in

Lavazza Espresso Point EP Mini

Le nostre opinioni sulla macchina da caffè a capsule Lavazza Espresso Point EP Mini, la recensione è corredata anche di caratteristiche prodotto, pro e contro e comparazione prezzi.

Lavazza Espresso Point EP Mini

Pro

  • Ingombri ridotti
  • Design moderno
  • Semplicità di utilizzo
  • Contenitore di raccolta capsule usate

Contro

  • Caffè non sempre alla corretta temperatura
  • Impossibilità di memorizzare la lunghezza
  • Qualche difficoltà di pescaggio della pompa al primo utilizzo

Lavazza Espresso Point EP Mini è una macchina per caffè in capsule con un look molto moderno che bene si inserisce in qualsiasi contesto. Le dimensioni di soli 15 centimetri di larghezza, profondità di 33,8 centimetri e altezza di 26,5 centimetri richiedendo un piccolo spazio sul piano di lavoro.

La struttura in ABS è molto solida ma nello stesso tempo leggera, con un serbatoio integrato di facile estrazione, così come il contenitore delle capsule usate (max 10 pezzi). Comoda anche la griglia poggiatazza con due livelli di altezza per inserire anche bicchieri da latte.

Il funzionamento è molto semplice ma con qualche limitazione. Per erogare il caffè basta premere il solo pulsante presente e rilasciarlo una volta ottenuta la lunghezza voluta. Nel caso la dose erogata sia inferiore a quella desiderata è necessario spegnere e riaccendere la macchina attraverso l’interruttore generale posto nella parte posteriore e riprendere l’erogazione. Una procedura non delle più pratiche a cui si aggiunge l’impossibilità di memorizzare la quantità.

Il caffè che si ottiene con questa Lavazza Espresso Point EP Mini ha un sapore molto gradevole e una buona cremosità ma, alcune volte, non è caldo come dovrebbe essere. Un ulteriore problema emerso nel corso della recensione, è qualche difficoltà di troppo nel pescaggio dell’acqua da parte della pompa al primo avvio: possono servire anche 10 tentativi prima che tutto funzioni regolarmente.

Migliori macchine da caffè a capsule