Migliori camini a pellet

I migliori camini a pellet selezionati per potenza riscaldante, funzioni automatizzate, tipologia di installazione, sicurezza, prezzo e marca.

Classifica migliori camini a pellet

La Nordica Extraflame Comfort P85 Plus

La Nordica Extraflame Comfort P85 Plus

Pro

  • Design elegante
  • Solidità costruttiva
  • Doppia uscita di serie per canalizzare l’aria calda
  • Possibilità di installare diversi kit per il caricamento del pellet

Contro

  • Non è previsto il controllo a distanza tramite App

Comfort P85 Plus è un caminetto a pellet progettato e commercializzato dall’azienda italiana La Nordica Extraflame. Rispetto alla versione P85 leggermente più economica, questo modello Plus è dotato di due uscite con motori indipendenti per canalizzare l’aria calda fino ad una distanza di 8 metri.

Con un funzionamento normale il calore esce dalla griglia posta sopra lo sportello grazie all’azione della ventola. Il design elegante con ampio vetro per la suggestiva visione della fiamma assicura un bel colpo d’occhio e l’inserimento in qualsiasi tipologia d’arredamento.

Il serbatoio da 16 kg e il consumo massimo di 2,6 kg/h mi consentono una buona autonomia e nel momento di ricaricare il combustibile posso sfruttare il sistema di guide scorrevoli per estrarre completamente il caminetto dalla sua sede. Ho trovato molto utile la possibilità di acquistare come optional i kit per il caricamento frontale del pellet oppure superiore / laterale con ingresso indipendente. Quest’ultima soluzione si può installare anche in un secondo momento ed entrambi i metodi mi permettono di aggiungere il combustibile senza dover spegnere la fiamma.

La fornitura comprende un comodo radiocomando con termosonda integrata, potendo così calibrare la temperatura scegliendo anche un locale diverso da dov’è installato il caminetto. Volendo è possibile collegare un termostato ambiente supplementare, per beneficiare di una maggior flessibilità e precisione nel controllo del comfort abitativo. Le funzioni sono risultate complete e di facile comprensione, con a disposizione 4 fasce orarie giornaliere per ogni giorno della settimana e spegnimento ritardato.

Comfort P85 Plus è un caminetto affidabile, realizzato con materiali di qualità destinati a durare nel tempo e una potenza termica di 12 kW adatta per riscaldare ambienti fino a 344 metri cubi. Anche le operazioni di pulizia sono risultate per nulla complicate, riuscendo a rimuovere con facilità il cassetto della cenere e aspirare i residui dal braciere. L’unico limite è l’impossibilità di gestione da remoto tramite App che farà storcere il naso agli amanti degli apparecchi smart.

Klover Mono 1000 Air

Klover Mono 1000 Air

Pro

  • Aspetto molto elegante
  • Wi-Fi di serie
  • Bruciatore autopulente
  • Cronotermostato con 4 fasce orarie programmabili

Contro

  • Per il caricamento del pellet è necessario spegnere il caminetto
  • Prezzo alto

Klover Mono 1000 Air è un caminetto a pellet con potenza termica di 9 kW, in grado di coniugare un raffinato aspetto estetico con una tecnologia di combustione efficiente ed ecologica. Il design ricercato è un particolare che regala un tocco di eleganza ed originalità a qualunque ambiente, con possibilità di scegliere tre diverse finiture.

Il cuore di questo prodotto è il sistema di combustione brevettato con meccanismo di rotazione parziale ed inversa per mantenere il braciere sempre pulito. Ciò consente da una parte di avere alti rendimenti e dall’altra limitare l’emissione di sostanze inquinanti. Sottolineo anche la presenza di sistema anti-intasamento dell’aria comburente e l’accensione rapida con candelette ceramiche.

Come in ogni prodotto Klover, anche questo caminetto è dotato di cromatura di tutti i componenti interni per prevenire i danni causati dall’umidità e cavi con guaina in fibra di vetro per meglio resistere alle alte temperature. Il caricamento del pellet avviene tramite sistema di estrazione su guide che, pur assicurando una buona comodità, costringe a spegnere la macchina.

Per quanto concerne la programmazione segnalo la possibilità di sfruttare 4 accensioni / spegnimenti giornalieri, in modo da ottimizzare il funzionamento in base alle specifiche esigenze. A completare la dotazione di serie c’è il modulo Wi-Fi per la gestione da remoto tramite l’App MyKlover. Il rovescio della medaglia di tutte le qualità evidenziate è solo uno, ovvero un prezzo di vendita non certo dei più economici ma, a parer mio, adeguato a ciò che viene offerto.

Eva Calor Nico

Eva Calor Nico

Pro

  • Sistema di doppia canalizzazione indipendente su richiesta
  • Cassetto estraibile per il caricamento pellet

Contro

  • Manca sistema di autopulizia del braciere
  • Modulo Wi-Fi da acquistare come optional
  • Serbatoio non dei più capienti

Eva Calor Nico è un caminetto a pellet caratterizzato da un design essenziale ma comunque elegante, in cui spicca un vetro serigrafato per consentire un’ampia visione del focolare. La diffusione del calore avviene tramite ventilazione forzata con bocca di uscita posta nella parte superiore e possibilità di richiedere una canalizzazione doppia indipendente oppure in versione Premium. Due soluzioni che consentono la distribuzione dell’aria calda in ambienti di più grandi volumetrie o locali adiacenti, sfruttando al massimo i 12,5 kW di potenza termica.

Altri dati tecnici rilevanti sono la classe di efficienza energetica A+, un rendimento che oscilla tra l’88% e il 93% e un consumo orario di combustibile compreso tra 1,2 e 2,3 kg/h. Il serbatoio, con i suoi 15 kg, non è tra i più capienti che si possano trovare in rapporto alla potenza resa; tuttavia c’è da sottolineare la grande comodità di un cassetto estraibile che mi consente il caricamento del pellet senza dover spegnere il caminetto.

Eva Calor Nico lo considero un prodotto dal buon rapporto qualità prezzo e dotato di funzioni complete gestibili dal telecomando compreso nella fornitura. Buona anche la dotazione di sicurezza con pressostato per rilevare pericolose sovrappressioni e termostato per l’arresto automatico in caso di temperatura troppo alta.

Passando agli aspetti negativi, dal punto di vista tecnico la maggior limitazione è la mancanza di un sistema di autopulizia del braciere che abbassa un poco la resa termica e costringe a maggiori interventi manuali. Guardando invece alla versatilità d’uso, è l’assenza della connessione Wi-Fi di serie ad impedire una comoda programmazione da remoto. Quest’ultimo problema si può risolvere acquistando la scheda di interfaccia presente tra gli optional.

Ravelli RBC 810

Ravelli RBC 810

Pro

  • Possibilità di indirizzare l’aria in un impianto di canalizzazione
  • Buona capacità del serbatoio
  • Kit per caricamento pellet
  • Facilità di pulizia

Contro

  • Manca controllo tramite App

Ravelli RBC 810 è un caminetto a pellet che giudico sufficientemente completo per soddisfare le esigenze di riscaldamento di ambienti di medie dimensioni fino a 215 metri cubi e assicurare un piacevole aspetto estetico. La potenza termica introdotta è di 10,2 kW, con un massimo consumo orario di 2,1 kg di combustibile e un’autonomia compresa tra 9 e 29 ore. Valori molto buoni che sono merito anche del serbatoio da 20 kg, a cui poter abbinare un kit per il caricamento del pellet frontale o dal lato destro.

Questo modello consente di scegliere il riscaldamento dell’ambiente tramite fuoriuscita di aria calda dalla griglia posta sopra lo sportello, oppure collegare un eventuale impianto di canalizzazione alle due bocche di uscita con ventilazione forzata.

L’utilizzo del caminetto non è nulla di complicato, tuttavia è necessario leggere con attenzione le istruzioni per la prima configurazione e l’associazione del palmare in dotazione con la scheda elettronica. Per settare ogni impostazione non c’è altro modo che impiagare il telecomando con display, non avendo trovato alcun pannello integrato, connessione Wi-Fi o modulo GSM installato o da acquistare a parte per utilizzare un dispositivo mobile.

La temperatura ambiente è rilevata direttamente dal palmare, con regolazione del cronotermostato per programmare accensione e spegnimento in ogni giorno della settimana sfruttando 4 intervalli temporali indipendenti. Metto in evidenza la possibilità di settare la miscela pellet-aria comburente, ovvero una funzione molto utile qualora si utilizzasse combustibile non certificato DIN PLUS. Per quanto riguarda le operazioni di pulizia non ho riscontrato problemi, aspirando con comodità i residui dal braciere e rimuovendo il cassetto della cenere per lo svuotamento.

Palazzetti Ecofire A70

Palazzetti Ecofire A70

Pro

  • Ventilazione con doppio motore elettrico
  • Sistema di caricamento indipendente del pellet

Contro

  • Serbatoio di limitata capacità
  • Manca un telecomando
  • Non è prevista la canalizzazione dell’aria calda

Palazzetti Ecofire A70 è un caminetto a pellet adatto per locali di piccole dimensioni, così come testimonia una potenza termica di 9 kW e un serbatoio con capacità di soli 15 kg. Questo modello distribuisce aria calda dalla griglia superiore tramite doppia ventola. Se invece si desidera collegare un impianto di canalizzazione è necessario valutare l’acquisto della versione AC70.

Il caminetto prevede il caricamento del combustibile senza doverlo estrarre dalla sua sede, ma bensì inserendo nella controcappa uno sportello con scivolo oppure scegliendo un kit con cassetto estraibile frontale.

La resa termica è di buon livello e sfrutta un braciere in ghisa e una caldaia progettata con innovativo sistema di turbolatori. Le funzioni sono decisamente complete trovando tutto il necessario per rispondere ad ogni mia esigenza.

Oltre alle consuete impostazioni per personalizzare il funzionamento con tre programmi indipendenti giornalieri, posso impiegare la modalità Eco Mode con arresto della caldaia al raggiungimento del comfort desiderato, Delta per stabilire il numero di gradi rispetto alla temperatura impostata spegnendo o avviando in automatico la combustione, nonché beneficiare della riaccensione dopo un black-out, bloccare la tastiera e inserire la funzione antigelo fissando una temperatura minima al di sotto della quale la macchina si accende.

Nel complesso reputo Ecofire A70 un caminetto a pellet dal buon rapporto qualità prezzo, con l’unico svantaggio di aver previsto un pannello di controllo senza telecomando. Per la gestione da remoto non c’è nulla di serie, tuttavia è possibile acquistare tra gli optional un modulo di rete per sfruttare l’App Palazzetti.

EdilKamin Pellkamin 10

EdilKamin Pellkamin 10

Pro

  • Buona dotazione di optional per rispondere a specifiche esigenze
  • Solidità strutturale

Contro

  • Manca predisposizione per collegare impianto di canalizzazione
  • Serbatoio di bassa capacità

EdilKamin Pellkamin 10 è un caminetto a pellet completo che cerca di soddisfare ogni esigenza dell’utilizzatore con una buona dotazione di serie, coprendo eventuali carenze grazie ad un ampio numero di accessori optional. Detto questo, devo comunque evidenziare che non si tratta di un modello adatto per collegare un impianto di canalizzazione, rappresentando l’unico vero limite insieme ad una capacità del serbatoio di soli 11 kg.

Il design è molto essenziale e non presenta punti di particolare interesse, con il classico vetro serigrafato ed inserto in ceramica nero lucido. Sportello, rivestimento e componenti interni offrono la sensazione di grande solidità e durata nel tempo. Il caricamento del combustibile di serie è previsto tramite estrazione della macchina sulle apposite guide, potendo comunque scegliere come optional un cassetto frontale oppure una botola con scivolo.

EdilKamin Pellkamin 10 è un modello che consiglio a chi cerca un caminetto a pellet di facile utilizzo per riscaldare ambienti con volumetrie fino a 270 metri cubi, facendo affidamento su una potenza utile di 10,4 kW e un rendimento del 90%. Per le impostazioni è necessario impiegare il telecomando con display, dovendo acquistare a parte l’interfaccia Wi-Fi o il modulo GSM per disporre anche di pratico controllo a distanza.

Caminetti Montegrappa MB Pellet Evo

Caminetti Montegrappa MB Pellet Evo

Pro

  • Adatto per ambienti di grandi volumetrie
  • Elevata capacità serbatoio
  • Lunga autonomia

Contro

  • Non è previsto nessun telecomando
  • Impossibile la gestione da remoto tramite smartphone

Caminetti Montegrappa MB Pellet Evo è un modello progettato per chi desidera riscaldare ambienti di grandi dimensioni fino a circa 180 metri quadri, sfruttando una potenza termica di 15,5 kW, l’impianto d’uscita dell’aria calda con doppia canalizzazione e un serbatoio in acciaio zincato con capacità di ben 50 kg. Ciò consente di raggiungere un’autonomia di quasi 55 ore con funzionamento alla minima potenza e 14 ore nelle condizioni più gravose.

Esteticamente è un caminetto a pellet gradevole e caratterizzato da rivestimento in acciaio con verniciatura termoresistente e un ampio sportello di forma quadrata in vetro ceramico e apribile ad anta.

La camera di combustione è realizzata in ghisa, mentre il catalizzatore frangi fiamma in CMtech®2 ossia uno speciale materiale refrattario ceramico brevettato. Il tutto porta ad incrementare l’accumulo termico, migliorare la combustione e alzare il rendimento, avendo un occhio di riguardo anche per i consumi e l’emissione di inquinanti.

Il caminetto è dotato di centralina elettronica che gestisce accensione, arresto, alimentazione del pellet, estrazione fumi e ventilazione in modo manuale oppure completamente automatico a seconda delle scelte dell’utilizzatore. Per le impostazioni dispongo di un pannello di controllo da installare a parete nei pressi del caminetto o ad una distanza massima di 5 metri, con cui programmare anche il cronotermostato.

MB Pellet Evo ha mostrato nel corso della prova una notevole solidità strutturale, affidabilità e prestazioni di prim’ordine. Un caminetto attento anche all’estetica offrendo 6 diverse finiture in materiali pregiati, per scegliere il rivestimento più adatto allo stile di arredamento. I punti deboli che vanno ad incidere sulla comodità d’uso sono, secondo me, il non aver previsto un telecomando e la connessione Wi-Fi per la gestione da remoto.

MCZ Vivo 80

MCZ Vivo 80 Pellet

Pro

  • Caricamento pellet senza spegnere il caminetto
  • Doppia uscita per canalizzazione aria calda
  • 6 fasce orarie personalizzabili

Contro

  • Non è possibile la gestione da remoto tramite App

MCZ Vivo 80 è un caminetto a pellet dal design essenziale, con potenza termica nominale di 10,5 kW e un serbatoio con volume utile di 25 litri. Quest’ultimo dato nella pratica significa poter inserire all’incirca 17,5 kg di combustibile. A differenza di molti modelli concorrenti, il caricamento del pellet non obbliga a spegnere ed estrarre il caminetto. Infatti, in fase di installazione si può decidere di montare uno scivolo frontale o laterale, con bocca di ingresso per facilitare le operazioni di carico.

La versione da me testata è la cosiddetta Comfort Air che differisce dalla Hydro per avere un focolare in Alutec, ossia un materiale refrattario sviluppato e brevettato da MCZ. L’aria calda, oltre che fuoriuscire dalle griglie frontali, può essere canalizzata sfruttando due bocche indipendenti.

Ogni funzione è gestita dal telecomando con display, beneficiando di una certa completezza di modalità a disposizione. Posso scegliere tra un’impostazione manuale con 5 livelli di potenza oppure automatica stabilendo la temperatura ambientale desiderata e lasciando gestire all’apparecchio la modulazione della fiamma.

Anche la ventilazione può essere regolata su 5 livelli, con accensione e spegnimento programmabili secondo 6 fasce orarie. In aggiunta ho trovato anche una modalità Eco che mette la macchina in stand-by al raggiungimento e mantenimento della temperatura impostata per almeno 20 minuti e modalità Sleep che consente di settare rapidamente un orario di spegnimento.

MCZ Vivo 80 è un caminetto a pellet che di certo non deluderà le aspettative e si farà apprezzare per la buona solidità strutturale, la praticità d’uso e la semplicità nella programmazione. Non è un modello che consiglio a chi desidera un prodotto smart da comandare a distanza, visto che non è prevista la connessione Wi-Fi e gestione tramite App nemmeno come optional.

Piazzetta IP 78/58

Piazzetta IP 78/58

Pro

  • Ventilazione con due motori indipendenti
  • Materiali di buona qualità
  • Struttura di apprezzabile solidità

Contro

  • Due fasce orarie giornaliere programmabili
  • Serbatoio di limitata capacità
  • Gestione da remoto tramite Wi-Fi e App solo come optional

Piazzetta IP 78/58 è un caminetto a pellet che non mi ha impressionato per il suo design, offrendo comunque quel minimo di eleganza per inserirsi con armonia in qualsiasi ambiente domestico. Passando agli aspetti tecnici, questo modello offre una potenza termica di 9 kW riuscendo a riscaldare locali con volumetria compresa tra 150 e 260 metri cubi.

L’aria calda viene distribuita rapidamente ed in modo uniforme grazie alla ventilazione con due motori indipendenti. La capacità del serbatoio mi consente di inserire fino a 13 kg di pellet e, considerando un consumo massimo di 2,1 kg/h, riesco a raggiungere un’autonomia non certo eccezionale di 6 ore. Per limitare il problema posso scegliere tra gli optional un serbatoio supplementare.

Il caricamento del combustibile avviene con estrazione del caminetto, perciò mi costringe allo spegnimento della macchina. Anche in questo caso è necessario mettere mano al portafoglio e acquistare l’apposito kit per ottenere un caricamento con ingresso indipendente.

Tramite il telecomando ho potuto programmare il funzionamento, selezionando solo due fasce orarie giornaliere che limitano un po’ la flessibilità d’uso. Utile la presenza delle modalità Energy Saving ed Eco per ottimizzare i consumi e risparmiare combustibile. La gestione da remoto tramite smartphone è possibile, ma serve comprare l’apposito modulo Wi-Fi.

Piazzetta IP 78/58 è un caminetto a pellet con alcuni punti deboli, tuttavia risolvibili acquistando i vari optional messi a disposizione. Così come viene fornito è un prodotto adatto per chi desidera riscaldare un ambiente di piccole-medie dimensioni, senza avere troppe pretese estetiche e beneficiando di una normale praticità d’uso.

Italiana Camini Pellquadro

Italiana Camini Pellquadro

Pro

  • Favorevole rapporto qualità prezzo
  • Possibilità di installare diversi sistemi di caricamento del pellet
  • Soddisfacente solidità strutturale
  • Facilità operazioni di pulizia

Contro

  • Design non dei più ricercati
  • Serbatoio con limitata capacità
  • Mancanza interfaccia Wi-Fi

Italiana Camini Pellquadro è un caminetto a pellet che riesce a riscaldare ambienti fino a 270 metri cubi grazie ad una potenza termica pari a 10,4 kW e un rendimento del 90%. Il serbatoio da 15 kg non è dei più capienti e, unito al consumo orario massimo di 2,4 kg, fa scendere l’autonomia ad un minimo di 5 ore nelle condizioni più gravose.

Il caricamento del pellet avviene grazie al meccanismo di estrazione del caminetto con guide scorrevoli. È stata però prevista la possibilità di scegliere tra gli optional un kit per inserire il combustibile tramite un cassetto frontale oppure una botola con scivolo e bocca di carico da installare sulla controcappa.

La programmazione giornaliera e settimanale l’ho trovata nella norma sia dal punto di vista funzionale che nella semplicità di utilizzo. Ogni impostazione la seleziono tramite il radiocomando con display, potendo anche acquistare un modulo GSM per spegnere e avviare il caminetto da distanza con il cellulare. Un sistema molto più limitato rispetto alla gestione con App e connessione Wi-Fi, tuttavia è sempre meglio che non avere nulla a disposizione.

Nonostante una tecnologia di combustione non delle più sofisticate, funzioni essenziali e un design piuttosto anonimo, Italiana Camini Pellquadro lo reputo un caminetto capace di assicurare un buon rapporto qualità prezzo. Solidità e affidabilità non sono messe in discussione, così come l’efficacia nel riscaldamento e la facilità di pulizia.

Come scegliere un camino a pellet

Il camino a pellet può rappresentare una buona alternativa sia alla stufa a pellet che al tradizionale caminetto a legna. La scelta tra stufa e camino, che svolgono la stessa funzione ma con forme e ingombri differenti, è spesso legata a fattori di tipo estetico e funzionali: se è vero che la prima deve essere posizionata all’interno dell’ambiente, e la sua presenza può risultare ingombrante, allo stesso modo per installare un camino a pellet c’è bisogno di una nicchia.

Ma come si fa a scegliere un camino a pellet che soddisfi le proprie esigenze? Come per le stufe, il primo parametro da considerare riguarda la potenza termica, e il volume (espresso in metri cubi) o la superficie (espressa in metri quadri) che il prodotto riesce a riscaldare. Questa valutazione deve tenere conto sostanzialmente di due fattori: quanto è grande la stanza che vogliamo riscaldare e in seconda battuta bisogna considerare la possibilità di scaldare anche le stanze adiacenti.

Questo è un aspetto importante, perché molti dei moderni camini a pellet in commercio sono dotati di predisposizione per poter canalizzare l’aria calda prodotta. Potenza termica e superficie (o volume) riscaldabile quindi, ma bisogna considerare anche l’autonomia. Tanto più e grande il serbatoio del pellet, tanto più crescerà l’autonomia di funzionamento in continuo. Un altro fattore da valutare è la possibilità di poter essere comandato a distanza (ad esempio da telefono via sms o WiFI), per gestire le sue funzioni anche da remoto e programmare l’accensione e lo spegnimento.

Tutti i migliori camini a pellet sul mercato sono dotati di funzioni automatizzate, come lo spegnimento ritardato, il cronotermostato, la gestione di fasce orarie, e molti offrono in dotazione anche il telecomando. Un altro aspetto da considerare, riguarda le tecnologie costruttive. l’impiego di materiali e accorgimenti tecnici che tengano pulito il camino, ad esempio, aiuta a prevenire danni da usura e incrostazioni, che si formano con l’accumularsi dei gas di scarico sulle superfici di scambio termico, e che a lungo andare portano a una diminuzione dellefficienza energetica del prodotto.

Classifiche correlate