Caldaia a pellet o pompa di calore?

Caldaia a pellet o pompa di calore? Leggi la guida per conoscerne differenze, pro e contro, e capire quale elettrodomestico scegliere.

Differenze

La caldaia a pellet viene utilizzata per alimentare l’impianto di riscaldamento e approvvigionare acqua calda ad uso sanitario in abitazioni anche di grandi dimensioni o disposte su più piani. L’apparecchio è solitamente installato in un apposito locale e produce il calore attraverso la combustione di cilindri di segatura di legno pressata, espellendo i gas di scarico dalla canna fumaria.

Il caricamento del combustibile può avvenire dal basso, alto o lateralmente attraverso la pressione meccanica di una coclea oppure il risucchio creato da un sistema pneumatico. Una centralina elettronica gestisce accensione e spegnimento in base alle impostazioni, mentre all’utente rimane il compito di caricare quando necessario il pellet.

Gli impianti con pompa di calore sono decisamente più complessi e hanno la particolarità di climatizzare un ambiente prelevando l’energia termica dall’esterno. Un sistema molto ecologico costituito da un circuito chiuso in cui circola un fluido refrigerante soggetto a cambiamenti di stato, passando dalla fase liquida a quella gassosa e viceversa.

Ciò consente di estrarre il calore necessario al riscaldamento da fonti rinnovabili come aria, acqua o terra. In base alla sorgente utilizzata si avranno impianti anche molto diversi, con le pompe di calore ad aria che risultano le più semplici e meno costose. Sfruttare invece una falda acquifera presenta maggiori difficoltà, mentre è ancor più complicato utilizzare l’energia geotermica del sottosuolo.

Pro e contro

Facilità realizzazione impianto

La caldaia a pellet la puoi installare ovunque e in qualsiasi condizione senza nessun problema. Non si può dire la stessa cosa per la pompa di calore. Tale soluzione può richiedere determinate condizioni climatiche ovvero temperature esterne non troppo rigide nei sistemi ad aria, nonché la vicinanza di fonti come fiumi e laghi oppure una favorevole conformazione morfologica del terreno per sfruttare l’energia geotermica. La soluzione più semplice sono le pompe di calore ad aria, tuttavia il progetto rimane molto più complicato di un impianto con caldaia a pellet.

Installazione e manutenzione

Una caldaia a pellet offre costi di installazione piuttosto contenuti e senza particolari interventi strutturali. Un sistema con pompa di calore richiede invece un accurato progetto per valutare la fattibilità e la scelta della fonte di energia più adatta. Dopodiché si passa alla realizzazione dell’impianto che può essere più o meno complesso e obbligare ad interventi di un certo costo nel caso si volesse sfruttare una falda acquifera o l’energia geotermica.

Anche la spesa per la manutenzione è più elevata per un impianto a pompa di calore rispetto ad una caldaia a pellet, la quale dovrà essere solo controllata periodicamente da un tecnico specializzato per la verifica del funzionamento e delle emissioni inquinanti.

Versatilità

L’impianto a pompa di calore offre una superiore versatilità d’uso potendo climatizzare un ambiente, quindi riscaldare d’inverno e raffreddare nei mesi estivi. La caldaia a pellet si limita ad alimentare il circuito a termosifoni e soddisfare il fabbisogno di acqua calda per l’igiene personale e l’uso in cucina.

Rumorosità

Alcuni componenti di un impianto con pompa di calore generano un elevato inquinamento acustico, per cui sono montati sempre all’esterno in apposite cabine insonorizzate. Nulla di tutto questo per una caldaia a pellet da installare dentro casa senza alcuna preoccupazione.

Risparmio

È innegabile che un impianto con pompa di calore offre, nelle circostanze più favorevoli, un risparmio in bolletta che può raggiungere il 70% rispetto a vecchi sistemi. Tuttavia è un aspetto da valutare con attenzione insieme al progettista visto che una caldaia a pellet, in determinate condizioni, potrebbe risultare la soluzione più conveniente.

Costi

Non c’è il minimo paragone tra il costo di un impianto con caldaia a pellet e quello a pompa di calore, con quest’ultima soluzione assolutamente più onerosa. Devi mettere in conto spese per il progetto da affidare a ditte altamente specializzate e un sistema con più componenti che richiedono un’istallazione lunga e laboriosa. Certamente avrai un notevole risparmio in bolletta che col tempo ti permetterà di ammortizzare gli alti costi iniziali.

Quale scegliere

Mai come in questo caso la scelta richiede un’attenta valutazione della propria situazione. La caldaia a pellet rimane una soluzione semplice ed economica che può sostituire un vecchio modello a gas senza richiedere particolari interventi.

Installare una pompa di calore significa stravolgere l’impianto esistente, quindi è adatta per nuove case in costruzione o soggette a complete ristrutturazioni. Inoltre è una tecnologia in cui è indispensabile una verifica minuziosa da parte di un esperto delle condizioni ambientali, climatiche e geomorfologiche per capire se è fattibile e vale effettivamente la pena.