in ,

Pompa di calore aria acqua o aria aria?

Pompa di calore aria acqua o aria aria? Leggi la guida per conoscerne differenze, pro e contro, e capire quale elettrodomestico scegliere.

INDICE
1. Differenze
2. Pro e contro
2.1 Fattibilità dell’impianto
2.2 Semplicità d’installazione
2.3 Versatilità
2.4 Risparmio
2.5 Costo
3. Quale scegliere

Differenze

La pompa di calore è uno dei mezzi attualmente più innovativi ed ecosostenibili per climatizzare una singola casa o un complesso abitativo. La principale caratteristica sta nel poter sfruttare fonti esterne di energia rinnovabile. Con tale definizione mi riferisco all’energia termica presente nell’aria, nelle falde freatiche o acqua di superficie e al calore geotermico del sottosuolo.

La soluzione più semplice e meno costosa è rappresentata dagli impianti aria-aria o aria-acqua. In entrambi i casi lo scopo è prelevare l’energia necessaria dall’aria esterna e utilizzarla d’inverno per il riscaldamento domestico al posto della caldaia e nei mesi caldi per raffreddare come un impianto di climatizzazione.

Il sistema aria-aria è quello più diffuso vista la semplicità nell’istallazione e i costi minori. Funziona in maniera simile ad un condizionatore quindi introduce aria calda o fredda nell’ambiente domestico a seconda delle necessità. In un impianto aria-acqua viene aggiunto l’ulteriore vantaggio di produrre anche acqua calda ad uso sanitario.

I componenti principali sono compressore, scambiatore di calore ed evaporatore tutti collegati tramite un circuito in cui scorre uno speciale fluido refrigerante. Spetta a quest’ultimo provvedere a cambiare di stato passando da quello liquido a gassoso e viceversa; così facendo riesce a prelevare l’energia termica necessaria dall’aria esterna e utilizzarla per assicurare un adeguato comfort dentro casa.

Pro e contro

Fattibilità dell’impianto

Questo è un limite che contraddistingue ambedue le categorie. Infatti l’unico svantaggio di una pompa di calore ad aria è l’impossibilità d’installazione in zone geografiche con clima troppo rigido nei mesi invernali. Se la temperatura scende sotto lo zero il rendimento cala sensibilmente, mentre a -10 gradi il funzionamento non è più possibile. Spetterà ad un tecnico effettuare tutti i controlli per verificare la presenza dei necessari requisiti ambientali.

Semplicità d’installazione

La pompa di calore aria-aria è la soluzione che prevede la più semplice installazione. Nei sistemi aria-acqua c’è la necessità di montare anche pannelli radianti o termoventilatori per un corretto funzionamento nei mesi estivi. In entrambi i casi è possibile il montaggio dei componenti dentro casa. Considerando però la notevole rumorosità e l’ingombro degli impianti destinati ad abitazioni molto grandi, il più delle volte è opportuno realizzare una cabina coibentata esterna. Sarà scrupolo della ditta a cui hai affidato i lavori assicurare un adeguato isolamento termico ed acustico.

Versatilità

La soluzione più versatile è la pompa di calore aria-acqua in grado di sostituire l’impianto esistente e provvedere a riscaldare, raffreddare e produrre acqua calda per l’igiene personale e l’impiego in cucina. Il sistema aria-aria deve necessariamente integrarsi con la caldaia che si limiterà a scaldare l’acqua per uso sanitario.

Risparmio

Un impianto a pompa di calore annovera tra i principali punti di forza il notevole risparmio in bolletta rispetto alla caldaia tradizionale. Sfruttando come fonte rinnovabile l’aria puoi arrivare ad un calo dei costi in bolletta fino al 40/50%. Siccome i sistemi aria-acqua ti permettono sia di climatizzare la casa che disporre di acqua calda ad uso sanitario, potrai distaccarti completamente dalla rete del metano e beneficiare così del massimo risparmio.

Costo

Difficile dare indicazioni precise sull’eventuale costo per realizzare tali tipologie di impianti. Tuttavia le pompe di calore aria-aria sono le più economiche con un investimento che, a grandi linee, oscilla tra 3000 e 6000 euro. Per sistemi aria-acqua, considerando la maggior complessità dell’impianto e più ore di manodopera, devi mettere in conto un budget tra 5000 e 10000 euro.

Quale scegliere

Per scegliere al meglio non c’è altra soluzione che rivolgerti ad una ditta specializzata. Solo così potrai sapere se il progetto è fattibile e ricevere un preventivo sulla base delle tue esigenze. In generale la pompa di calore aria-acqua ti offre il vantaggio di abbandonare la vecchia caldaia e dire addio all’uso del gas, ottenendo il massimo risparmio così da ammortizzare più rapidamente la spesa sostenuta.

Un sistema aria-aria è invece adatto qualora volessi continuare a sfruttare anche l’impianto del riscaldamento esistente, il quale potrà provvedere alla sola produzione di acqua calda ad uso sanitario.

Articolo di Andrea Pilotti

Sono un appassionato di tecnologia. Dal 2005 ad oggi ho recensito più di 3500 elettrodomestici. La mia missione è trovare i prodotti con il miglior rapporto qualità prezzo. Nel mio sito trovi classifiche, recensioni, consigli e news di elettrodomestici ed elettronica di consumo per la casa.