Quando sostituire l’asciugatrice?

Quando conviene cambiare l’asciugatrice con un nuovo elettrodomestico? Ecco una serie di segnali da prendere in considerazione per la sua sostituzione.

Quanti anni ha l’asciugatrice?

Di fronte ad un’asciugatrice difettosa o con evidente calo delle prestazioni, la domanda che sorge spontanea è se vale effettivamente la pena ripararla. Si tratta di un elettrodomestico abbastanza costoso quindi potrebbe risultare conveniente chiamare un tecnico per richiedere quantomeno un preventivo.

Un elemento discriminante è la presenza di un apparecchio piuttosto datato che, il più delle volte, ti spinge a passare ad un nuovo modello. Del resto il progresso tecnologico produce continue innovazioni, il che si traduce nel rendere obsoleto un elettrodomestico anche se trascorsi solo pochi anni dal suo acquisto. Siccome i guasti riguardano molto spesso la scheda elettronica, non è raro che il ricambio risulti irreperibile e quindi sei costretto a sostituire l’asciugatrice.

Maggior risparmio energetico

Un fattore che non devi sottovalutare difronte alla scelta se sostituire un’asciugatrice guasta, è il risparmio sui consumi di corrente. Le nuove tecnologie creano elettrodomestici sempre più intelligenti e con sensori in grado di adattare automaticamente i parametri di funzionamento in base alle condizioni del carico, limitando al minimo gli sprechi energetici e portando ad un sensibile risparmio in bolletta. Dinnanzi ad un’asciugatrice da riparare, la prospettiva di acquistare un modello con classe di efficienza energetica superiore potrebbe essere un motivo più che valido per dire addio al vecchio elettrodomestico.

L’asciugatrice non si accende

Le cause sono quasi sempre di natura elettronica oppure un malfunzionamento del termostato di sicurezza. In quest’ultimo caso la riparazione è piuttosto semplice e poco costosa, mentre nell’altro devi valutare l’effettiva convenienza in base al preventivo.

Non parte il programma impostato

Se l’asciugatrice si accende ma non avvia il programma selezionato, il problema potrebbe essere meno grave di quanto credi. Infatti per sicurezza l’apparecchio si arresta qualora rilevasse troppa acqua nel cestello.

Spesso è sufficiente pulire il filtro intasato per tornare alla normalità. In un modello dotato di vasca per raccolta dell’acqua succede la stessa cosa non avendo svuotato il serbatoio. Se una volta effettuate tali verifiche l’asciugatrice non parte, potrebbe esserci un guasto alla pompa di scarico o alla scheda elettronica. In questi frangenti per un elettrodomestico di pochi anni è semplice trovare il ricambio e può valere la pena la riparazione, in caso contrario non ti rimane che acquistare un nuovo modello.

Il cestello di blocca

Le cause di un cestello bloccato all’avvio del programma possono rientrare tra quelle illustrate nel precedente paragrafo, ma è più facile che il problema sia da imputare all’usura o rottura della cinghia di trasmissione o del tendicinghia, nonché al motore elettrico danneggiato o bruciato.

Il bucato rimane umido

Peggiori performance nell’asciugatura sono il sintomo di un riscaldamento insufficiente. La resistenza elettrica interrotta o danneggiata è una possibile causa non riuscendo a scaldare l’aria come dovrebbe.

Più semplicemente il guasto potrebbe riguardare il termostato di sicurezza ovvero la protezione termica contro pericolosi surriscaldamenti, oppure il termostato ciclico che regola accensione e spegnimento dell’elemento riscaldante.

Rumori anomali

Rumori strani che provengono dall’asciugatrice durante il funzionamento non sono mai un buon segnale, anzi il più delle volte rappresentano il campanello di allarme di un possibile guasto. Le cause meno gravi sono un errato carico dei panni o la presenza di oggetti inseriti accidentalmente col bucato.

Di solito però il problema è imputabile all’usura degli ammortizzatori della vasca o dei cuscinetti. Più raramente un’eccessiva vibrazione potrebbe essere provocata dalla rottura del cestello. Sono tutte riparazioni che necessitano l’intervento di un tecnico e in taluni casi anche il trasporto in sede dell’elettrodomestico, quindi è quanto mai opportuno richiedere un preventivo prima di procedere.

I nuovi modelli sul mercato