in

Recensione Samsung OLED S90C

Nonostante alcune limitazioni come l’assenza di supporto ai formati audio DTS e i compromessi introdotti dall’ABL, Samsung OLED S90C rappresenta una scelta indicata per chi cerca un televisore che offra un’esperienza visiva di alta qualità sia in termini di visione cinematografica che di gaming. Le sue caratteristiche avanzate, unite a una qualità costruttiva di primo livello, lo pongono come uno dei modelli di riferimento nel suo segmento di mercato.

Recensione Samsung OLED S90C

Pro

  • Ottima gestione dei riflessi e luminosità SDR elevata
  • Tempi di risposta quasi istantanei per contenuti dinamici
  • Vasta gamma cromatica e ottima precisione del colore pre-calibrazione
  • Supporto completo VRR e HDMI 2.1, ideale per il gaming
  • Angolo di visione ampio, adatto a gruppi numerosi
  • Qualità costruttiva premium con design moderno

Contro

  • Assenza di supporto per formati audio DTS
  • Limitazione della luminosità in scene estese via ABL
  • Artefatti visibili con interpolazione di movimento
  • Struttura subpixel atipica che può influenzare la nitidezza del testo

Recensione

Il Samsung S90C emerge nel panorama dei televisori OLED del 2023, presentandosi come un modello di punta della gamma Samsung. Equipaggiato con un pannello QD-OLED, il televisore si distingue per una qualità dell’immagine superlativa, con capacità di riproduzione di neri intensi e un contrasto pressoché infinito, merito dell’auto-emissività di ciascun pixel.

La luminosità SDR, pur essendo efficace nell’ambienti luminosi grazie all’ottima gestione dei riflessi, subisce limitazioni dovute all’Automatic Brightness Limiter (ABL), un compromesso necessario per preservare la longevità del pannello, ma che potrebbe risultare in una diminuzione della luminosità in scene ampie e luminose. Tale caratteristica, seppur con i suoi limiti, non inficia la capacità del televisore di offrire un’esperienza visiva HDR coinvolgente, grazie anche a un tracking dell’EOTF (Electro-Optical Transfer Function) che garantisce la fedeltà della riproduzione dei contenuti alle intenzioni originali dei creatori.

Dal punto di vista tecnico, il Samsung S90C si avvale di un’ampia gamma cromatica, capace di coprire lo spazio colore DCI-P3, indispensabile per i contenuti HDR. Nonostante una copertura meno estesa dello spazio Rec. 2020, il televisore riesce a mantenere colori vivaci e saturi. La calibrazione del colore, già precisa al momento dell’unboxing, è accompagnata da una temperatura del colore quasi ideale, riducendo al minimo la necessità di interventi post-vendita.

Un aspetto peculiare del modello S90C è la sua struttura subpixel innovativa, che, se da un lato contribuisce alla distintività dell’immagine, dall’altro può generare frange di colore e una minore chiarezza nella riproduzione del testo, particolarmente evidente quando utilizzato come monitor PC. Questa caratteristica richiede una considerazione specifica da parte di chi prevede di adoperare il televisore in contesti di produttività.

Per gli appassionati di gaming, il basso input lag e il supporto al VRR (Variable Refresh Rate) su tutte e tre le principali tecnologie assicurano un’esperienza ludica di alto livello, con una fluidità e una reattività eccezionali, anche nei titoli più esigenti in termini di prestazioni.