Migliori climatizzatori a parete dual split

I migliori climatizzatori a parete dual split selezionati per potenza di raffrescamento e riscaldamento, efficienza energetica, silenziosità, controllo remoto, design, rapporto qualità prezzo e marca.

Classifica migliori climatizzatori a parete dual split

Daikin Bluevolution Stylish Blackwood 9000 + 12000 Btu

Daikin Bluevolution Stylish Blackwood 9000 + 12000 Btu

Daikin Bluevolution Stylish Blackwood 9000 + 12000 Btu offre un’unità esterna con forma squadrata senza badare troppo all’estetica ma più alla funzionalità. Diverso il discorso per i due split: sono stati realizzati con un particolare occhio di riguardo per lo stile, proponendo una finitura nera con effetto legno che dona grande eleganza e originalità. Sono disponibili anche le varianti con colore bianco e silver.

L’unità esterna è in classe di efficienza energetica A+++ (raffreddamento) e A++ (riscaldamento) con un livello massimo di rumorosità di 62 dB. Gli elementi interni sono in grado di fornire una capacità di raffreddamento di 9000 e 12000 BTU/h con livelli di rumorosità massima di 59 e 61 dB. Il refrigerante utilizzato è l’R32.

L’elettrodomestico è dotato della funzione Coanda Air Flow che permette una diffusione dell’aria più naturale, a bassa velocità e senza utilizzare fastidiosi flussi diretti; durante la modalità di raffrescamento l’aria è indirizzata verso il soffitto per migliorare il comfort ambientale. Il sistema Grid Air Sensor ottimizza il funzionamento dell’apparecchio rilevando la presenza di persone e la temperatura di pavimento e pareti.

Utilizzando l’applicazione Daikin Online Controller è possibile gestire da remoto tutte le funzionalità; questo grazie ai moduli Wi-Fi integrati per permettere la connessione in rete. Tutte le modalità disponibili sul telecomando saranno presenti anche sullo smartphone per un facile ed immediato controllo della temperatura degli ambienti e per effettuare correzioni o nuove impostazioni.

Questo climatizzatore a parete dual split è un prodotto completo sotto tutti i punti di vista. Secondo la mia opinione è un prodotto che unisce un’estetica particolarmente curata a funzionalità che rendono l’utilizzo pratico e semplice. Nella mia classifica trova una collocazione tra le prime tre posizioni.

LG Artcool 9000 + 12000 Btu

LG Artcool 9000 + 12000 Btu

Il design proposto da LG Artcool 9000 + 12000 Btu per i due split compresi in questo sistema di climatizzazione, è ricercato ma nello stesso tempo essenziale. La finitura con un colore grigio antracite regala una nota di eleganza che si apprezza maggiormente con uno stile d’arredamento moderno.

L’unità centrale è in classe di efficienza energetica A+++ (raffreddamento) e A+ (riscaldamento), il fluido refrigerante utilizzato è l’R-32. I due split interni hanno capacità di raffreddamento di 9000 e 12000 BTH/h.

L’attenzione al risparmio energetico è una delle caratteristiche di questo apparecchio. Grazie alla funzione Smart Load Control si ha una diminuzione dei consumi fino al 35% in fase di avvio rispetto a modelli tradizionali. Questo grazie al compressore BLDC dotato di motore con magneti al neodimio e ad un sistema di micro-interruttori che regolano automaticamente, in base alle condizioni ambientali esterne ed interne, la temperatura del refrigerante nello scambiatore di calore.

Il ventilatore Skew Fan, unito con la tecnologia a basse vibrazioni del gruppo motore-compressore, permette al climatizzatore di raggiungere, come limite di rumorosità più basso, i 19 dB. In condizioni di normale operatività l’apparecchio è più rumoroso, ma attraverso la funzione Silent Mode si può abbassare la velocità di rotazione delle ventole riducendo la potenza sonora di circa 3dB.

Le ultime caratteristiche che vogliamo segnalare in recensione sono: il sistema Jet Cool per un rapido raffreddamento degli ambienti, lo ionizzatore Plasmaster inserito nel sistema di filtrazione per migliorare la purificazione dell’aria e il Wi-Fi integrato per controllare tutte le funzioni da remoto tramite smartphone o tablet.

LG Artcool ci ha favorevolmente impressionato per la completezza delle funzioni e gli accorgimenti tecnici utilizzati per migliorare il risparmio energetico, i livelli di rumorosità e la qualità dell’aria. Un elettrodomestico che offre un rapporto qualità prezzo favorevole e che si aggiudica una buona posizione nella mia classifica.

Mitsubishi Kirigamine Style 9000 + 12000 Btu

Mitsubishi Kirigamine Style 9000 + 12000 Btu

Mitsubishi Kirigamine Style 9000 + 12000 Btu è il classico sistema di raffrescamento domestico composto da un’unità esterna e due elementi interni da installare sulle pareti. Il primo aspetto che colpisce è il design elegante con una verniciatura lucida e tre colorazioni tra cui poter scegliere: rosso, bianco e nero. Linee molto squadrate e cura dei dettagli rendono le unità interne dei veri e propri complementi d’arredo, ideali a mio avviso per ambienti dallo stile moderno.

I due split sono in grado di fornire una capacità di raffreddamento di 9000 e 12000 BTU/h. L’unità esterna è in classe di efficienza energetica A+++ (raffreddamento) e A++ (riscaldamento) con un livello massimo di rumorosità di 62 dB. Il fluido refrigerante utilizzato è l’R32 per ridurre l’impatto ambientale.

L’unità esterna è dotata di inverter DC per ottimizzare l’efficienza, i consumi e la rumorosità sia durante la fase di raffreddamento che in quella di riscaldamento.

Le caratteristiche principali di questo condizionatore sono un monitoraggio costante della temperatura per ridurre i consumi energetici e una serie di accorgimenti per migliorare la qualità dell’aria. Il sistema di filtrazione Plasma Quad Plus è in grado di trattenere particelle fino a PM2.5, ovvero con un diametro inferiore a 2.5 micron. Grazie ad una serie di scariche elettriche generate durante il passaggio del flusso d’aria, vengono eliminati virus e batteri rendendo l’ambiente più salutare.

L’apparecchio è dotato di interfaccia Wi-Fi per il collegamento alla rete. Una funzione fondamentale per poter gestire il sistema da remoto con il proprio smartphone o tablet. Stando comodamente in ufficio potremo ad esempio effettuare regolazioni e impostazioni avendo sempre sotto controllo il livello della temperatura degli ambienti domestici. In dotazione anche i due telecomandi per poter gestire il dispositivo in maniera più tradizionale.

Secondo la mia opinione questo elettrodomestico possiede tutte i requisiti per collocarsi in testa alla mia classifica dei migliori climatizzatori a parete dual split. Abbiamo apprezzato la sua eleganza ma anche le tecnologie utilizzate per garantire una buona qualità dell’aria e una refrigerazione soddisfacente con un occhio di riguardo per i consumi.

Samsung Windfree Classic 9000 + 12000 Btu

Samsung Windfree Classic 9000 + 12000 Btu

Samsung Windfree Classic 9000 + 12000 Btu è un sistema di condizionamento con l’unità esterna di forma e dimensioni che possiamo ritenere standard mentre i due split di colore bianco offrono un design minimal ed elegante.

La capacità di raffreddamento dei due elementi interni è di 9000 e 12000 BTU/h. L’unità esterna è in classe di efficienza energetica A++ (raffreddamento) e A+ (riscaldamento) con un livello di rumorosità massimo di 61 dB. Il fluido refrigerante utilizzato è l’R32.

Il climatizzatore ha due telecomandi ma è dotato anche di interfaccia Wi-Fi per la connessione in rete e il controllo da remoto tramite dispositivi mobile. Una delle caratteristiche che contraddistingue questo modello è il sistema WindFree che grazie a 21000 microfori presenti sulla superficie anteriore, consente una diffusione omogenea e delicata del flusso d’aria.

Il sistema Spi Air Purifier permette, grazie all’uso combinato dell’idrogeno attivo e degli ioni di ossigeno, buoni livelli di purificazione dell’aria. Altre funzioni a disposizione sono: il funzionamento automatico, il Good Sleep per garantire un riposo più confortevole, l’Auto Clean per prevenire la formazione di muffe e funghi all’interno delle unità e la modalità 2 Step Cooling per raggiungere in breve tempo la temperatura desiderata.

Giudizio positivo e buon rapporto qualità prezzo per questo climatizzatore dual split di Samsung. Un elettrodomestico a mio avviso completo e di facile gestione che offre un buon comfort ambientale e bassi consumi.

Panasonic Etherea 9000 + 12000 Btu

Panasonic Etherea 9000 + 12000 Btu

Il climatizzatore a parete dual split Panasonic Etherea 9000 + 12000 Btu offre un design ricercato con linee molto arrotondate e una colorazione silver per conferire ai due split una certa eleganza.

L’unità esterna è in classe energetica A++ (raffreddamento) e A+ (riscaldamento), con un livello di rumorosità di 61 dB. I due elementi interni hanno una capacità di raffreddamento di 9000 e 12000 BTU/h con livelli massimi di rumorosità di 56 e 60 dB.

Una delle caratteristiche che contraddistingue questo modello è il sistema Econavi: avvalendosi della tecnologia Sunlight Detection e del sensore Human Activity, è in grado di modificare automaticamente la potenza del flusso d’aria in base all’irraggiamento solare e al numero di persone presenti nella stanza. Il risultato è un migliore comfort ambientale con una riduzione dei consumi energetici.

Il climatizzatore offre anche un’adeguata purificazione dell’aria con il sistema di filtrazione Nanoe-G. E’ grazie all’impiego di nanoteconologie che le particelle più piccole di sostanze inquinanti, allergeni, batteri e virus vengono catturare e neutralizzate per offrire un ambiente più salutare.

Tutte le funzioni disponibili sono gestite tramite il telecomando in dotazione. Opzionale invece la possibilità di aggiungere l’interfaccia per la connessione Wi-Fi alla rete e controllare il climatizzatore da remoto tramite il proprio dispositivo mobile.

Nel complesso il mio giudizio per questo climatizzatore dual split è soddisfacente. Le funzionalità sono abbastanza complete e permettono un uso semplice ed efficace. Un elettrodomestico consigliato a chi non ha un particolare interesse ad aver di serie il controllo da remoto tramite Wi-Fi.

Sharp Serie PHR 9000 + 12000 Btu

Sharp Serie PHR 9000 + 12000 Btu

Il design delle unità interne di Sharp Serie PHR 9000 + 12000 Btu offre pochi spunti di riflessione con linee semplici e armoniose e una colorazione bianca.

L’unità esterna è in classe di efficienza energetica A++ (raffreddamento) e A+ (riscaldamento) mentre i due elementi fissi offrono una capacità di raffreddamento di 9000 e 12000 BTU/h. Il fluido refrigerante utilizzato è l’R-410A.

Con il telecomando si gestiscono tutte le funzioni disponibili. Premendo il tasto Multi Space, l’elettrodomestico regola il flusso e la direzione dell’aria contemporaneamente in tutte le stanze in base alla temperatura desiderata. La funzione Vacanza permette per esempio in inverno di fissare una temperatura stabile di 10 gradi centigradi in modalità riscaldamento. L’Auto-pulizia previene la crescita di muffe e funghi all’interno degli split eliminando l’umidità residua.

La tecnologia brevettata Plasmacluster, grazie all’utilizzo di ioni positivi e negativi, è in grado di ridurre la presenza di polvere, allergeni, virus e batteri. Il risultato è aria più fresca e pulita che rende l’ambiente più salubre.

Per migliorare il comfort, il climatizzatore è dotato dell’effetto Coanda che garantisce una distribuzione omogenea e naturale nell’ambiente dell’aria evitando flussi diretti che, oltre che essere fastidiosi, possono causare problemi di salute.

Durante la fase di raffrescamento l’aria viene indirizzata verso il soffitto diffondendosi con un effetto pioggia; nell’utilizzo per il riscaldamento l’aria va verso il pavimento per poi risalire.

L’apparecchio può essere gestito solo tramite telecomando non avendo nessuna interfaccia per il collegamento Wi-Fi. La possibilità non è prevista nemmeno come opzione per un eventuale upgrade.

Questo modello, secondo la mia opinione, offre un buon rapporto qualità prezzo. Un climatizzatore a parete dual split consigliato a chi vuole un prodotto efficiente sia per rinfrescare che riscaldare gli ambienti domestici spendendo cifre ragionevoli.

Come scegliere un Climatizzatore a Parete Dual Split

Estati ogni anno più roventi con temperature al limite della sopportazione, portano sempre più persone alla decisione di installare un climatizzatore a parete. Il mercato offre un’ampia gamma di modelli suddivisi tra varie fasce di prezzo, per venire in contro a qualsiasi esigenza.

Spesso, difronte a tanta disponibilità, la decisione su cosa acquistare è quantomai difficoltosa. Per effettuare una scelta ponderata che soddisfi appieno le proprie necessità, è opportuno conoscere le caratteristiche e le peculiarità che deve avere un climatizzatore dual split.

Consumo elettrico

A differenza dei condizionatori portatili monoblocco,  il climatizzatore dual split è costituito da  un gruppo motore da installare all’esterno, e due elementi fissi che vanno montati a parete, nei locali che si intende climatizzare.

Un elettrodomestico di questa tipologia può rimanere in funzione tutto l’anno, procurando refrigerio nei mesi caldi e integrando il sistema di riscaldamento in quelli più freddi. Tutto questo comporta dei consumi che, soprattutto per la fase di refrigerazione, possono incidere notevolmente sui costi in bolletta.

Il consumatore per avere una chiara idea dei fabbisogni elettrici, può avvalersi dell’etichetta energetica obbligatoria per legge dal 2013. Su tale documento il valore di maggior importanza è rappresentato dalla classe di efficienza energetica. Sette segmenti colorati con relative lettere, indicano chiaramente quanto l’elettrodomestico è virtuoso dal punto di vista dei consumi.

La classe A+++ è quella che garantisce il maggior risparmio. Per un climatizzatore dual split i valori indicati sono separati per la fase di refrigerazione e per quella di riscaldamento. C’è un altro dato importante da considerare, rappresentato dal consumo medio annuo espresso in kWh/anno. L’etichetta energetica permette al consumatore di confrontare i vari modelli e, a parità di prezzo, scegliere quello con i consumi più bassi.

Decidere di spendere meno per un prodotto con una classe di efficienza non particolarmente virtuosa, è un azzardo che può risultare alla lunga controproducente: il risparmio sul prezzo iniziale verrà quasi sicuramente annullato dai maggiori costi in bolletta.

Un’alternativa economica ai climatizzatori sono i ventilatori a soffitto o i raffrescatori evaporativi domestici, con i quali è possibile risparmiare sul prezzo d’acquisto e sul consumo in bolletta, ma sono elettrodomestici che non garantiscono gli stessi risultati, perché non sono in grado di deumidificare l’aria.

Potenza refrigerante

Altro aspetto da valutare è la potenza refrigerante. Tale valore è espresso in BTU/h (British Termal unit orari). Come sapere il valore adeguato per soddisfare le proprie necessità? In linea di massima, considerando che servono circa 340 BTU/h per rinfrescare un metro quadro, si possono prendere come riferimento questi valori:

  1. 9000 BTU/h per ambienti da 25-30 metri quadri;
  2. 12000 BTU/h per ambienti da 35-40 metri quadri;
  3. 18000 BTU/h per ambienti superiori ai 40 metri quadri.

Tenendo presente questi dati si può scegliere il condizionatore evitando errori che possono compromettere la buona climatizzazione ambientale.

Funzioni e qualità dell’aria

Proprio come recitava un famoso slogan pubblicitario, anche per i condizionatori a parete si può dire la stessa cosa. Abbiamo visto come la potenza refrigerante sia un valore importante. Tuttavia, è fondamentale riuscire a gestirla al meglio tramite le funzionalità offerte dal prodotto.

Avere a disposizione un timer per impostare accensione e spegnimento automatico nelle varie fasce d’orario stabilite oppure la possibilità di controllo da remoto tramite smartphone, garantiscono un controllo ottimale con risultati di climatizzazione molto soddisfacenti. I modelli più prestazionali sono dotati di interfaccia wi-fi per un facile connessione alla rete domestica. Se così non fosse, è importante verificare che l’elettrodomestico sia predisposto per un eventuale upgrade installando un modulo aggiuntivo. I climatizzatori più recenti possono inoltre essere controllati mediante termostati intelligenti appositamente studiati per questo genere di elettrodomestici.

L’aria all’interno del climatizzatore, tra i vari processi che subisce, viene filtrata. Per avere il massimo comfort ambientale oltre che ad una corretta temperatura, è necessario pensare anche alla qualità dell’aria. Particelle sottili, polveri, batteri, virus e acari sono normalmente presenti nell’ambiante domestico. Scegliere un climatizzatore con un sistema di filtrazione e purificazione adeguato e con la presenza di uno ionizzatore, sono la garanzia di un’aria decisamente più salubre. Se non si dispone di un condizionatore, magari perché il clima di casa è affidato a una pompa di calore aria acqua collegata a un impianto radiante a pavimento, è possibile ottenere ugualmente un ambiente salubre utilizzando un purificatore d’aria domestico.

Rumorosità

La parte più rumorosa di un climatizzatore dual split è rappresenta dall’unità esterna. Quindi, ciò che deve preoccupare è il livello di rumorosità degli elementi fissi installati all’interno. Questo aspetto è da tenere in seria considerazione se lo split è montato in camera da letto.

È necessario assicurarsi che sia dotato della modalità chiamata sleep, silent mode o notturna, in modo che l’emissione acustica possa scendere sotto i 17 dB per evitare di disturbare il riposo. Fare attenzione anche ad eventuali display luminosi presenti sul corpo dello split: devono garantire la possibilità di essere spenti durante le notte.

Estetica

Come sempre anche l’occhio vuole la sua parte soprattutto per elementi che diventano parte integrante dell’ambiente domestico. I costruttori in quest’ottica sono sempre più attenti nel fornire prodotti con design ricercati, da inserirsi in qualsiasi tipologia di arredamento senza rovinare l’armonia. In questi casi la scelta dipende solo dai gusti personali e dal budget che si intende investire.

Migliori tecnologie

Daikin Multi

Per assicurare una buona flessibilità di utilizzo, Daikin offre la cosiddetta Applicazione Multi. In base alle necessità l’utente può decidere di collegare fino a 5 split, anche con diversa capacità termica, ad una sola unità esterna. Naturalmente ogni unità installata a parete potrà essere programmata in totale autonomia, sia in fase di raffreddamento che riscaldamento.

Mitsubishi 3D I-See Sensor

3D I-See Sensor è l’innovativo sistema composto da 8 sensori che equipaggia i climatizzatori top di gamma di Mitsubishi. Una tecnologia che consente da una parte di rilevare con estrema precisione la temperatura distribuendo omogeneamente il refrigerio per tutta la stanza e dall’altra riconoscere la posizione delle persone presenti nel locale e direzionare di conseguenza il flusso d’aria. In aggiunta è possibile anche registrare l’assenza di persone, facendo scattare in automatico la modalità Energy saving e limitando così i consumi.

Fujitsu scambiatore di calore ibrido

Per incrementare l’efficienza dei suoi climatizzatori di punta e raggiungere massimi valori di SEER e SCOP, Fujitsu ha progettato uno scambiatore di calore ibrido caratterizzato da un ventilatore tangenziale di grandi dimensioni. In questo modo si riesce a garantire un efficace flusso d’aria e un’adeguata distribuzione del refrigerio anche a bassa potenza.

General Electric Nano-Acqua

Nano-Acqua è il nome della tecnologia utilizzata per realizzare un avanzato generatore di ioni positivi e negativi. Si tratta di microscopiche particelle chimicamente denominate OH e H202 che, una volta immesse nell’aria, eliminano virus, allergeni e altre sostanze pericolose. Il sistema introduce acqua ionizzata nell’ambiente domestico riducendo le molecole a dimensioni comprese tra 10 e 20 nm, il che favorisce anche una naturale idratazione della pelle e la neutralizzazione di muffe e batteri attraverso un processo di ossidazione.

Vaillant X-Fan

X-Fan non è una vera e propria tecnologia, ma bensì una funzione disponibile su molti climatizzatori della Vaillant. Lo scopo è rimuovere l’umidità residua all’interno dello scambiatore di calore, evitando così la formazione di ruggine e la proliferazione batterica. Un sistema che permette di allungare la vita dell’apparecchio e nel contempo migliorare la salubrità dell’aria.

Samsung Wind-Free di seconda generazione

Wind-Free è la nota tecnologia di raffreddamento che caratterizza i climatizzatori della Samsung. Giunta alla seconda generazione ha introdotto migliorie nella distribuzione dell’aria fresca, incrementando il comfort all’interno dell’ambiente domestico. Grazie ad un sistema di diffusione composto da 21000 microfori, il refrigerio raggiunge ogni punto della stanza senza l’impiego di alcun fastidioso getto d’aria diretto. La temperatura del locale si alza più velocemente e viene mantenuta costante in modo automatico grazie al continuo monitoraggio delle condizioni, sia interne che esterne, da parte della sofisticata intelligenza artificiale.

LG Art Cool Gallery

LG Art Cool Gallery è il nome di un nuovo climatizzatore in grado di unire funzionalità con la massima ricercatezza nel design. L’azienda sudcoreana propone uno split da installare a parete con linee innovative che si discostano completamente dalle abituali forme a parallelepipedo, regalando così un’unità interna che diventa un vero e proprio complemento d’arredo. Il nome è alquanto evocativo infatti lo split, oltre a ricordare la forma di un quadro, viene fornito con una copertura raffigurante la famosa opera pittorica Il Bacio di Gustav Klimt. L’utente può, tuttavia, sostituirla con un’immagine a piacere per una maggior personalizzazione e ottenendo un effetto ottico che di certo non passerà inosservato.

Electrolux OptiBreeze X2

OptiBreeze X2 è il nome della nuova serie di climatizzatori proposti dall’azienda svedese Electrolux, in cui si è prestata particolare attenzione alla rumorosità e la qualità dell’aria. Grazie ad un’efficiente modalità silenziosa si riesce a mantenere la pressione sonora a livelli molto bassi, mentre il prestazionale sistema di filtrazione PureO2 provvede ad eliminare allergeni, virus e muffe, nonché assorbire il fumo e cattivi odori.

Panasonic Nanoe X

Nanoe X è il nome di una particolare tecnologia adottata in alcuni climatizzatori Panasonic con la finalità di migliorare la qualità dell’aria. Da una parte vengono eliminati i cattivi odori e dall’altra inibiti elementi inquinanti quali batteri, virus, muffe, allergeni, pollini e in generale le sostanze pericolose che possono trovarsi nell’ambiente domestico. Un risultato ottenuto grazie alla produzione di 4800 miliardi al secondo dei cosiddetti radicali OH; si tratta di particelle microscopiche ionizzate, generate sfruttando l’umidità naturale presente nell’aria e capaci di diffondersi in ogni angolo, penetrando anche nei tessuti per inibire la formazione di muffa e neutralizzare odori sgradevoli come il fumo di sigaretta.

Whirlpool 6° Senso

La tecnologia 6° senso è il marchio di fabbrica di Whirlpool e trova applicazione in ogni tipologia di elettrodomestici. Nei climatizzatori sfrutta l’intelligente azione di un apposito sensore, in grado di rilevare le condizioni ambientali del locale e regolare di conseguenza temperatura, umidità e velocità della ventilazione. La finalità è raggiungere rapidamente e mantenere il comfort in modo del tutto automatico.

Beko ZoneFollow

ZoneFollow è una tecnologia che utilizza un sensore inserito nel telecomando per rilevare la temperatura e assicurare una più precisa climatizzazione della stanza. Il sistema è studiato per fare in modo che l’apparecchio modifichi i parametri di funzionamento in base al valore di temperatura misurato nel punto in cui è appoggiato il telecomando (solitamente rappresenta anche la zona di stazionamento dell’utilizzatore), anziché fare riferimento al sensore dello split.

Domande frequenti

Classifiche correlate