Migliori Pannelli Solari Termici

di Andrea Pilotti 4 Febbraio 2019

Classifica, Recensioni e Offerte dei Migliori Pannelli Solari Termici sul mercato, selezionati dalla nostra redazione per efficienza termica, capacità del bollitore, facilità di installazione, rapporto qualità prezzo.

miglior pannello solare termico

Classifica e Recensioni dei Migliori Pannelli Solari Termici

Il migliore

Viessmann Vitosol 200 + Bollitore è un sistema completo per produrre acqua calda ad uso sanitario sfruttando l’energia offerta dal sole. Alla luce delle sue qualità tecniche e dei soddisfacenti risultati, abbiamo deciso di premiarlo come il miglior pannello solare.

Il kit è composto da un bollitore VITOCELL 100-B/W con capacità di 190 litri, collegato ad un collettore solare piano e il tutto gestito da un modulo elettronico di controllo SM1. Completano la dotazione di serie un miscelatore termostatico ACS, vaso di espansione solare, rubinetteria per consentire lo riempimento e pompa per la circolazione forzata dell’acqua.

Tra le principali caratteristiche di questo prodotto, segnaliamo il particolare rivestimento brevettato ThermProtect che ricopre il pannello evitando pericolosi surriscaldamenti. Una volta raggiunta una determinata temperatura si interrompe automaticamente l’apporto di calore, riducendo il rischio di danneggiamenti del pannello soprattutto in situazioni di prolungata inattività.

Questo sistema solare della Viessmann assicura una buona integrazione in qualsiasi tetto, potendolo installare con facilità sia su superfici piane che inclinate. Il profilo in alluminio (fornito in diverse colorazioni a scelta), la copertura in vetro prismatico e il lato posteriore resistente ad urti e corrosione, sono ulteriori valori aggiunti a garanzia di una buona solidità e resistenza nel tempo.

A tutto ciò bisogna sommare la qualità dell’isolamento ad alta efficienza che riduce al minimo le dispersioni termiche, in particolar modo nei mesi invernali e nelle stagioni climaticamente instabili.

Viessmann Vitosol 200 + Bollitore rappresenta una valida soluzione qualora si voglia provvedere al fabbisogno di acqua calda in un’abitazione monofamiliare, godendo di tutti i vantaggi offerti dall’energia solare e con la possibilità di una facile espansione potendo collegare fino a 12 pannelli in batteria.

Il più venduto

Vaillant AuroSTEP pro VTS 1-200 è un pannello solare con annesso bollitore per poter produrre fino a 200 litri d’acqua calda ad uso sanitario. Il kit ha dimensioni abbastanza compatte ed è fornito con tutti i componenti necessari per effettuare un montaggio su tetti inclinati o piani.

L’unico componente non presente è un vaso di espansione che è opportuno prevedere sul circuito sanitario per limitare l’effetto dei colpi d’ariete e di eventuali sovrapressioni.

L’elevata qualità dei materiali assicurano una notevole solidità e un’adeguata durata nel tempo. Il bollitore è realizzato in acciaio smaltato e presenta all’interno uno scambiatore di calore ad intercapedine con la funzione di favorire il passaggio termico tra il fluido solare e l’acqua. Il pannello è costituito da un vetro con spessore di 4 millimetri in modo da resistere all’azione di agenti atmosferici come neve e grandine.

Il montaggio è molto semplice e una volta terminata l’installazione è sufficiente riempire il circuito con una soluzione di acqua e glicole per permettere un buon funzionamento anche nei periodi più freddi ed evitare il congelamento del fluido. Il sistema è in grado di funzionare autonomamente con una circolazione naturale dell’acqua senza l’ausilio di centraline elettroniche, sonde di temperatura e pompe.

Avendo la necessità di produrre acqua calda attraverso l’energia solare, Vaillant AuroSTEP pro VTS 1-200 rappresenta una soluzione economica e prestazionale. Si adatta in modo particolare per l’uso in case mono e bifamiliari ma anche in strutture ricettive come campeggi e centri sportivi, dove c’è grande richiesta idrica ad uso sanitario soprattutto nei mesi estivi.

Il più efficiente

Ariston Kairos Thermo HF 150 è un kit solare termico a circolazione naturale che fornisce acqua calda sanitaria anche quando l’irraggiamento del sole non è particolarmente intenso.

Il pannello è realizzato con un vetro progettato per resistere alla grandine, mentre il bollitore in acciaio assicura una totale protezione dalla corrosione. A dimostrazione della qualità costruttiva, l’azienda produttrice fornisce una garanzia di ben 5 anni.

Il modello proposto in questa recensione è la versione con serbatoio di accumulo acqua da 150 litri, ma c’è la possibilità di scegliere la versione da 200 litri o quella con doppio collettore da 300 litri.

Il circuito solare ha una capacità di 6 litri e nella fornitura è compreso il liquido antigelo da dover inserire. Ciò che maggiormente si apprezza di questo kit sono le dimensioni estremamente compatte che permettono una facile installazione su tetti ma anche su qualunque superficie piana. Il montaggio è semplice grazie alla struttura autoportante e alla presenza di attacchi rapidi per connettersi all’impianto idrico esistente.

Ariston Kairos Thermo HF 150 grazie ad un nuovo circuito idraulico e al collettore di ultima generazione offre prestazioni molto valide ed un rapporto qualità prezzo decisamente favorevole. Il tutto con il valore aggiunto della certificazione di qualità SolarKeyMark riconosciuta a livello europeo.

Per acqua calda

Hermann Saunier Duval Helioblock3 200 è un pannello solare con bollitore in grado di offrire un massimo di 200 litri d’acqua calda sanitaria.

La circolazione avviene in maniera naturale sfruttando il riscaldamento del fluido solare che cede il proprio calore all’acqua, innescando un movimento che non necessita l’ausilio di una pompa e di una centralina di termoregolazione. Ciò implica un maggior risparmio energetico e una certa facilità d’installazione.

Come consuetudine, il serbatoio di accumulo è realizzato in acciaio con le pareti interne smaltate per assicurare la massima igiene ed evitare problemi di corrosione. Il collettore in vetro ha uno spessore di 4 millimetri per resistere a pioggia, neve e grandine.

L’isolamento in schiuma poliuretanica permette di limitare al minimo le dispersioni termiche e di migliorare l’efficienza. Il montaggio può essere effettuato sia su superfici piane che inclinate, appoggiando direttamente a terra il pannello oppure sfruttando la struttura portante compresa nella fornitura.

Hermann Saunier Duval Helioblock3 200 può essere un’ottima soluzione per integrare l’impianto esistente. Per una famiglia di 3-4 componenti rappresenta una valida alternativa al tradizionale sistema di riscaldamento dell’acqua, garantendo fino al 60% del fabbisogno idrico sanitario annuo.

Con accumulo integrato

Cordivari Stratos si discosta da tutti i sistemi solari analizzati in questa guida all’acquisto per avere l’accumulo sanitario integrato. Il pannello è stato progettato con un design elegante e con ingombri estremamente contenuti.

Invece del classico bollitore esterno, il circuito di riscaldamento e accumulo dell’acqua è stato inserito direttamente all’interno. Se da una parte ciò rende il prodotto esteticamente gradevolee permette una più pratica installazione, dall’altra riduce la produzione d’acqua. Quest’ultimo aspetto può essere risolto effettuando un collegamento a batteria per aumentare la disponibilità idrica.

La struttura è realizzata con un telaio in alluminio anodizzato, mentre il vetro temperato del pannello solare assicura un’adeguata protezione dalla grandine. Il fondo e le pareti coibentate garantiscono un elevato isolamento con uno spessore di 3 centimetri per ridurre le dispersioni termiche.

Nella fornitura è presente la raccorderia necessaria per effettuare i collegamenti idraulici e un kit per il fissaggio su superfici piane o su tetti inclinati. La dotazione è completata da una valvola rompi-vuoto e da una di sicurezza a 6 bar.

Cordivari Stratos è un pannello solare adatto in luoghi ad elevato indice di irraggiamento solare annuo. C’è la possibilità di scegliere tre diverse versioni in base alla necessità. Il modello 100 offre un volume di accumulo pari a 99 litri, il 150 assicura 149 litri mentre il 200 garantisce fino a 197 litri di acqua calda. Qualora fosse installato in zone dove la temperatura può scendere sotto lo zero, è necessario prevedere il montaggio di un dispositivo di sicurezza antighiaccio.

Il più economico

Ferroli Ecotech 150 viene fornito con un pannello solare piano, bollitore da 150 litri, tubazioni flessibili per il collegamento tra serbatoio e collettore, raccorderia idraulica e il telaio per il posizionamento su tetti inclinati. Una dotazione completa con l’ulteriore possibilità di richiedere la struttura per il montaggio su superfici piane.

Il sistema sfrutta l’energia solare per scaldare un fluido che scorre in un circuito separato e provvede a cedere il calore accumulato all’acqua sanitaria. La circolazione sfrutta elementari principi fisici e avviene in modo del tutto naturale senza l’intervento di una pompa.

Il telaio del collettore è la vasca di riempimento sono realizzati in allumino, materiale che unisce solidità ad una notevole leggerezza. Il vetro solare temprato ha un adeguato spessore per resistere agli agenti atmosferici ed un’alta trasparenza per migliorare l’efficienza. Il fondo con isolamento termico in lana di roccia da 40 millimetri di spessore assicura un’elevata coibentazione.

Ferroli Ecotech 150 offre uno dei rapporti qualità prezzo più interessanti tra i prodotti recensiti. Il kit ha tutte le qualità necessarie per assicurare una soddisfacente produzione d’acqua calda sanitaria anche in zone geografiche con scarso irraggiamento solare annuo.

Offerte Pannelli Solari Termici

Come scegliere un Pannello Solare Termico

I pannelli solari termici sono una parte importante del più esteso impianto solare termico utilizzato per produrre acqua calda sanitaria, o in alcuni casi anche destinata al riscaldamento dell’abitazione. Sono impianti che possono integrare il proprio lavoro con quello svolto da una pompa di calore aria acqua.

Il loro compito è quello di catturare l’energia termica proveniente dal sole, e renderla disponibile allo scambio in modo tale che l’impianto possa utilizzarla per riscaldare l’acqua contenuta nel bollitore.

Il vantaggio principale di questo sistema è che grazie al lavoro del pannello solare termico non c’è bisogno di utilizzare energia proveniente dalla combustione di gas o gasolio, né quella proveniente dalla rete elettrica, o dalla legna usata nei termocamini abbattendo notevolmente i costi per la produzione di acqua calda in casa.

Migliori Termocamini

Spesso però si genera una confusione tra pannello solare termico e pannello fotovoltaico, argomento su cui vale la pena spendere qualche parola per una maggiore consapevolezza del consumatore nel momento in cui si sta valutando l’acquisto di un nuovo sistema di riscaldamento dell’acqua domestica.

Mentre il pannello fotovoltaico utilizza l’energia termica proveniente dal sole per trasformarla in energia elettrica, il pannello solare termico utilizza il calore ricevuto direttamente per scaldare l’acqua contenuta nel serbatoio, producendo così acqua calda sanitaria e in alcuni casi acqua destinata al riscaldamento.

Un sistema quindi che permette un sostanziale risparmio economico grazie all’efficienza dei sistemi di scambio termico, e che presenta delle caratteristiche che è bene valutare, per sapere se il modello selezionato fa al caso proprio.

Come risparmiare sui consumi elettrici degli elettrodomestici

La scelta di un impianto basato sul pannello solare termico va effettuata principalmente valutando la potenza termica necessaria alla propria abitazione, valutando la grandezza del serbatoio, e scegliendo tra un impianto che garantisca la sola acqua calda sanitaria o anche la produzione di acqua destinata all’impianto di riscaldamento.

Oltre alla qualità dei materiali in generale, va inoltre dedicata attenzione alla tipologia di pannello che si intende installare: se si abita in una zona particolarmente fredda, i più indicati sono i pannelli sottovuoto, riconoscibili dai tradizionali pannelli vetrati per via della forma tubolare, che hanno un rendimento generalmente migliore rispetto a quelli dalla superficie completamente liscia e presentano un sistema di tubazioni il più delle volte in rame contenente l’acqua da riscaldare.

Un parametro da conoscere riguarda il tipo di circolazione dell’acqua: negli impianti a circolazione naturale, l’acqua che passa nel pannello solare termico esposto ai raggi del sole viene riscaldata per poi passare nel serbatoio. Da qui poi entra nel circuito di casa, per poter essere finalmente utilizzata.

Negli impianti a circolazione forzata invece il serbatoio è separato dal pannello solare termico, e l’acqua riscaldata viene portata dal pannello al serbatoio spinta da una pompa mediante un sistema di tubazioni, e il controllo su flussi, temperature e condizioni di utilizzo viene gestito da una centralina elettronica.

Si tratta di un impianto generalmente più costoso ma che offre dei vantaggi, legati soprattutto alla gestione dell’acqua e alla manutenzione dell’impianto, che vanno valutati soprattutto in funzione dell’utilizzo che si pensa di fare e della temperatura media del luogo in cui si abita.

Un fattore da valutare inoltre è la possibilità e la facilità di installazione dell’impianto solare termico: pendenza e distanza del tetto, possibilità di integrazione con caldaie già esistenti, possibilità di installazione in piano o a falda sono tutti aspetti da valutare in fase di acquisto, per trovare il pannello solare termico più adatto alle proprie esigenze.

Elettrodomestici che potrebbero interessarti
GUIDA ACQUISTI
Guida all'acquisto degli Elettrodomestici
Dal 2007 Guida Acquisti è la rivista consumatori indipendente che ti aiuta scegliere gli elettrodomestici, attraverso classifiche,recensioni e offerte dei migliori prodotti sul mercato.