Migliori congelatori verticali a cassetti

Confronta i migliori congelatori verticali a cassetti selezionati per capacità di congelamento, efficienza energetica, volume, autonomia in caso di blackout, silenziosità, design, rapporto qualità prezzo e marca.

miglior congelatore verticale a cassetti

Classifica migliori congelatori verticali a cassetti

Smeg SD7220FND2P1

Smeg SD7220FND2P1

Pro

  • Solidità costruttiva
  • Consumi contenuti

Contro

  • Manca segnale acustico porta aperta

Smeg SD7220FND2P1 è un congelatore da incasso con raffreddamento No Frost, in grado di soddisfare le esigenze di chi conserva grandi quantità di surgelati. La capacità interna di 204 l è stata suddivisa in modo ordinato attraverso 7 cassetti in plastica trasparente. Le ampie maniglie e le guide di adeguata scorrevolezza, mi hanno permesso di estrarre facilmente i cassetti e inserire i vari alimenti senza alcuna difficoltà.

Sul profilo superiore è posizionato il pannello di controllo per impostare la temperatura desiderata o attivare il congelamento rapido, utile nel momento in cui inseriamo molti alimenti nello stesso tempo. Qualora la temperatura dovesse salire sopra livelli di guardia interviene un segnale ottico/acustico, avviso che sarebbe stato opportuno disporre anche in caso di porta aperta.

Due aspetti che spesso preoccupano durante la scelta di un congelatore da incasso sono rumorosità e consumi. La pressione sonora la considero nella media alla luce dei 39 dB dichiarati. Smeg SD7220FND2P1 non è il modello tra i più silenziosi che abbia mai sentito, tuttavia nulla di fastidioso. Molto meglio il dato sul consumo annuo con 239 kWh, in linea con la classe di efficienza energetica A++ di appartenenza.

Hotpoint UH8F1DW

Hotpoint UH8F1DW

Hotpoint UH8 F1D W è un congelatore verticale con porta reversibile, caratteristica che lo rende particolarmente versatile nell’adattarsi alla disposizione in cucina.

La tecnologia No frost permette di non sbrinare manualmente il congelatore, che si mantiene in efficienza compiendo autonomamente dei processi di pulizia periodicamente. La capacità totale è di 260 litri, valore che gli vale una buona posizione all’interno della mia classifica dei migliori congelatori verticali sul mercato, in rapporto alle sue dimensioni: 187,5 centimetri di altezza per 59,5 di larghezza.

La funzione SuperFreeze permette di congelare in poco tempo alimenti freschi o facilmente deperibili, abbattendo la temperatura in modo repentino. I 7 scomparti di cui è dotato Hotpoint UH8 F1D W sono totalmente trasparenti, permettendo così di controllare velocemente il contenuto e organizzarlo in base alle proprie necessità, senza dover estrarre i cibi col rischio di scongelamento.

Sulla porta è presente un display di controllo abbastanza minimale e dal semplice funzionamento. Questo prodotto rientra nella Classe energetica A+ con un consumo annuo di 314 kWh, per un livello di rumorosità pari a 41 dB(A), che secondo la mia opinione è un buon valore in rapporto alle prestazioni.

In mancanza di energia elettrica ha una conservazione autonoma degli alimenti prolungata fino a 24 ore. Il potere di congelamento equivale a 11 Kg/24 h, valore ottimo per un elettrodomestico non troppo ingombrante come questo.

Il congelatore a cassetti ha una configurazione freestanding, per poter essere installato in cucine già composte o da solo in un altro ambiente, come ad esempio una cantina: la Classe climatica di riferimento infatti è la SN-T, che lo rende idoneo ad ambienti con temperature comprese fra 10°C e 43°C.

Liebherr GNP 5255

Liebherr GNP 5255

Pro

  • Sistema No Frost
  • Consumi contenuti
  • Cassetti facilmente estraibili

Contro

  • Pannello di controllo interno

Questo modello appartiene alla linea BluPerformance di Liebherr, che contraddistingue i modelli realizzati con elevati standard per assicurare maggior efficienza energetica, bassa rumorosità, facilità d’uso e un design elegante.

In effetti questo congelatore offre tutte le qualità appena elencate, aggiungendo anche una notevole capacità netta con ben 360 litri. Uno spazio sfruttato fino all’ultimo centimetro grazie alla presenza di 7 cassetti in plastica trasparente e dotati di supporti a rulli per facilitare l’estrazione anche a pieno carico.

Tramite un moderno pannello con comandi a sfioramento e display integrato, è possibile regolare la temperatura e attivare la funzione SuperFrost di congelamento rapido. Avrei preferito disporre di controlli esterni in modo da non dover ogni volta aprire lo sportello e avendo sempre sott’occhio i parametri di funzionamento.

Per rimediare in parte a tale particolare, è stato integrato nel design della porta un indicatore luminoso per segnalare, con colore blu, l’apparecchiatura funzionante regolarmente. In caso contrario la luce diventa rossa e viene abbinata ad un segnale acustico.

Liebherr GNP 5255 è dotato di sistema di raffreddamento No Frost, evitando così la formazione di accumuli di ghiaccio e il conseguente sbrinamento manuale. Altra particolarità è la possibilità di connettere un cosiddetto SmartDeviceBox, ovvero un piccolo dispositivo simile ad una chiavetta USB da acquistare come optional e inserire nell’apposito connettore per controllare da remoto il congelatore tramite computer o dispositivo mobile.

Bosch GIN81AE30

Bosch GIN81AE30

Pro

  • Grande capacità
  • Cassetti di altezza maggiorata
  • Bassa rumorosità
  • Sensori per il controllo intelligente della temperatura

Contro

  • Prezzo abbastanza alto

Quando le necessità di conservazione dei cibi surgelati vanno ben al di sopra delle possibilità di un normale vano congelatore del frigorifero, un modello come questo Bosch GIN81AE30 può essere una valida soluzione.

Sarà necessario disporre di un’apposita nicchia dove collocare l’elettrodomestico e applicare un’opportuna copertura dello sportello. Vista la tipologia d’installazione è naturale la mancanza di un display esterno, con la temperatura che verrà regolata elettronicamente agendo sul pannello interno dotato di piccolo schermo.

Il sistema di raffreddamento è di tipo No Frost, quindi basta preoccupazioni o fastidiose operazioni di sbrinamento manuale. Il refrigerio può essere impostato entro un range compreso tra -16°C e -28°C e verrà mantenuto costante grazie all’azione di speciali sensori in grado di controllare costantemente sia la temperatura ambientale che quella interna al congelatore.

Il volume di 211 litri è stato suddiviso con 5 cassetti trasparenti di cui due denominati BigBox, proprio per indicare un’inconsueta altezza di 29 cm che permette di inserire confezioni di grosse dimensioni senza difficoltà. Ho trovato molto comodi anche i due scomparti a ribalta da impiegare per il congelamento rapido azionando l’apposita funzione.

Nonostante un prezzo che ritengo un po’ alto rispetto a più diretti concorrenti, questo Bosch GIN81AE30 è un congelatore da incasso che non presenta alcun punto debole. Svolge la sua funzione in modo affidabile e in quasi totale silenzio visti i soli 36 dB di emissione sonora. Infine sottolineo anche la presenza del segnale acustico per aumento della temperatura e in caso avessimo, maldestramente, lasciato la porta aperta.

Electrolux EUF2743AOW

Electrolux EUF2207AOWE

Electrolux EUF2743AOW è dotato di porta reversibile, e si può fissare su entrambi i lati a seconda della necessità. I 6 cassetti interni sono trasparenti, per un veloce controllo visivo degli alimenti contenuti nei 194 litri di volume utile a disposizione.

Il display a cristalli liquidi Touch Control dopo 30 secondi senza interazioni con l’elettrodomestico passa in modalità sleep, lasciando illuminata la sola spia LED corrispondente alla temperatura impostata. Un piccolo accorgimento utile però a introdurre in questa recensione le funzioni volte al risparmio energetico di questo prodotto.

La modalità Eco imposta automaticamente la temperatura sui -18°C, valore ottimale per buona conservazione del cibo con un consumo energetico ridotto.

Se c’è bisogno di un rapido abbassamento della temperatura, in presenza di cibi freschi o facilmente deperibili, è possibile utilizzare la funzione FastFreeze, attivabile da display e segnalata dalla relativa spia. Una volta raggiunto il congelamento, o passate 52 ore, il processo si ferma automaticamente e il congelatore a cassetti torna alla temperatura precedentemente impostata.

Electrolux EUF2743AOW ha un’autonomia di conservazione dei cibi in caso di blackout di 18 ore, e un allarme luminoso avverte in caso di temperatura troppo elevata Quando vengono ripristinate le normali condizioni di funzionamento, l’allarme temperatura elevata si disattiva automaticamente.

Il congelatore è in Classe energetica A+, con un consumo annuo di 246 kW/h e un livello di rumore molto basso: 40 dB(A). La clas

se climatica è SN-N-ST-T, che garantisce un funzionamento ottimale in un escursione termica fra i 10°C e i 43°C. Le dimensioni contenute in 155 x 59,5 x 66,8 centimetri rendono l’elettrodomestico particolarmente agevole da spostare, nel caso in cui si decida di installarlo in una cucina già arredata o portarlo in un altro ambiente.

Whirlpool UW6F2CWB

Whirlpool UW6F2CWB

Pro

  • Spazi interni ben organizzati
  • Sistema No Frost
  • Silenziosità
  • Porta con cerniere reversibili

Contro

  • Mancanza luce interna
  • Difficile da spostare
  • Comandi posti all’interno

 

Whirlpool UW6F2CWB è un congelatore verticale che tra i principali vantaggi annovera l’efficace organizzazione degli spazi interni, il sistema di raffreddamento No Frost e la bassa rumorosità che si attesta a soli 41 dB. I punti deboli emersi durante la recensione sono invece la mancanza di un sistema di illuminazione interna, assenza di ruote posteriori per facilitare il trasporto e il pannello dei comandi accessibile solo aprendo lo sportello.

L’aspetto estetico offre ben pochi spunti di riflessione, mentre dal punto di vista costruttivo possiamo sottolineare la porta con cerniere reversibili per adattarsi a qualsiasi cucina e piedini regolabili.

Un fattore distintivo degli elettrodomestici Whirlpool è la tecnologia 6°SENSO che monitorizza la temperatura interna comandando automaticamente il compressore, evitando sbalzi termici che condizionerebbero il buon stato di conservazione del cibo e andando ad influire anche sui costi in bolletta.

Come già accennato, questo modello è dotato di raffreddamento No Frost per evitare la formazione di ghiaccio sulle pareti ma anche dell’innovativo sistema FreezeControl per proteggere gusto e consistenza degli alimenti da fenomeni di bruciature da freezer.

L’interfaccia elettronica assicura un utilizzo molto intuitivo e la possibilità di selezionare la modalità Eco Night per attivare cicli di sbrinamento notturni, in modo da sfruttare le fasce orarie a tariffa agevolata. L’unico inconveniente e la mancanza di una programmazione ritardata, con la necessità ogni volta di avviare manualmente l’impostazione.

Whirlpool UW6F2CWB, nonostante dimensioni di ingombro abbastanza compatte, è un congelatore molto capiente con 223 litri disponibili e la presenza di 4 cassetti trasparenti estraibili. Un elettrodomestico soddisfacente anche sotto il profilo dei consumi grazie al rapido ripristino della temperatura e ad una classe di efficienza energetica A++.

Beko RFNE290E33W

Beko RFNE290E33W

Pro

  • Sistema No Frost
  • Funzionalità complete
  • Semplicità d’uso
  • Efficienza energetica

Contro

  • Nessuno

Beko RFNE290E33W è un congelatore verticale dotato di un bel design moderno, sistema di raffreddamento No Frost, facile programmazione, completezza di funzioni e abbondante spazio interno. Un elettrodomestico dal buon rapporto qualità prezzo e senza particolari aspetti negativi da segnalare.

Dal punto di vista estetico si fa apprezzare per una linea elegante impreziosita dal display con comandi touch ben visibile sulla parte esterna dello sportello. L’utilizzatore dispone di tutto il necessario per gestire le complete funzioni e con la possibilità di osservare chiaramente il valore della temperatura interna.

Le modalità selezionabili sono la Eco Extra che rappresenta il tipo di raffreddamento più economico e utile, ad esempio, quando si va in vacanza e la Quick Freeze per un rapido congelamento. Quest’ultima opzione si disattiva in modo autonomo dopo 3-4 ore, sempre che non sia stata annullata in precedenza dall’utilizzatore.

L’elettrodomestico in oggetto è anche molto attento ai consumi, infatti se gli sportelli sono tenuti chiusi a lungo si attiva automaticamente il risparmio energetico e l’accensione del relativo simbolo sul display. Tale modalità di spegne appena si apre la porta oppure si clicca su un qualsiasi pulsante.

Chi deve conservare grandi quantità di alimenti, potrà sfruttare i 250 litri di volume utile e i sette cassetti estraibili, inoltre non dovrà nemmeno preoccuparsi dello sbrinamento considerando il raffreddamento di tipo No Frost o di essere disturbato da un’elevata pressione sonora vista una rumorosità di soli 42 dB.

Come scegliere un congelatore verticale

Il mercato ci offre una larga scelta di congelatori, che vanno a coprire in pratica ogni mia esigenza. L’importanza di valutare attentamente questo fattore va ad incidere in maniera determinate sulla riuscita o meno della mia scelta. Congelatore a pozzetto, verticale o frigo-congelatore tipologie che rispondono a precisi bisogni: se abbiamo molto spazio libero e grandi quantità di alimenti da congelare (magari dello stesso tipo) quello a pozzetto potrebbe essere la scelta giusta visto che offre una grande capacità di stipaggio.

Differente se il mio bisogno sarà quello di avere una scorta di alimenti più varia e che necessità di una maggiore facilità nel ritrovare i vari prodotti: in questo caso il tipo verticale può diventare il modello ideale. Anche i frigoriferi side by side offrono un buon volume nel reparto freezer, e una certa versatilità nello stipare i diversi alimenti. Ricordiamoci però che uno dei maggiori vantaggi che ci può dare il congelatore verticale sta proprio nel suo utilizzo di base, il mantenere a lungo gli alimenti: questo ci permette di economizzare anche la spesa poiché ci dà la possibilità di acquistare stock di prodotti in offerta e conservarli in tutta tranquillità come se l’acquisto è stato fatto il giorno stesso.

Optare quindi per un modello dalla capacità medio-grande ci darà l’opportunità di risparmiare, oltre che avere una dispensa di alimenti che ci può venire utile per ogni occasione. Abbinare al proprio frigorifero combinato un congelatore verticale diventa così una buona soluzione: nel frigo-congelatore si terranno i prodotti di consumo più immediato (quelli magari che si consumeranno durante la settimana), mentre nell’altro quelli che saranno consumati in seguito, anche molti mesi dopo.

Facciamo il punto della situazione cercando di dare dei piccoli consigli finali per ottimizzarne l’acquisto e l’utilizzo:

  • Stelle
    Solo con quattro stelle i freezer scendono a temperature sotto i 30°C, con le quali si riesce a congelare in maniera ottimale pressoché la totalità dei cibi freschi. Con una stella in meno, quindi con 3, si potrà scendere a temperature massime di meno 18°C, utili si per mantenere lo stato di “congelamento” ma non efficaci per congelare dall’inizo.
  • No Frost
    Un ventilatore sempre acceso elimina il rischio di formazione della brina al suo interno e sopra i nostri alimenti.
  • IMQ
    Altra etichetta molto importante al pari di quella energetica poiché ci da la garanzia che tale prodotto abbia avuto la certificazione di sicurezza e qualità dopo numerose prove di laboratorio.
  • Pareti
    Controlliamo le sue pareti poiché maggiore lo spessore più alta sarà la capacità di mantenere basse temperature e quindi in definitiva minore il consumo energetico.
  • Superficie di posizionamento
    Ricordiamoci che dovrà essere posto in una superficie completamente piana poiché si rischia che la porta non si chiuda perfettamente con il tempo (soprattutto nei modelli verticali).
  • Posizionamento
    Oltre alla superficie lo stesso posizionamento è importante per un corretto utilizzo e un risparmio energetico efficace. Il posto più fresco della casa diventa l’ideale mentre controproducente sarà posizionarlo vicino fonti di calore. Stiamo attenti anche a lasciare almeno 10 cm di spazio tra l’apparecchio e la parete per la giusta aerazione.
  • Pulizia
    Per conservarne al meglio l’efficienza fate una pulizia generale almeno una volta l’anno, soprattutto del condensatore posto dietro l’apparecchio che ha il compito di disperdere il calore prodotto.
  • Guarnizioni
    Un controllo periodico delle guarnizione permette di mantenere una  chiusura ermetica dall’esterno.

Risparmio energetico

Il risparmio energetico ha assunto in questi ultimi decenni un’importanza rilevante anche sui nostri elettrodomestici. L’Unione Europea ha introdotto le cosiddette “etichette energetiche” che servono a noi consumatori per renderci conto del consumo di energia di un particolare tipo di prodotto, molti importanti quindi per permetterci di fare un confronto veloce ed efficace.

Per alcuni tipi di elettrodomestici, queste etichette per la Legge Italiana sono obbligatorie dal 1998, data in cui è stato introdotto il decreto ministeriale che rispettava le direttive della Comunità Europea.

L’etichetta energetica è divisa in cinque settori. Il primo di questi indica il nome del prodotto e del suo produttore insieme al suo logo, nel secondo invece sono indicate le classi energetiche comprese, per i modelli, da A+++ a G e indicate mediante colori diversi (il verde per i prodotti dal consumo minimo fino a decrescere nel colore rosso per quelli dal consumo massimo).

Il terzo settore invece è più specifico sul consumo di energia espresso in kWh /anno (valore calcolato in laboratorio, non indicante quindi l’effettivo uso nelle situazioni quotidiane). Gli ultimi due settori variano dal tipo di elettrodomestico, per i congelatori in particolare troveremo nel quarto riquadro le indicazioni relative alla capacità di carico e nel quinto il grado di rumorosità durante il funzionamento.

La lettura dell’etichetta quindi ci potrà permettere un confronto immediato tra diversi tipi di prodotti ma attenzione non ci darà il loro reale valore di consumo. Questo dipenderà in gran parte dal tipo di utilizzo che se ne farà che andrà a condizionare più di ogni altro fattore l’energia utilizzata.

Ulteriori fattori incidono su questo consumo: la capacità di carico che deve essere correttamente dimensionata per permettere un ottimale mantenimento del processo di “congelamento” ma anche la frequenza di volte che si aprirà il freezer che farà entrare aria calda all’interno.

Domande frequenti

Classifiche correlate