in

Recensione Philips Lampada da tavolo UV-C

Recensione della lampada da tavolo UV-C Philips, oltre alle mie opinioni sul prodotto trovi pro e contro, caratteristiche e comparazione prezzi.

Philips Lampada da tavolo UV-C

Pro

  • Solidità costruttiva
  • Dimensioni compatte
  • Facile utilizzo
  • Sensore di movimento integrato
  • Design moderno

Contro

  • Cambiando stanza è necessario, ogni volta, ascoltare la procedura guidata
  • La voce non comunica quando la lampada si accende e ha terminato la disinfezione

La funzione di questa lampada da tavolo UV-C proposta da Philips è sanificare l’ambiente domestico in cui è posizionata, ovvero eliminare i microrganismi presenti nell’aria e sulle superfici.

Certo dare un giudizio sulla reale efficacia non è affatto semplice in quanto gli effetti non sono, chiaramente, visibili a occhio nudo e nemmeno di facile percezione. I raggi ultravioletti UV-C sono onde elettromagnetiche con elevate proprietà germicide che distruggono il DNA, non solo di virus e batteri, ma anche di muffe, acari e spore fungine.

Philips Lampada da tavolo UV-C

La lampada presenta una struttura piuttosto solida, dimensioni compatte e un design moderno con il semplice pannello di controllo posto nella parte superiore. Il funzionamento è alquanto elementare, per di più c’è una voce guida che mi assiste appena acceso l’apparecchio. Purtroppo la lingua impostata dalla fabbrica è l’inglese, senza alcuna possibilità di modificarla anche se non risulta così difficile comprendere ciò che dice.

Alla fine devo solo attendere che la voce smetta di parlare, quindi tenere premuto il pulsante di accensione e selezionare il timer con durata di 15, 30 o 45 minuti. La scelta è legata a diversi parametri primo dei quali le dimensioni del locale. L’avvio dell’illuminazione parte circa 30 secondi dopo il momento in cui il sensore integrato ha rilevato l’ultimo movimento, così d’avere la certezza che nella stanza non ci siano persone.

Infatti, ricordo che i raggi UV-C sono dannosi per la salute quindi l’apparecchio provvede a spegnersi autonomamente se dovesse percepire il minimo movimento. Devo annotare la mancanza di una segnalazione acustica per avvertire sia dell’accensione della lampada che quando termina la disinfezione. Aggiungo anche la scomodità di dover ascoltare ogni volta la procedura vocale se scollego l’apparecchio e lo installo in un’altra stanza.

La sensazione che ho avuto nell’utilizzare questa lampada da tavolo UV-C è che effettivamente riesca a rendere la casa un ambiente più salubre. Pur non avendone l’assoluta certezza, mi fido delle capacità nonché serietà ed esperienza del marchio Philips. A parte la lingua inglese e la voce che non avverte quando il ciclo è stato avviato e completato, non ci sono altri aspetti negativi riscontrati durante il test.

Articolo di Andrea Pilotti

Sono un appassionato di tecnologia, dal 2005 ho recensito oltre 3000 elettrodomestici. La mia missione è trovare i prodotti con il miglior rapporto qualità prezzo.