Quando sostituire i pannelli solari termici?

Quando conviene cambiare i pannelli solari termici con un nuovo modello? Ecco una serie di segnali da prendere in considerazione per la sua sostituzione.

Fatti fare un preventivo per la riparazione

Il pannello solare termico è un metodo di riscaldamento domestico capace di sfruttare l’energia rinnovabile del sole; si collega all’esistente impianto attraverso un circuito idraulico è sfrutta appositi pannelli, installati solitamente sul tetto, per assorbire e intrappolare le radiazioni solari e accumulare calore per produrre acqua calda.

Non si tratta di un singolo dispositivo ma bensì un insieme di componenti opportunamente collegati, quindi con costi anche ingenti in base a potenza installata e dimensioni dell’abitazione.

Un impianto a panelli solari termici può essere progettato ad hoc per riscaldare adeguatamente gli ambienti domestici e rispondere al fabbisogno di acqua per igiene personale e impiego in cucina; è una soluzione fissa destinata a durare negli anni, tuttavia soggetta a malfunzionamenti.

I pannelli si possono sporcare o danneggiare, il circuito idraulico avere delle perdite e alcuni componenti rovinarsi per una naturale usura. In ogni caso sei costretto a chiamare il centro assistenza, valutare il da farsi con un tecnico e richiedere un preventivo della riparazione.

I casi che richiedono la completa sostituzione

Piuttosto raramente difronte ad un sistema a pannelli solari termici si opta per un completo rinnovamento. Gli unici casi sono la presenza di un impianto ormai obsoleto e inadatto per nuove sopraggiunte esigenze, di conseguenza conviene la sostituzione anziché modificare il sistema esistente.

In altri casi il pannello solare è di piccole dimensioni e integra anche il bollitore, quindi potrebbe risultare vantaggioso non riparare l’eventuale guasto ma acquistare un altro prodotto simile o di maggior resa. Resta comunque indispensabile la presenza di un tecnico qualificato per capire la scelta di maggior convenienza.

Perdita di efficienza

Con un corretto funzionamento disponi di un determinato numero di litri d’acqua calda con cui riscaldare termosifoni o radiatori a pavimento e per l’uso sanitario. I tempi per raggiungere la temperatura impostata sono piuttosto rapidi e qualora avvertissi un peggioramento nelle prestazioni è bene richiedere un check up dell’impianto.

Il tecnico provvederà per prima cosa ad ispezionare i pannelli sul tetto. Lo sporco depositato a causa di smog e guano dei volatiti abbassa notevolmente il rendimento, impedendo alla luce di penetrare. Altre volte una violenta grandinata o un’intensa nevicata possono compromettere l’integrità strutturale e rovinare la superficie in vetro o altre parti montate all’esterno. Spesso è sufficiente un’accurata pulizia del pannello per riportare l’efficienza su valori ottimali.

I termosifoni rimangono freddi

È il chiaro segnale che non arriva acqua calda per una perdita nel circuito idraulico, un danneggiamento alla pompa di ricircolo o un guasto alla centralina di termoregolazione. Questi ultimi due componenti non è detto siano sempre presenti in ogni impianto a pennelli solari termici. In molti casi la circolazione dell’acqua calda avviene in modo del tutto naturale limitando così i malfunzionamenti.

Rumori anomali

Potresti avvertire rumori sinistri provenire dalle tubazioni. Questo non è tanto il segnale di un problema all’impianto a pannelli solari termici, quanto la presenza di aria nel circuito. Un’anomalia piuttosto frequente negli impianti a termosifoni e, più che rovinare la quiete domestica, porta ad un netto calo del rendimento impedendo il corretto riscaldamento. Puoi rivolgerti ad un tecnico oppure provvedere allo spurgo dell’impianto avendo solo un minimo di dimestichezza col fai da te.

Nuovi modelli sul mercato