Migliori asciugatrici

Le migliori asciugatrici selezionate per efficienza energetica, silenziosità, funzioni smart, rapporto qualità prezzo, delicatezza sui tessuti, capacità di carico, prezzo e marca.

Classifica migliori asciugatrici

Electrolux EW9H283BY

Electrolux EW9H283BY

Pro

  • Elevata capacità di carico
  • Soddisfacente asciugatura
  • Programmi completi
  • Connessione Wi-Fi e gestione da remoto

Contro

  • Il Wi-Fi funziona solo con reti a 2,4 GHz

All’interno dell’ampia proposta commerciale di asciugatrici a libera installazione, questa Electrolux EW9H283BY si ritaglia una posizione di spicco alla luce delle buone prestazioni e di un prezzo competitivo. Il design non presenta novità di rilievo, offrendo un funzionale pannello dei comandi, display integrato e un grande oblò di colore nero per regalare un piacevole contrasto cromatico.

Ciò che ho subito notato ed apprezzato è la facilità di accesso ai componenti che necessitano di interventi e manutenzione. Mi riferisco allo scambiatore di calore situato nella parte bassa e al filtro inserito all’intero del cestello e subito removibile per eliminare gli accumuli di lanugine. Anche la vaschetta di raccolta acqua si estrae in pochi secondi per le operazioni di svuotamento.

L’elettrodomestico si è dimostrato molto completo sotto ogni punto di vista e capace di soddisfare le esigenze di una famiglia numerosa grazie ad una capacità di carico pari a 8 kg. Abbiamo a disposizione ben 12 programmi per trattare qualsiasi tipo di indumento e tessuto, con un ciclo di asciugatura specifico per lenzuola e uno per piumoni. Per la maggior parte dei programmi, oltre alla selezione del livello di asciugatura e la durata, si possono abbinare specifiche opzioni in base alle necessità come, ad esempio, la funzione antipiega per facilitare la stiratura.

Electrolux EW9H283BY offre anche la connessione Wi-Fi e la programmazione da remoto tramite l’App My Electrolux. Ciò mi ha permesso di impostare, stando fuori casa, la partenza dell’asciugatrice, controllare l’avanzamento del ciclo oppure metterlo in pausa ed avere una serie di consigli sul programma da utilizzare a seconda del tipo di tessuto.

L’unico limite è l’impossibilità di connessione con reti Wi-Fi a 5 GHz. Una nota positiva sono i consumi con richiesta di soli 177 kW/h all’anno, diretta conseguenza della classe di efficienza energetica A+++. Anche la rumorosità risulta piuttosto contenuta, raggiungendo un valore massimo pari a 63 dB e con l’opportunità di attivare la funzione Extra Silent in caso di avvio in orari notturni.

Bosch WTX87MH9IT

recensione Bosch WTX87EH9IT

Pro

  • Design ricercato
  • Facilità di programmazione
  • Raccolta condensa in vaschetta o scarico diretto
  • Bassi consumi con particolare sistema di gestione intelligente
  • Connessione Wi-Fi e controllo da remoto

Contro

  • Nessun problema rilevato

Questo modello rientra nella linea di elettrodomestici Bosch HomeProfessional. Tale definizione la ritengo quantomai azzeccata alla luce delle caratteristiche tecniche e dei risultati ottenuti.

Che si tratta di un modello top di gamma e dalle elevate performance l’ho intuito immediatamente osservando la cura dei dettagli estetici e la qualità dei materiali. Molto ben progettato il pannello di controllo che occupa gran parte del profilo superiore con un ampio display e comodo selettore centrale.

Ricordo che questo elettrodomestico sfrutta la tecnologia a pompa di calore che unisce alti rendimenti con bassi consumi. L’umidità sottratta al bucato finisce in un serbatoio facilmente estraibile, tuttavia si può collegare l’asciugatrice ad uno scarico con il tubo in dotazione. Operazione che consiglio per poter eliminare direttamente la condensa evitando così di dover svuotare la vaschetta di raccolta.

Altre particolarità sono il sistema di pulizia automatica di condensatore e filtro che mantiene l’apparecchio sempre efficiente, Sensitive Drying System per asciugare i tessuti in modo delicato e AutoDry per un avvio rapido grazie all’azione di numerosi sensori in grado di misurare costantemente il livello di temperatura e umidità e impostare automaticamente i parametri.

In un’asciugatrice di questo livello non poteva mancare la connessione Wi-Fi e relativa gestione da remoto. A differenza di altri marchi concorrenti il collegamento alla rete è molto rapido e soprattutto stabile. Con l’app Home Connect disponiamo di molte funzioni e possibilità di avviare la macchina a distanza e controllare lo stato di avanzamento del programma.

Un ulteriore aspetto importante da sottolineare è la speciale gestione dei consumi. È infatti possibile collegare l’apparecchio al sistema Smart Energy e attivare l’Avvio Flex, così facendo l’elettrodomestico partirà solo quando, ad esempio, l’impianto fotovoltaico ha accumulato sufficiente energia oppure quando la tariffa della corrente è ritenuta vantaggiosa.

Bosch WTX87EH9IT offre all’utilizzatore una facile programmazione e funzioni davvero complete, nonché una semplice manutenzione. Quest’ultimo è spesso un aspetto sottovalutato per un’asciugatrice che richiede invece diversi interventi. Per la pulizia dello scambiatore di calore, del sensore dell’umidità e del filtro del contenitore dell’acqua di condensa dovremo spendere solo una manciata di minuti.

AEG T8DBE851

AEG T8DBE851Pro

  • Qualità dei materiali
  • Pulizia serbatoio acqua di condensa
  • Semplicità d’uso
  • Opzione antipiega
  • Consumo elettrico annuo ridotto

Contro

  • Un po’ lenta in asciugatura cotone
  • Display poco visibile se collocate l’asciugatrice all’esterno
  • Tende a stropicciare un po’ i capi in cotone
  • Non ha io blocco porta per sicurezza bambini

AEG T8DBE851 è un’asciugatrice a pompa di calore e libera installazione in grado di offrire un design ricercato con pannello di controllo dal look molto moderno. L’oblo’ presenta da una parte una maniglia con particolare presa ergonomica per facilitare l’apertura e dall’altra un ampio diametro per caricare e scaricare un massimo di 8 chilogrammi di bucato senza difficoltà.

Questo modello offre un elevato livello tecnologico per ottenere capi asciutti e soprattutto evitare l’infeltrimento dei tessuti. Tra le varie caratteristiche evidenziamo la tecnologia ProSense che sfrutta sensori di temperatura e umidità per ridurre al minimo i tempi di asciugatura e di conseguenza i consumi.

Altro fattore molto importante è il sistema brevettato SensiDry che, rispetto ai modelli tradizionali, elimina l’acqua a temperature anche del 50% più basse; il tutto senza allungare i tempi del ciclo, risparmiando energia e trattando gli indumenti con maggior delicatezza. Da non dimenticare anche il sistema AbsoluteCare per trattare capi in lana e delicati senza il rischio che vengano rovinati dallo sfregamento contro le pareti del cesto.

A completare le caratteristiche dell’elettrodomestico ci sono 7 diversi cicli di asciugatura, modalità Eco applicabile su ogni programma, partenza ritardata con un minimo di 30 minuti e un massimo di 20 ore, funzione Extra Silent per limitare la rumorosità e sicurezza bambini con bloccaggio dei tasti.

Secondo la mia opinione AEG T8DBE851 è un’asciugatrice con un soddisfacente rapporto qualità prezzo. Un prodotto completo, affidabile e dotato delle tecnologie più innovative per trattare con delicatezza qualsiasi tessuto, avendo un occhio di riguardo alla bolletta visti i soli 177 kWh di consumo annuo e una classe di efficienza energetica A+++.

Candy Grandò Vita GVS4 H7A1TCEX-01

recensione Candy Grandò Vita GVS4 H7A1TCEX-01Pro

  • Profondità contenuta
  • Ampia gamma di programmi
  • Tanica raccolta condensa di buona capacità

Contro

  • Funzioni smart poco utili

L’aspetto estetico lo considero nella media vista la presenza di un oblò con finitura cromata, il classico selettore e un display centrale per verificare i parametri di funzionamento. Questo modello è adatto per chi dispone di poco spazio per l’installazione, infatti occupa una profondità di soli 46 cm. Si riduce leggermente la capacità di carico che, con i suoi 7 kg, assicura comunque un comodo utilizzo anche a nuclei familiari abbastanza numerosi.

Il sistema di asciugatura a condensazione, con la raccolta dell’umidità in una pratica tanica rimovibile, dà la possibilità di sfruttare l’acqua distillata per altri impieghi. I sensori presenti funzionano molto bene e riescono ad adeguare i parametri in base al peso del carico ottimizzando i consumi e arrestando automaticamente il ciclo al livello di asciugatura desiderato. Ciò consente di inserire da un minimo di 1 kg fino al pieno carico avendo sempre un occhio di riguardo per la bolletta.

Candy Grandò Vita GVS4 H7A1TCEX-01 la ritengo una valida scelta che rende ogni operazione molto facile e restituisce indumenti asciutti e con pieghe limitate. Non trovo particolarmente utile la connessione dello smartphone attraverso tecnologia NFC. Si hanno a disposizione una serie di funzioni che non incidono in alcun modo sulla praticità d’uso e di fatto è una possibilità che ben difficilmente verrà sfruttata.

Hoover DXW HY9A2TKEX-01

Hoover DXW HY9A2TKEX-01

Hoover DXW HY9A2TKEX-01 è un’asciugatrice in classe energertica A++ con una capacità di carico di 9 kg, ed è di tipo ibrido, in quanto funziona con pompa di calore associata alla resistenza. L’asciugatrice, si caratterizza anche perché dotata di un accorgimento costruttivo brevettato dalla casa costruttrice: l’acqua viene convogliata  all’interno di un contenitore posizionato nell’oblò, che l’utente svuoterà manualmente alla fine del ciclo.

L’acqua che viene raccolta è demineralizzata, per cui può essere riutilizzata per le altre faccende domestiche, ovvero per riempire il serbatoio di un ferro da stiro o di un pulitore a vapore.

Particolarmente interessante è anche il sistema di gestione dei programmi, anche a distanza attraverso l’app Wizard. I vari cicli, fra i quali l’opzione antipiega, sono ritardabili fino a 23 ore in modo da poter scegliere quando azionarli mentre si è fuori casa.

Hoover DXW HY9A2TKEX-01 produce un rumore massimo di 67 dB, il consumo di energia totale annuo è di 259 Kwh, rivelandosi una buona scelta per le famiglie numerose e coloro che cercano un’asciugatrice intelligente e smart da connettere al tablet o allo smartphone.

Smeg DHT39PLIT

Smeg DHT39PLIT

Pro

  • Consumi contenuti
  • Possibilità di scarico diretto dell’acqua
  • Funzioni complete
  • Facile manutenzione

Contro

  • Manca un contenitore per l’asciugatura delle scarpe

Smeg DHT39PLIT è un’asciugatrice a libera installazione dotata di pompa di calore per rimuovere l’umidità dal bucato assicurando un consumo contenuto pari a 194 kWh all’anno, in perfetta linea con la classe di efficienza energetica A+++ di appartenenza. Un elettrodomestico che ho trovato molto essenziale nello stile e dalle elevate prestazioni, nonché ricco di funzioni e programmi per venire incontro alle molteplici esigenze.

Dovendo valutare un’asciugatrice mi soffermo sempre sulla praticità della manutenzione ordinaria. Il pannello inferiore mi consente un comodo accesso all’evaporatore per eliminare la lanugine accumulata sulle alette e al filtro per un veloce lavaggio. Anche la rimozione del serbatoio di raccolta della condensa è alquanto immediata, potendo comunque evitare l’operazione collegando lo scarico diretto con il tubo in dotazione.

Il pratico selettore e il display con i tasti funzione favoriscono una rapida ed intuitiva programmazione. Ogni tessuto è trattato con riguardo, avendo una particolare cura per capi in lana e delicati.

Grazie ad un apposito programma per camice e funzione antipiega risulterà molto meno gravoso il lavoro di chi deve stirare. La durata media dei vari programmi va dai 50 minuti del ciclo Rapido per arrivare a 220 minuti della modalità Notte, in grado di ridurre al minimo la rumorosità per sfruttare le fasce orarie con tariffa energetica conveniente e senza disturbare il riposo.

Smeg DHT39PLIT è un’asciugatrice solida, affidabile che non mostra alcuna significativa debolezza. L’unico appunto è la mancanza di un apposito contenitore per poter asciugare comodamente le scarpe da ginnastica o qualsiasi calzatura lavabile.

LG RC90V9AV2W

LG RC90V9AV2W

Pro

  • Estetica accattivante
  • Illuminazione interna
  • Facilità d’uso
  • Consumi limitati
  • Programma specifico per eliminare gli allergeni dal bucato

Contro

  • Nessun problema riscontrato

Chi conosce gli elettrodomestici della LG non sarà affatto sorpreso dal design ricercato di questa asciugatrice, in cui spicca l’ampio oblò in vetro temperato con cornice di colore nero e la moderna console di comando con display.

Un modello non solo bello da vedere, ma anche dotato di elevate prestazioni e capace di soddisfare qualsiasi esigenza. Chi è alle prese con grossi carichi potrà sfruttare i 9 kg di capacità del cestello, mentre i numerosi programmi permettono di trattare con cura qualsiasi tipo di tessuto.

L’asciugatrice risulta particolarmente indicata per chi ha problemi di allergie, infatti basta selezionare la modalità Allergy Care per rimuovere dal bucato fino al 99% dei batteri e degli acari della polvere.

L’asciugatura avviene tramite sistema con pompa di calore, il che offre il vantaggio di ridurre ulteriormente i consumi rispetto a una già performante classe di efficienza energetica A+++. I tempi dei vari cicli sono mediamente più corti grazie all’impiego di sensori che rilevano l’umidità dei vestiti e regolano di conseguenza i parametri di funzionamento.

LG RC90V9AV2W è un’asciugatrice completa e tecnologicamente all’avanguardia con cui ottenere vestiti ben asciutti a basse temperature, così da ridurre le pieghe e il rischio di restringere i tessuti. Da non dimenticare nemmeno la connessione Wi-Fi e la comodità della gestione da remoto tramite dispositivo mobile.

Samsung DV80N62542W

Samsung DV80N62542W

Pro

  • Consumi molto contenuti
  • Facilità pulizia e manutenzione ordinaria
  • Ridotti tempi di asciugatura
  • Controllo da remoto tramite app

Contro

  • Connessione Wi-Fi solo con reti a 2,4 GHz

Samsung DV80N62542W è un’asciugatrice a libera installazione in grado di gestire fino a 8 kg di bucato per soddisfare le esigenze di famiglie numerose. La tecnologia con pompa di calore coadiuvata da tre sensori per il controllo di umidità, temperatura e pulizia dello scambiatore, assicura da una parte il trattamento delicato dei tessuti e dall’altra l’efficace rimozione dell’umidità residua abbattendo i costi in bolletta.

L’elettrodomestico appartiene, infatti, ad una classe di efficienza energetica A+++, riducendo il consumo elettrico a 176 kWh all’anno. Il funzionamento risulta anche sufficientemente silenzioso, con massima pressione sonora di 65 dB.

L’asciugatrice aggiunge alle ottime prestazioni una notevole praticità d’uso grazie all’intuitiva programmazione, il facile svuotamento del serbatoio e le comode operazioni di pulizia del filtro lanuggine e manutenzione ordinaria dello scambiatore di calore.

L’ampia varietà di programmi e funzioni aggiuntive vengono incontro sia alle esigenza di chi dispone di un piccolo carico, che a massaie alle prese con grandi quantità di bucato. Di particolare utilità l’Ecoasciugatura Rapida che elimina l’umidità da tessuti misti in 81 minuti e il Rapido 35 minuti adatto per un carico massimo di 1 kg di capi sintetici e in cotone.

A dimostrazione della completezza, Samsung DV80N62542W offre la fine programmata per sfruttare fasce orarie con tariffe energetiche più convenienti e la connessione Wi-Fi alla rete domestica a 2,4 GHz. In questo modo è possibile monitorare e controllare da remoto l’asciugatrice, nonché cambiare opzioni o impostazioni se necessario tramite l’app SmartThings.

Beko DRY733CI

Beko DRY733CI

Pro

  • Consumi contenuti
  • 16 programmi di asciugatura

Contro

  • Programma Notte molto lungo

Beko DRY733CI è un’asciugatrice con pompa di calore e capacità di carico di 7 kg. Questo modello impiega tecnologie di ultima generazione per offrire capi asciutti ma senza mai dimenticare il risparmio in bolletta, come dimostra la classe di efficienza energetica A+++. Tramite l’ampio pannello elettronico e il selettore a rotella si accede ad ogni funzione, potendo contare su ben 16 programmi. Un numero davvero elevato per soddisfare le varie necessità e trattare con delicatezza qualsiasi tessuto.

Tra i più interessanti ho trovato il programma Xpress per ottenere 1 kg di indumenti asciutti in soli 49 minuti, Baby Protect adatto per capi di neonati e bambini piccoli, Refresch che immette aria a temperatura ambiente per ventilare il bucato e Notte per abbassare al minimo il livello di rumorosità.

Quest’ultimo è anche il programma di maggior durata che richiede ben 220 minuti per completare il ciclo. Tuttavia, la possibilità di impostare una partenza ritardata fino a 24h permette di sfruttare fasce orarie con tariffe energetiche vantaggiose.

Ci sono poi una serie di funzioni aggiuntive e altri particolari che hanno lo scopo di facilitare l’utilizzo e garantire la massima sicurezza. Tra questi rientrano il blocco tasti per bambini, indicatore porta aperta, segnale luminoso per pulizia filtri e serbatoio d’acqua pieno, nonché avviso acustico di fine ciclo con possibilità di disattivarlo nel caso risulti fastidioso.

Indesit EDPA 745 A1 ECO

Indesit EDPA 745 A1 ECO

Indesit EDPA 745 A1 ECO è un’asciugatrice a pompa di calore, con una capacità di carico di 7kg e con un livello di rumorosità di 69 dB. Il prodotto di questa recensione spicca non solo per il buon rapporto qualità prezzo, ma anche per il design singolare, in quanto è privo del tradizionale oblò e si carica con una certa facilità.

Particolarità del modello, con un consumo annuo di 279 kW, è anche la presenza di un esclusivo cesto scarpe, che consente di riporre ogni calzatura in posizione ideale per una rapida e completa asciugatura.

Facile da usare, questa asciugatrice è dotata di programmi speciali, quali sport, breve da 45 minuti, stira facile, della tecnologia Energy Saver: i sensori misurano il livello di umidità e conseguentemente la temperatura viene regolata per risparmiare sui consumi. Il prodotto, inoltre, presenta anche l’opzione per memorizzare il ciclo più usato e richiamarlo in ogni momento.

Indesit EDPA 745 A1 ECO, secondo la mia opinione, rappresenta una buona scelta per asciugare anche imbottiti e i capi misti, grazie al programma specifico per piumoni e al mix che evita di dover separare i tessuti.

Hisense DHGS90

Hisense DHGS90

Pro

  • Funzionamento intuitivo
  • Soddisfacente asciugatura
  • Consumi contenuti

Contro

  • Nessun problema riscontrato

Hisense DHGS90 è un’asciugatrice con tecnologia a pompa di calore e un prestazionale motore ad inverter per rimuovere l’umidità e offrire capi con un limitato numero di pieghe. La capacità del cestello di 9 kg assicura un pratico utilizzo anche a chi deve gestire importanti volumi di bucato. Il display, coadiuvato dall’immancabile selettore a rotella, offre una programmazione davvero intuitiva e sarà apprezzata da chi si cimenta per la prima volta con un elettrodomestico di questa tipologia.

Uno dei principali particolari tecnici è la presenza di un generatore di ioni che assolve diversi compiti. Per prima cosa produce un effetto antipiega rilassando le fibre e favorendo così la successiva stiratura. In secondo luogo riduce la carica elettrostatica prodotta dalla rotazione del cestello che attrae fibre e lanugine sugli indumenti. In ultimo non bisogna dimenticare il potere rinfrescante grazie alla riduzione di cattivi odori come il fumo di sigaretta lasciato su capi asciutti.

Per facilitare ulteriormente la stiratura, questo modello permette di azionare l’opzione antipiega aggiungendo un potente getto di vapore a fine ciclo per distendere i tessuti. Naturalmente è disponibile tutta una serie di programmi per venire incontro alle più comuni necessità, senza dimenticare la partenza ritardata, l’illuminazione interna a LED e l’inversione del senso di rotazione del cesto.

Hisense DHGS90 è un elettrodomestico dotato di un’avanzata tecnologia di asciugatura e di molte comode funzioni per facilitare la vita alle massaie e tutti coloro alle prese con la gestione del bucato. Un apparecchio attento anche ai consumi vista l’appartenenza ad una classe di efficienza energetica A++ e dal funzionamento non eccessivamente rumoroso con una massima pressione sonora di 66 dB.

Come scegliere un’asciugatrice

Scegliere un’asciugatrice domestica è sicuramente un’operazione non facile, il mercato è infatti saturo di prodotti con caratteristiche simili distribuiti in diverse fasce di prezzo. Saper orientarsi nella scelta è quantomai fondamentale per evitare di acquistare l’asciugatrice sbagliata, per questo conoscere quali siano le funzioni più importanti, le caratteristiche tecniche principali e comprendere quale consumo di corrente o gas comporti un modello piuttosto che un altro, potrebbe aiutare nell’acquisto.

Consumi e Prestazioni

Il fattore più importante per la scelta dell’asciugatrice è dato dalla possibilità di ridurre i costi della bolletta elettrica o del gas a seconda del modello acquistato. A tal proposito, abbiamo realizzato una guida che spiega come ridurre i costi in bolletta degli elettrodomestici. Detto ciò il costo di acquisto del prodotto passa in secondo piano. Secondo le normative vigenti, con l’obbligo dell’etichettatura energetica per le asciugatrici, sarà possibile capire, abbastanza agilmente, quale sia la soluzione più economica da un punto di vista dei consumi energetici.

Ragionevolmente si parte da elettrodomestici in classe A+++, che garantiscono le prestazioni migliori, fino alla classe B. È l’Unione Europea ad aver stabilito i parametri base per il calcolo dell’assegnazione della fascia energetica. In generale, senza entrare troppo nel dettaglio, possiamo stimare un consumo ed un costo annuo – prendendo come riferimento un’asciugatrice con pompa di calore con una capacità di carico di 8 Kg – che va da un minimo di 181 chilowatt e circa 32 euro di consumi per una classe A+++, fino a circa 450 Chilowatt e 100 euro di consumi per un classe B.

Per farsi un idea di quale carico massimo scegliere, si tenga presente che un’asciugatrice da 5 o 6 kg può essere utile per asciugare settimanalmente il bucato ad una coppia di adulti, mentre 7 o 8 kg andranno più che bene per quattro persone. Qualora il proprio nucleo familiare fosse superiore, so dovranno acquistare asciugartici più grandi e quindi più costose.

Relativamente all’etichetta energetica, si è detto oltre che dei consumi anche delle prestazioni della macchina. Infatti potranno essere ricavate delle informazioni molto interessanti a livello pratico per l’utente che deve comprare l’asciugatrice, ad esempio il tempo massimo del ciclo di asciugatura (spesso calcolata riferendosi a tessuti di cotone), il grado di rumorosità raggiunta durante il funzionamento (si calcola in decibel, riportati con la sigla dB), e nel caso delle asciugartici a condensatore la classe di condensazione.

Queste possono essere informazioni decisive per portare a scegliere un modello piuttosto che un altro. Per quanto riguarda il tempo di asciugatura ad esempio, si parte dalle macchine più potenti e moderne che riescono a completare l’intero ciclo in circa 80 minuti, fino a sistemi più datati che impiegano fino a tre ore. Per quanto riguarda invece la classe di condensazione, si tratta di un parametro specifico ad un tipo di asciugatrice.

Partendo dalla fascia più alta, cioè A, fino a quella più bassa, ovvero la G, si verifica la quantità di vapore condensato dal condensatore da parte dell’asciugatrice. Una classe A riuscirà a condensare fino al 90% dell’umidità, il che vuol dire che il tempo di asciugatura sarà decisamente inferiore rispetto alle fasce più basse.

Tipologie

Come primo punto su cui soffermarsi nella scelta della propria lavastoviglie, c’è senza dubbio la tecnologia su cui si basa il funzionamento dell’elettrodomestico. Di base tutte le asciugatrici funzionano allo stesso modo, cioè tramite il riscaldamento dell’aria che verrà poi erogata all’interno del cestello. Ovviamente però il sistema in cui questo avviene può variare da modello a modello e da tipologia a tipologia:

Asciugatrici con pompa di calore: queste asciugatrici sono dotate di una pompa di calore interna con la quale viene generata l’aria, si tratta di una tecnologia molto moderna e funzionale, e in virtù di ciò il costo di prodotti simili non è propriamente tra i più bassi del mercato. Tuttavia, si tratta di scegliere a favore della qualità e dell’efficacia ma sopratutto dal punto di vista del costo energetico. Le asciugatrici con pompa di calore infatti consumano davvero poco rispetto ad altri sistemi più desueti che necessitavano di far scaldare una resistenza. Nel corso di una non di utilizzo si potrà rientrare tranquillamente dell’investimento fatto tramite il risparmio in bolletta.

Asciugatrici a condensazione: in questo caso, le asciugatrici sono dotate di condensatore interno. Tramite questo sarà possibile condensare il vapore derivante dall’acqua che si asciuga dai propri capi bagnati, il quale verrà poi raccolto in un’apposito serbatoio (sotto forma di acqua ovviamente). Anche in questo caso esistono soluzioni più economiche, tuttavia il principale vantaggio si una simile tecnologia, sarà quello di poter collegare direttamente alla corrente la propria asciugatrice, senza necessariamente dover essere vincolati alla presenza un collegamento per l’acqua.

Asciugatrici a espulsione o ad evaporazione: al contrario di quanto accade nella tecnologia precedentemente descritta, in questo caso il vapore non verrà raccolto, ma sarà direttamente espulso dalla macchina tramite un apposito tubo. Di solito il vapore viene emesso fumando, ma ci sono anche alcune versioni ibride, leggermente più costose, che permettono di espellere il vapore dopo averlo raffreddato, così da poter scaricare l’acqua che ne scaturisce, dove si preferisce. Si tratta di una soluzione leggermente più economica rispetto a quelle presentate in precedenza, tuttavia, l’evaporazione costane potrebbe far salire la temperatura della stanza in cui l’asciugatrice si trova e rovinarne le pareti. Per evitare danni sarà bene acquistare questo tipo di asciugatrice solo in presenza di un luogo adatto, come ad esempio un garage.

Asciugatrici a metano o GPL: queste tipologie di asciugatrici puntano a risparmiare in termini di energia elettrica sfruttando il gas metano o il GPL. Anche in questo caso ci sono pregi, relativi sopratutto al risparmio nei consumi in bolletta dell’elettricità, ma anche difetti, dovuti alla poca praticità di installazione relativa alla necessità di allacciare al gas la propria asciugatrice. Inoltre, i panni tolti dalla macchina non saranno totalmente asciutti, spesso risultano ancora un po’ umidi, a causa della minor potenza di questo particolare sistema.

Guida all’acquisto

La scelta dell’asciugatrice, va fatta tenendo bene a mente che non si tratta di un elettrodomestico economico, dato che il costo può andare dai 500 ai 1500 euro, al quale vanno sommati i consumi di energia elettrica per il suo funzionamento. Ecco una serie di consigli per scegliere al meglio la vostra asciugatrice domestica:

Considerate i modelli a gas
Gli asciuga abiti a gas e quelli elettrici danno risultati paragonabili, come mostrano anni di test. Gli asciuga abiti a gas costano più dei modelli elettrici di pari qualità, ma il probabile risparmio di energia dovrebbe fare la differenza nel lungo periodo. Un asciuga abiti elettrico richiede una presa da 240 volt, un modello a gas richiede una connessione al gas. Se avete entrambi, non escludete il modello a gas solo perché costa di più.

Insistete su un sensore di umidità
Asciugare oltre il necessario può danneggiare o restringere la stoffa, e un buon sensore di umidità diminuisce questa possibilità. I sensori sono disponibili nella metà dei modelli sul mercato, inclusi i più costosi. Può capitare che non troviate riportato chiaramente se uno specifico modello ha o no un sensore o un termostato: fate delle ricerche, visitate il sito web del produttore.

Non impuntatevi sulla capienza
I produttori descrivono la capienza degli asciuga abiti (come fanno con quella delle lavatrici) con termini come extra large, super e super plus. Le differenze non sono significative per l’uso di tutti i giorni. La maggior parte degli asciuga abiti di normali dimensioni può sostenere un tipico carico di lavatrice. Scegliete un modello dalla capacità eccellente se volete asciugare oggetti grandi e ingombranti.

Non spendete per funzioni inutili
Le asciugatrici molto care possono offrire dozzine di opzioni, tra cui cicli particolari come lo “speed dry” (ad esempio 15 minuti ad alta temperatura). In genere è possibile ottenerli anche con modelli standard. L’impostazione del livello di calore, le opzioni a tempo e automatico, e la scelta tra alcuni tipi di tessuti (normale/cotone e stampe/delicati) è più che sufficiente. I touchpads impressionano e permettono di salvare le impostazioni standard ma non influenzano la performance, e nemmeno i tubi in acciaio inox (a differenza di quanto succede per le lavatrici).

Scegliete un asciugabiancheria silenziosa
Se l’asciugabiancheria sarà posizionata vicino alla cucina o alla camera da letto, cercate un modello che sia in grado di lavorare producendo il minor livello di rumore.

Migliori tecnologie

Miele Perfect Dry

Questo sistema brevettato garantisce buoni risultati di asciugatura anche quando l’acqua contiene molto calcare. Negli elettrodomestici che non dispongono di Perfect Dry, questo è tutt’altro che scontato, perché il calcare influisce sulla misurazione dell’umidità residua e quindi sul risultato. Perfect Dry determina in modo esatto i tempi di asciugatura in base al calcare, per raggiungere sempre il grado di asciugatura desiderato.

Whirlpool 6TH SENSE e 3DRY

6TH SENSE e 3DRY è la tecnologia progettata da Whirlpool per asciugare qualsiasi indumento in maniera soddisfacente. I sensori 6 SENSO presenti nella macchina monitorizzano costantemente il carico, mentre il sistema 3DRY si preoccupa di distribuire in modo uniforme il calore in ogni punto del cestello. Il ciclo d’asciugatura durerà solo il tempo necessario per rimuovere tutta l’umidità e non un minuto in più.

Beko EcoGentle

EcoGentle è una tecnologia introdotta nelle asciugatrici Beko per poter impiegare qualsiasi tipologia di tessuto senza alcuna preoccupazione di alterare elasticità e colori. Il sistema di rimozione dell’umidità utilizza l’azione combinata di un processo di condensazione con l’aria condizionata. I capi verranno asciugati in modo efficiente attraverso un trattamento delicato e attento ai consumi energetici.

Domande frequenti

Classifiche correlate