Migliori deumidificatori portatili

I migliori deumidificatori portatili per rapporto qualità/prezzo, oltre alla classifica e le recensioni trovi anche il confronto prezzi.

INDICE
1. Classifica migliori deumidificatori portatili
1.1 De Longhi DDSX225
1.2 Electrolux EXD16DN4W
1.3 Ariston DEOS 20S
1.4 Olimpia Splendid AQUARIA SLIM 10P
1.5 Argo DRY PURY 25
1.6 Comfee CF-DEHU-12
1.7 Trotec TTK 68 E
1.8 Klarstein DryFy Pro
1.9 Ughey 1000 ml
2. Come scegliere un deumidificatore portatile
2.1 Potere deumidificante
2.2 Capacità serbatoio
2.3 Rumorosità
2.4 Funzionalità
2.5 Estetica e dimensioni
2.6 Domande frequenti

Classifica migliori deumidificatori portatili

De Longhi DDSX225

Recensione De Longhi DDSX225

Pro

  • Elevata capienza della tanica
  • Funzionamento anche con scarico continuo della condensa
  • Modalità per asciugatura bucato

Contro

  • Regolazione del grado di umidità poco personalizzabile
  • Non dispone della funzione di autorestart in caso di black-out
  • Manca un allarme per filtro intasato

De Longhi DDSX225 è un deumidificatore portatile dal design moderno, con dimensioni di 38,3 x 25,6 x 60 (H) centimetri e un peso di circa 13,5 chilogrammi. Lo sviluppo per lo più in verticale consente il posizionamento in un angolo senza dare troppo fastidio, mentre le ruote piroettanti e la maniglia integrata mi permettono comodi spostamenti.

In base alle necessità posso collegare un tubo allo scarico diretto della condensa per il funzionamento continuo. In alternativa sfrutto la tanica con capacità di ben 5 litri per raccogliere l’umidità estratta dall’ambiente circostante. In questo caso dispongo di una finestrella trasparente per controllare il livello dell’acqua, con il dispositivo che si arresta automaticamente a serbatoio pieno in attesa dello svuotamento.

Gestire il deumidificatore è davvero semplice dovendo solo impostare il grado di umidità che intendo mantenere nel locale. A tal proposito ho trovato abbastanza limitante poter selezionare solo 5 livelli prestabiliti compresi tra 30% e 70%, anche considerando che molti modelli concorrenti offrono una regolazione con step minimi del 5%.

Comunque, a parte questo particolare, ho l’opportunità di attivare la funzione Laundry che ottimizza il funzionamento accelerando l’asciugatura della biancheria, impostare il timer per programmare accensione e spegnimento ritardato, variare la velocità di ventilazione su tre livelli e azionare il movimento automatico del deflettore per distribuire uniformemente il flusso d’aria.

Per quanto riguarda la rumorosità, la macchina genera una pressione sonora compresa tra 42 e 47 dB. Alla massima ventilazione potrebbe dare fastidioso, ma del resto è una caratteristica comune a questa tipologia di elettrodomestici. Altro aspetto da evidenziare è la presenza di un filtro antipolvere che riduce anche la diffusione dei batteri grazie all’azione degli ioni di argento.

L’elemento va pulito con regolarità per non compromettere il corretto abbassamento dell’umidità. La frequenza degli interventi dipende dalle ore di utilizzo comunque, per non avere preoccupazioni, è bene effettuare la pulizia una volta la settimana, anche perché manca uno specifico allarme a indicare quando il filtro è intasato.

In conclusione, De Longhi DDSX225 è un deumidificatore che svolge bene la sua funzione e permette di regolare la percentuale di umidità in locali fino a 40 / 45 metri quadri. Secondo la mia opinione si tratta di un modello senza particolari punti deboli, se non la mancanza della funzione di autorestart. Ciò significa che, in caso di black-out, la macchina non è in grado di ripartire da sola e continuare a funzionare con le impostazioni memorizzate.

Electrolux EXD16DN4W

Electrolux EXD16DN4W

Pro

  • Possibilità di scarico diretto dell’acqua
  • Serbatoio di raccolta di buona capienza
  • Design moderno
  • Funzionalità complete

Contro

  • Nessun problema rilevato

Questo deumidificatore secondo la mia opinione ha un bel design moderno che bene si integra in qualsiasi ambiente; inoltre è munito di comode ruote e pratiche maniglie per facilitare gli spostamenti all’interno della casa.

Un apparecchio dall’utilizzo molto semplice, infatti basta posizionarlo in una stanza e avviarlo impostando il livello di umidità desiderato oppure scegliendo una delle modalità a disposizione. A tal proposito possiamo attivare il programma SMD, ovvero la deumidificazione intelligente con controllo automatico dell’umidità, che verrà mantenuta ad un valore compreso tra il 45% e il 55%.

Nel caso di utilizzo in locali dove si asciuga la biancheria, disponiamo di un’apposita modalità per avere le massime prestazioni con la ventola che ruoterà alla velocità più elevata.

In aggiunta possiamo avviare anche la modalità continua, con il deumidificatore che funzionerà senza sosta fino al completo riempimento del serbatoio di raccolta. In questi frangenti consiglio di collegare il tubo per lo scarico diretto della condensa, in modo che non dovremo nemmeno preoccuparci di svuotare la vaschetta.

Electrolux EXD16DN4W è un prodotto davvero completo e dalle buone prestazioni. Un umidificatore attento anche alla qualità dell’aria grazie alla presenza di un filtro per trattenere la polvere e le particelle di maggiori dimensioni, nonché di uno ionizzatore per rendere la purificazione ancor più efficace.

Ariston DEOS 20S

Recensione Ariston DEOS 20S

Pro

  • Funzionamento con tanica o scarico continuo dell’acqua
  • Regolazione precisa della percentuale di umidità
  • Filtro antiodore per rimuovere composti organici volatili

Contro

  • Manca la specifica funzione per asciugare la biancheria
  • Non dispone dell’indicatore per filtro intasato

Ariston DEOS 20S è un deumidificatore portatile con dimensioni di 35 x 24,5 x 51 (H) centimetri e un peso di circa 13 chilogrammi. Considerando che si tratta di un modello progettato per eliminare dall’ambiente domestico fino a 20 litri d’acqua in 24 ore, gli ingombri li considero piuttosto contenuti e favoriscono sia il posizionamento in un angolo che il rimessaggio. Per spostare l’apparecchio mi aiuto con la maniglia integrata e le 4 ruote omnidirezionali.

Il design pulito con scocca in plastica di colore bianco e il pannello di controllo con piccolo display poco vistoso, permettono il collocamento in qualsiasi locale senza dare troppo nell’occhio. Come la maggior parte dei deumidificatori, anche in questo caso ho la possibilità di scegliere tra funzionamento con la tanica oppure drenaggio continuo della condensa tramite tubo in gomma da collegare all’apposito attacco posteriore.

Nel primo caso l’acqua viene raccolta nel serbatoio estraibile da 3 litri, potendo osservare il livello dalla finestrella trasparente e con spegnimento automatico del compressore a tanica colma. Sulla console è presente un led per segnalare quando è il momento di procedere allo svuotamento.

Il pannello comandi è molto intuitivo e posso subito programmare l’apparecchio dopo una rapida lettura del manuale. Tramite il tasto Mode decido tra modalità standard con l’unità che lavora fino al raggiungimento dell’umidità desiderata, oppure modalità continua con funzionamento alla massima capacità di deumidificazione fino a serbatoio pieno.

Il timer mi consente di stabilire accensione e spegnimento ritardato, mentre il pulsante Fan di selezionare una delle due velocità di ventilazione. Il display normalmente indica la percentuale di umidità relativa del locale, mostrando invece il valore durante il settaggio. A tal proposito sono in grado di effettuare una regolazione da un minimo del 35% fino a un massimo dell’80%, con incrementi / decrementi del 5% a ogni pressione dei tasti + e -.

Altre funzioni rilevanti sono l’autorestart in caso di black-out elettrico, con la macchina che riparte mantenendo le impostazioni memorizzate e l’anticongelamento che arresta il compressore e lascia accesa solo la ventola per impedire la formazione di ghiaccio sull’evaporatore.

Nella parte posteriore è presente la griglia di protezione del filtro, il quale è composto da due elementi di cui uno antipolvere da pulire almeno ogni 30 giorni e l’altro per eliminare composti organici volativi da sostituire dopo circa 24 mesi.

Secondo la mia opinione, Ariston DEOS 20S è un deumidificatore portatile dal buon rapporto qualità prezzo. Infatti, a fronte di una spesa contenuta, dispongo di un apparecchio affidabile per mantenere con una certa precisione la percentuale di umidità impostata in locali fino a 45 / 50 metri quadri. Gli unici aspetti negativi che ho riscontrato nel corso della prova sono la mancanza di un allarme per filtro intasato e l’assenza della funzione Laundry utile per velocizzare l’asciugatura del bucato.

Olimpia Splendid AQUARIA SLIM 10P

Recensione Olimpia Splendid Aquaria Slim 10P

Pro

  • Prezzo basso
  • Funziona sia con tanica che scarico diretto della condensa tramite tubo
  • Regolazione precisa della percentuale di umidità
  • In caso di mancanza di corrente riprende a funzionare con le impostazioni memorizzate

Contro

  • Manca la modalità per asciugare la biancheria
  • Velocità di ventilazione non regolabile
  • Il filtro dell’aria non è antibatterico
  • Non dispone di allarme per filtro intasato

Olimpia Splendid AQUARIA SLIM 10P è un deumidificatore portatile in grado di estrarre una quantità d’acqua di circa 10 litri ogni 24 ore. La condensa può essere raccolta nella tanica da 2 litri oppure scaricata direttamente collegando all’attacco posteriore un apposito tubo in gomma con diametro interno di 10 millimetri (non in dotazione).

Il serbatoio semitrasparente mi consente di visualizzare con comodità il livello dell’acqua; comunque non mi devo preoccupare di un controllo continuo visto che la macchina si arresta automaticamente a tanica piena, con allarme visivo a indicare la necessità dello svuotamento.

La struttura è realizzata completamente in plastica di colore bianco, con peso di circa 10 chilogrammi e dimensioni compatte in cui spicca lo spessore di soli 18,5 centimetri.

Ciò si traduce nel vantaggio di spostare con facilità il dispositivo trascinandolo per casa grazie alle 4 ruote piroettanti e la maniglia integrata, nonché occupare poco spazio durante utilizzo e successivo rimessaggio. Il rovescio della medaglia dell’ingombro limitato sono prestazioni adatte per deumidificare ambienti fino a 45 metri cubi, vale a dire locali di piccole / medie dimensioni.

Come consuetudine per questa categoria di elettrodomestici, l’impiego è alquanto intuitivo e richiede giusto una rapida lettura del manuale. La macchina consente la regolazione del grado di umidità tramite il piccolo display in un intervallo compreso tra 30% e 90% con variazione minima del 5%.

Pertanto riesco a impostare una percentuale precisa per soddisfare al meglio le mie esigenze. Qualora dovessi selezionare un valore inferiore al 30% sul display compare la scritta CO, ovvero l’apparecchio funziona in modalità continua indipendentemente dal livello di umidità presente nell’ambiente.

L’altra funzione disponibile è il timer per programmare accensione e spegnimento automatico, mentre mancano la modalità Laundry da attivare durante l’asciugatura del bucato e la regolazione della velocità di ventilazione. Quest’ultimo aspetto comporta una rumorosità costante pari a 42 dB, il che garantisce un funzionamento poco fastidioso.

Il deumidificatore procede allo sbrinamento automatico in seguito a formazione di ghiaccio sull’evaporatore, mentre provvede al riavvio autonomo mantenendo le impostazioni in caso di black-out. Ultima caratteristica che merita un approfondimento è il filtro aria di facile pulizia, tuttavia dotato della sola funzione antipolvere.

Rispetto a molti diretti concorrenti che sfruttano gli ioni di argento o altre soluzioni tecniche allo scopo di eliminare batteri e microrganismi, in questo caso vengono trattenute solo le particelle più grosse di polvere. Il filtro risulta di comodo accesso dovendo rimuovere la griglia di protezione e dev’essere pulito all’incirca ogni due settimane passando rapidamente un aspirapolvere sopra la superficie o lavandolo con acqua tiepida nel caso fosse molto sporco.

Evidenzio anche la mancanza di uno specifico led per segnalare quando intervenire, un particolare che avrebbe aiutato a prevenire il calo delle prestazioni causato dal filtro intasato.

Secondo la mia opinione, Olimpia Splendid AQUARIA SLIM 10P è un modello che propone come principali vantaggi la precisa regolazione dell’umidità e il corretto mantenimento del valore impostato.

Un prodotto che consiglio a chi sta cercando un deumidificatore adatto per locali di piccole e medie dimensioni, da utilizzare con la tanica oppure in modalità continua collegando un tubo allo scarico e dotato di funzioni essenziali per impostare solo la percentuale di umidità ed eventualmente programmare avvio e spegnimento. Il tutto beneficiando di dimensioni compatte, bassa rumorosità e un prezzo contenuto.

Argo DRY PURY 25

Recensione Argo DRY PURY 25

Pro

  • Comoda rimozione della tanica
  • Facile accesso al filtro aria per pulizia o sostituzione
  • Possibilità di funzionamento con scarico continuo
  • Riparte automaticamente in caso di mancanza di corrente

Contro

  • Display non oscurabile
  • Funzionamento rumoroso alla massima velocità di ventilazione

Argo DRY PURY 25 è un deumidificatore portatile dal design essenziale con rivestimento di colore bianco per adattarsi a qualsiasi ambiente. Le dimensioni di 36 x 24,4 x 48,2 (H) centimetri consentono un comodo posizionamento senza occupare troppo spazio, mentre i 16 chilogrammi di peso li sposto facilmente per casa grazie alle ruote piroettanti e le maniglie integrate.

Questo modello è adatto per ambienti fino a circa 40 metri quadri avendo una capacità di deumidificazione pari a 25 litri ogni 24 ore. Ho la possibilità di scegliere se raccogliere l’umidità nella tanica da 2,6 litri facilmente removibile oppure collegare un tubo allo scarico diretto per il funzionamento continuo.

La programmazione è alquanto semplice viste le poche funzioni da impostare con l’intuitivo pannello di controllo. Tramite gli appositi tasti regolo manualmente la percentuale di umidità in un range tra 30% e 80% con step del 5%. In alternativa posso lasciare funzionare la macchina in modalità automatica premendo il pulsante Auto.

Il piccolo display mi indica il valore che sto selezionando e durante il funzionamento mostra l’umidità rilevata nell’ambiente. Inoltre, sono in grado di regolare la velocità di ventilazione su due livelli e stabilire l’orario di avvio e spegnimento con il timer 1-24 ore.

Altri particolari interessanti sono la ripartenza automatica dopo un black-out mantenendo le impostazioni e l’arresto automatico qualora l’umidità scendesse del 5% rispetto al valore impostato. Ricordo che il deumidificatore funziona con temperatura ambiente compresa tra 5 e 32°C;

sotto il valore minimo è possibile la formazione di ghiaccio sull’evaporatore e in tal caso la macchina entra in modalità sbrinamento con arresto del compressore e funzionamento della sola ventola.

Per garantire una miglior qualità dell’aria, è stato montato un filtro con catechina più ioni di argento per offrire un elevato effetto antibatterico, a cui si aggiunge un ulteriore filtro antipolvere. Quest’ultimo elemento dev’essere pulito circa dopo 250 ore o quando compare l’apposito allarme luminoso sul pannello.

Secondo la mia opinione, Argo DRY PURY 25 è un deumidificatore portatile affidabile, di immediata programmazione e con un favorevole rapporto qualità prezzo. Gli unici aspetti che considero negativi riguardano l’impossibilità di oscurare il display nel caso desse fastidio e una rumorosità abbastanza alta alla massima ventilazione.

Comfee CF-DEHU-12

Recensione Comfee CF-DEHU-12

Pro

  • Dimensioni compatte
  • Si avvia automaticamente in caso di mancanza di corrente mantenendo le impostazioni
  • Funziona anche con drenaggio continuo della condensa
  • Utilizzo molto semplice

 

Contro

  • Piuttosto pesante
  • Non ha le ruote
  • Manca un filtro per migliorare la qualità dell’aria
  • Non dispone della funzione Laundry per l’asciugatura del bucato

Comfee CF-DEHU-12 è un deumidificatore portatile adatto per locali di piccole dimensioni considerando la capacità di eliminare un massimo di 12 litri d’acqua ogni 24 ore. Il design non ha nulla di particolare da sottolineare, mentre le dimensioni di 32 x 21,5 x 42 consentono di occupare poco spazio.

Una mancanza dal punto di vista costruttivo sono le 4 ruote piroettanti che avrebbero facilitato gli spostamenti. Di conseguenza sono costretto a utilizzare la sola maniglia per sollevare i quasi 12 chilogrammi di peso, il che incide negativamente sulla praticità d’uso.

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, ho trovato tutti gli elementi principali che contraddistinguono questa categoria di elettrodomestici. Mi riferisco alla tanica estraibile con capacità di 2 litri e indicatore di livello, possibilità di collegare un tubo all’attacco posteriore per lo scarico continuo della condensa, compressore con arresto automatico a serbatoio pieno e riavvio autonomo in caso di mancanza di corrente mantenendo le impostazioni memorizzate.

In aggiunta è presente anche la protezione anticongelamento che evita danni all’evaporatore qualora la temperatura dell’ambiente circostante scendesse sotto il valore minimo consentito.

Anche l’utilizzo non ha riservato nessuna sorpresa, potendo beneficiare di un’intuitiva programmazione. Nel corso del funzionamento il piccolo display indica l’umidità rilevata nella stanza, mentre mostra il valore che sto impostando durante il settaggio.

Tramite i tasti + e – posso variare la percentuale da un minimo del 35% ad un massimo dell’85% in base alla mie necessità, mentre sfruttando il timer stabilisco avvio e spegnimento ritardato. In aggiunta dispongo della modalità continua, ovvero il compressore funziona alla massima potenza per estrarre la maggior quantità d’acqua possibile senza alcun controllo dell’umidità.

Comfee CF-DEHU-12 non ha mostrato significativi punti deboli durante il test, anzi si è rilevato un deumidificatore portatile affidabile in grado di regolare la percentuale di umidità in piccoli locali. A parte la mancanza delle ruote che avrebbe reso meno difficoltosi gli spostamenti, gli altri aspetti negativi sono l’assenza di uno specifico filtro per eliminare batteri, composti organici e cattivi odori e della funzione Laundry da attivare durante l’asciugatura del bucato.

Trotec TTK 68 E

Trotec TTK 68 E

Pro

  • Buona capacità di deumidificazione
  • Design ricercato
  • Possibilità di scegliere 3 diverse modalità di funzionamento

Contro

  • Igrostato interno non molto preciso

Trotec TTK 68 E è un deumidificatore portatile adatto per ambienti fino a 45 metri quadri ed in grado di estrarre un massimo di 20 litri di acqua al giorno. Tra i punti di forza di questo modello possiamo inserire il piacevole design con il contrasto cromatico tra le plastiche di colore bianco e la fascia centrale verde.

Come consuetudine per questa tipologia di elettrodomestici l’utilizzo è quanto mai semplice. Un pratico pannello dei comandi permette di impostare il livello di umidità visualizzato sul display e scegliere tra tre diverse modalità di impiego.

Selezionando la funzione Smart, l’apparecchio regola automaticamente l’umidità potendo impostare la velocità di ventilazione. In modalità continua il deumidificatore funziona ininterrottamente fino allo riempimento della tanica, mentre l’ultimo programma Dry è specifico per asciugare la biancheria e anche in questo caso il funzionamento è in continuo senza poter variare alcun parametro.

Altre caratteristiche di questo prodotto sono lo sbrinamento automatico, blocco sicurezza per bambini, filtro lavabile e riutilizzabile, bocchette di uscita dell’aria con inclinazione regolabile, timer per lo spegnimento con intervallo 1-24 ore, spia serbatoio pieno e collegamento per lo scarico esterno del condensato.

Trotec TTK 68 E è senza alcun dubbio un deumidificatore completo, dalle buone prestazioni e con una rumorosità nella norma che, tuttavia, non concilia il riposo. L’unico sostanziale aspetto negativo riguarda la precisione dell’igrostato interno che causa, a volte, un funzionamento anomalo in modalità Smart: l’apparecchio invece che arrestarsi raggiunto il grado di umidità stabilito, procede a funzionare in maniera continua.

Klarstein DryFy Pro

Klarstein DryFy Pro

Pro

  • Design moderno
  • Facilità di utilizzo
  • Efficace riduzione dell’umidità
  • Sistema di purificazione dell’aria

Contro

  • Rumorosità che non consente un impiego durante la notte
  • Apparecchio sempre acceso
  • Igrometro non molto preciso

Klarstein DryFy Pro è un deumidificatore portatile che si presenta con un design moderno e un piacevole impatto visivo, il che consente un collocamento in qualsiasi ambiente. Le dimensioni sono piuttosto compatte (38 x 20,5 x 58,5 (h) centimetri) e nonostante un peso pari a 15,4 chilogrammi, gli spostamenti sono facilitati dalla dotazione di ruote e maniglia.

Questo dispositivo è adatto per ridurre l’umidità in ambienti di circa 20 metri quadri, oltre impiega via via sempre più tempo perdendo progressivamente efficacia. La quantità di acqua presente nell’aria viene misurata da un igrometro che non risulta avere una grandissima precisione, il motivo è il posizionamento vicino alla vaschetta di raccolta da 4 litri che ne influenza la lettura. I livelli di umidità vengono indicati da una luce con tre diverse colorazioni a seconda della percentuale rilevata.

L’utilizzo è molto semplice ed è sufficiente selezionare un livello di umidità compreso tra il 30 e l’80% con incrementi del 5%. È possibile impostare una modalità Smart con regolazione in automatico della potenza oppure la funzione Fan per impiegare il dispositivo solo come ventilatore.

Se da un parte il sistema risulta efficace riuscendo a rimuovere parecchi litri di acqua al giorno, dall’altra c’è lo svantaggio che la macchina, anche raggiunto il grado di umidità impostato oppure a serbatoio pieno, rimane accesa passando in modalità Fan.

Ciò influisce negativamente sui consumi energetici, tuttavia è un problema che si può aggirare impostando il timer fino a 24 ore per programmare lo spegnimento automatico. Da segnalare la comodità di poter scegliere tre diversi gradi di apertura della bocca di ventilazione.

Klarstein DryFy Pro è un prodotto che svolge in maniera soddisfacente la sua funzione di deumidificatore e in più assicura una buona purificazione dell’aria grazie alla presenza di un filtro ai carboni attivi contro i cattivi odori, sistema con luce UV per eliminare i microorganismi e ionizzatore per far precipitare a terra le particelle di polvere e gli inquinanti.

Un apparecchio la cui gestione elettronica potrebbe essere migliorata e che non consigliamo a chi prevede un utilizzo solo durante la notte: i 42 dB dichiarati sono un valore accettabile ma non tutti lo tollerano durante le ore di riposo.

Ughey 1000 ml

Ughey deumidificatore 1000ml

Pro

  • Dimensioni compatte
  • Design moderno
  • Funzionamento silenzioso

Contro

  • Adatto solo per ambienti molto piccoli
  • Non è possibile stabilire la percentuale di umidità
  • Funzioni essenziali
  • Cavo di alimentazione corto

Ughey è un deumidificatore portatile caratterizzato da dimensioni molto contenute di appena 15 x 15 x 25,6 centimetri e un peso di circa 1,3 chilogrammi. Di conseguenza ha una capacità del serbatoio di 1 litro ed è in grado di asportare un massimo di 0,4 / 0,5 litri di acqua al giorno. Dati tecnici che lo rendono adatto per utilizzi in ambienti alquanto piccoli come bagni, ripostigli, armadi, ecc.

A mio avviso è un deumidificatore che consiglio qualora dovessi abbassare l’umidità in camera da letto visto il funzionamento piuttosto silenzioso. Infatti questo modello non utilizza un classico compressore, ma bensì la condensazione con sistema a cella di Peltier.

Senza scendere troppo nei dettagli tecnici, si tratta di un metodo che sfrutta trasformatori termoelettrici in grado di generare lo sbalzo termico necessario per far condensare l’acqua presente nell’aria. I vantaggi sono i ridotti ingombri dell’impianto (quindi perfetto per modelli portatili) e la bassa rumorosità che, infatti, raggiunge i 38 dB e consente l’impiego anche durante il riposo.

Il design moderno bene si integra in qualsiasi ambiente ed è contraddistinto da illuminazione a LED multicolore del serbatoio (comunque disattivatile), così da creare un gradevole effetto ottico e permettere una chiara visione del livello dell’acqua. Non devi comunque preoccuparti di eventuali fuoriuscite, visto che il dispositivo è dotato di auto-spegnimento a tanica piena.

Il funzionamento è davvero essenziale disponendo solo del pulsate on/off e tasto per variare l’illuminazione a LED. Quindi non hai alcuna possibilità di impostare una precisa percentuale di umidità, ma dovrai semplicemente accendere l’apparecchio il quale funzionerà in maniera continua fino al totale riempimento della tanica.

Ughey è un deumidificatore dal prezzo contenuto e rappresenta una valida soluzione per piccoli locali e in quelle situazioni dove un eccessivo rumore darebbe troppo fastidio. Alla fine svolge la sua funzione senza particolari problemi, rimuovendo una buona quantità d’acqua al giorno in base alle condizioni dell’ambiente domestico. Oltre a non possedere alcuna funzione, l’altro limite è un cavo elettrico di soli 130 centimetri, il che può costringere all’impiego di una prolunga.

Come scegliere un deumidificatore portatile

L’umidità è un nemico spesso difficile da combattere. Un metodo per sconfiggerlo è l’utilizzo di un deumidificatore. Sono dispositivi in grado di sottrarre parte dell’umidità dall’aria presente nell’ambiente dove vengono posizionati. Inutile dire come in commercio ci sia solo l’imbarazzo della scelta e tutta questa varietà a volte mette in crisi il consumatore. Di seguito andremo ad analizzare gli aspetti più rilevanti per acquistare un deumidificatore portatile di buona qualità.

Potere deumidificante

Da un deumidificatore ci si aspetta una sola cosa: l’eliminazione di parte dell’umidità presente in un ambiente. Il dato da prendere in considerazione è la quantità di acqua estratta in 24 ore. Un modello top di gamma è in grado di raggiungere anche la considerevole cifra di oltre 40 litri/24 ore.

Questo gli consente di gestire senza difficoltà ambienti con superfici maggiori di 50 metri quadri. Naturalmente maggiore è questo valore e più alto sarà il livello della potenza elettrica assorbita e di conseguenza i consumi energetici. Come sempre è necessario valutare le proprie reali necessità, considerare il livello di umidità presente nell’ambiente e le dimensioni della stanza da deumidificare.

Capacità serbatoio

Diretta conseguenza del potere deumidificante è la capienza del serbatoio di raccolta. Si va da 3 litri fino ad arrivare a 10 litri. Avere una tanica piccola comporta di dover effettuare lo svuotamento anche più volte al giorno. Di contro, con modelli più capienti abbiamo una maggiore praticità d’uso. Ogni dispositivo è dotato di sensori per arrestare il deumidificatore in caso di raggiungimento del livello massimo, evitando la tracimazione.

Rumorosità

Un deumidificatore, tranne quando viene installato in cantina o in garage, è normalmente posizionato in una stanza della casa. Spesso può finire in camera da letto o in zona notte. In questi casi se si desidera farlo funzionare anche durante il riposo, è necessario avere un dispositivo il più silenzioso possibile.

I modelli con le migliori prestazioni offrono una modalità silenziosa che tuttavia garantisce livelli di rumorosità attorno ai 40/42 dB. Sono valori accettabili ma per livello di rumore è un po’ come avere un frigorifero combinato a fianco del letto: di notte può essere fastidioso. Se avete il sonno molto leggero un deumidificatore funzionante in camera da letto, durante il riposo, non è particolarmente consigliato.

Funzionalità

In generale variano a seconda del modello scelto. In linea di massima ogni deumidificatore di buona qualità è dotato di display con comandi per selezionare i livelli di umidità desiderati. Anche la funzione autospegnimento è sempre presente così come la modalità silenziosa. Normalmente è disponibile anche una funzione Auto (regola automaticamente temperatura e grado d’umidità) e una modalità, a volte chiamata Super Dry, in cui viene utilizzata la massima potenza per ottenere aria secca nel più breve tempo possibile. Questa funzione è facilmente replicabile anche con un climatizzatore a parete monosplit, apparecchio molto efficace per deumidificare l’ambiente ma di certo non portatile.

Estetica e dimensioni

Per un elettrodomestico da installare dentro casa l’estetica e le dimensioni sono fattori molto importanti. I design proposti sono quasi tutti moderni con linee più o meno ricercate e con l’impiego, nella maggior parte dei casi, di plastiche di colore bianco.

Ci sono modelli che offrono un’estetica più spartana adatti ad ambienti come garage o ambiti lavorativi. Le dimensioni sono legate alla potenza del deumidificatore. I modelli più compatti sono anche i meno potenti e con serbatoi di raccolta poco capienti. Spetta all’utente trovare un buon compromesso in base alle reali necessità.

Domande frequenti