Recensione iRobot Braava 390T

Recensione del robot lavapavimenti iRobot Braava 390T, oltre alle mie opinioni sul prodotto trovi pro e contro, caratteristiche e comparazione prezzi.

iRobot Braava 390T

Pro

  • Dimensioni compatte
  • Funzionamento silenzioso
  • Molto semplice da usare

Contro

  • Non è in grado di eliminare le macchie più resistenti
  • Manca l’erogatore del detergente
  • Il panno si inserisce con difficoltà
  • Sistema di mappatura assente
  • Non dispone di connessione Wi-Fi

iRobot Braava 390T fa parte della categoria dei robot lavapavimenti 2 in 1, ovvero in grado di eseguire una pulizia a secco eliminando polvere e peli di animali oppure con acqua per rimuovere sporco e macchie. È il modello più economico ed essenziale proposto dall’azienda statunitense, sebbene il prezzo non sia poi così basso.

Se stai cercando un apparecchio smart di ultima generazione devi rivolgere l’attenzione altrove, infatti non è presente nessuna connessione Wi-Fi e gestione tramite app o assistenti vocali quali Amazon Alexa e Google Home. Anche sistema di navigazione è intelligenza artificiale sono piuttosto elementari ma comunque efficienti e nonostante la mancanza di mappatura, funzioni per nominare diverse zone della casa e impostare barriere virtuali. Tutto questo incide sulla praticità d’uso e ti costringe ad una maggior attenzione nel preparare l’ambiente domestico prima della pulizia, in modo da rimuovere ostacoli che potrebbero compromettere gli spostamenti.

Passando alla prova dei fatti inizio con l’evidenziare il sistema d’inserimento panno non dei più comodi. Risulta invece rapida la rimozione del serbatoio dell’acqua così come il ricollocamento. Per avviare la pulizia puoi scegliere tra modalità a secco o bagnata applicando il relativo panno.

Nel primo caso il robot elimina polvere, capelli e peli di animali domestici con una discreta efficacia, seppur con risultati inferiori rispetto ad un modello aspirapolvere dotato di rullo centrale e spazzola laterale.

Durante la fase di lavaggio noterai da subito la mancanza di un erogatore, col detergente che inumidisce direttamente il panno. Alla fine il livello complessivo della pulizia varia a seconda delle situazioni e dipende, per lo più, dal tipo di sporco e da quanto sono coriacee le macchie.

Purtroppo il robot non riesce a generare l’attrito necessario per eliminare, ad esempio, residui di vino o cibo lasciati il giorno prima e ormai secchi. In questi casi dovrai per forza di cose impiagare un mocio o il classico straccio per rimuovere lo sporco. Non tutti i mali vengono per nuocere, nel senso che una limitata potenza permette di mantenere la rumorosità su livelli contenuti e tra i più bassi della categoria. Altro aspetto positivo sono le dimensioni compatte che permettono di pulire punti altrimenti difficilmente raggiungibili.

iRobot Braava 390T rappresenta una buona scelta d’acquisto? Come spesso accade non c’è una risposta unica a tale quesito e la decisione dipende esclusivamente dalle tue reali necessità. Di certo non è un elettrodomestico in grado di occuparsi da solo della completa pulizia dei pavimenti, può comunque rappresentare un valido aiuto per affiancare altri sistemi. Per ottenere risultati accettabili devi utilizzare quotidianamente l’apparecchio, in modo che eventuali macchie non abbiamo il tempo di seccarsi. Se invece prevedi un impiego saltuario tieni in seria considerazione i limiti sia per la pulizia a secco che con acqua.

Migliori lavapavimenti robot