in

Migliori pulitori portatili per tappezzeria e materassi

I migliori pulitori di macchie spot cleaner per tappezzeria, auto e materassi selezionati per rapporto qualità/prezzo, oltre a classifica, recensioni e come scegliere, trovi anche il confronto prezzi.

Classifica migliori pulitori di macchie portatili

Bissell SpotClean Pro Pet 15585

Recensione Bissell SpotClean Pro Pet 15585

Pro

  • Design compatto
  • Qualità costruttiva
  • Elimina con efficacia dai tessuti anche le macchie più ostinate
  • Cavo di alimentazione molto lungo

Contro

  • Pesante

BISSELL SpotClean Pro Pet 15585 lo possiamo inserire nella categoria dei lava tappezzeria, anche se in realtà è un pulitore portatile alquanto versatile. Infatti, già dal nome si comprende come sia stato progettato per favorire la pulizia di rivestimenti in tessuto in presenza di animali domestici, ovvero per persone alle prese con cani e gatti che sporcano divani, tappeti e moquette.

Ciò che ho subito notato è l’ottima qualità dei materiali, lasciando presagire una lunga durata nel tempo. Un particolare evidente osservando, soprattutto, punti più delicati come attacco del tubo flessibile, innesto degli accessori, coperchio e agganci del serbatoio.

Nonostante un peso di circa 6 chilogrammi, a parer mio si può considerare un elettrodomestico abbastanza maneggevole. In tal senso la struttura offre un design piuttosto compatto e con ergonomia studiata per rendere l’utilizzo quanto più pratico possibile.

Oltretutto gli spostamenti dovrebbero essere limitati visto il cavo elettrico lungo ben 6,5 metri, a cui si aggiunge il tubo flessibile di 1,5 metri. Ciò significa che anche in condizioni difficili, ad esempio il lavaggio della tappezzeria o degli interni dell’auto, l’ampio raggio d’azione permette di non dover spostare in continuazione il pulitore.

La rimozione dello sporco è un’operazione semplice e intuitiva, dovendo solo riempire il capiente serbatoio dell’acqua pulita da 2,8 litri, aggiungere una corretta quantità del detergente in dotazione e iniziare ad agire sulla macchia tramite la spazzola compresa nella fornitura.

Terminata l’azione pulente passiamo alla fase di aspirazione che sfrutta il potente motore da 750 Watt per eliminare l’acqua sporca e raccoglierla nell’appassita vaschetta. Un mio personale suggerimento è cercare di non soffermarsi eccessivamente a strofinare, evitando che tessuto e imbottitura assorbano troppa acqua. Così facendo renderemo più efficace l’eliminazione dell’umidità e ridurremo i tempi dell’asciugatura.

Altro particolare che desidero evidenziare riguarda lo specifico accessorio per animali domestici denominato Stain Trapper. Si tratta di una spazzola dotata di un proprio contenitore che consente di trattenere lo sporco aspirato isolandolo dal serbatoio principale. Una soluzione molto utile nel caso dobbiamo rimuovere fango o escrementi che il nostro amico a quattro zampe ha lasciato in casa.

BISSELL SpotClean Pro Pet è un pulitore portatile che non delude le aspettative, ovvero riesce a eliminare la maggior parte delle macchie da qualsiasi tessuto. Un valido aiuto per la pulizia di rivestimenti di divani e sedie nonché per portare a nuova vita gli interni dell’auto. Sicuramente è un prodotto che consiglio a chi tiene animali in casa, ma si dimostra molto performante in ogni situazione.

Secondo la mia opinione, gli unici limiti sono il peso che influisce sulla maneggevolezza e la necessità di un po’ di pratica per ottenere i risultati desiderati. Al primo tentativo potremmo anche rimanere in parte delusi, tuttavia con la giusta esperienza riusciremo ad ottimizzare il funzionamento. Ciò significa applicare il trattamento corretto in base al tipo di sporco e comprendere come muovere la spazzola e con quale intensità agire sulle fibre.

Bissell SpotClean ProHeat

Recensione Bissell SpotClean ProHeat 36988

Pro

  • Design con ergonomia compatta e funzionale
  • Buona maneggevolezza
  • Rimuove macchie ostinate con una certa efficacia
  • Mantiene l’acqua pulita calda
  • Serbatoi facilmente removibili
  • Prezzo accessibile

Contro

  • Nessuno

BISSELL SpotClean ProHeat 36988 è caratterizzato da una struttura in plastica molto robusta e snella, dimensioni compatte pari a 17 x 30 x 36,8 centimetri e un peso di poco inferiore a 4 chilogrammi.

Grazie alla comoda maniglia possiamo trasportare e spostare per casa il pulitore senza grandi difficoltà. Il raggio d’azione è sufficientemente ampio per consentire l’utilizzo lasciando l’apparecchio in un punto e raggiungendo la zona da pulire sfruttando il tubo flessibile lungo 1,37 metri e il cavo dell’alimentazione di 5 metri.

Ho trovato molto comodo il posizionamento ai lati dei due serbatoi dell’acqua pulita e di quella sporca, così come il sistema di riempimento orizzontale che agevola anche le operazioni di svuotamento. Decisamente pratico l’alloggiamento sia del tubo flessibile che del filo elettrico, in modo da occupare poco spazio durante il rimessaggio.

La preparazione della macchina prevede solo l’aggiunta del mix di acqua e detergente in dotazione all’interno del contenitore da 1,1 litri. La spazzola ha dimensioni contenute, il che significa agire con una certa precisione sulle macchie. Il rovescio della medaglia è l’aumento di tempo e fatica nel caso lo sporco dovesse interessare un’area molto estesa.

Al fine di rendere più efficace la pulizia, suggerisco di inserire acqua già a 40/50 °C, sfruttando la tecnologia Heatwave per mantenere costante la temperatura. Altro consiglio è strofinare con cura la zona interessata erogando la soluzione detergente senza esagerare e solo alla fine azionare l’aspirazione. Il motore da 350 Watt riesce a eliminare più del 90% dell’acqua che ha imbevuto le fibre, tuttavia è normale che il tessuto rimanga leggermente umido.

BISSELL SpotClean ProHeat 36988 è un pulitore portatile che fa quel che promette, vale a dire rimuovere sporco e piccole macchie da divani in tessuto, moquette, materassi, tappezzeria e interni dell’auto con una certa facilità. Secondo la mia opinione, per ottenere risultati soddisfacenti è necessario acquisire la giusta esperienza e, soprattutto, essere consapevoli dei limiti.

Infatti, questo modello nasce per consentire la pulizia rapida e mirata di piccole aree e non certo per lavare completamente un divano a tre piazze, un materasso matrimoniale, grandi tappeti o intere pareti rivestite di tappezzeria. In questi casi è necessario acquistare una macchina molto più potente, dotata di serbatoi di maggior capienza e accessori adeguati al trattamento di grandi superfici.

Karcher SE 5.100 Lava & aspira

Recensione Karcher SE 5.100

Pro

  • Elimina in profondità lo sporco da tappeti e moquette
  • Possibilità di utilizzo sia come aspiratore a secco che lava e asciuga tessuti
  • Serbatoi molto capienti e di facile rimozione
  • Completa dotazione di accessori

Contro

  • Lavaggio pavimento poco efficace
  • La guarnizione del serbatoio acqua pulita si stacca facilmente

Kärcher SE 5.100 è un apparecchio progettato per garantire le massime prestazioni nella pulizia di tessuti, quindi particolarmente adatto per eliminare lo sporco annidato tra le fibre di moquette, tappeti, divani, materassi e sedili dell’auto. Tuttavia, può essere impiegato anche come un comune aspiratore da traino per rimuovere polvere e piccoli detriti da superfici dure, nonché per il lavaggio dei pavimenti.

Le dimensioni di ingombro sono abbastanza compatte e pari a 42,2 x 32 x 46,5 (H) centimetri, mentre il peso senza accessori è di circa 7,7 chilogrammi. Grazie al cavo elettrico lungo 5 metri, tubo flessibile di 2 metri e due tubi rigidi da 0,5 metri ciascuno, il raggio d’azione risulta molto ampio. Ciò consente di limitare al minimo gli spostamenti, che sono comunque facilitati dalle due ruote di grosse dimensioni posteriori e la coppia di rotelle piroettanti anteriori.

SE 5.100 è la versione con la dotazione di accessori più completa per consentire una notevole versatilità d’uso. Nella confezione ho trovato la bocchetta per lavaggio / aspirazione dei tessuti, spazzola per pavimenti duri e una serie di bocchette per la pulizia di fessure, poltrone e imbottiture. Sottolineo anche la presenza di una confezione da 100 ml di detergente specifico per tappeti.

L’elettrodomestico arriva quasi pronto all’uso, nel senso che dobbiamo solo inserire le ruote a incastro, montare il comodo sostegno dove alloggiare gli accessori e collegare i tubi di aspirazione e nebulizzazione dell’acqua negli appositi attacchi. A questo punto, in base alle esigenze, possiamo procedere al lavaggio di tessuti oppure alla pulizia a secco.

Nel primo caso dobbiamo aggiungere la miscela detergente nel serbatoio dell’acqua pulita da 4 litri, inserire il corretto accessorio, chiudere il cursore dell’aria sulla maniglia e spruzzare la soluzione pulente azionando la leva sull’impugnatura. Comodo il sistema di bloccaggio del grilletto per consentire la nebulizzazione continua dell’acqua. Mentre agiamo sulla superficie la macchina provvede ad aspirare l’acqua sporca che finirà in un secondo serbatoio estraibile.

Come ho accennato ad inizio articolo, l’elettrodomestico permette anche il lavaggio di pavimenti duri. In questo caso utilizziamo la spazzola per tappeti, dovendo però inserire sul profilo una lama in gomma. Ricordo che non è possibile lavare pavimenti in parquet.

Per effettuare l’aspirazione a secco è necessario rimuovere il serbatoio dell’acqua sporca e al suo posto posizionare il sacchetto di raccolta compreso nella fornitura. Inoltre, dobbiamo ricordarci di inserire l’apposito adattatore sul manico e, nel caso utilizziamo la spazzola per pavimenti, pigiare il commutatore per far fuoriuscire le setole.

Secondo la mia opinione, Kärcher SE 5.100 è un prodotto completo e molto versatile in grado di assicurare buoni risultati, soprattutto nel lavaggio di tappeti e tessuti. Le prestazioni sono valide anche durante l’aspirazione a secco, dovendo però effettuare una serie di modifiche per predisporre l’apparecchio.

Non è un elettrodomestico che suggerisco per il lavaggio di pavimenti, poiché la spazzola non riesce ad agire con la dovuta forza per rimuovere macchie e sporco ostinato. La qualità costruttiva è nel complesso soddisfacente, tuttavia c’è un aspetto negativo da evidenziare.

Mi riferisco alla guarnizione in gomma posta sull’attacco del serbatoio dell’acqua pulita che si stacca con grande facilità. Considerando che senza questo piccolo componente la pompa non aspira, bisogna prestare parecchia attenzione a non perderla quando rimuoviamo la vaschetta.

UWANT Spot Cleaner B100E

Uwant B100

Pro

  • Funziona molto bene su materassi, tappeti, cuscini, divani e tappezzeria auto
  • Materiali di buona qualità
  • Dimensioni compatte
  • Ampio raggio d’azione
  • Leggero da trasportare
  • E’ dotato di rotelle per il trasporto
  • Riesce a rimuovere efficacemente macchie e sporco da ogni tipo di tessuto
  • Elevata potenza di aspirazione
  • Serbatoio di grande capacità

Contro

  • Avrei preferito avere 2 spazzole, una piccola (già in dotazione) ed una grande per aree estese

UWANT Spot Cleaner B100 è un pulisci tessuti multifunzione che consente di eliminare macchie da ogni tipo di tessuto, risultando un valido aiuto per la pulizia di divani, tappeti, materassi, tappezzerie, moquette, sedili dell’auto e molto altro ancora.

L’elettrodomestico offre un design moderno ed ergonomico, con dimensioni compatte di 41,3 x 39 centimetri e un peso di poco inferiore a 5 chilogrammi. La struttura è completamente in plastica ma, durante l’uso, garantire una soddisfacente solidità.

Il funzionamento è alquanto semplice, infatti basta riempire il capiente serbatoio da 1,8 litri con acqua (posso aggiungere un detergente per incrementare il potere pulente) e avviare la macchina.

L’unica spazzola in dotazione presenta una comoda impugnatura ed è munita di apposite setole per agire in profondità nelle fibre e favorire l’eliminazione delle macchie.

Tramite il pulsante a grilletto decido quando erogare l’acqua, mentre il potente motore elettrico da 450 watt provvede a generare l’aspirazione necessaria per rimuovere il mix di detergente e sporco.

Posso anche impiegare il dispositivo per aspirare rapidamente sostanze liquide versate sul pavimento o qualunque altra superficie. Terminato l’utilizzo, l’acqua sporca raccolta finisce in un apposito serbatoio che posso rimuovere con comodità per le operazioni di svuotamento e pulizia.

Di questo utile elettrodomestico ho anche apprezzato la maneggevolezza che lo rende adatto a persone di tutte le età. Grazie al cavo di alimentazione lungo 5 metri e il tubo flessibile di 1,5 metri, dispongo di un ampio raggio d’azione e non sono costretto a continui spostamenti. Ciò nonostante, anche se lo devo sollevare o trascinare non sussistono particolari problemi vista la presenza di ruote e maniglia.

Secondo la mia opinione, UWANT B100-E è un prodotto interessante che annovera praticità e versatilità tra i principali punti di forza. Durante il test si è dimostrato un pulitore comodo da utilizzare e nel contempo in grado di rimuovere macchie da diversi tessuti.

L’elevata potenza di aspirazione permette di eliminare quasi completamente l’acqua in eccesso, limitando così i tempi di asciugatura. Naturalmente l’efficacia della pulizia è strettamente legata al tipo di sporco. Ho comunque costatato che, anche con sostanze piuttosto difficili da trattare, basta un po’ di pazienza per ottenere buoni risultati.

Come scegliere un pulitore di macchie portatile

Migliori lava tappezzeria portatili spot cleaner

Per eliminare macchie o riportare a nuova vita la tappezzeria è necessario impiegare apparecchi con specifiche caratteristiche. Tali elettrodomestici risultano adatti anche per il lavaggio della maggior parte dei rivestimenti in tessuto.

Pertanto rappresentano una valida soluzione per rimuovere lo sporco da divani, tappeti, materassi, sedili dell’auto e da qualsiasi copertura in stoffa che non possiamo sfoderare e mettere in lavatrice. Un valido aiuto anche in presenza di animali domestici che spesso lasciano impronte di terra e fango oppure scambiano il divano per un prato dove fare i loro bisogni.

La particolarità di queste macchine è il funzionamento con un’iniziale fase di lavaggio e la successiva aspirazione dell’acqua sporca. Quest’ultima operazione risulta di fondamentale importanza poiché permette di rimuovere quasi completamente l’umidità dalle fibre e ridurre così al minimo i tempi d’asciugatura. Vediamo di capire come scegliere un lava tappezzeria analizzando gli aspetti di maggior importanza.

Tecnologia di pulitura

Il lava tappezzeria è costituito da una struttura più o meno ingombrante che a prima vista può assomigliare ad un aspirapolvere da traino oppure a un bidone aspiratutto. In realtà, osservando l’apparecchio da vicino si nota la presenza di due serbatoi. In un contenitore dobbiamo inserire l’acqua pulita col detergente, mentre nell’altro finisce l’acqua sporca aspirata.

Una delle principali differenze sta nella tecnologia di pulitura. In tal senso possiamo suddividere i lava tappezzeria in modelli con sistema a iniezione / estrazione oppure a spazzolamento.

Iniezione / estrazione

La pulizia avviene grazie all’emissione di un getto di miscela detergente ad alta pressione che riesce ad agire in profondità nel tessuto. In questo modo lo sporco si stacca dalle fibre mischiandosi con l’acqua che viene aspirata con forza e raccolta nell’apposito serbatoio.

Le due operazioni avvengono quasi simultaneamente, visto che il sistema di iniezione è collocato proprio davanti alla bocca di aspirazione. I vantaggi di questa soluzione sono la rimozione di macchie ostinate e poter pulire / asciugare in una sola passata. La pulizia risulta molto rapida ed efficace anche per grandi superfici, ma il rovescio della medaglia è il costo piuttosto elevato.

Spazzolamento

Questo metodo caratterizza apparecchi decisamente più economici di quelli a iniezione / estrazione e meno ingombranti. Il motivo è la mancanza del sistema che deve generare un getto d’acqua ad alta pressione. In tale categoria troviamo anche modelli portatili, dal peso contenuto, facilmente trasportabili e adatti per eliminare rapidamente piccole macchie.

La fornitura di accessori può risultare più o meno completa a seconda dei modelli, comunque non può mancare il lungo tubo flessibile e la spazzola con cui agire sull’area da pulire tramite l’azione delle setole. Il liquido detergente viene spruzzato sul tessuto mentre strofiniamo con forza per rimuovere le macchie.

Terminato il lavaggio passiamo alla fase di aspirazione applicando l’apposita bocchetta (a volte si usa la stessa) e passando più volte fintantoché riteniamo il tessuto asciutto. I limiti di questo sistema sono un’azione pulente meno aggressiva, nonché maggior tempo per completare la pulizia in quanto le fasi di lavaggio e aspirazione sono separate. Il principale vantaggio è un costo molto accessibile.

Pulizia a secco

Se vogliamo godere della massima versatilità d’uso è bene verificare che il modello scelto possa funzionare anche come aspirapolvere.

In questo caso, molto probabilmente, dovremo intervenire per inserire appositi filtri, posizionare un sacchetto per la raccolta dello sporco al posto del serbatoio e utilizzare specifici accessori. Anche se non otteniamo le prestazioni di un potente aspirapolvere, rimane un valido aiuto per eliminare polvere e piccoli detriti senza scomodare altri elettrodomestici.

Qualità costruttiva

Per avere la garanzia di acquistare un lava tappezzeria durevole nel tempo, è necessario valutare la qualità costruttiva e dei materiali impiegati. Di norma la struttura di un prodotto top di gamma è realizzata con intelaiatura in alluminio o acciaio e rivestimento in materiale plastico.

Un indice di quanto l’apparecchio può essere robusto è il peso. Ad esempio modelli economici possono pesare attorno ai 5/6 chilogrammi, mentre macchine di grandi prestazioni superano anche i 10 chilogrammi.

Suggerisco di prestare attenzione anche a particolari spesso tralasciati come gli attacchi del tubo flessibile, gli innesti degli accessori, eventuali coperchi, nonché serbatoi e relativi sistemi di aggancio / sgancio.

Capacità dei serbatoi

La capienza dei serbatoi è un aspetto da tenere in seria considerazione durante la scelta. Disporre di contenitori di elevata capacità permette di affrontare la pulizia di aree piuttosto estese senza interruzioni per svuotamento e riempimento.

Tuttavia, una maggior capienza comporta l’inevitabile aumento di peso e ingombri, di conseguenza una minor maneggevolezza. Pertanto suggerisco di trovare un buon compromesso per disporre di un lava tappezzeria che assicuri un’adeguata autonomia, ma nel contempo sia comodo da trasportare e spostare. In tal senso è buona norma controllare che la macchina risulti dotata di una o più maniglie e ruote piroettanti.

Accessori

La dotazione di accessori riveste un ruolo molto importante. Infatti qualità dei materiali e completezza della fornitura incidono in maniera significativa sui risultati e la versatilità d’uso. I prodotti molto costosi sono anche i più accessoriati, offrendo un’ampia varietà di spazzole e bocchette per affrontare qualsiasi situazione.

Ciò significa poter pulire, non solo la tappezzeria, ma anche tappeti, poltrone, divani, sedie, materassi e persino gli interni e i sedili dell’auto. Vediamo di scoprire quali sono gli accessori più usati che non dovrebbero mai mancare.

  • Tubo flessibile e rigido
    Il tubo flessibile, lungo circa 1,5 metri, consente un’adeguata maneggevolezza e possibilità di raggiungere punti di difficile accesso senza dover sollevare l’apparecchio. Potrebbero essere presenti anche uno o più spezzoni di tubo in alluminio da inserire tramite gli appositi innesti, in modo da allungare il raggio d’azione e agire in zone poste in alto. Nella maggior parte dei casi il tubo flessibile integra anche l’impugnatura con la leva per erogare il detergente e avviare l’aspirazione.
  • Spazzola per lavaggio
    Forma e dimensioni possono variare anche di molto in base alle scelte tecniche delle aziende produttrici. Al netto delle differenza tra modello a iniezione / estrazione o spazzolamento, la funzione è permettere un’azione efficace sul tessuto per rimuovere la macchia. In alcuni casi può essere dotata di rulli rotanti con setole ed effettuare in simultanea la fase si aspirazione dell’acqua sporca.
  • Spazzola per pavimenti / tappeti
    È un accessorio presente in modelli che consentono anche la pulizia a secco. Si tratta di una spazzola da utilizzare sia per aspirare che lavare pavimenti e tappeti. Di solito è richiesta qualche modifica a seconda della superficie che intendiamo pulire. Oltre a pigiare il pulsante sulla spazzola allo scopo di variare posizione e altezza delle setole, a volte serve applicare un profilo in gomma così da meglio raccogliere l’acqua dal pavimento.
  • Spazzola o bocchetta mini
    Ha la medesima funzione della spazzola grande per il lavaggio, solo con dimensioni ridotte. In questo modo siamo in grado di agire con maggior precisione su piccole macchie.
  • Bocchetta a lancia
    Grazie alla bocchetta a lancia riusciamo a pulire punti molto angusti e stretti, altrimenti difficilmente raggiungibili.
  • Pulitore estraibile
    In questo caso più che un accessorio è un particolare sistema adottato solo da alcuni modelli. In pratica possiamo estrarre il corpo motore dalla macchina e trasportarlo come fosse un pulitore portatile. Così facendo riesco, ad esempio, ad agire più facilmente all’interno dell’auto oppure per la pulizia di scalini rivestiti in moquette o punti in alto.
  • Accessori per animali domestici
    Alcuni modelli sono realizzati appositamente per favorire la pulizia in presenza di cani e gatti. La fornitura prevede specifici accessori allo scopo di rendere le operazioni più pratiche. In tal senso, un esempio è la spazzola con integrato il contenitore di raccolta, così da trattenere fango o escrementi dell’animale ed evitare che lo sporco finisca all’interno del serbatoio principale.