in

Migliori camini a pellet

I migliori camini a pellet selezionati per potenza riscaldante, funzioni automatizzate, tipologia di installazione, sicurezza, prezzo e marca.

Mcz Vivo 90 pellet

Recensione

Montegrappa Pellet Power

Recensione

Thermorossi Insert 60

Recensione

Ravelli R 1000

Recensione

Edilkamin Pellbox SCF

Recensione

 

Come scegliere un Camino a Pellet

Il camino a pellet può rappresentare una buona alternativa sia alla stufa a pellet che al tradizionale caminetto a legna. La scelta tra stufa e camino, che svolgono la stessa funzione ma con forme e ingombri differenti, è spesso legata a fattori di tipo estetico e funzionali: se è vero che la prima deve essere posizionata all’interno dell’ambiente, e la sua presenza può risultare ingombrante, allo stesso modo per installare un camino a pellet c’è bisogno di una nicchia.

Ma come si fa a scegliere un camino a pellet che soddisfi le proprie esigenze? Come per le stufe, il primo parametro da considerare riguarda la potenza termica, e il volume (espresso in metri cubi) o la superficie (espressa in metri quadri) che il prodotto riesce a riscaldare. Questa valutazione deve tenere conto sostanzialmente di due fattori: quanto è grande la stanza che vogliamo riscaldare e in seconda battuta bisogna considerare la possibilità di scaldare anche le stanze adiacenti.

Questo è un aspetto importante, perché molti dei moderni camini a pellet in commercio sono dotati di predisposizione per poter canalizzare l’aria calda prodotta. Potenza termica e superficie (o volume) riscaldabile quindi, ma bisogna considerare anche l’autonomia. Tanto più e grande il serbatoio del pellet, tanto più crescerà l’autonomia di funzionamento in continuo. Un altro fattore da valutare è la possibilità di poter essere comandato a distanza (ad esempio da telefono via sms o WiFI), per gestire le sue funzioni anche da remoto e programmare l’accensione e lo spegnimento.

Tutti i migliori camini a pellet sul mercato sono dotati di funzioni automatizzate, come lo spegnimento ritardato, il cronotermostato, la gestione di fasce orarie, e molti offrono in dotazione anche il telecomando. Un altro aspetto da considerare, riguarda le tecnologie costruttive. l’impiego di materiali e accorgimenti tecnici che tengano pulito il camino, ad esempio, aiuta a prevenire danni da usura e incrostazioni, che si formano con l’accumularsi dei gas di scarico sulle superfici di scambio termico, e che a lungo andare portano a una diminuzione dellefficienza energetica del prodotto.