Come scegliere lo yogurt probiotico

di

Questo termine indica una serie di yogurt contenenti particolari lattobacilli, dei fermenti che l’industria alimentare reclamizza come sostanze fondamentali per la salute del nostro organismo: questa affermazione non è corretta, poiché non esistono prove scientifiche di tale proprietà; la mancanza d’informazione inganna il consumatore che crede veramente nelle proprietà benefiche di questi yogurt.

Un cocktail di sostanze

Gli yogurt probiotici ricadono in quella categoria di alimenti denominati “functional food”. Questi prodotti altro non sono che alimenti addizionati in laboratorio con vitamine, fermenti oppure sostanze minerali che dovrebbero rendere ancora più sano un alimento già di per sé sano. Questa moda  è iniziata in Giappone ed è arrivata fino a noi solo negli ultimi anni.

Attualmente la pubblicità creata intorno a questi prodotti è poco trasparente: non vengono citate fonti e non è pubblicato alcun test sulla loro reale efficacia. Le associazioni dei consumatori richiedono test di verifica prima di poter reclamizzare questi prodotti come “salutari”.

Le associazioni dei consumatori europee richiedono una normative europea particolare per gli alimenti probiotici, una qualche forma di etichettatura allo scopo di classificare ogni ceppo batterico all’interno dei prodotti probiotici e, infine, una qualche forma di documentazione che testimoni la reale efficacia di tali prodotti.

Riusciamo ad assimilare i fermenti probiotici?

L’avvento dei prodotti probiotici ha scatenato forti reazioni da parte delle varie organizzazioni a difesa dei consumatori. Alcune organizzazioni tedesche, le prime ad aver sospettato della validità di tali alimenti, ha stilato un catalogo nel quale sono riportate una serie di requisiti affinché un prodotto probiotico sia definito tale.

L’industria casearia reclamizza gli yogurt probiotici affermando che tali prodotti siano fondamentali per regolare la flora intestinale e per rendere più forte il nostro sistema immunitario. Queste due affermazioni non sono però avvallate da test di laboratorio e si presume solamente che gli yogurt probiotici possiedano tali proprietà. Secondo alcune riviste, una condizione fondamentale affinché gli yogurt probiotici possano aiutare veramente nel regolare la flora intestinale e nel rafforzare il sistema immunitario è che i fermenti probiotici siano vivi quando ingeriti; tali fermenti non riescono a sopravvivere a lungo e già all’avvicinarsi della data di scadenza buona parte dei batteri sono morti.

Diversi specialisti hanno dichiarato improbabile che i fermenti probiotici aggiunti artificialmente riescano ad arrivare vivi e attivi nell’intestino umano. Addirittura altri esperti hanno affermato che alcuni ceppi probiotici possono addirittura alterare in peggio la nostra flora batterica intestinale.

Gli esperti suggeriscono inoltre di non assumere prodotti probiotici come se fosse normale cibo: infatti alcune persone potrebbero sviluppare una ipersensibilità verso alcuni ceppi, specialmente in caso di indebolimento del sistema immunitario.

Come scegliere

La scelta di uno yogurt probiotico, un po’ come accade per tutti gli alimenti, deve partire dall’analisi dell’etichetta, sulla quale deve essere riportata la dicitura che attesta che quel prodotto contenga il Lactobacillus e il Bifidobacterium, i due microrganismi che rendono lo yogurt appunto di tipo probiotico. Fatta questa precisazione la scelta deve seguire gli stessi criteri seguiti normalmente per l’acquisto di uno yogurt comune.

La prima cosa da fare pertanto è quella di prediligere prodotti con scadenza lunga, perchè dopo la produzione, con il passare del tempo, il numero dei fermenti lattici vivi tende a diminuire. Per essere allora sicuri di assumere la giusta dose giornaliera di lattobacilli accertiamoci anzitutto che questi siano freschi. Per maggiori garanzie, orientiamoci verso prodotti di marche note, molte delle quali forniscono al consumatore delle etichette più dettagliate. Inutile forse ricordarlo ma prima di procedere con l’acquisto è sempre necessario verificare che la confezione sia integra e ben conservata nel banco frigo.

Anche per quelli probiotici, poi, sono presenti in commercio diverse tipologie: interi, scremati, alla frutta e aromatizzati. A prescindere dalla tipologia scelta è buona norma evitare gli yogurt con zuccheri aggiunti e nel cui composto siano presenti conservanti, addensanti e aromi. Meglio prediligere prodotti biologici e naturali. Nel caso di quelli alla frutta, quest’ultima deve necessariamente essere contenuta in pezzi e non sottoforma di aromi. Tra quelli scremati e quelli interi, poi, è meglio preferire quest’ultimi, perché più sazianti e con un gusto migliore.

Inoltre il latte una volta privato del suo grasso perde anche le vitamine e altre sostanze importanti per la salute. Spesso per sopperire alla mancanza di sapore viene aggiunto dello zucchero che sicuramente non giova alla linea. Tuttavia tra le varie tipologie di yogurt esistenti sul mercato il migliore e il più salutare è quello bianco intero. Quest’ultimo oltre ad essere, da un punto di vista nutrizionale, un alimento completo è anche più digeribile del latte e pertanto consigliato anche a chi è intollerante al lattosio. Sicuramente il gusto non è dei più buoni ma con il tempo il palato tende ad abituarsi.

Offerte Integratori Probiotici

Come acquistare a metà prezzo

Per ottenere uno sconto superiore al 50% sul prezzo di listino, la nostra redazione ha sviluppato golden list, un servizio gratuito che ti informa quando i prodotti sono a metà prezzo. Leggi le opinioni di chi ha provato il servizio.

I dati inseriti saranno gestiti nel pieno rispetto del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e non ceduti a terzi.

GUIDA ACQUISTI
Guida all'acquisto degli Elettrodomestici
Dal 2007 Guida Acquisti è la rivista consumatori indipendente che ti aiuta scegliere gli elettrodomestici, attraverso classifiche,recensioni e offerte dei migliori prodotti sul mercato.