevede preparazioni e ricette più articolate.

Tecnoinox Tecnodual EFB04M

Tecnoinox Tecnodual EFB04MTrivalente supercompatto. Ha le dimensioni più contenute della gamma con la possibilità di avere l’optional del lavaggio interno. Proprio a causa delle sue dimensioni può essere adatto a locali con un numero di pasti variabile tra i 30 e i 50 coperti con la garanzia di preparazioni al top per varietà e metodi di cottura. Per un numero maggiore di pasti giornalieri sono consigliabili modelli dalle dimensioni maggiori.

Come acquistare a metà prezzo

Per ottenere uno sconto superiore al 50% sul prezzo di listino, la nostra redazione ha sviluppato golden list, un servizio gratuito che ti informa quando i prodotti sono a metà prezzo. Leggi le opinioni di chi ha provato il servizio.

I dati inseriti saranno gestiti nel pieno rispetto del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e non ceduti a terzi.

GUIDA ACQUISTI
Guida all'acquisto degli Elettrodomestici
Dal 2007 Guida Acquisti è la rivista consumatori indipendente che ti aiuta scegliere gli elettrodomestici, attraverso classifiche,recensioni e offerte dei migliori prodotti sul mercato.