Barbecue a gas o carbonella?

Barbecue a gas o a carbonella? Leggi la guida per conoscerne differenze, pro e contro, e capire quale scegliere.

Differenze

Coloro che si affacciano al mondo del barbecue, inevitabilmente  si domandano se sia meglio la tradizionale cottura al carbone oppure a gas. Esistono diverse scuole di pensiero a riguardo ma una tipologia di barbecue non è necessariamente migliore dell’altra, dal momento che entrambe presentano caratteristiche differenti, vantaggi e svantaggi.

Sia il barbecue a carbonella che quello a gas possono cuocere diversi alimenti, tra cui carni e ortaggi, ma con risultati diversi.

Gli aspetti che bisogna considerare tuttavia vanno oltre le semplici preferenze culinarie, perché nella scelta di questi apparecchi rientrano valutazioni di carattere pratico, che andremo ad affrontare di seguito.

Come funziona un barbecue a gas

Il barbecue a gas è un apparecchio che può funzionare a GPL oppure a metano. Alcuni modelli funzionano solo a GPL o esclusivamente a metano e non si possono modificare per diventare compatibili con entrambi i tipi di gas.

Il barbecue a gas può essere montato a incasso in un piano cottura, ma la variante più diffusa prevede l’utilizzo all’esterno, e in questo caso è fornito con una struttura di sostegno o completo di mobile con vano portabombola. Nel primo caso si può sfruttare l’utenza del gas domestica, nella seconda ipotesi occorre utilizzare una bombola di gas GPL.

Durante l’uso il calore viene erogato dai bruciatori, i quali porteranno alla corretta temperatura la piastra in ghisa, oppure dei ciottoli di pietra lavica che si trovano fra la griglia e le fiamme.

I modelli tradizionali sono dotati di una struttura che si chiude tramite un coperchio, così da velocizzare la cottura e non disperdere gli aromi che si andranno a depositare sulla carne.

Migliori barbecue a gas

 

Come funziona un barbecue a carbonella

Il barbecue a carbonella vanta una lunga tradizione e per lungo tempo è rimasta l’unica soluzione utilizzata per grigliare all’aperto. Ancora oggi gli apparecchi per la cottura alla brace con carbonella presentano una struttura sostanzialmente immutata, che può essere arricchita con diversi accessori.

Nella parte inferiore è presente una griglia generalmente realizzata in ghisa o in acciaio che serve per adagiare la carbonella e permettere il passaggio di ossigeno necessario alla combustione. Nello stesso momento, questo sistema lascia cadere le ceneri nel raccoglitore sottostante.

La griglia superiore viene usata per adagiare gli alimenti in cottura, ed è solitamente realizzata in acciaio cromato o inox. Può avere anche una forma a libretto, al fine di facilitare la cottura dei cibi su entrambi i lati.

In alcuni casi i barbecue a carbonella sono equipaggiati con spiedo, piastre in pietra lavica oppure ollare. Esistono anche modelli con paraventi e supporti laterali per avere tutti gli accessori a portata di mano, caratteristica che troviamo anche nei migliori barbecue a gas.

Oggi in commercio è possibile trovare barbecue a carbonella completi di coperchio e di un vassoio che serve per raccogliere oli e grassi di cottura. Questi modelli permettono di eseguire la cottura indiretta a bassa temperatura, tipica della tradizione americana, oramai ampiamente diffusa anche in Italia.

La parola barbecue infatti, almeno nella sua connotazione originale, indica la cottura indiretta attraverso fumi a bassa temperatura. Nella cultura italiana invece il termine barbecue è sostanzialmente coincidente con quello di grigliata, un sistema di cottura diretta

Pro e contro

Per valutare quale sia il barbecue più adatto alle proprie esigenze bisogna considerare una serie di aspetti come il tipo di cottura desiderata, l’usabilità, la manutenzione e il prezzo.

Cottura

Individuare quale sia il gusto migliore che si ottiene fra un barbecue a gas oppure uno a carbonella è davvero complicato. Il sapore autentico della cottura a legna o carbonella non può essere facilmente riprodotto dal barbecue a gas.

La differenza si coglie soprattutto con bistecche, hamburger e altri tagli di manzo che presentano elevate concentrazioni proteiche e di zuccheri. Del resto la resa calorica del fuoco, oltre che l’aroma rilasciato dal legno, sono i punti di forza del barbecue a carbonella.

Oggi, tuttavia, in commercio esistono modelli di barbecue a gas che permettono risultati simili a quelli tipici dei modelli a carbonella, perché si possono utilizzare con legna da affumicatura specifica, sebbene questa sia venduta ad un costo non proprio economico.

Usabilità

Sul fronte della praticità e facilità d’uso il barbecue a gas si dimostra certamente vincente rispetto a quello a carbonella.

Quest’ultimo comporta una certa organizzazione, a partire dalla preparazione della brace che richiede tempi piuttosto lunghi. Anche la gestione della fiamma richiede abilità e una certa esperienza.

Il barbecue a carbonella inoltre può raggiungere temperature molto elevate, e se si eccede in questo senso il rischio di formazione di composti dannosi per la salute è reale. Pertanto, l’utilizzo di un termometro per barbecue, da acquistare separatamente, potrebbe tornare molto utile soprattutto ai principianti.

Un barbecue a gas, invece, permette un controllo della temperatura molto preciso ed offre anche la possibilità di differenziare le temperature nelle diverse zone di cottura, così da consentire la preparazione simultanea di ricette differenti.

Utilizzando il coperchio, inoltre, la cottura viene semplificata e personalizzata ulteriormente, in quanto si favorisce l’evaporazione dei grassi che in questo modo si andranno a depositare sulla carne formando una sorta di caramellatura.

Manutenzione

Il barbecue a gas offre il grande vantaggio di essere molto semplice da pulire, permettendo anche ad un utilizzo frequente. Diversamente il barbecue a carbonella tende a sporcare molto anche la zona circostante, ed è poco pratico se si intende utilizzarlo in balcone.

Prezzo

Il barbecue a gas ha un costo decisamente superiore di quello a carbonella, tuttavia il prezzo del gas è inferiore rispetto a quello della carbonella. Se si intende usare il barbecue molto di frequente quindi, quella del combustibile è una spesa che andrà sicuramente valutata.

Quale scegliere?

Entrambi i modelli sono validi ma consigliamo il barbecue a carbonella ai puristi della grigliata e quanti non intendono rinunciare al suo gusto caratteristico. Coloro che cercano praticità d’uso e facilità di manutenzione, invece, dovrebbero orientare la scelta verso i barbecue a gas.