Migliori piastre per capelli

di Andrea Pilotti 10 Giugno 2019

Le migliori piastre per capelli selezionate per potenza riscaldante, controlli di temperatura, sicurezza e rapporto qualità prezzo.

miglior piastra per capelli

Braun Satin Hair 7 IONTEC ST710

Recensione

Bellissima GT20 100 My Pro Beach Waves

Recensione

GHD Mini Styler

Recensione

Remington S8590

Recensione

Babyliss ST330E

Recensione

Rowenta SF6220

Recensione

 

Come scegliere una piastra per capelli

In commercio ne esistono diverse tipologie, e prima di procedere all’acquisto è importante prendere in considerazione diversi aspetti, che possono influire sulla scelta finale.

Ad esempio, occorre tenere a mente che una temperatura eccessivamente elevata può bruciare i capelli; al contrario, una temperatura troppo bassa non in grado di avere una piega destinata a durare.

Un altro elemento spesso sottovalutato è rappresentato dalla grandezza della piastra. Infatti, sarebbe preferibile optare per un modello piuttosto largo nel caso in cui i capelli siano lunghi e folti. Chi porta capelli corti o frange, invece, dovrebbe acquistare versioni più compatte.

Per quanto riguarda il rivestimento, la maggior parte delle piastre vedono l’impiego della ceramica. Si tratta di un materiale ideale, in quanto permette di ottenere una piega fluida senza risultare aggressivo nei confronti dei capelli.

Negli ultimi tempi, i modelli di prima fascia presentano dei rivestimenti in grado di rilasciare degli ioni caricati negativamente, attraverso i quali viene garantito un fissaggio più veloce dei capelli.

Anche le modalità di utilizzo possono variare da una versione all’altra. Alcune non consentono un impiego su capelli bagnati, allungando i tempi per la messa in piega. Un altro fattore che non è possibile trascurare è quello relativo al consumo energetico.

Se verificare la potenza in Watt è sicuramente utile, occorre anche controllare il tempo necessario alla piastra per raggiungere il calore ideale, elemento che andrà ad influire sul consumo energetico globale. Le piastre liscianti che si scaldano con maggiore velocità, solitamente riescono anche a raffreddarsi in tempi ridotti.

Al di là degli aspetti tecnici, prima di comprare una piastra è necessario controllare che il prodotto sia dotato di tutti i requisiti di sicurezza richiesti per poter essere utilizzato senza correre alcun rischio.

In questo ambito, oltre alla presenza del marchio “CE”, è importante verificare che il modello di piastra abbia lo spegnimento automatico una volta terminata la messa in piega. In questo modo è scongiurato il rischio di incendi anche nel caso in cui la si dimentichi accesa.

In merito al prezzo proposto normalmente dai negozi di elettrodomestici, il mercato mette a disposizione piastre che possono costare poche decine di euro, affiancandole ad altre che richiedono un esborso decisamente superiore, pari a qualche centinaio di euro. La scelta dipenderà anche dalla frequenza con la quale una persona si troverà ad utilizzare la piastra.

Infatti, chi ha dei capelli ricci, crespi, o molto mossi, ma li desidera lisci, dovrà fare ricorso a tale accessorio con una certa regolarità. In questo caso, è consigliabile scegliere un modello professionale, sicuramente più costoso ma solitamente capace di funzionare a lungo.

Proprio per non dover procedere ad un nuovo acquisto trascorsi solo pochi mesi dal precedente, pulire la piastra appena terminata la messa in piega, prima che si raffreddi. In questo modo verranno eliminati i residui. Infine, occorre ricordare che quasi la totalità delle piastre permettono di selezionare la temperatura anche se, per non correre rischi, sarebbe meglio non oltrepassare i 180° indipendentemente dal tipo di capello.

Tra i nuovi modelli proposti sul mercato possono essere ricordate le piastre per capelli a vapore, il cui funzionamento si basa sulla presenza di un serbatoio; all’interno di quest’ultimo viene versata l’acqua (non è necessario fare ricorso ad acqua distillata).

Nonostante la presenza del vapore, che potrebbe far pensare ad una sua maggiore efficacia nell’arricciare i capelli, si dimostra uno strumento ottimo per renderli lisci. Normalmente, prima di utilizzare tale tipo di articolo sulla chioma vengono passati prodotti che contengono pro-cheratina, una molecola che viene attivata proprio dal vapore.

Il vantaggio è quello di avere capelli con una piega perfetta senza sottoporli a stress, evitando di sfibrarli e di seccarli. Risulta la scelta ideale per chi ha capelli sottili o piuttosto fragili. Grazie alla pro-cheratina, inoltre, la piega potrà durare più a lungo.

Non sono poche le persone che, acquistata una piastra, si dimostrano insoddisfatte del suo operato. In diversi casi, però, non è l’efficacia dell’articolo a dover essere messa in discussione, ma le modalità di utilizzo.

Nonostante si tratti di un elettrodomestico il cui funzionamento risulta decisamente intuitivo, alcune operazioni sono più complicate di altre. Ad esempio, arricciare i capelli lisci è un’operazione che richiede un tempo abbastanza lungo. In questo caso, infatti, occorrerà lavare e asciugare i capelli prima di ricorrere alla piastra.

Successivamente, le punte dovranno essere passate con un prodotto in grado di fornire protezione. Chi ha capelli fragili, in particolare, dovrebbe utilizzare uno spray termo-protettore prima della piastra, quindi dividere i capelli in ciocche facendo ricorso a dei fermagli e, solo terminata questa operazione, affidarsi alla piastra.

Elettrodomestici che potrebbero interessarti
Come acquistare a metà prezzo

Per ottenere uno sconto superiore al 50% sul prezzo di listino, la nostra redazione ha sviluppato golden list, un gruppo su Facebook che ti informa quando i prodotti sono a metà prezzo.

Iscriviti al servizio gratuito

GUIDA ACQUISTI
Guida all'acquisto degli Elettrodomestici
Dal 2007 Guida Acquisti è la rivista consumatori indipendente che ti aiuta scegliere gli elettrodomestici, attraverso classifiche,recensioni e offerte dei migliori prodotti sul mercato.