in

Migliori lavatrici da incasso

Le migliori lavatrici da incasso selezionate per capacità di carico, efficienza energetica, velocità di centrifuga, silenziosità, rapporto qualità prezzo e marca.

miglior lavatrice da incasso

Candy CBWM814D-S

Recensione

Indesit IWME 8 EU

Recensione

Hotpoint AWM 1081 EU

Recensione

Electrolux EWG127410W

Recensione

Bosch WIW28540EU

Recensione

 

Come scegliere una lavatrice da incasso

La lavatrice è la regina degli elettodomestici: quella che si usa di più, uno strumento importante, un oggetto che si utilizza praticamente ogni giorno. Deve essere adatta alle esigenze della famiglia e fornire ottime prestazioni. La scelta della lavatrice da incasso è spesso dettata dalla necessità di ottimizzare gli spazi e di non sprecare superficie calpestabile per installarla: inserendola in un modulo si evita di dedicarle spazio che si può sfruttare in un altro modo. Vediamo quali sono le caratteristiche che fanno di una lavatrice un ottimo prodotto:

Classe energetica

Un consiglio che gli esperti danno sempre, quando si tratta di acquistare elettrodomestici ad alto consumo energetico, è quello di non fare l’errore di orientarsi su un prodotto meno costoso ma collocato in una pessima classe di risparmio energetico.

L’esubero, tutto sommato minimo, dell’investimento iniziale sarà ammortizzato in pochi mesi dal risparmio in bolletta. La differenza di spesa di consumo tra una lavatrice in ottima classe energetica e una in una classe meno efficiente è, infatti, piuttosto importante. Soprattutto nelle case dove si è abituati a fare molti lavaggi e ad utilizzare cicli ad alte temperature, è consigliabile scegliere una lavatrice da incasso che sia almeno in classe A+.

L’ideale resta, comunque, sempre la A+++, ossia quella a più alto tasso di risparmio di energia. Acquistare una lavatrice facente parte di un’ottima classe permetterà sia un grosso risparmio in bolletta, sia di contribuire attivamente ad un minore inquinamento ambientale. Per dare un dato pratico basti dire che, annualmente, una lavatrice in A+++ costa, mediamente, 58 euro in consumi, mentre una in classe A ne fa spendere circa 80.

A tal riguardo comunque è utile sottolineare come un utilizzo consapevole dell’apparecchio, ma in generale di tutti gli elettrodomestici che abbiamo in casa, possa portare a fine anno a un sostanziale risparmio in bolletta.

Centrifuga

La centrifuga è una delle cose più importanti in una lavatrice, soprattutto per chi non dispone di un’asciugabiancheria. Si tratta della rotazione veloce del cestello, che permette di eliminare quanta più acqua possibile dalla biancheria. Una buona centrifuga permette un’asciugatura più veloce: fondamentale per chi non ha molto spazio a disposizione per stendere e desidera che l’operazione di asciugatura duri il meno possibile. I modelli attuali hanno centrifughe da 600 a 1600 giri al minuto.

La scelta della potenza della centrifuga è soggettiva e dipende dai risultati che si vogliono ottenere: più sono i giri e meno tempo ci vorrà per l’asciugatura. Mediamente, una buona lavatrice da incasso, non andrebbe presa sotto i 1000 giri di centrifuga, a meno che, per gusto e stile personale, non si preferisca stendere il bucato più umido.

Programmi di lavaggio

Una buona lavatrice da incasso, così come una lavatrice con carica dall’alto, dovrebbe essere in grado di offrire una discreta gamma di programmi di lavaggio. È fondamentale che siano presenti quelli di base: il 90° con e senza prelavaggio, che è sempre utile in caso si debbano smacchiare capi particolarmente sporchi o lavare biancheria che necessita di un’igienizzazione particolare.

Si parla, ad esempio, di lenzuola e biancheria da letto in generale, asciugamani o della biancheria di neonati e bambini, che ha bisogno di essere sterilizzata e detersa al meglio. Fondamentale anche la scelta di lavaggi a temperature più basse, quindi il 60° ed il 40°, per i cicli più semplici, destinati al bucato giornaliero o ai vestiti normalmente utilizzati.

Altri programmi particolarmente utili, che dovrebbero essere presenti in una buona lavatrice da incasso, sono quelli destinati ai capi delicati: lana, seta, lino e raso quindi con la funzione a 30° o a freddo, la possibilità di regolare i giri della centrifuga o escluderla totalmente, per i bucati più sensibili. Infine dovrebbe esserci la possibilità di avere almeno una tipologia di ciclo rapido, per poter fare il bucato anche tutti i giorni senza sprecare troppe risorse in termini di acqua, corrente e tempo.

Funzioni opzionali

Le migliori lavatrici da incasso, oltre ai programmi elencati fino ad adesso, offrono alcune funzioni utili e interessanti. Una di queste è quella della partenza programmabile: utile per chi vuole caricare la lavatrice al mattino, ad esempio prima di uscire di casa, ma non vuole che il suo bucato resti tutto il giorno bagnato e rinchiuso nell’elettrodomestico.

Con questa funzione è possibile programmare l’inizio del ciclo di lavaggio, per esempio, mezz’ora prima del proprio rientro a casa, in modo da poter stendere la biancheria appena lavata al proprio ritorno ed evitare il classico odore stagnante che assumono i tessuti quando rimangono in lavatrice troppe ore.

Indispensabili, e presenti anche nelle lavatrici slim, alcune funzioni di blocco e sicurezza: durante il lavaggio o quando il ciclo è stato programmato, anche toccando i pulsanti non verranno modificate le impostazioni. Questo è molto utile per chi ha bimbi in casa: evita che i piccoli, giocando con i comandi, modifichino la tipologia di lavaggio, creando inconvenienti sul risultato.

Cosa significano i simboli della lavatrice?

Elettrodomestici simili