Stufa a Legna o a Pellet?

di Andrea Pilotti 24 Novembre 2018

Che differenza c’è tra stufa a pellet e a legna? Quel è la più efficiente per riscaldare con praticità una stanza o tutta la casa? Quali sono i costi di acquisto e gestione? Leggi la guida per scegliere la stufa più adatta alle tue esigenze.

stufa a legna o pellet

Differenze

La principale differenza tra le due tipologie consiste nel combustibile utilizzato: in un caso è della comune legna da ardere, nell’altro il pellet (biomassa costituita da residui della lavorazione del legno pressati e -per legge- senza aggiunta di additivi chimici).

Ci sono poi delle diversità costruttive e di funzionamento che incidono soprattutto sulle dimensioni che risultano, a parità di potenza, minori per una stufa a pellet. In generale possiamo dire che un dispositivo a biomassa ha un livello tecnologico più sofisticato se confrontato con quello di una stufa a legna.

Come funziona una stufa a legna?

Il principio di funzionamento è quanto mai semplice. La stufa a legna è costituita da un corpo di forma ovale o rettangolare realizzato con un materiale di rivestimento ad alta conduzione termica. Tra i più utilizzati c’è la ghisa, la pietra ollare e la maiolica.

Il cuore della stufa è rappresentato dalla camera di combustione accessibile tramite uno sportello (solitamente in metallo e vetro temperato) e in cui inserire i ceppi di legna.

L’accensione è di tipo manuale un po’ come per un camino. Il calore generato verrà irradiato nell’ambiente circostante ma potrà essere anche distribuito in tutti i locali dell’abitazione, avendo previsto un opportuno impianto di canalizzazione.

I fumi di scarico dovranno essere espulsi all’esterno tramite un tiraggio naturale o un sistema di ventilazione e una canna fumaria.

Come funziona una stufa a pellet?

Come già accennato, la stufa a pellet è tecnologicamente più avanzata. Il cuore rimane sempre la camera di combustione ma in questo caso l’utilizzatore non inserirà direttamente il combustibile, in quanto l’operazione avverrà in modo automatico.

L’utente dovrà preoccuparsi di tenere riempito il serbatoio del pellet che verrà introdotto nella camera di combustione e miscelato con un’adeguata quantità d’aria.

Tutte queste fasi sono gestite da una scheda elettronica che provvederà ad effettuare l’accensione e controllare la combustione. Anche in questo caso i fumi di scarico saranno estratti verso l’esterno grazie ad un sistema di ventilazione forzata e una canna fumaria.

È possibile anche acquistare modelli che prevedono l’installazione, anziché della canna fumaria, di un tubo di scarico di ridotte dimensioni da far passare attraverso un foro nel muro.

Una stufa a biomassa produce meno scarti dalla combustione e le ceneri finiscono in uno apposito contenitore che può essere facilmente rimosso per le operazioni di svuotamento e pulizia. Il calore prodotto, come per le stufe a legna, verrà irradiato nell’ambiente circostante o incanalato in un apposito impianto di riscaldamento.

Migliori Stufe a Pellet

Pro e contro

Come sempre, quando si deve effettuare una scelta, ciò che è necessario analizzare sono i pro e contro offerti dalle due tipologie a confronto. Vediamo di seguito, per gli aspetti fondamentali, quali sono i vantaggi e svantaggi offerti da una stufa a legna o a pellet.

Costi del combustibile

Prima di analizzare gli aspetti tecnici delle due categorie, una fondamentale considerazione va fatta sul costo del combustibile. La legna da ardere ha un prezzo nettamente inferiore rispetto al pellet. Dati alla mano il costo medio di un chilogrammo di legna si aggira attorno a 0,13 euro contro gli 0,28 euro del pellet. Questo si traduce in una spesa giornaliera per riscaldare un ambiente di 100/120 metri quadri di circa 0,9-1,30 euro per la legna (corrispondente ad un consumo di 8-10 chilogrammi), contro i 3,60 euro per il pellet (consumo di 15 chilogrammi).

La differenza è dovuta al fatto che mentre la legna riesce a sprigionare calore per molto più tempo grazie al letto di brace che viene generato, il pellet alla fine della combustione brucia completamente lasciando solo la cenere.

Da questo punto di vista il vantaggio offerto dalla stufa a legna è evidente anche se, naturalmente, le cifre sopra indicate possono variare sensibilmente a seconda del clima e alla qualità dell’isolamento termico dell’abitazione.

Praticità d’uso

Un aspetto molto importante è la comodità e praticità nell’utilizzare uno dei due sistemi. La stufa a pellet da questo punto di vista offre molti vantaggi. Per prima cosa l’approvvigionamento del combustibile è molto più semplice. Il pellet viene venduto anche in molti supermercati quindi non è necessario fare la scorta in previsione dell’arrivo della stagione fredda. Non serve avere spazi adibiti per lo stoccaggio del combustibile, come invece accade per la legna.

Il funzionamento di una stufa a pellet è molto più pratico rispetto ai modelli alimentati con legna. L’utilizzatore non deve preoccuparsi di caricare la legna nella camera di combustione, ma gli basta pigiare un pulsante e nel giro di pochi minuti la stufa funzionerà a pieno regime. I serbatoi delle unità termiche a biomassa possono raggiungere capienze anche di oltre 200 chilogrammi che garantiscono un’autonomia di diversi giorni.

Altro vantaggio delle stufe a pellet e il non dover preoccuparsi di controllare lo stato della combustione che avviene in maniera automatica; in un modello a legna, quando il combustibile scarseggia, è necessario provvedere all’immediato approvvigionamento.

Un apparecchio a pellet permette di effettuare una programmazione del riscaldamento. I modelli più sofisticati hanno addirittura la possibilità di collegarsi alla rete con interfaccia Wi-Fi e di essere gestiti tramite smartphone. Tutto questo permette di decidere quando avviare l’unità termica, in modo da avere sempre la temperatura desiderata e programmare gli orari di accensione e spegnimento.

Ultima considerazione riguarda il fatto che un modello a pellet necessita dell’alimentazione elettrica e di essere allacciato alla rete, cosa che non serve per una stufa a legna.

La stufa a pellet fa fumo in casa?

Le moderne stufe a pellet, se mantenute in piena efficienza e utilizzate con i dovuti accorgimenti, non disperdono fumi nell’ambiente.

Con una stufa a pellet si può beneficiare del montaggio senza canna fumaria ma solo di un tubo a fungo inserito nel muro con un foro di 8 centimetri, come impone la vigente normativa.

Per prevenire qualsiasi inconveniente, è sempre bene affidarsi a personale qualificato per i lavori di posa del tubo di scarico e l’installazione della stufa.

La stufa a legna fa fumo in casa?

Anche per una moderna stufa a legna, è importante mantenere l’impianto di tiraggio sempre in piena efficienza. In questo caso, eventuali problemi di fumo in casa dipendono dall‘efficienza della canna fumaria, che deve essere pulita periodicamente.

Anche i tubi di raccordo della stufa devono essere correttamente installati da personale qualificato. Un altro elemento determinante in tal senso è la presa di aspirazione dell’aria esterna.

Questa serve per assicurare alla stufa il corretto apporto di aria da utilizzare per la combustione. Si tratta di un foro nel muro che deve essere correttamente dimensionato, e disposto nel punto ottimale al funzionamento della stufa. A tal riguardo, bisogna preoccuparsi di non ostruire la presa d’aria con oggetti che possano interferire con il corretto approvvigionamento di comburente.

Se tutti gli elementi dell’impianto sono predisposti, installati e mantenuti a regola d’arte, la stufa a legna non emanerà fumo in casa.

Prezzo

Mediamente una stufa a legna ha un prezzo inferiore rispetto ad un modello a pellet. Il fattore che incide maggiormente su tale aspetto è il tipo di rivestimento.

L’acciaio e la ghisa sono i materiali più economici mentre la maiolica, la ceramica e la pietra ollare sono i rivestimenti con i costi decisamente più alti.

Altro fattore determinante sono le dimensioni dell’ambiente da dover riscaldare. In linea di massima una buona stufa a biomassa in maiolica ha un prezzo che oscilla tra i 2000 e 3500 euro, che scende a 1000-1500 euro per modelli in acciaio.

Per le stufe a legna i costi si abbassano con i prodotti più economici in acciaio con prezzi mediamente attorno ai 1000 euro, fino a salire fino oltre 3000 euro per rivestimenti con pietra ollare. Queste sono solo cifre indicative che variano sensibilmente in base alla potenza termica necessaria.

Stufa a legna o a pellet: quale scegliere?

Diciamo subito che la scelta perfetta non esiste. Ogni soluzione offre vantaggi e svantaggi ma alla fine la decisione varia a seconda delle proprie necessità.

Nonostante abbiamo appurato come la stufa a legna sia nel complesso il sistema di riscaldamento più economico, non è detto che sia anche la soluzione migliore in qualsiasi frangente.

Per situazioni abitative dove i residenti occupano la casa tutto il giorno, la stufa a legna è senza dubbio più indicata perché permette un buon riscaldamento con costi contenuti.

Se invece gli occupanti stanno fuori casa per la maggior parte del tempo e hanno la necessità di programmare la temperatura, la stufa a pellet è la soluzione più indicata: permette una gestione oraria del riscaldamento, produce calore molto più rapidamente e non ha bisogno di essere caricata ogni volta.

Altro aspetto da considerare sono le dimensioni dell’ambiente. La stufa a pellet si presta ad installazioni anche in locali molto piccoli e in abitazioni che non hanno lo spazio per stoccare la legna (per esempio gli appartamenti in condomini).

[Voti: 54    Media Voto: 4.9/5]
Come acquistare a metà prezzo

Per ottenere uno sconto superiore al 50% sul prezzo di listino, la nostra redazione ha sviluppato golden list, un servizio gratuito che ti informa quando i prodotti sono a metà prezzo. Guarda un esempio

GUIDA ACQUISTI
Guida all'acquisto degli Elettrodomestici
Dal 2007 Guida Acquisti è la rivista consumatori indipendente che ti aiuta scegliere gli elettrodomestici, attraverso classifiche,recensioni e offerte dei migliori prodotti sul mercato.