in

Migliori mini lavastoviglie

Le migliori mini lavastoviglie selezionate per capacità di carico, silenziosità, programmi di lavaggio, efficienza energetica, consumi idrici ed elettrici, sicurezza, design, prezzo e marca

Bosch SKS62E28EU

Recensione

Indesit ICD 661 S EU

Recensione

Siemens IQ300 SK26E221EU

Recensione

Candy CDCP 6/E-S

Recensione

Bomann TSG 708

Recensione

Klarstein Amazonia 8

Recensione

 

Come scegliere una mini lavastoviglie

Le mini lavastoviglie sono strutturate, fondamentalmente, come le lavastoviglie da 60 centimetri, loro sorelle maggiori. La base è identica, così come le funzioni, variano solo le dimensioni. Il suo utilizzo primario è per il lavaggio automatico delle stoviglie e delle pentole.

Per alcuni versi è molto simile ad una lavatrice, è dotata, infatti, da un’incastellatura chiusa, all’interno della quale vanno sistemati, in cestelli di filo metallico piatti, bicchieri, posate e pentolame da porre a lavaggio. Mediante vari ugelli, fissi o su palette rotanti, violenti getti d’acqua e detergente sono indirizzati contro le stoviglie sporche.

Come funziona

Un motore elettrico innesta la pompa dell’acqua e, eventualmente, il moto rotatorio del cestello e delle palette, che però spesso sono messi in movimento dall’ opposizione dell’acqua che esce dagli ugelli. Il moto del cestello è comunque lento, per evitare la rottura di piatti e bicchieri; in molti modelli le stoviglie delicate sono lavate in uno scomparto diverso da quello delle pentole, per differenziare l’energia del lavaggio. Per riscaldare l’acqua vi sono delle apposite resistenze elettriche; la temperatura, per avere un lavaggio efficace, oscilla fra i 55 e i 65 gradi centigradi.

I detersivi per lavastoviglie, sono un po’ più forti rispetto a quelli utilizzati per il lavaggio a mano, ad esempio a base alcalina, in modo da risultare più efficaci e non creare danni alla pelle visto che non vengono direttamente a contatto con la pelle. Alcune lavastoviglie sono anche dotate, così come alcune lavatrici, di una funzione asciugante, mediante un getto di aria calda.

Naturalmente, per favorire il risparmio energetico, è preferibile non adoperare questa funzione, a meno che non sia strettamente necessario. Sul mercato è possibile trovare anche alcuni agenti chimici da aggiungere nella lavastoviglie che servono per l’auto-asciugaggio. Nonostante la temperatura di lavaggio, la lavastoviglie non garantisce la sterilizzazione degli oggetti posti all’interno, in quanto bisognerebbe avere una temperatura di almeno 121°C per 15 minuti.

Ecco alcune caratteristiche per la scelta di una mini lavastoviglie:

  • Capacità
    In linea di massima tutte le lavastoviglie, regolari, slim o mini, hanno una capacità standard dei compartimenti per i piatti. Quelle mini possono contenere fino ad un massimo di 10 coperti.
  • Dimensioni
    Le lavastoviglie da incasso, hanno in genere una profondità standard di 60 cm, ma hanno bisogno di almeno 86 cm di spazio per essere allocate comodamente. Mentre quelle mini si aggirano sui 45 cm. Le lavastoviglie standard a libera installazione, così come le corrispettive a incasso,  hanno un cassetto per conservare le stoviglie, mentre, naturalmente, quelle piccole hanno solo il vano del lavaggio e la porticina per ritirarle. Alcune mini-lavastoviglie risultano anche un po’ scomode, in quanto per caricarle bisogna spostare e “smontare” un po’ di pezzi, come ad esempio il braccio irroratore.
  • Funzionalità
    Le mini lavastoviglie sono identiche, per composizione e funzionamento a quelle regolari, anche se a volte, avendo dei motori meno potenti, non garantiscono la stessa efficienza di lavaggio. Quindi, anche avendo una capienza sufficiente per le stoviglie di 4 persone, lavorano meglio se non le si carica al massimo. L’interno è fatto di plastica o di acciaio inossidabile, quest’ultime resistono meglio le alte temperature, i detersivi più aggressivi e sono più silenziose. I modelli più vecchi erano smaltati internamente, ma erano più esposte all’erosione e alle scheggiature. I modelli attuali, sia mini che regolari, sono dotati di speciali micro-processori e sensori che regolano la durata del lavaggio in base alla sporcizia delle stoviglie. Tutto ciò è molto utile per risparmiare acqua e corrente.
  • Rumorosità
    I nuovi modelli sono anche più silenziosi rispetto ai precedenti, grazie all’utilizzo di motori più sofisticati e di pannelli insonorizzati. Alcune lavastoviglie abbassano il rumore fino a 44 decibel dai 65-70 di quelle più vecchie.

Elettrodomestici simili