Quando sostituire l’aspirapolvere robot?

Quando conviene cambiare l’aspirapolvere robot con un nuovo elettrodomestico? Ecco una serie di segnali da prendere in considerazione per la sua sostituzione.

Il robot non si avvia

Un robot aspirapolvere che non da segni di vita potrebbe avere la batteria completamente a terra oppure un problema al circuito di alimentazione interno o della base di ricarica. Ti suggerisco di controllare che presa e cavo siano ben collegati e integri prima di prendere decisioni affrettate. Se tutte le verifiche preliminari danno esito positivo non ti rimane che rivolgerti ad un centro assistenza o sostituire il robot.

Autonomia ridotta

Uno dei segnali più frequenti di un’anomalia è la diminuzione dell’autonomia rispetto alle consuete prestazioni. È facile intuire come il problema possa riguardare la batteria che ha perso parte della sua capacità. Un guasto che prima o poi devi mettere in conto, ciò nonostante la buona notizia è la possibilità di sostituire con una certa facilità l’accumulatore esaurito.

Questo sempre che il robot non sia troppo vecchio e il ricambio introvabile. Tuttavia per i modelli dei marchi più noti esiste anche la possibilità di reperire batterie compatibili con le originali. Il calo dell’autonomia può essere causato anche dalla base difettosa che non completa il ciclo di carica.

Il robot sbatte contro gli ostacoli

Durante un normale funzionamento un robot aspirapolvere riconosce gli ostacoli evitandoli oppure avvicinandosi dolcemente. Il merito è dovuto ad una serie di sensori che hanno anche la funzione di avvertire un vuoto, come la presenza di scalini. Se tali componenti sono sporchi oppure difettosi osserverai l’apparecchio colpire con violenza tutto ciò che si para dinnanzi o peggio ancora cadere da una scala. Il problema si potrebbe risolvere con la semplice pulizia dei sensori.

Fatica nel rimuovere lo sporco

Se al termine della sessione di pulizia noti residui sul pavimento o parti non pulite come al solito è un segnale di qualche problema. Il mio consiglio è verificare che ruote, rullo e spazzole laterali siano liberi di ruotare ed eventualmente eliminare i grovigli di peli e capelli che si sono attorcigliati. E’ opportuno controllare anche il livello di intasamento del filtro, sempre che il robot non lo abbia già opportunamente segnalato tramite led lampeggiante o notifica sullo smartphone. Nei casi di maggior gravità si tratta di un malfunzionamento del sistema d’aspirazione che ha perso la normale potenza e il più delle volte è una buona idea acquistare un nuovo modello.

Problemi di elettronica

I robot di ultima generazione sono dotati di sensori laser a torretta e videocamere per mappare gli ambienti domestici, interfaccia Wi-Fi e un’intelligenza artificiale piuttosto evoluta. Tutti componenti aggiuntivi rispetto ad un modello per così dire tradizionale e che aumentano il rischio di un guasto. Sono diversi i segnali che possono indicare un problema elettronico come zone della casa non pulite, impossibilità di controllo da remoto o trovare il robot fermo in un punto dell’appartamento anziché nella base di ricarica. Questi sono anche i malfunzionamenti più difficili da diagnosticare e risolvere e spesso portano all’anticipata rottamazione dell’apparecchio.

Rottura particolari plastici

Non è raro che alcune parti plastiche si possano rompere come il paracolpi, gli attacchi delle spazzole, gli agganci del serbatoio o del filtro, i pulsanti dei comandi e altri elementi soggetti a urti e sollecitazioni. Anche in questo caso il problema non è la riparazione piuttosto semplice, ma la possibilità di reperire i pezzi danneggiati.

Non sempre conviene la riparazione

Il robot aspirapolvere è un elettrodomestico che negli ultimi anni ha riscosso sempre maggior successo, divenendo per molti un aiuto insostituibile per la pulizia di tappeti e pavimenti. Il suo principio di funzionamento prevede la presenza di numerosi particolari meccanici, elettrici ed elettronici che col tempo sono soggetti ad usura e guasti. Come sempre accade difronte ad un piccolo elettrodomestico malfunzionante, la questione è decidere se acquistare un nuovo modello oppure tentare la riparazione del vecchio.

I fattori che incidono sulla scelta sono da un parte il budget investito per l’acquisto e dall’altra la possibilità di trovare modelli di ultima generazione a prezzi molto concorrenziali. Il settore ha avuto un rapido sviluppo tanto che in commercio puoi reperire prodotti dalle ottime caratteristiche tecniche offerti a cifre decisamente interessanti.

Di conseguenza piuttosto che portare il robot guasto ad un centro assistenza e sostenere costi fissi più l’eventuale spesa per manodopera e ricambi, spesso vale la pena rottamarlo. La riparazione può risultare ancora conveniente per modelli top di gamma dal costo ben superiore ai 500 euro; nonostante qualche anno di vita potrebbero tornare come nuovi dopo l’intervento tecnico, sempre che il preventivo non risulti troppo alto.

Il problema dei ricambi

Nel settore dei robot aspirapolvere il progresso tecnologico è in continua evoluzione, con i principali costruttori sempre alla ricerca di soluzioni innovative. Tutto questo porta come risultato all’uscita periodica di nuove versioni che mandano anzi tempo in pensione modelli magari acquistati solo un paio d’anni prima.

Finché il robot funziona non ti devi preoccupare, i problemi sorgono a seguito di un guasto o rottura di un componente. I brand famosi mantengono per un certo tempo i principali ricambi in produzione come, per esempio, la batteria. Marchi poco conosciuti, soprattutto di aziende cinesi, è facile che decidano di togliere dal mercato un determinato modello compresi i ricambi. Il medesimo discorso può valere per i consumabili ovvero filtri, spazzole laterali e rullo centrale che qualora irreperibili ti costringono a sostituire il robot.

Upgrade ad un modello migliore

Tra i principali motivi della sostituzione di un robot aspirapolvere c’è il passaggio ad un modello dalle migliori prestazioni. Nonostante il vecchio prodotto funzioni ancora senza problemi, puoi decidere di acquistare un robot dotato di maggior autonomia, in grado di mappare l’ambiente domestico e dotato di connessione Wi-Fi per una pratica gestione da remoto.

Nuovi modelli in commercio