Migliori Forni da incasso Pirolitici

di

Classifica, Recensioni e Offerte dei Migliori Forni da incasso pirolitici sul mercato, selezionati dalla nostra redazione per capienza del vano, programmi e modalità di cottura, qualità dei materiali, efficienza del sistema pirolitico di autopulizia, sicurezza, design, prezzo e marca.

Migliori Forni da incasso Pirolitici

Classifica e Recensioni dei Migliori Forni da Incasso Pirolitici sul mercato

Tabella Comparativa

Modello Capcità (litri) Potenza (Watt) Classe di efficienza energetica
Bosch Serie 8 HBG675BS1J 71 2850 A+
Smeg SFP9395X1 115 4000 A+
Whirlpool AKZM 8660 IX 73 3650 A+
Hotpoint FI9 891 SP IX HA 73 3650 A+
Electrolux FQP95XEV 71 2980 A+
Siemens iQ700 HB676G0S1F 71 3600 A+

Bosch Serie 8 HBG675BS1J

Bosch Serie 8 HBG675BS1J è uno dei migliori forni da incasso pirolitici sul mercato, potendo contare su questo peculiare sistema che, grazie a un potente flusso di aria con temperature che arrivano fino a 480 gradi centigradi, pulisce completamente l’elettrodomestico, lasciando solo una minima quantità di cenere da rimuovere manualmente.

La praticità di un prodotto efficiente nelle automazioni la troviamo anche, a nostro avviso, nella avanzata funzione Autopilot: una volta inserite le pietanze da cuocere, è sufficiente indicare al forno i valori di peso e il programma di cottura tra i 10 disponibili, per avviare la preparazione che sarà completamente automatica.

L’elettrodomestico di questa recensione sfrutta inoltre la tecnologia Aria calda 4D per una ottimale distribuzione del calore all’interno del vano cottura, dotato di incassi per posizionare fino a 4 teglie, e tramite il pannello di controllo con display TFT è possibile selezionare una tra le 85 diverse modalità di cottura.

Dotato di guide telescopiche per aiutare nelle operazioni di inserimento ed espulsione delle pietanze, questo forno pirolitico da incasso offre praticità anche nella pulizia del vetro incastonato nella porta con finiture inox, grazie alla tecnologia Easy to Clean.

Bosch Serie 8 HBG675BS1J è un prodotto efficiente sotto il profilo dei consumi in bolletta, attestandosi in Classe energetica A+ con un assorbimento elettrico di 2850 Watt, ed offre un volume utile alla cottura pari a 71 litri, valore sufficiente a soddisfare le esigenze anche di famiglie numerose.

Smeg SFP9395X1

Un elettrodomestico ricco di funzionalità e attento alla sicurezza: così possiamo sintetizzare la nostra opinione su Smeg SFP9395X1, forno pirolitico da incasso termoventilato adatto all’installazione in moduli da 90 centimetri.

Il prodotto di questa recensione fa parte della Linea estetica Classica di Smeg, caratterizzata da un design pulito e minimalista, che può contare sulla finitura inox antimpronta per offrire resistenza allo sporco, solidità e un look moderno.

A disposizione dell’utente registriamo 10 diverse funzioni di cottura, richiamabili dal display Easy guide di immediata lettura, per un controllo facilitato anche sulle due modalità di pulizia: Pirolisi (per eliminare le incrostazioni più consistenti) e Pirolisi Eco, per un utilizzo più frequente e meno dispendioso in termini di energia elettrica.

Buona la dotazione funzionale, che comprende 50 programmi automatici e 10 ricette personalizzabili dall’utente, mentre sul fronte versatilità segnaliamo le funzioni scongelamento a tempo o a peso, scaldapiatti e lievitazione, oltre al programmatore con partenza ritardata e spegnimento automatico a fine cottura.

La temperatura, regolabile su 5 posizioni da 30 a 280 gradi centigradi, sarà apprezzata da chi ama cotture anche a basso calore, nella preparazione di cibi più delicati e dei quali si vogliono preservare le benefiche proprietà nutrizionali.

Adatto a famiglie numerose per via del volume pari a 115 litri, Smeg SFP9395X1 è una buona scelta secondo la nostra opinione per chi ha bambini in casa, grazie alla porta fredda dotata di 4 vetri con sistema di chiusura Soft Close, mentre la dotazione di serie si compone di 1 griglia con stop posteriore, 1 inserto per bacinella, e guide telescopiche a estrazione totale.

Whirlpool AKZM 8660 IX

Whirlpool AKZM 8660 IX fa affidamento a un sistema di pulizia automatica, per la sanificazione del suo vano da 73 litri di capacità, che unisce l’efficacia della tecnologia pirolitica alla semplicità di un sistema di attivazione che richiede la semplice pressione di un tasto.

Un buon sistema, a nostro avviso, per semplificare la vita in cucina: la filosofia che sta alla base di questo forno pirolitico da incasso è volta infatti a garantire il massimo comfort d’utilizzo, che ritroviamo ad esempio nella porta con chiusura rallentata e ammortizzata.

Qui troviamo un’altra accortezza che restituisce sicurezza in cucina: stiamo parlando del vetro termoriflettente in grado di mantenere sempre bassa la temperatura esterna, caratteristica apprezzata da chi ha bimbi in casa e desidera la massima tranquillità.

Sul fronte operativo registriamo la praticità delle 16 funzioni di cottura, che assieme alle 30 ricette pre impostate e gestite dalla Tecnologia Sesto Senso, aiutano ad ottenere preparazioni sempre perfette, grazie alla regolazione automatica di tempi e temperature d’esercizio.

Whirlpool AKZM 8660 IX, forno da incasso pirolitico in Classe di efficienza energetica A+, è a nostro avviso indicato anche a chi dispone di poco tempo da dedicare alla cucina, grazie al sistema Ready2Coock che elimina la necessità del pre riscaldamento.

Un plus significativo del prodotto, infine, è rappresentato dalla funzione Cook3, grazie alla quale è possibile preparare anche 3 tipologie diverse di alimenti contemporaneamente, senza mischiare tra di loro aromi e sapori.

Hotpoint FI9 891 SP IX HA

In buona posizione nella classifica dei migliori forni da incasso pirolitici sul mercato, Hotpoint FI9 891 SP IX HA si contraddistingue per la buona facilità di utilizzo, che rende il prodotto a nostro avviso una buona scelta per chi desidera praticità e semplicità in cucina, grazie al sistema di controllo e alle guide telescopiche estraibili e lavabili in lavastoviglie.

L’elettrodomestico di cui parliamo in questa recensione è infatti dotato di un innovativo sistema di controllo chiamato Touch control, presente nei più recenti modelli della gamma Hotpoint, grazie al quale l’interazione col forno è stata resa più semplice e immediata.

Sul pannello sono infatti presenti pochi ma chiari simboli grazie ai quali è possibile navigare nel menu di controllo per poter accedere a tutte le funzionalità offerte da questo forno che gode del sistema di pulizia per pirolisi.

A disposizione dell’utente troviamo infatti 10 programmi di cottura, utili per le più comuni preparazioni da affrontare nella cucina di tutti i giorni, che insieme alla capienza di 73 litri del vano con finitura esterna in acciaio inox, rendono il prodotto indicato a chi ne fa un utilizzo quotidiano, senza doversi preoccupare più di tanto della sua pulizia, a cui provvede il sistema pirolitico.

Hotpoint FI9 891 SP IX HA offre anche una dotazione di accessori adeguata: col forno vengono infatti consegnate 1 griglia, 1 leccarda a dimensione standard, e un guanto a muffola resistente alle alte temperature.

Electrolux FQP95XEV

La tecnologia pirolitica di Electrolux FQP95XEV svolge un’azione autopulente grazie all’emissione di un forte getto di calore: con la temperatura interna che arriva a valori prossimi ai 500 gradi centigradi, l’unica operazione richiesta all’utente è il semplice passaggio di un panno umido nel vano da 71 litri, per liberarlo dalla cenere residua ed avere così il forno di nuovo pronto all’uso.

A questo punto siamo infatti in grado di utilizzare l’elettrodomestico presente in questa classifica per poterne sfruttare a pieno le potenzialità, tra cui segnaliamo la buona distribuzione del calore, grazie alla ventola di generose dimensioni che permette la cottura simultanea di alimenti posti su più teglie.

Le 8 modalità di cottura a disposizione sono facilmente accessibili mediante il pannello comandi posto sul frontale, dal quale poter attivare anche il timer, accendere la luce interna del forno, o far partire la modalità di riscaldamento rapido.

Tutte le informazioni relative alla preparazione in corso sono facilmente leggibili attraverso il display a LED posto in posizione centrale nel pannello di controllo, al di sotto del quale si trova la porta munita di 4 vetri rivestiti con materiale termoisolante e termoriflettente, per evitare scottature accidentali.

Questo accorgimento, insieme alla funzione di blocco per bambini, rende l’elettrodomestico una buona scelta per quanto riguarda la sicurezza in cucina, mentre per quanto riguarda la dotazione di serie troviamo una leccarda, una griglia, e una teglia per dolci.

Electrolux FQP95XEV offre inoltre l’interessante funzione Plus Steam, che consiste in un getto di vapore utile a rendere dorati e croccanti gli alimenti, e si rivela una buona soluzione anche per quanto concerne i consumi in bolletta, perché è collocato in Classe di efficienza energetica A+.

Siemens iQ700 HB676G0S1F

Il sistema di autopulizia per pirolisi presente su Siemens iQ700 HB676G0S1F è stato progettato sfruttando le caratteristiche della tecnologia activeClean®. Sviluppata dallo stesso Brand tedesco, permette di raggiungere i migliori risultati in termini di pulizia del forno, contenendo allo stesso tempo il consumo di energia elettrica.

L’elettrodomestico a incasso di cui parliamo in questa guida all’acquisto raggiunge infatti la Classe di efficienza energetica A+, grazie a una serie di accorgimenti tecnici utili anche nella preparazione dei più disparati cibi, come la funzione 3D Hot Air che permette di portare il forno a una temperatura di 175 gradi centigradi in soli 5 minuti, risparmiando tempo e preziosi kW in bolletta.

Sul fronte sicurezza, è utile da segnalare il vetro della porta che rimane sempre freddo e il blocco che impedisce l’azionamento accidentale del forno da parte dei bambini, mentre i programmi automatici e le 10 modalità di cottura possono essere richiamate dal Display Touch TFT incastonato nel frontale.

Siemens iQ700 HB676G0S1F, con i suoi 71 litri a disposizione, è un forno da incasso pirolitico adatto all’installazione in cucine con moduli da 60 centimetri, e secondo la nostra opinione si sposa bene con stili d’arredo moderni, grazie alla pulizia delle sue linee e all’eleganza della finitura esterna in acciaio inox.

Offerte Forni da incasso Pirolitici

Come scegliere un forno domestico da incasso pirolitico

La modernità ha modificato gli spazi di una casa accorpando i vani in ambienti funzionali. Non esiste più la cucina separata dal soggiorno mentre un’unica stanza ricomprende diversi arredi. Contemporaneamente le cucine sono piccole ma pratiche, arredate con mobili essenziali ed elettrodomestici ad incasso.

Il forno non è più a libera installazione (richiederebbe molto spazio) ma viene posizionato in una nicchia posta al di sotto del piano cottura o in un vano ad esso riservato. Nonostante le dimensioni ridotte il forno compatto non perde le caratteristiche tipiche di un prodotto tradizionale, aumentando le prestazioni e ricomprendendo funzioni volte a semplificare la vita di una persona.

Come funziona

Il forno da incasso pirolitico racchiude in un unico modello diverse peculiarità rendendolo idoneo per chi vuole un qualcosa di innovativo senza rinunciare alle classiche tecniche di cottura. La pirolisi è un processo che permette la pulizia autonoma del forno in sostituzione di detergenti per l’igienizzazione interna.
Sono in molti i consumatori che prediligono l’uso di prodotti naturali a ridotta percentuale chimica.

Il forno è un elettrodomestico che viene a contatto con il cibo ed residui chimici possono vaporizzarsi durante la cottura. Per questioni di sicurezza la pulizia avviene spesso utilizzando i rimedi della nonna, con il risultato di ritrovare incrostazioni e unto ovunque. La pirolisi ha la capacità di ridurre in carbone rimanenze di cibo trasformando le briciole in cenere attraverso un processo di ossidazione: il forno raggiunge temperature di oltre 500 gradi attivando un meccanismo di autopulizia che può essere esteso alle griglie ed alle teglie.. Consigliato per chi vuole risparmiare tempo nella manutenzione dell’elettrodomestico, il modello pirolitico può essere scelto prendendo in considerazione alcune caratteristiche che lo rendono green ed ecologico.

Dimensioni

Le dimensioni compatte del forno pirolitico consentono di montarlo in differenti angoli della cucina. Le misure sono molteplici perché è possibile acquistare un prodotto medio con capacità in litri che varia dai 50 agli oltre 60. Il consumatore può prediligere modelli piccoli o grandi a seconda delle esigenze prendendo in considerazione lo spazio a disposizione e le funzionalità necessarie.

Lunghezza, altezza e profondità sono elementi da non sottovalutare perché l’incasso deve essere perfetto. Le dimensioni medie oscillano attorno ai 60 cm circa di larghezza ed altezza, con profondità che può sfiorare i 55 cm. L’essenzialità di un modello a nicchia consente di avere un funzionamento intuitivo e semplice: i forni a poco prezzo sono dotati di pulsanti e manopole a differenza di modelli più costosi che hanno in dotazione display touch.

Sistema di pulizia

Ogni prodotto con funzionalità pirolitica ha diversi livelli di pulizia che consentono di scegliere quella ottimale in base allo sporco, agli odori ed alle incrostazioni. Il consumatore può orientare la sua scelta su elettrodomestici intelligenti o dalle funzionalità basilari, a seconda se preferisce investire su un qualcosa di tecnologicamente avanzato o un prodotto essenziale puntando in questo caso sulla tipologia di cottura.

I forni intelligenti riconoscono automaticamente il livello di pulizia da attivare, a differenza della maggioranza dei modelli che permettono la preselezione. Generalmente i livelli sono tre, con cicli che durano un’ora (per una pulizia semplice degli odori), un’ora e mezza (per eliminare briciole e unto) fino alle due ore (nel caso di grasso, incrostazioni e bruciature su base e pareti) conteggiando a parte i tempi di raffreddamento.

Consigliato per chi non ama destreggiarsi fra prodotti chimici e rimedi della nonna, un processo di pirolisi costa circa 50 – 80 centesimi (in base alla durata del ciclo) trattandosi di un funzionamento da attuare poche volte all’anno.

Classe energetica

Ulteriore fattore da controllare è la potenza raggiunta da ciascun forno. Nonostante gli elettrodomestici con funzione pirolitica raggiungano temperature elevatissime, l’assorbimento di energia oscilla fra i 2,80 ed i 3 kW soprattutto se il prodotto è contraddistinto dalla classe energetica A o A+.

Ovviamente cottura ed autopulizia sono due funzioni da eseguire separatamente, il che potrebbe essere considerato come indice di elevato consumo se si esegue con frequenza la pirolisi. I materiali di cui è formato ciascun modello permettono un isolamento adeguato delle pareti diminuendo l’espansione del calore sui mobili circostanti.

Legno e metallo sono protetti dalla ventilazione tangenziale del forno (presente in quasi tutti i prodotti) che espande il calore all’interno distribuendolo in maniera omogenea. Un sistema di autobloccaggio serra il portellone durante i cicli di autopulizia per evitarne l’apertura accidentale soprattutto da parte dei bambini. In tutti i casi è lo stesso forno a segnalare quando il ciclo è ultimato, emettendo un segnale acustico o accendendo una spia frontale.

Tipologie

Il forno pirolitico ha un funzionamento elettrico e la cottura avviene attraverso le resistenze poste in alto e in basso o installate sulle pareti della cavità. In base ai brand è possibile scegliere fra un prodotto ventilato o termoventilato a seconda se si desidera un modello che permetta la cottura di diverse pietanze su differenti piani senza contaminazione di odori.

I consumatori green possono optare per un forno pirolitico con cottura a vapore che conserva la genuinità di ogni pietanza. Gli elettrodomestici sono dotati di differenti programmi per la preparazione delle ricette potendo raggiungere anche nove livelli di cottura. La varietà di funzioni ha un tornaconto economico perché offre la possibilità al consumatore di personalizzare la temperatura in base agli ingredienti di ciascuna pietanza.

Materiali alla base del forno pirolitico sono cristalli e vetri termoriflettenti, la cui caratteristica è quella di isolare la cassa del modello riflettendo il calore all’interno dell’elettrodomestico. La peculiarità ha una funzione specifica essendo che il termoriflettente è una proprietà tipica di alcuni pannelli utilizzati a livello domestico per ridurre lo spreco di energia.

Prezzo

Ed è con questa filosofia che i modelli pirolitici diminuiscono l’assorbimento di elettricità, potendo acquistare un prodotto multifunzionale.  L’acquirente punta molto sul design e sull’estetica del forno per abbinare il prodotto agli arredi interni della cucina. Alcuni modelli hanno una geometria semplice, intuitiva e pulita adatta ad ogni tipo di arredo.

Le case produttrici propongono stili differenti spaziando fra design retrò e funzionalità ultramoderne per essere in pendant con tendenze Shabby o Country. Il costo di un forno pirolitico è superiore rispetto ad uno tradizionale: si può comprare un prodotto multifunzionale spendendo più di 3000 euro, ma è possibile ripiegare su un elettrodomestico di circa 620 euro dalle caratteristiche semplici.

Come acquistare a metà prezzo

Per ottenere uno sconto superiore al 50% sul prezzo di listino, la nostra redazione ha sviluppato golden list, un servizio gratuito che ti informa quando i prodotti sono a metà prezzo. Leggi le opinioni di chi ha provato il servizio.

I dati inseriti saranno gestiti nel pieno rispetto del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e non ceduti a terzi.

GUIDA ACQUISTI
Guida all'acquisto degli Elettrodomestici
Dal 2007 Guida Acquisti è la rivista consumatori indipendente che ti aiuta scegliere gli elettrodomestici, attraverso classifiche,recensioni e offerte dei migliori prodotti sul mercato.