in

Migliori idropulsori dentali

Leggi le recensioni dei migliori idropulsori dentali selezionati per potenza del getto, ugelli in dotazione, regolazione della pressione dell’acqua, capienza del serbatoio e rapporto qualità prezzo.

miglior idropulsore dentale

Oral-B Waterjet

Recensione

Innoliving INN-901

Recensione

Philips AirFloss Ultra HX8331/01

Recensione

Flaem WaterPik WP100 Ultra

Recensione

Cliadent Idropulsore 3 in 1

Recensione

Panasonic EW-DJ10-A503

Recensione

Come scegliere un idropulsore dentale di qualità

L’idropulsore dentale è un apparecchio che consente di approfondire la pulizia orale, dopo aver utilizzato spazzolino e filo interdentale. I getti d’acqua sottilissimi prodotti dall’elettrodomestico sono regolabili in termini  di pulsazioni al minuto e aiutano a rimuovere eventuali residui di cibo rimasti incastrati tra i denti o sotto i ponti dentali.

È un ottimo prodotto per rendere più profonda la pulizia quotidiana dei denti, molto utile per pulire bene i denti nel caso in cui si porti l’apparecchio dentale fisso. Vediamo quali sono le caratteristiche principali che un buon prodotto dentale dovrebbe avere.

In commercio esistono sia apparecchi che fungono esclusivamente da idropulsori che apparecchi che uniscono le funzionalità di spazzolino elettrico e idropulsore.

Se si ha quindi intenzione di abbandonare lo spazzolino manuale a favore di quello rotante, una buona idea potrebbe essere quella di acquistare l’apparecchio che comprende anche l’idropulsore, così da avere entrambe le funzioni in un unico oggetto risparmiando notevolmente.

Altra caratteristica importante da tenere in considerazione, è la possibilità di regolare la potenza del getto d’acqua. Una funzione utile soprattutto a chi soffre di gengive sensibili, che preferirà un getto più delicato ma altrettanto efficace.

Alcuni modelli, inoltre, hanno in dotazione più testine, in modo da permettere non solo di regolare la potenza del getto, ma anche la sua tipologia: dal getto singolo pulsante a quello rotante più delicato. Ottima anche la funzione timer, che consente lo spegnimento automatico dopo un paio di minuti di utilizzo, in modo da non eccedere nell’uso e rischiare così di infiammare le gengive.

Se si sceglie un idropulsore per una famiglia, inoltre, sarà preferibile verificare che il serbatoio non sia inferiore ai 600 ml d’acqua, per evitare di doverlo riempire più volte durante la giornata. Controllate anche che l’apparecchio disponga di varie testine e di uno scomparto in cui riporle dopo l’uso

Qualunque sia la capienza del serbatoio, comunque, è importante verificare che l’apparecchio permetta di svuotare completamente tutto il circuito: nel caso in cui per un periodo ci si assenti, infatti, sarà bene evitare ristagni di acqua e quindi germi, batteri e depositi di calcare.

Esistono, infine, idropulsori dentali specifici per i bambini. Solitamente si tratta di apparecchi più piccoli e semplici nell’uso, esteticamente accattivanti, con un getto calibrato proprio per aiutare i più piccoli a completare in modo corretto l’igiene dentale.

Può essere conveniente chiedere conferma, al momento dell’acquisto, che l’apparecchio si possa usare anche con il colluttorio perché in questo modo il suo uso regalerà una freschezza e igiene ancora maggiori.

Spazzolino elettrico o idropulsore dentale?

Elettrodomestici simili