Recensione iRobot Roomba Combo 113

Recensione del robot aspirapolvere iRobot Roomba Combo 113, oltre alle mie opinioni sul prodotto trovi pro e contro, caratteristiche e comparazione prezzi.

Recensione iRobot Roomba Combo 113

Pro

  • Solidità costruttiva
  • Utilizzo molto semplice
  • Connessione Wi-Fi e gestione tramite app
  • Compatibile con Amazon Alexa e Google Assistant

Contro

  • Non sono presenti i pulsanti sulla scocca per la pulizia in modalità Spot e il ritorno alla base
  • Manca sistema di mappatura della casa
  • Difficoltà nel rimuovere le macchie più ostinate

iRobot Roomba Combo 113 unisce l’aspirazione di pavimenti e tappetti con la modalità di lavaggio. Design e forma sono del tutto simili a un modello tradizionale, presentando un diametro di circa 35 centimetri e un’altezza di poco superiore agli 8 centimetri. Sulla scocca è stato inserito il pulsante Clean per l’avvio immediato, ma risultano assenti i tasti per comandare il ritorno alla base e avviare la pulizia concentrata a spirale di una specifica area.

Il robot non è dotato di sistema di navigazione con torretta laser e tantomeno videocamera, basandosi solo sulle indicazioni fornite dai vari sensori di avvicinamento e dislivello.

L’intelligenza artificiale è piuttosto rudimentale nel senso che, di default, il dispositivo esegue una pulizia seguendo linee rette parallele e passando sul pavimento un’unica volta. In alternativa posso attivare la modalità cosiddetta reattiva, con spostamenti casuali aggirando gli ostacoli incontrati lungo il percorso.

L’aspirazione l’ho trovata efficace anche se non raggiunge i livelli assicurati dalle tecnologie adottate su altri modelli. In questo caso il consueto doppio rullo centrale in gomma è stato sostituito da una spazzola a V che lavora in sinergia con la coppia di spazzole rotanti laterali.

La rimozione delle macchie è invece affidata all’azione dell’ampio panno in microfibra con fissaggio a velcro e inumidito attraverso un sistema di regolazione elettronica del flusso su 3 livelli. Ricordo che è sufficiente non riempire il serbatoio dell’acqua per utilizzare il robot solo come aspirapolvere.

L’interfaccia per la connessione Wi-Fi mi permette di gestire il funzionamento tramite app anche da remoto e impartire comandi vocali attraverso Amazon Alexa o Google Assistant. La personalizzazione è comunque limitata dall’impossibilità di sfruttare la mappa della casa per nominare i vari locali, decidere quali stanze pulire e stabilire barriere virtuali per impedire l’ingresso in un ambiente oppure il passaggio in una determinata zona.

Utile, invece, l’opportunità di sfruttare la modalità specifica per case con tappeti, evitando così di rimuoverli prima di avviare la sessione.

Secondo la mia esperienza iRobot Roomba Combo 113 rappresenta una valida scelta prevedendo un utilizzo combinato quotidiano.

Se invece il lavaggio del pavimento è una funzione da sfruttare saltuariamente, trovo inutile spendere una cifra con cui posso acquistare un modello per la sola aspirazione dotato di mappatura dei locali, maggiori prestazioni e possibilità di programmare la pulizia in base alle mie esigenze. Oltretutto durante il test ho costatato qualche difficoltà di troppo nell’eliminare le macchie vecchie di qualche giorno.

Migliori robot aspirapolvere

 

Articolo di Andrea Pilotti

Sono un appassionato di tecnologia. Dal 2005 ad oggi ho recensito più di 3500 elettrodomestici. La mia missione è trovare i prodotti con il miglior rapporto qualità prezzo. Nel mio sito trovi classifiche, recensioni, consigli e news di elettrodomestici ed elettronica di consumo per la casa.