Migliori ferri da stiro con caldaia

di Andrea Pilotti 19 Aprile 2019

I migliori ferri da stiro con caldaia selezionati dalla nostra redazione per capacità del serbatoio, potenza del getto vapore, qualità della piastra, maneggevolezza, design, prezzo e marca.

Bosch TDS6080 Serie 6 ProHygienic

Bosch TDS6080 Serie 6 ProHygienic

Recensione

Polti Vaporella Simply VS20.20

Polti Vaporella Simply VS20.20

Recensione

Ariete 6437 Duetto

Ariete 6437 Duetto

Recensione

Rowenta Powersteam VR8220F0

Rowenta Powersteam VR8220F0

Recensione

Philips GC7807/40 PerfectCare Compact

Philips GC7807/40 PerfectCare Compact

Recensione

Imetec Intellivapor Eco

Imetec Intellivapor Eco

Recensione

 

Come scegliere un ferro da stiro con caldaia

Quando si stira è importante avere un ferro da stiro che faciliti e velocizzi al massimo l’operazione, dando comunque risultati impeccabili. Da questo punto di vista il ferro da stiro con caldaia è il sistema stirante migliore, quello che offre la garanzia di un risultato più vicino possibile a quello di una stiratura professionale.

Anche tra i ferri a caldaia, però la scelta va fatta con oculatezza, per non pentirsi del proprio acquisto. Un buon ferro a caldaia costa di più di un ferro da stiro tradizionale quindi, anche in relazione all’investimento piuttosto importante da fare, è bene valutare attentamente e fare una buona scelta.

Vediamo quali sono le caratteristiche imprescindibili di un buon ferro da stiro a caldaia:

Tipologia e capienza serbatoio

Esistono due tipi di ferro da stiro a caldaia: quelli con caldaia incorporata e quelli con caldaia a parte. I primi sono essenzialmente uguali a quelli tradizionali ma hanno, al loro interno, un piccolo serbatoio da 130/600 ml preposto alla produzione del vapore. Sono consigliati ai single o ai nuclei familiari ridotti, dove la biancheria da stirare è limitata o, comunque, dove non si necessita di stirare troppe cose con l’ausilio del vapore.

I secondi, invece, hanno il serbatoio-caldaia a parte, quindi molto più grande e capiente, anche oltre il litro. Sono più ingombranti ma permettono un’autonomia di lavoro molto più lunga: la scelta ideale per i nuclei familiari più numerosi o per chi stira molte camicie, per esempio, capo d’eccellenza che necessita di vapore.

Che si scelga un ferro con caldaia inclusa o uno con caldaia separata è importante far caso alla maneggevolezza e comodità del pulsante per l’erogazione del vapore: è consigliabile provare ad impugnare il ferro e scegliere quello che meglio si addice alla propria mano per ergonomia e peso. Un ferro da stiro scomodo può far diventare il momento della stiratura ancora meno piacevole, più faticoso e lungo. Il ferro da stiro con caldaia inoltre risulta ancora più maneggevole ed efficace se usato su un asse da stiro aspirante.

La potenza del getto di vapore

Il risultato di una buona stiratura è dato da tre elementi fondamentali: il peso del ferro da stiro, la bravura di chi stira e la potenza del ferro. I ferri a caldaia combinano due tecniche stiranti ed è per questo che hanno un’efficacia maggiore rispetto ad altri dispositivi: il calore della piastra ed il getto di vapore delle stiratrici verticali. Il vapore ammorbidisce ed umidifica le fibre dei tessuti, predisponendole nel migliore dei modi a stirarsi sotto il peso ed il calore della piastra.

Una potenza importante del getto di vapore è necessaria per stirare alcuni capi in particolare: le lenzuola, i tessuti più spessi come il denim o il cotone pesante ed i capi che tendono a stropicciarsi molto, ad esempio quelli in lino. L’erogazione del vapore può essere manuale, ossia avvenire a piacere, premendo l’apposito pulsante, oppure automatica, cioè innescarsi da sola ogni qualvolta la piastra del ferro si avvicina orizzontalmente al tavolo da stiro.

Il materiale della piastra

Il ferro da stiro con caldaia può avere la piastra in tre materiali: teflon, alluminio o acciaio inox. Il teflon è poco utilizzato. È un materiale che garantisce un ottimo scorrimento della piastra sui tessuti ma non trattiene bene il calore come l’alluminio o l’inox. Può essere una buona scelta per chi stira, solitamente, capi e biancheria poco stropicciata, che non necessita di un intervento particolarmente aggressivo.

La piastra in alluminio, invece, ha la caratteristica di concentrare il calore maggiormente in punta rispetto al resto della sua superficie: utile per chi ha uno stile di stiratura che tende a sfruttare maggiormente la parte anteriore del ferro o per chi stira tendenzialmente capi in cui bisogna arrivare ad angoli ostici.

Dà ottimi risultati sui vestiti dei bambini che, avendo dimensioni piccole, vengono stirati principalmente con la punta del ferro. La piastra in acciaio inox, invece, raggiunge temperature molto elevate ed omogenee su tutta la superficie e quindi risulta più versatile, in generale, garantendo ottimi risultati su tutti i tipi di tessuto e su tutte le tipologie di biancheria.

Le funzioni aggiuntive importanti

I ferri da stiro con caldaia più professionali e funzionali hanno degli optionals interessanti, da tenere presenti se si desidera un sistema stirante veramente efficace come quello di una stireria in piena regola. Alcuni ferri a caldaia permettono lo stiraggio verticale: utilissimo per le tende, che possono, in questo modo, essere rimontate umide dopo il lavaggio e rese perfette con poche erogazioni di vapore localizzato.

Questa funzione risulta molto comoda anche per stirare capi ingombranti come cappotti, copriletti, copridivani, coperte e teli in tessuto. Un’altra caratteristica da verificare, prima di acquistare un ferro da stiro con caldaia, è che preveda l’utilizzo di semplice acqua del rubinetto e che abbia un sistema anticalcare incorporato.

I ferri da stiro di vecchia generazione costringono all’uso di acqua depurata o distillata, aggiungendo un costo ed obbligando a tenerne una scorta in casa, con l’ingombro che ne consegue. Il sistema anticalcare permetterà una manutenzione meno impegnativa: tutti i ferri a caldaia, ogni tanto, vanno trattati con apposite pastiglie per eliminare i residui calcarei ma, se è presente il filtro, quest’operazione potrà essere fatta meno spesso.

Le funzioni aggiuntive facoltative

I ferri da stiro con caldaia più professionali e top di gamma offrono ulteriori optionals, da valutare soggettivamente relativamente alla loro fruibilità. Alcuni ferri danno la possibilità di regolare la potenza del getto di vapore anziché averlo costante: questo può essere utile a chi stira spesso capi delicati, di seta, lino o cotone pregiato in quanto in alcuni punti del capo potrebbe servire un minimo apporto di vapore ed in altri un getto potente.

Un’altra funzione interessante, presente nei modelli più elaborati, è quella di poter selezionare il tessuto da stirare ed ottenere, di volta in volta, un diverso calore: anche questo è utile a chi stira spesso biancheria delicata o particolare e desidera trattare ogni singolo tessuto al meglio, inclusi raso, seta e lana.

Elettrodomestici che potrebbero interessarti
GUIDA ACQUISTI
Guida all'acquisto degli Elettrodomestici
Dal 2007 Guida Acquisti è la rivista consumatori indipendente che ti aiuta scegliere gli elettrodomestici, attraverso classifiche,recensioni e offerte dei migliori prodotti sul mercato.