Migliori macchine caffè espresso automatiche

Le migliori macchine caffè espresso automatiche selezionate per rapporto qualità prezzo, oltre a classifica e recensioni trovi anche il confronto prezzi.

Classifica migliori macchine caffè espresso automatiche

De’Longhi Magnifica S ECAM21.110.W

De'Longhi Magnifica S ECAM21.110.W

Pro

  • Semplicità di utilizzo
  • Buon livello di personalizzazione
  • Facilità di pulizia

Contro

  • Consumo di acqua elevato
  • Ciclo di decalcificazione frequente

De’Longhi Magnifica S ECAM21.110.W è una macchina per caffè automatica che permette di ottenere un espresso o bevande a base di latte con qualità che si avvicina a quella del bar.

L’apparecchio è realizzato con una solida struttura in plastica e parti in acciaio inossidabile quali l’erogatore, base appoggiatazze e pannarello per produrre vapore e acqua calda. Le dimensioni sono abbastanza compatte (23 x 35 x 43 centimetri), con un peso di circa 9 chilogrammi e piedini antiscivolo per garantire una buona stabilità sul piano di lavoro.

Una caratteristica principale di questo modello è l’alto livello di personalizzazione grazie all’utilizzo di caffè in grani e selezione di ben 13 diversi gradi di macinatura. Inoltre bisogna aggiungere il regolatore d’intensità aroma e due lunghezze memorizzabili. Tutte queste operazioni si svolgono in maniera intuitiva agendo sul pannello dei comandi frontale, che dispone anche di una spia luminosa che avvisa quando è il momento di effettuare il ciclo di decalcificazione.

De’Longhi Magnifica S ECAM21.110.W è senza dubbio una macchina molto completa, di semplice e pratico utilizzo avendo un serbatoio laterale facilmente estraibile, così come il gruppo infusore per il lavaggio. I caffè sono caldi, cremosi ed aromatici con possibilità di sfruttare l’erogatore di vapore ed acqua calda per preparare schiumosi cappuccini, tisane e tè.

Gli unici aspetti negativi che ci preme sottolineare sono i frequenti cicli di decalcificazione, mentre l’alto numero di risciacqui automatici comporta da una parte il dover riempire frequentemente il serbatoio, ma dall’altra assicura acqua sempre fresca e una macchina perfettamente pulita.

Gaggia HD8749/01 Naviglio Black

Gaggia HD8749/01 Naviglio Black

Pro

  • Design moderno
  • Dimensioni compatte
  • Consumi energetici ridotti

Contro

  • Luce rossa alimentazione e stand-by sempre accesa
  • Vaschetta raccogligocce da svuotare con frequenza

Gaggia HD8749/01 Naviglio Black è una macchina per caffè automatica con un look moderno grazie ad una colorazione completamente nera con il solo contrasto dei pulsanti frontali con retroilluminazione verde. Peso e dimensioni sono abbastanza contenuti per occupare poco spazio, mentre tutti gli optional presenti assicurano un utilizzo pratico e intuitivo.

Il serbatoio dell’acqua con capacità di 1,5 litri si trova in posizione frontale, dov’è collocato anche il vano per i fondi. Altre caratteristiche costruttive sono la vaschetta raccogli gocce estraibile e il piano scalda tazze.

Questo modello utilizza caffè in grani da inserire nell’apposito contenitore superiore protetto con coperchio e dotato di regolatore manuale per impostare uno dei cinque gradi di macinatura disponibili. Sul pannello frontale troviamo la manopola per selezionare l’intensità dell’aroma da leggero a forte, con ulteriore possibilità di decidere la lunghezza del caffè e se erogare una o due tazzine. Per preparare il cappuccino si sfrutta il pannarello che fornisce istantaneamente vapore o acqua calda dopo aver premuto il relativo pulsante.

Il caffè risulta sempre alla corretta temperatura, sopratutto utilizzando bicchieri in plastica, con un’apprezzabile cremosità e note aromatiche che dipendono dalla qualità scelta e dal livello di macinatura impostato. Del resto trovare la giusta regolazione che soddisfi i propri gusti non è sempre facile e rappresenta una difficoltà comune con qualsiasi macchina automatica con macinacaffè incorporato.

Gaggia HD8749/01 Naviglio Black offre il meglio di sé nella preparazione di un elevato numero di caffè. Una soluzione che trova la sua collocazione in uffici o luoghi dov’è previsto un utilizzo intenso, in questo modo si riducono gli sprechi d’acqua limitando il numero di risciacqui. Il caffè risulta di soddisfacente qualità anche per un impiego domestico, dovendo però mettere in conto operazioni di pulizia quotidiane e periodica manutenzione per mantenere la macchina efficiente.

Beko CEG5331X

Beko CEG5331X

Pro

  • Erogatore regolabile in altezza
  • Regolazione intensità dell’aroma

Contro

  • Poco pratica la preparazione di latte macchiato e cappuccino
  • Manca il programma automatico di decalcificazione

Beko CEG5331X è una macchina caffè espresso automatica dalle dimensioni di 18,6 x 41 x 32 (h) cm, caratterizzata da un rivestimento in acciaio inox e un comodo pannello con comandi touch. La praticità d’uso è garantita dal macina caffè integrato con 5 livelli di regolazione della grana, erogatore regolabile in altezza, serbatoio estraibile da 1,5 l e vassoio raccogligocce removibile.

Ho potuto preparare con una certa facilità un buon caffè, potendo scegliere tre gradi di intensità dell’aroma (delicato, normale e forte). Bisogna mettere in conto qualche maggior difficoltà nel caso si desideri gustare un cappuccino o del semplice latte macchiato; sarà necessario collegare il montalatte all’infusore con un tubicino in dotazione e avviare l’apposito programma.

Alla fine ciò che conta in un apparecchio del genere è la qualità delle bevande e la praticità d’uso. Sebbene il giudizio sulla bontà di un caffè sia strettamente legato al gusto personale e fattori quali la qualità della miscela impiegata, considero i risultati ottenuti soddisfacenti.

Il merito è dovuto ad un processo di infusione con pressione a 19 bar e al rapido riscaldamento, il che assicura un caffè sempre bollente e cremoso. Ho apprezzato anche la facilità di pulizia con tutti i principali componenti removibili, lo spegnimento automatico programmabile e l’illuminazione della tazzina.

L’unica vera mancanza è un sistema per la decalcificazione automatica, con la procedura che dovrà essere effettuata manualmente ad intervalli regolari.

Philips EP3510/00

Philips EP3510/00

Pro

  • Dotazione di filtro dell’acqua
  • Possibilità di utilizzare sia caffè in grani che miscela in polvere
  • Design moderno
  • Utilizzo intuitivo
  • Facilità di pulizia

Contro

  • Alla minima altezza il dosatore è abbastanza distante dalla tazzina
  • Serbatoio dell’acqua senza indicatore di livello

Philips EP3510/00 colpisce per il design moderno, ricercato e nello stesso tempo elegante. Il pannello di controllo unisce uno stile contemporaneo con una notevole facilità di utilizzo grazie ad un display LCD che rende le operazioni ancor più intuitive. Altra particolarità è l’impiego sia di caffè in grani che miscela in polvere da inserire direttamente nell’apposito vano: ciò consente di potersi gustare un espresso con l’aroma desiderato oppure un buon decaffeinato.

Sono molte le caratteristiche interessanti di questo modello a partire dal filtro dell’acqua da installare nel serbatoio che riduce i livelli di calcare, permettendo di erogare circa 5000 tazzine prima di effettuare il ciclo di decalcificazione. Le macine in ceramica sono la garanzia di ottenere una miscela con un preciso grado di macinatura e una lunga durata nel tempo.

Il funzionamento è elementare con l’utilizzatore che si deve limitare a posizionare una o due tazzine sotto l’erogatore e decidere se preparare un espresso, caffè lungo oppure un cappuccino. Naturalmente è possibile ottenere solo acqua calda, decidere l’intensità dell’aroma e memorizzare dei profili in base ai propri gusti. Per montare il latte si sfrutta il pannarello in acciaio con eventuali perdite che vengono raccolte nella vaschetta, mentre i fondi finiscono in un apposito contenitore.

Philips EP3510/00 è un prodotto che assicura non solo una semplice preparazione delle bevande in breve tempo, ma offre una notevole facilità di pulizia e manutenzione grazie ad un gruppo infusore di comodo accesso. Gli unici punti deboli che abbiamo riscontrato riguardano il serbatoio completamente integrato senza una finestrella per controllare il livello di riempimento e l’erogatore che, seppur regolabile in altezza, alla quota minima resta abbastanza distante dalla tazzina provocando fastidiosi schizzi.

Come scegliere una macchina caffè espresso automatica

Un rito irrinunciabile per la maggior parte degli italiani è la degustazione del caffè, da assaporare espresso, in tazzina o al vetro. Le qualità del bar sono eccellenti mentre per uso domestico spesso si predilige la classica moka, rinunciando all’aromaticità ed alla fragranza di un caffè a regola d’arte.

Le innovazioni hanno permesso di sviluppare sistemi capaci di ricreare miscele diverse a seconda del gusto di ciascun consumatore, avendo la possibilità di unire qualità differenti come arabica e robusta. Esistono macchine di molteplici tipi , potendo scegliere tra differenti modelli che rendono veloce ed istantanea la preparazione del caffè. I sistemi automatici hanno quel qualcosa in più che li pone a metà fra le macchine professionali e quelle casalinghe, offrendo al cliente l’opportunità di degustare un caffè che conserva intatto l’aroma.

L’aroma della miscela è frutto di molteplici caratteristiche: tostatura, macinatura, varietà, e la percentuale di ciascun fattore rende unico il sapore di un caffè. La macchina automatica ha un funzionamento che mantiene intatte le qualità organolettiche grazie ad un sistema che macina nell’immediato i chicchi pressandoli e trasformandoli nell’espresso in tazza. I principali processi per la preparazione sono uniti in un unico elettrodomestico che, a seconda delle esigenze, macina, pressa ed eroga caffè lungo o ristretto.

Consigliati per chi preferisce personalizzare la miscela senza acquistare quelle già pronte, e rinunciando alla praticità di una macchina a cialde, i sistemi automatici possono essere dotati di diverse tecnologie partendo dai modelli semplici fino a raggiungere i più sofisticati. I modelli standard sono concepiti per il consumatore che si orienta sull’essenzialità, optando per una macchina provvista di poche funzionalità relegate alla macinazione dei chicchi ed all’erogazione di circa due caffè.

I prodotti all’avanguardia consentono di programmare l’intensità dell’erogazione, la macinatura, la lunghezza della miscela affiancando un cappuccinatore come optional.

I prodotti di ultima generazione garantiscono dispositivi autopulenti per la decalcificazione dei filtri aggiungendo un elemento in più alla classica preparazione del caffè. In tutti i casi il riscaldamento della caldaia può essere istantaneo o richiedere qualche minuto, ma nella maggioranza dei casi è la stessa macchina ad indicarne (tramite spia) il raggiungimento della temperatura adeguata.

Macinatura

Elemento principale di un sistema automatico è il macinacaffè, ossia un meccanismo che riduce in polvere i chicchi già tostati. Genericamente gran parte delle macchine hanno in dotazione lame realizzate completamente in ceramica in sostituzione del tradizionale acciaio inox.

La conducibilità termica è quasi nulla perché la ceramica riesce a macinare senza surriscaldare la polvere, preservando il caffè dal retrogusto bruciato. Il materiale garantisce inoltre una durata maggiore in termini di usura e di obsolescenza. A seconda dei modelli è possibile programmare la macinatura. I prodotti essenziali consentono di pre impostare pochi livelli a differenza di quelli professionali che assicurano una macinazione personalizzabile.

Materiali

Chi intende acquistare una macchina automatica deve valutare i materiali di cui è composto l’intero sistema. Trattandosi di un elettrodomestico le cui temperature possono raggiungere i 100 gradi  centigradi, i rivestimenti interni devono essere realizzati in acciaio inox. Il metallo è sviluppato per rimanere intatto nel lungo periodo, essendo che il prodotto è soggetto ad umidità, condensa ed alte gradazioni. L’acqua al suo interno può raggiungere temperature superiori ai 90 gradi per mantenere elevata la qualità della miscela.

In acciaio inox è anche il rivestimento della caldaia che, in media, può giungere fino a 15 bar di pressione a differenza dei modelli più piccoli che sfiorano i 9 bar di atmosfera. Il serbatoio per l’acqua può essere in plastica resistente con una capacità che varia da 1 ad oltre 2 litri se si sceglie un prodotto riservato alle famiglie.

Potenza

Il funzionamento del sistema per caffè in chicchi non richiede molta dimestichezza. Alcuni modelli entrano in pressione entro cinque minuti dall’accensione ma i prodotti moderni, indicati per chi vuole risparmiare tempo, si riscaldano in maniera rapida. I pulsanti di funzionamento possono essere touch o trasformarsi in semplici bottoni che preimpostano miscelazione ed erogazione. La potenza di una macchina ad uso domestico può variare tra i 1450 e i 1850 Watt ma il risparmio energetico è favorito da alcuni meccanismi di standby o autospegnimento che entrano in funzione quando il sistema è inutilizzato per parecchi minuti.

Dotazione

Il consumatore può orientare la sua scelta sull’acquisto di un prodotto versatile ricco di optional. Lo scopo è quello di investire una piccola somma per un prodotto multifunzionale capace di erogare caffè espresso in contemporanea con il cappuccino.

Elementi come scalda tazze, decalcificazione automatica, livello di macinazione e dellintensità del caffè sono un di più che garantiscono all’acquirente di ricreare dentro casa la medesima qualità ottenuta con le miscele del bar. La lancia del vapore può essere utilizzata per ottenere acqua calda nella preparazione di tè o tisane utilizzando un semplice tasto che diminuisce la pressione della caldaia.

L’investimento è dato dall’opportunità di trovare in commercio filtri e pompe per il ricambio delle componenti usurate, mentre i decalcificanti liquidi sono generalmente prodotti e consigliati dalla stessa casa produttrice della macchina automatica.

Domande frequenti

Classifiche correlate