Migliori decespugliatori a batteria

I migliori decespugliatori a batteria selezionati per potenza, autonomia, diametro di taglio, maneggevolezza e rapporto qualità prezzo.

Classifica migliori decespugliatori a batteria

Einhell GC-CT 18/24 Li P

Einhell GC-CT 18/24 Li P

Pro

  • Peso contenuto
  • Discreta autonomia
  • Costo contenuto

Contro

  • Non si può regolare in lunghezza
  • Batterie compatibili con elettroutensili della stessa linea
  • Proteggi lame troppo piccolo

Einhell GC-CT 18/24 Li P è un tagliabordi a batteria che si presenta con un look decisamente diverso da molti prodotti concorrenti. Al posto del solito tubo in alluminio troviamo una struttura compatta in solida plastica con una sgargiante colorazione rosso sangue.

Le due maniglie (una fissa, l’altra regolabile ed entrambe di materiale plastico) permettono una presa comoda e sicura, mentre la mancanza di un’asta telescopica rende scomodo l’utilizzo per le persone più alte dovendo incurvare eccessivamente la schiena. Ciò nonostante la maneggevolezza è assicurata da un peso inferiore ai 2 chilogrammi: aspetto apprezzato soprattutto dal pubblico femminile.

Questo modello non spicca di certo per grande potenza anche se la qualità del taglio è apprezzabile viste le 8.500 rotazioni al minuto e un’ampiezza di 24 centimetri. Al posto della classica bobina con filo sono state montate lame in plastica facilmente sostituibili in caso di rottura e con 20 coltelli di ricambio compresi nella fornitura.

L’alimentazione è garantita da una batteria della serie Power X-Charge intercambiabile con gli accumulatori montati su altri apparecchi da giardinaggio della stessa linea. L’autonomia massima raggiungibile è di 40 minuti con la presenza di tre led ad indicare il livello di carica, mentre per riportare l’energia al 100% sono necessarie dalle tre alle cinque ore.

Einhell GC-CT 18/24 Li P è un prodotto adatto per lavori poco gravosi come rifinire i bordi o tagliare piccole porzioni di prato. Si tratta di un dispositivo dal prezzo decisamente economico, con una sufficiente potenza, buona autonomia ed estrema leggerezza.

Un punto debole è rappresentato dai coltelli in plastica che tendono a rompersi con una certa facilità venendo a contatto con parti solide come sassi e muretti. Altri aspetti negativi sono l’impossibilità di regolare la lunghezza del manico e un proteggi lame di misura un po’ troppo piccola.

Worx WG163E

Worx WG163E

Pro

  • Rimane in posizione verticale se appoggiato a terra
  • Peso contenuto e ben bilanciato
  • Buona manovrabilità
  • Due batterie in dotazione
  • Solidità

Contro

  • Autonomia singola batteria migliorabile

Worx WG163E è un decespugliatore tagliabordi realizzato con una solida e leggera struttura in alluminio e con la peculiarità di reggersi in posizione verticale senza appoggio.

Le caratteristiche costruttive sono le tipiche che contraddistinguono questa categoria di apparecchi, ovvero un’asta con lunghezza regolabile e doppia maniglia con interruttore a grilletto. La batteria è posizionata appena sotto l’impugnatura e assicura una buona distribuzione del peso che risulta di circa 2 chilogrammi.

Si tratta di un modello decisamente leggero che si manovrare con una certa dimestichezza, riuscendo a raggiungere i punti inaccessibili con un tradizionale tagliaerba. La testa inclinabile di 90°, ruotabile di 180° e il bordatore con ruote integrate permettono di regolare comodamente l’erba lungo i vialetti oppure attorno ad aiuole e piante.

Il sistema di taglio assicura precisione ed efficacia grazie alla bobina con uscita del filo automatico con comando, ampiezza di taglio pari a 30 centimetri e velocità che raggiunge i 7.600 giri al minuto.

Nella fornitura sono comprese due batterie agli ioni di litio da 20 volt e 2,0 Ah che offrono una sufficiente autonomia e tempi di ricarica attorno alle 5 ore. Da sottolineare la presenza di un doppio pulsante di accensione per evitare un avvio accidentale.

Secondo la mia opinione Worx WG163E è un decespugliatore che offre un soddisfacente rapporto qualità prezzo. I suoi punti di forza sono la solidità costruttiva unita ad una buona leggerezza, il che consente l’utilizzo per rifinire bordure e rasare prati anche a donne e persone anziane maggiormente sensibili all’affaticamento muscolare. L’unico svantaggio è rappresentato da un’autonomia che raggiunge circa 25 minuti, ma che viene in parte superato dalla presenza di una batteria di scorta.

Gardena Trimmer Comfortcut Li-18/23R

Gardena Trimmer Comfortcut Li-18/23R

Pro

  • Precisione di taglio
  • Cambio lame semplice e veloce
  • Elevata autonomia
  • Tempi di ricarica contenuti

Contro

  • Peso leggermente sbilanciato in avanti
  • Asta telescopica non molto lunga

Gardena Trimmer Comfortcut Li-18/23R è un decespugliatore tagliabordi dalle dimensioni compatte e un peso di circa 2,8 chilogrammi. Caratteristiche abbastanza comuni per questa tipologia di apparecchi che devono assicurare estrema maneggevolezza e la possibilità di raggiungere punti inaccessibili con tagliaerba più ingombranti.

Questo modello si utilizza con facilità anche se il peso risulta leggermente sbilanciato in avanti, un aspetto che alla lunga può affaticare. La doppia impugnatura offre una comoda posizione di lavoro e semplifica la conduzione. L’asta telescopica regolabile, come spesso accade, è abbastanza corta e crea qualche problema posturale alle persone alte più di 1 metro e 80 centimetri.

La testa di taglio ribaltabile ed inclinabile consente di eseguire tagli precisi anche in verticale, mentre la lama in plastica assicura un taglio silenzioso ed efficace con larghezza di 23 centimetri.

Il sistema RotorCut è un ulteriore valore aggiunto per facilitare il cambio lame. Il modello di questa recensione è equipaggiato con una batteria da 18 volt e capacità di 2,4 Ah, assicurando un’autonomia massima di 50/60 minuti (corrisponde a circa 1500 metri di bordure). I tempi di ricarica sono di 5 ore per riportare l’accumulatore al 100%, ma bastono 3 ore per avere a disposizione l’80% dell’energia.

Gardena Trimmer Comfortcut Li-18/23R è un dispositivo che consigliamo a chi deve eliminare l’erba dai bordi di un prato anche di notevoli estensioni, lungo i vialetti, attorno ad aiuole oppure rasare piccole zone in giardino. Le lame in plastica sono efficienti ma serve fare attenzione alla presenza di sassi ed altri oggetti solidi per evitare facili rotture. La manovrabilità è di buon livello anche se un peso concentrato nella parte anteriore e un’asta non particolarmente lunga, offrono qualche minimo disagio.

Bosch AdvancedGrassCut 36

Bosch AdvancedGrassCut 36

Pro

  • Buona ergonomia
  • Potenza elevata
  • Gestione intelligente di potenza e autonomia
  • Batterie compatibili con altri elettroutensili Bosch

Contro

  • Batteria e caricabatteria non inclusi

Bosch AdvancedGrassCut 36 è un tagliabordi che all’occorrenza può essere utilizzato come decespugliatore per eliminare erbe infestanti oppure rasare ampie zone di prato.

L’impugnatura con rivestimento Softgrip e la maniglia supplementare regolabile, consentono di avere una buona posizione di lavoro in qualsiasi condizione. L’alimentazione a batteria, l’asta telescopica e un peso di poco inferiore ai 3 chilogrammi sono ulteriori elementi che rendono l’apparecchio particolarmente maneggevole.

Il sistema a doppio filo con bobina ad erogazione automatica è garanzia da una parte di tagli precisi con ampiezza di 30 centimetri e dall’altra di una notevole comodità non dovendo sospendere il lavoro per la sostituzione del filo.

Questo dispositivo deve essere alimentato con una batteria Bosch agli ioni di litio da 36 Volt e capacità minima di 2 Ah. La tecnologia Syneon Chip gestisce in modo intelligente la potenza, con due livelli di velocità selezionabili in modo da limitare i consumi e prolungare l’autonomia in base al tipo di utilizzo.

Bosch 0600878N04 AdvancedGrassCut 36 è un apparecchio ergonomico, potente e molto leggero. Si può utilizzare per il taglio bordure e rasare l’erba in zone di media estensione con rapidità e bassa rumorosità.

Da sottolineare come il tagliabordi sia venduto senza batteria e caricatore da acquistare a parte. Una scelta commerciale non inconsueta e che va incontro ai consumatori più fedeli che disponendo di altri prodotti senza filo della stessa linea, possono tranquillamente impiegare la batteria già in possesso.

Black + Decker GLC3630L20-QW

Black + Decker GLC3630L20-QW

Pro

  • Maneggevolezza
  • Buona autonomia
  • Tempi di ricarica contenuti

Contro

  • Manico troppo corto per gli utilizzatori più alti

Black + Decker GLC3630L20-QW è un decespugliatore dotato di doppia funzione per regolare le bordure oppure rasare l’erba anche di ampie zone. Ciò che subito si apprezza è la notevole maneggevolezza grazie alla batteria ricaricabile, manico telescopico regolabile e un peso di 3,5 chilogrammi.

Aspetti che lo rendono particolarmente gradito, non solo al pubblico maschile, ma soprattutto alle donne potendolo utilizzare per lunghe sessioni di lavoro senza affaticare più di tanto la muscolatura delle braccia.

Una peculiarità di questo prodotto è il sistema Power Select che permette di scegliere tra una modalità Eco per lavori meno impegnativi oppure Turbo per affrontare i tagli più difficili. Il meccanismo automatico di erogazione del filo è particolarmente comodo, mentre la bobina in dotazione ha una lunghezza di 10 metri e assicura diversi impieghi prima della sostituzione.

Il dispositivo monta una batteria agli ioni di litio da 36 volt, capacità di 2 Ah e un tempo di ricarica che oscilla tra 1,5 e 2 ore. L’autonomia varia notevolmente in base alla modalità selezionata, con la Eco che garantisce una durata di circa 40 minuti in modo da completare il taglio di prati di medie dimensioni senza interruzioni.

Black + Decker GLC3630L20-QW è un tagliabordi che annovera tra i punti di forza l’estrema maneggevolezza, la buona versatilità d’uso e la comodità di non dover interrompere i lavori ogni 5 minuti per sostituire il filo.

Uno dei pochi punti deboli è rappresentato dal manico che, seppur regolabile, risulta abbastanza corto e scomodo per utenti molto alti. Potenza ed autonomia consentono di rasare prati fino ad un’estensione di circa 70/80 metri quadri, oltre è consigliabile un tagliaerba tradizionale.

Stiga SBC 48 AE

Stiga SBC 48 AE

Pro

  • Elevata potenza
  • Buona autonomia
  • Precisione di taglio
  • Maneggevolezza
  • Ampio diametro di taglio

Contro

  • Batteria e caricabatterie non inclusi

Stiga SBC 48 AE è il miglior decespugliatore tra i modelli inseriti in questa guida all’acquisto. Un elettroutensile da giardinaggio potente, affidabile e resistente con una serie di caratteristiche che garantiscono una soddisfacente praticità d’uso.

Uno dei suoi punti di forza è senza dubbio la batteria: un accumulatore agli ioni di litio con voltaggio di 48 Volt e capacità di 5 Ah, in grado di fornire l’adeguata alimentazione al motore da 235 Watt e un’autonomia di 30 minuti. Per la ricarica completa sono necessarie circa 3,5 ore.

Due fattori fondamentali per un decespugliatore sono la qualità del taglio e la sua maneggevolezza. L’apparecchio di questa recensione non delude affatto per entrambi gli aspetti, assicurando un taglio netto e preciso con un’ampiezza di 36 centimetri grazie all’utilizzo del filo di nylon in dotazione.

Per tagli più impegnativi si può applicare la lama in acciaio da 255 millimetri. Una buona distribuzione del peso, la presenza di comandi ergonomici e l’asta giuntabile assicurano una certa libertà di movimento.

Altra caratteristica che è doveroso sottolineare, è la presenza della testa con bobina a scorrimento automatico e sistema Tap&Go, ovvero è sufficiente un leggero colpo a terra per far fuoriuscire il filo.

Stiga SBC 48 AE nella versione completa di batteria e caricatore viene venduto ad un prezzo decisamente alto. Un discreto esborso economico che, tuttavia, è ripagato da un’apprezzabile versatilità d’uso.

Il decespugliatore permette di tagliare con rapidità e precisione bordure e grandi porzioni di prato oppure anche rovi e piante infestanti senza mostrare alcuna indecisione.

Come scegliere un decespugliatore a batteria

Dover provvedere alla manutenzione di spazi verdi implica una serie di operazioni spesso da effettuare in luoghi di difficile accesso. Se per le situazioni più agevoli è sufficiente l’utilizzo di un tosaerba elettrico, tagliare l’erba in zone a forte pendenza o in punti molto stretti, regolare cespugli o eliminare erbacce infestanti, sono mansioni che richiedono l’utilizzo di adeguati mezzi. Un elettroutensile da giardinaggio indispensabile in queste occasioni è il decespugliatore. Per godere della massima libertà di movimento e maneggevolezza, in commercio si trovano numerosi modelli a batteria. Analizziamo nel dettaglio le principali caratteristiche.

Batteria

Quando si parla di un elettroutensile a batteria questa componente è di primaria importanza e incide in maniera significativa sulle prestazioni di un decespugliatore. I modelli migliori montano accumulatori con un voltaggio minimo di 36 V, per salire fino a quelli più potenti con batterie da 54 V. In generale possiamo dire che un apparecchio di fascia alta è in grado di garantire almeno un’ora di uso continuo e offre ricariche veloci che richiedono meno di due ore. Ci sono decespugliatori che, per aumentare l’autonomia, danno la possibilità di montare accumulatori supplementari da inserire in comodi zainetti da indossare durante il lavoro.

Peso

Altro fattore determinante è il peso complessivo del decespugliatore. Questo dato condiziona la praticità d’uso. Acquistando modelli troppo pesanti si vanno in parte ad annullare i vantaggi ottenuti per la mancanza del cavo. Naturalmente questo valore è legato alla potenza del decespugliatore e quindi alla batteria che monta. Un modello molto potente ha un peso che può oscillare tra i 3,5 e 4 chilogrammi, mentre apparecchi con accumulatori da 18 V possono pesare tranquillamente meno di 2 chilogrammi.

La scelta dipende esclusivamente dall’utilizzo previsto. Se l’impiego si limita al taglio di bordure o piccoli spazi verdi, un decespugliatore leggero e meno potente è una soluzione che garantisce risultati soddisfacenti. Al contrario se si vogliono tagliare superfici più ampie ed eliminare infestanti molto resistenti come i rovi, è opportuno munirsi di un modello potente e di conseguenza più pesante. I decespugliatori top di gamma offrono il vantaggio di avere un peso ben distribuito, garantendo un perfetto bilanciamento che favorisce la maneggevolezza e diminuisce l’affaticamento.

Qualità del taglio

La qualità del taglio è legata al tipo di filo utilizzato. La preferenza ricade sul nylon: materiale resitente e con il giusto grado di elasticità. Per avere un taglio efficiente e preciso è bene non scegliere un filo troppo sottile ma rimanere su spessori compresi tra 2 e 3 millimetri. Altro aspetto importante è l’ampiezza del taglio che dipende dalla lunghezza del filo e dal conseguente diametro. Anche in questo caso si possono trovare decespugliatori con diametri poco superiori a 20 centimetri fono ad arrivare a 40 centimetri. Oltre al filo si possono utilizzare anche delle lame seghettate utili nel caso di debbano tagliare rami di modeste dimensioni o piccoli fusti.

Praticità d’uso

Per avere la garanzia di un’adeguata praticità d’uso è necessario verificare la qualità dell’impugnatura. Il materiale di rivestimento deve essere resistente ma nello stesso tempo confortevole e garantire una presa ferma e sicura. La forma ergonomica e il collocamento devono permettere all’utilizzatore di trovare una buona posizione di lavoro e un corretto bilanciamento del peso. Importante anche il posizionamento dei comandi sull’impugnatura che devono essere di immediato accesso. I modelli migliori sono tutti dotati di sistemi che permettono alla bobina di regolare in modo semiautomatico la lunghezza del filo, una funzionalità che garantisce grande praticità d’uso. Altro fattore che può incidere è la possibilità, presente solo su alcuni modelli, di ruotare di 90 gradi la testina e inclinarla in differenti posizioni.

Qualità degli accessori

Da non sottovalutare anche la qualità degli accessori forniti con il decespugliatore. Ogni costruttore fa scelte commerciali differenti ma in linea di massima, in un buon prodotto, normalmente la fornitura comprende: uno o più rocchetti di filo di nylon con diversi spessori, un certo numero di lame con differenti profili dentati, lubrificante e in alcuni casi prodotti per la sicurezza come occhiali protettivi.