in

Migliori tritatutto elettrici

I migliori tritatutto elettrici selezionati per velocità di rotazione delle lame, potenza del motore, accessori in dotazione, capacità del recipiente, sicurezza e rapporto qualità prezzo.

KitchenAid 5KFC3516EWH

Recensione

Kenwood CH580

Recensione

Moulinex La Moulinette PA141

Recensione

Bosch MMR08A1

Recensione

Imetec 7256 CH 3000

Recensione

Ariete Choppy

Recensione

Come scegliere un tritatutto di qualità

La cucina è uno di quegli ambiti in cui si sperimenta di più e talvolta sono necessarie delle tecnologie particolari per preparare determinati piatti e ricette.

Il tritatutto, chiamato anche chopper o food processor (da non confondere con i multicooker), potrebbe diventare un elettrodomestico fondamentale all’interno della vostra vita e di quella della vostra famiglia, grazie ad alcune sue importanti caratteristiche, come la versatilità e le diverse modalità d’impiego.

Come scegliere un Tritatutto? Come optare per il modello che più fa per voi? E’ importante prima di tutto precisare che non tutti questi elettrodomestici sono uguali: ognuno è dotato di caratteristiche e peculiarità che lo rendono unico e quindi più o meno utile rispetto a quelli che sono i vostri intenti.

Cosa posso fare con il Tritatutto? Posso usarlo per sbriciolare semplicemente biscotti e caffè? Oppure per preparare degli omogenizzati adatti ai più piccoli? A seconda dell’utilizzo che ne volete fare, infatti, esistono in commercio diversi prodotti. Potrete optare, se per esempio dovete sbriciolare frutta, per un elettrodomestico dalle dimensioni contenute, che si comporti come un macinatore, mentre se avete bisogno di preparare pappe per gli infanti, e non disponete di un cuocipappa in casa, potrebbe essere necessario un utensile dalla capienza più ampia.

La lama del tritatutto ha anch’essa una sua importanza, così come il motore e quindi la potenza e i differenti tipi di velocità presenti.

Posso utilizzare il tritatutto per fare gli omogeneizzati? Il tritatutto è di solito contraddistinto da una buona capienza ed è il prodotto ideale per chi deve preparare pappe o alimenti in generale per i propri pargoli o per persone anziane. Le due diciture indicano il medesimo prodotto anche se a volte si rimane un po’ fuorviati dai due nomi differenti.

Il tritatutto può anche frullare? I tritatutto differiscono dai frullatori, sotto molti aspetti. Bisogna stare attenti a non confonderli, anche se sono simili il frullatore è più indicato per sminuzzare cibo e mescolare i vari ingredienti tra loro, fino ad ottenere dei composti cremosi, il tritatutto trita differenti tipi di cibo, macina ed è perfetto per preparare pappe e simili. Per tritare in modo più efficace e preparare alimenti ricchi di ingredienti il Tritatutto è indubbiamente più efficace.

Quanto spazio occorre in cucina per il tritatutto? E’ importante valutare il fattore spazio prima di acquistarlo, in quanto alcuni di essi sono di dimensioni notevoli.

Una volta valutato lo spazio disponibile potrete passare a studiare il design che più si accorda con l’arredo e con gli altri elettrodomestici della vostra cucina e che più risponde ai vostri gusti personali.  Valutate anche la distanza dalla presa, in quanto i cavi non sono lunghi tutti allo stesso modo e potrebbe essere quindi necessaria una prolunga.

Quanto costa un Tritatutto? E’ importante dire che il prezzo può variare anche di molto, a seconda del modello, del brand, della potenza e delle funzioni dell’utensile. Ne esistono di più economici e di più costosi e al momento dell’acquisto ciò che è importante è valutare quanto si intende investire per acquistare questo pezzo, in base anche all’uso che se ne farà.

I costi oscillano tra i 30 e i 70 euro, ma tenete conto che tendenzialmente più un prodotto sarà ricco di funzioni ed accessori, più alto sarà il suo costo. Anche la marca può far lievitare il costo. Se avete intenzione di utilizzarlo spesso vi conviene informarvi subito per un modello di una certa qualità, cercando di badare più all’efficienza che alla spesa.