in

Migliori valvole termostatiche digitali

Le migliori valvole termostatiche digitali selezionate per precisione, range di temperatura, qualità dei materiali, design, prezzo e marca.

Honeywell HR92

Recensione

Netatmo Starck

Recensione

Tado Testa Termostatica Intelligente

Recensione

Fantini Cosmi O81RF

Recensione

Giacomini K470W

Recensione

Caleffi WiCAL 210

Recensione

 

Come Scegliere una valvola termostatica digitale

Una regolazione non corretta della temperatura domestica va inevitabilmente ad incidere sui costi energetici. Soprattutto in vecchi impianti a termosifone con un unico termostato centralizzato, l’utente è costretto ad impostare un solo valore di temperatura senza alcuna possibilità di gestire separatamente i vari ambienti.

Una soluzione a questo problema è l’utilizzo delle valvole termostatiche digitali. Sono dispositivi dalle dimensioni contenute che si avvitano direttamente sul termosifone e andranno a variare l’afflusso di acqua calda in base alle impostazioni dell’utilizzatore. In commercio si possono trovare modelli particolarmente sofisticati e altri molto più semplici, con sostanziali differenze di prezzo. Per poter scegliere al meglio è necessario conoscere le più importanti caratteristiche che deve avere una buona valvola termostatica digitale.

Tecnologia

Le valvole termostatiche digitali se da una parte hanno lo stesso principio fisico di funzionamento di quelle tradizionali, dall’altra ciò che cambia è il metodo di controllo e regolazione della temperatura. Esistono modelli comandati da remoto tramite app e altri invece che possono funzionare da soli oppure connessi ad un’unità centrale.

In entrambi i casi, ciò che cambia è la regolazione del flusso d’acqua calda all’interno dei radiatori, mentre il funzionamento della caldaia non viene alterato. La prima tipologia, per poter funzionare, necessità di accesso alla rete, offre massima comodità di utilizzo, alta gamma di funzioni e intelligenza artificiale per incrementare il risparmio energetico.

La seconda tipologia è tecnologicamente meno avanzata, si connette all’unità centrale tramite segnale a radiofrequenza e le regolazioni vengono effettuate manualmente direttamente sul corpo della valvola o sul pannello dell’unità di controllo. La più grande differenza sta nel costo sensibilmente più alto per i modelli con connessione wi-fi. Come sempre la scelta dipende dalle reali necessità dell’utilizzatore.

Dovendo controllare un solo locale, è possibile acquistare un modello in grado di funzionare anche da solo. Se invece è necessario monitorare tutta la casa, allora una valvola termostatica con gestione tramite app è la soluzione ideale.

Funzionalità

Le funzionalità di una valvola termostatica digitale sono legate al suo metodo di controllo. I modelli più prestazionali hanno la possibilità di collegamento wi-fi e gestione da remoto tramite app. Questo comporta una serie di funzioni mancanti in tutti gli altri modelli.

Sono a tutti gli effetti dispositivi dotati di un’intelligenza artificiale in grado di ottimizzare la gestione della temperatura permettendo di risparmiare fino al 40% in bolletta.

In alcuni casi attraverso l’app e rispondendo a una serie di quesiti, il dispositivo riesce a creare dei piani di regolazione personalizzati in base alle abitudini dell’utente e di coloro che vivono all’interno della casa. Alcuni modelli possono sfruttare il GPS dello smartphone per conoscere gli spostamenti dell’utente e regolare la temperatura di conseguenza, in modo da ridurre al minimo gli sprechi e abbassando, per esempio, il livello del riscaldamento quando la casa è disabitata.

Le valvole termostatiche, per così dire meno intelligenti e non gestibili da remoto con dispositivi mobile, che possono essere montate su impianti a radiatore alimentati da qualsiasi fonte energetica (come ad esempio un termocamino), devono comunque garantire determinate funzionalità da ritenersi fondamentali.

Una di queste è la modalità finestra aperta che permette di chiudere la valvola in caso di abbassamenti repentini della temperatura. Si tratta di una funzione di primaria importanza che riduce notevolmente gli sprechi e consente un buon risparmio in bolletta. Durante l’inverno può capitare che le temperature scendano di parecchi gradi sotto lo zero con il rischio di formazione di ghiaccio nelle tubature.

Per evitare questa spiacevole situazione i modelli migliori sono dotati di funzione antigelo che lascia aperta la valvola finché la temperatura non ritorna nella norma. Un ulteriore sistema di protezione consente di aprire automaticamente le valvole nel caso siano rimaste chiuse per più di due settimane. Importante verificare anche la presenza di una funzione di blocco comandi per evitare di modificare accidentalmente le impostazioni o nel caso di bambini piccoli che circolano per casa.

Praticità d’uso

La praticità d’uso è strettamente legata alla facilità con cui vengono effettuate le regolazioni della temperatura. In questo i modelli gestiti da remoto tramite app sono decisamente i migliori, permettendo un controllo semplice ed immediato ovunque si trovi l’utente.

Il rovescio della medaglia è spesso l’impossibilità di poter effettuare le impostazioni direttamente sulla valvola. Altro aspetto da considerare sono le limitazioni in caso di guasto del router e mancato accesso ad internet. Al pari dei moderni termostati wifi smartphone, molte di queste valvole termostatiche digitali di ultima generazione potrebbero diventare inutilizzabili.

I modelli con centralina a radiofrequenza offrono lo svantaggio di non poter controllare la temperatura o modificare le impostazioni quando l’utente è fuori casa. In questi casi, per avere la garanzia di una buona praticità d’uso, è necessario scegliere dispositivi che siano in grado di funzionare da soli senza la necessità di collegamento all’unità centrale. Questo permette una certa autonomia e di poter acquistare anche una sola valvola termostatica nel caso in cui sia necessario gestire un unico termosifone.

Per ampliare successivamente il sistema è sufficiente aggiungere più valvole (dello stesso modello) e connetterle tutte all’unità di controllo. È importante verificare il tipo di comandi presenti sul corpo della valvola e la qualità del display. Le soluzioni scelte dai produttori sono sostanzialmente rotella o tasti. Decidere per l’una o l’altra soluzione è solo una questione di gusti personali. I modelli migliori dispongono di display piccoli ma con numeri ben visibili e retroilluminazione, per permettere di operare con comodità anche in condizione di scarsa luminosità.