Migliori stufe a pellet

Le migliori stufe a pellet selezionate per potenza termica, rendimento, efficienza energetica, autonomia, controllo remoto, rapporto qualità prezzo.

Classifica migliori stufe a pellet

Ecofire Eldora 9

Palazzetti Ecofire Eldora 9

Pro

  • Funzioni complete
  • Facile programmazione
  • Apposita modalità di supporto alla pulizia

Contro

  • Mancanza controllo da remoto tramite Wi-Fi o modulo GSM

Chi ha la necessità di installare una stufa a pellet in un angolo, troverà in questo modello Ecofire Eldora 9 proposto dall’azienda Palazzetti, una valida soluzione. Le dimensioni di ingombro sono di 62 x 49 x 110 cm, mentre il vetro ad angolo consente una doppia visione della fiamma. La struttura è in acciaio con possibilità di scegliere quattro diversi rivestimenti, compreso un elegante versione in marmo serpentino.

La stufa offre una potenza termica di 9,1 kW, un serbatoio con capacità di 15 kg e appartenenza ad una classe di efficienza energetica A+. E’ dotata di un potente ventilatore tangenziale con portata di 400 metri cubi l’ora e 5 velocità selezionabili attraverso il telecomando oppure il pannello con display LCD.

La potenza è invece programmabile su 5 livelli, con ulteriore possibilità di inserire la modalità automatica che provvederà a mantenere costante la temperatura domestica in base al valore desiderato. Ho trovato semplice anche l’impostazione del timer per stabilire le fasce orarie di funzionamento associando diversi programmi.

A dimostrazione della completezza di questa stufa a pellet Palazzetti Ecofire Eldora 9, sottolineo la presenza di diverse funzioni. La modalità stand by assicura lo spegnimento automatico al raggiungimento della temperatura desiderata, mentre Economy permette di stabilire la massima potenza durante il funzionamento in automatico.

In caso di black-out la stufa si riavvia e mantiene tutte le impostazioni, inoltre c’è la possibilità di verificare le ore residue di funzionamento prima di effettuare la manutenzione tecnica consigliata. Di grande utilità anche la modalità di supporto alla pulizia che avvia il ventilatore durante la rimozione della cenere per evitare che si disperda nell’ambiente. L’unica mancanza riscontrata nel corso della prova è il controllo delle impostazioni da remoto.

La Nordica Debby

La Nordica Debby

Pro

  • Funzioni complete
  • Buona efficienza energetica
  • Design elegante

Contro

  • Manca uno scarico fumi laterale
  • Non è possibile il controllo stando lontani da casa

La Nordica Debby è una stufa a pellet con camera di combustione e serbatoio da 18 kg a tenuta stagna. Per le operazioni di carico si sfrutta il comodo coperchio superiore con chiusura a pressione, mentre per la pulizia si possono agevolmente aspirare i residui presenti nel braciere rimuovendolo dall’apposito vano, così come estrarre il contenitore della cenere dalla sua sede per lo svuotamento. Per il collegamento della canna fumaria sono disponibili due attacchi, mancando un terzo foro laterale che, in parte, potrebbe limitare la flessibilità di montaggio.

La potenza termica nominale di 9 kW consente di riscaldare ambienti fino a 258 metri cubi, facendo affidamento su un rendimento del 92,7% e una classe di efficienza energetica A++. Sono dati di tutto rispetto che garantiscono un adeguato comfort abitativo, limitando il consumo di combustibile ad un massimo di 2 kg/h.

Dopo attenta analisi considero la dotazione di funzioni piuttosto completa, con la sola mancanza di una scheda Wi-Fi o altro sistema per il controllo stando lontano da casa. Attraverso un telecomando con display oppure tramite l’essenziale pannello integrato sulla macchina, posso avviare la combustione sfruttando il sistema a candelette ceramiche, impostare uno dei 5 livelli di potenza, programmare avvio e arresto giornaliero e utilizzare la funzione stand by per spegnere e riavviare autonomamente la stufa in base ai parametri impostati.

Questo modello rileva la temperatura ambientale basandosi sul sensore inserito nel telecomando, offrendo la possibilità di collegare un termostato meccanico o digitale supplementare.

Il mio giudizio finale per questa stufa a pellet La Nordica Debby non può che essere positivo. Rappresenta una valida scelta d’acquisto per chi deve riscaldare ambienti di medie dimensioni e desidera un prodotto affidabile, piacevole alla vista e facile sia da programmare che pulire.

Caminetti Montegrappa CUMA EVO

Caminetti Montegrappa CUMA EVO

Pro

  • Programmazione intuitiva
  • Dimensioni compatte
  • Design moderno ed elegante
  • Predisposizione per impianto di canalizzazione

Contro

  • Manca un telecomando nella dotazione di serie
  • Scheda Wi-Fi da acquistare come optional

Caminetti Montegrappa CUMA EVO è una stufa a pellet disponibile con due livelli di potenza, ossia 7 e 10 kW da scegliere in base alle volumetrie da riscaldare. L’azienda italiana si è dimostrata particolarmente attenta alla cura dell’aspetto estetico, progettando un corpo di forma cilindrica con linee moderne e dimensioni piuttosto compatte pari a 56 (L) x 53 (P) x 111 (H) cm.

Il rivestimento è in acciaio verniciato con 5 diverse colorazioni a scelta (moka, greige, nero, bianco e grigio metallizzato), mentre l’ampio sportello è stato realizzato in vetro curvo oscurato. Immancabile la finestra trasparente per avere una suggestiva visuale della fiamma, a cui aggiungere un’originale decorazione interna della camera di combustione per regalare un tocco di maggior eleganza.

Passando agli aspetti puramente tecnico-pratici, la stufa si è dimostrata un apparecchio performante, completo, di facile programmazione e dotata di utili accorgimenti per semplificare le periodiche operazioni di pulizia.

Il serbatoio ha una capacità di 17 kg per entrambe le versioni, mentre il modello da 10 kW presenta un massimo consumo di combustibile di 2,08 kg/h e una classe di efficienza energetica A+. Il pannello dei comandi è dotato di display retroilluminato e icone digitali touch, con un’interfaccia utente di immediata comprensione. Il software mi ha permesso di impostare la temperatura ambiente e selezionare la massima potenza di esercizio per ogni fascia oraria, sfruttando la funzione ECO STOP per mantenere il comfort abitativo riducendo il consumo di combustibile.

Altri particolari che reputo interessanti sono la scheda elettronica per gestire un termostato esterno, predisposizione per collegare un impianto di canalizzazione dell’aria, scambiatore di calore in acciaio posizionato su ogni lato e un innovativo bruciatore con fondello inclinato per migliorare la combustione.

La stufa a pellet CUMA EVO è, a mio avviso, un prodotto dal favorevole rapporto qualità prezzo ed in grado di offrire affidabilità e un buon rendimento. Gli aspetti negativi riguardano alcune carenze nella dotazione di serie. A riguardo devo segnalare la mancanza della connessione Wi-Fi ma, soprattutto, di un telecomando ad infrarossi. Quest’ultimo è stato inserito tra gli optional, così come la scheda di rete e il termostato ambiente supplementare.

Klover Aura 80 Plus Air

Klover Aura 80 plus air

Pro

  • Struttura solida
  • Serbatoio di ampia capacità
  • Elevata efficienza termica
  • Utilizzo molto semplice
  • Controllo tramite App

Contro

  • Nessun problema rilevato

Klover Aura 80 Plus Air è una stufa a pellet a tenuta stagna con serbatoio da 20 kg, potenza termica di 7,8 kW e un indice di efficienza energetica pari a 91,8%. Quest’ultimo è un dato significativo che assicura un buon compromesso tra mantenimento del riscaldamento e consumo di combustibile.

A prima vista ho avuto subito l’impressione di trovarmi difronte una stufa estremamente robusta e progettata per durare negli anni. La struttura con frontale e top in ghisa sono un chiaro indice di tale solidità, a cui aggiungere il coperchio del serbatoio con apertura idraulica e ampio vetro per rendere visibile la fiamma. Sottolineo anche il trattamento di cromatura dell’intero impianto di carico del pellet, che previene l’usura causata dalla naturale umidità presente nel combustibile.

Il più interessante particolare tecnico è il sistema brevettato di combustione che cerca di mantenere buone performance e nel contempo limitare al minimo le emissioni di sostanze inquinanti. L’obbiettivo viene raggiunto sfruttando l’innovativa pulizia automatica del braciere ermetico in fusione di ghisa, coadiuvato dal sistema di anti intasamento dell’aria comburente e candelette al quarzo per avere accensioni fino a 6 volte più rapide di una comune resistenza elettrica.

Klover Aura 80 Plus Air è una stufa a pellet completa sotto ogni aspetto e priva di significativi punti deboli. Oltre a dati tecnici di prim’ordine, offre un’interfaccia a bordo macchina molto intuitiva e da sfruttare in abbinamento al telecomando con touch screen compreso nella fornitura.

L’azienda italiana ha pensato anche a chi desidera un apparecchio smart gestibile tramite dispositivo mobile, inserendo di serie una scheda Wi-Fi e l’app MyKlover per un totale controllo quando siamo lontani da casa.

Thermorossi Essenza Metalcolor Natural Plus

Thermorossi Essenza Metalcolor Natural Plus

Pro

  • Materiali di alta qualità
  • Possibilità di scegliere un rivestimento in pietra ollare
  • Coperchio scorrevole per facilitare l’inserimento pellet
  • Piano scalda vivande

Contro

  • Manca connessione Wi-Fi
  • Serbatoio non di grande capacità

Thermorossi Essenza Metalcolor Natural Plus è una stufa a pellet con potenza di 12 kW, serbatoio da 15 kg e una classe di efficienza energetica A+. Si tratta di un modello adatto per riscaldare ambienti fino a 100 metri quadri e offre due uscite aria indipendenti con meccanismo di regolazione del flusso.

L’impiego di acciaio e ghisa di grosso spessore favoriscono l’accumulo termico e la durata dei componenti, mentre alcuni particolari incrementano la praticità e versatilità d’uso. Mi sto riferendo alla possibilità di scegliere un rivestimento in pietra ollare, al piano scaldavivande, all’inserto in maiolica porta essenze e al coperchio in cristallo a scorrimento per un più comodo accesso al serbatoio.

Questo modello offre tutto ciò si può chiedere ad una stufa a pellet, con l’unico limite dell’assenza di una connessione Wi-Fi. La gestione delle impostazioni avviene tramite un pannello digitale LCD oppure utilizzando il telecomando in dotazione.

Davvero semplice programmare gli orari di funzionamento con crono settimanale e tre fasce giornaliere indipendenti. Nulla di negativo da segnalare nemmeno durante le operazioni di pulizia, con camera di combustione facilmente ispezionabile, sistema di filtraggio della polvere lavabile e cassetto della cenere da estrarre e svuotare impiegando pochi minuti.

Ravelli Flexi 11

Ravelli Flexi 11

Pro

  • Predisposizione per impianto di canalizzazione
  • Efficace sistema di accensione
  • Connessione Wi-Fi integrata
  • Serbatoio di buona capienza

Contro

  • Nessun problema riscontrato

Ravelli Flexi 11 è una stufa a pellet con potenza di 11 kW e un serbatoio davvero capiente in cui inserire fino a 20 kg di combustibile. Si tratta di un modello con un aspetto estetico che reputo piuttosto strandard, ovvero presenta una forma cilindrica con rivestimento in acciaio verniciato (6 finiture a catalogo) e finestrella in vetro per osservare la fiamma.

La versatilità d’uso è assicurata dalla possibilità di scegliere una modalità di riscaldamento per convezione naturale dall’alto, con ventilazione forzata oppure canalizzando l’aria calda sfruttando la predisposizione posteriore. Questo modello consente anche la gestione separata tra ventilazione e canalizzazione.

Tra gli aspetti tecnici più importanti c’è un sistema di accensione molto efficiente grazie all’impiego di una resistenza ceramica che meglio sopporta stress termici e l’usura del tempo. La camera di combustione è realizzata con un materiale derivante dalla lavorazione della vermiculite, in modo da garantire un miglior rendimento. All’interno è stata collocata una termocoppia per rilevare la temperatura della fiamma e avere così un controllo più affidabile e rapido nelle fasi di spegnimento e riaccensione automatica.

Nel corso del test Ravelli Flexi 11 non ha evidenziato nessun significativo punto debole, dimostrandosi una stufa a pellet affidabile e di facile programmazione tramite il pannello di controllo oppure il telecomando in dotazione con termostato incorporato. A differenza di molti diretti concorrenti, questo modello propone di serie anche la connessione Wi-Fi per collegamento alla rete domestica e gestione da remoto.

Eva calor Trevisi

Evacalor Trevisi

Pro

  • Serbatoio di elevata capacità
  • Design ricercato
  • Ampia visibilità della fiamma
  • Possibilità di collegare un impianto di canalizzazione

Contro

  • Dimensioni piuttosto ingombranti
  • Connettività Wi-Fi non di serie
  • Manca scarico dei fumi laterale

Eva calor Trevisi è una stufa a pellet caratterizzata da linee essenziali e design molto pulito, nonché un elegante rivestimento in acciaio verniciato di colore nero. Un particolare che salta subito all’occhio è l’ampia vista della fiamma, posta esattamente al centro della camera di combustione. Invece che la solita finestrella, è stato realizzato un vetro su tre lati che assicura un effetto estetico molto suggestivo.

Ho notato anche la dotazione di un serbatoio davvero capiente che raggiunge i 25 kg. Se da una parte ciò consente una lunga autonomia e minori operazioni di carico del pellet, dall’altra va ad incidere sulle dimensioni. Per essere una stufa con potenza da 9 kW le misure di 61,2 (L) x 72,1 (P) x 129,7 (H) cm presentano ingombri superiori ai diretti concorrenti, così come testimonia anche un peso di circa 200 kg.

L’aria calda esce dalla griglia superiore, dove trova collocamento anche uno dei due scarichi fumi. A tal proposito segnalo la mancanza di un’uscita laterale che avrebbe incrementato la versatilità nell’istallazione, mentre è possibile collegare un impianto di canalizzazione sfruttando la doppia ventilazione.

Nulla da segnalare per quanto riguarda funzioni e programmazione, avendo trovato tutto il necessario per una facile impostazione degli orari di funzionamento e la regolazione della potenza su 5 livelli. Nessuna difficoltà nemmeno per le operazioni di pulizia potendo beneficiare di un’ampia camera di combustione di facile accesso, un braciere con sistema autopulente e un comodo cassetto estraibile della cenere.

Anche Evacalor ha scelto di non adottare di serie un modulo Wi-Fi per comando a distanza, ma di offrirlo come optional. Di fatto questo rappresenta l’unico aspetto che posso considerare veramente negativo, tuttavia è una soluzione commerciale adottata dalla maggior parte delle aziende costruttrici.

Qlima Eleonora 74 S-line

Qlima Eleonora 74 S-line

Pro

  • Dimensioni compatte
  • Elevata efficienza termica
  • Facilità di pulizia e manutenzione

Contro

  • Design non dei più ricercati
  • Capacità serbatoio limitata
  • Impossibilità di collegare una scheda di rete o Wi-Fi

Qlima Eleonora 74 S-line è una stufa a pellet che non mi ha particolarmente colpito per il suo aspetto estetico e confrontato con alcuni diretti concorrenti. Le dimensioni sono molto compatte (47 x 47,6 x 89,9 cm) il che favorisce l’installazione in spazi piuttosto ristretti. Il rovescio della medaglia è il serbatoio con capienza di 13 kg e un’autonomia che scende a 8 ore con funzionamento alla massima potenza di 7,45 kW.

Programmare questa stufa è risultato per nulla difficoltoso, potendo fare affidamento sul semplice pannello di controllo e il pratico telecomando. L’accensione avviene premendo un pulsante, mentre il sensore di temperatura regola automaticamente la combustione per avere il clima desiderato.

Al raggiungimento del valore impostato l’apparecchio provvede a ridurre al minimo la potenza, ma senza mai spegnersi. Si possono programmare 2 orari di accensione e spegnimento giornalieri e impostare manualmente la velocità della coclea per allungare i tempi di combustione.

Secondo la mia opinione Qlima Eleonora 74 S-line è una stufa a pellet dal buon rapporto qualità prezzo. Non si tratta del modello tecnologicamente più avanzato e manca di connessione Wi-Fi, tuttavia offre una notevole resa termica del 92,7% e un’apprezzabile facilità nelle operazioni di pulizia e manutenzione ordinaria.

Edilkamin Lena Plus

Edilkamin Lena Plus

Pro

  • Evoluto sistema di combustione
  • Efficiente modalità di funzionamento autonomo
  • Tre uscite fumi
  • Pulizia automatica del crogiolo

Contro

  • Kit Wi-Fi o modulo GSM offerti solo come optional

Edilkamin Lena Plus è una stufa a pellet che non mi ha colpito più di tanto per il suo aspetto estetico offrendo, tuttavia, un buon compromesso tra eleganza e modernità. Le migliori qualità sono nascoste sotto il rivestimento in acciaio verniciato e mi riferisco, specialmente, al sistema di combustione pulita dotato di combustore ceramico con catalizzatore. Una soluzione tecnica che assicura da una parte fumi meno inquinanti e dall’altra una miglior resa termica.

Il funzionamento l’ho trovato davvero pratico offrendomi la possibilità di una regolazione manuale delle impostazioni tramite pannello o telecomando ad infrarossi. In alternativa posso scegliere una più comoda modalità automatica e lasciare che il cosiddetto sistema Leonardo provveda a rilevare i parametri della combustione ed intervenire per mantenere il comfort, spegnendo e riavviando la stufa prendendo come riferimento la temperatura desiderata.

Edilkamin Lena Plus è una stufa a pellet affidabile e completamente ermetica per installarla in qualunque ambiente senza pericolo. Assicura una certa versatilità d’uso avendo tre diverse uscite fumi e possibilità di programmare avvio e spegnimento, nonché inserire la modalità Relax per disattivare la ventilazione oppure Turbo per erogare aria calda alla massima potenza.

Ho apprezzato anche il sistema Ekleaner di pulizia automatica di crogiolo e turbolatori. L’unico particolare mancante è la gestione da remoto, comunque possibile acquistando l’apposito kit Wi-Fi oppure la scheda elettronica GSM per utilizzare un risponditore/combinatore telefonico.

Cadel Spirit³

Cadel Spirit³

Pro

  • Buona solidità costruttiva
  • Dimensioni compatte
  • Scarico fumi in tre posizioni

Contro

  • Adatta unicamente per ambienti di piccole dimensioni
  • Wi-Fi solo opzionale

Cadel Spirit³ è una stufa a pellet con camera di combustione a tenuta stagna e caratterizzata da un design alquanto essenziale e dimensioni piuttosto contenute.

Rappresenta una valida soluzione per riscaldare ambienti con volumi fino a circa 120 metri cubi, sfruttando una potenza nominale di 4,9 kW. Una scelta che consiglio a chi desidera ottenere un buon comfort abitativo in stanze di media grandezza o in monolocali, godendo di ingombri ridotti pari a 60 (L) x 27,5 (P) x 95,8 (H) cm e un peso complessivo di soli 55 kg.

La presenza di tre uscite fumi posizionate posteriormente, lateralmente e sul piano superiore rendono molto più flessibile l’installazione. La struttura assicura buona solidità grazie ad un rivestimento in acciaio verniciato, mentre sportello e braciere sono realizzati in ghisa. Il serbatoio da 12 kg è più che adeguato vista la limitata potenza e consente un’autonomia che oscilla tra 10 e 21 ore a seconda della modalità di funzionamento impostata.

A parer mio Cadel Spirit³ è una stufa a pellet con un interessante rapporto qualità prezzo ed in grado di assicurare buone prestazioni. Un apparecchio tanto funzionale quanto semplice nella sua programmazione giornaliera e settimanale, con possibilità di collegare un termostato esterno e una scheda Wi-Fi per gestione da remoto tramite App Cadel Easy.

Come scegliere una stufa a pellet

Le stufe a pellet sono solitamente più economiche, più ecologiche e più sicure della maggior parte delle stufe a legna, inquinano meno e richiedono una ricarica di pellet solo una volta al giorno, e visto che il combustibile è compresso e ben confezionato in comodi sacchi, non è necessario maneggiare tronchi sporchi e polverosi.

Inoltre, la maggior parte delle parti esterne della stufa, tranne ovviamente gli sportelli in vetro, non si scaldano eccessivamente durante il funzionamento, riducendo il rischio di scottature accidentali e di incendi, e rendendo necessaria una manutenzione ridotta rispetto ai modelli a legna.

C’è da dire che sono stufe piuttosto complesse e dotate di componenti costose che potrebbero rompersi. In più, per funzionare devono essere collegate alla corrente elettrica, atta al funzionamento della ventilazione e del sistema di alimentazione del pellet. Se dovesse venire a mancare la corrente si perderebbe quindi il calore e ci sarebbe la possibilità che del fumo fuoriesca dalla stufa ed aleggi nella casa.

Tipologie

Le stufe a pellet sono disponibili sia come stufe indipendenti che come inserti da camino. Le unità indipendenti sembrano delle tradizionali stufe a legna che sono in grado di riscaldare bene una sola stanza ma non quelle adiacenti, almeno che non si utilizzi una ventola per convogliare l’aria calda anche negli altri ambienti.

Sono dotate di appositi scompartimenti dove poter accumulare i pellet, alcuni hanno una capacità che va dai 16 ai 60 chilogrammi, che possono durare un giorno intero con un utilizzo normale.

Un sistema di alimentazione, che ha la forma di una grossa vite, fa cadere un paio di pellet alla volta nella camera di combustione, e la velocità con cui il sistema rilascia i pellet per la combustione determina la quantità di calore in fuoriuscita.

I gas di scarico sono eliminati da una piccola canna fumaria che può essere fatta fuoriuscire da un muro laterale, oppure in verticale attraverso il tetto.

I modelli più avanzati sono dotati di un piccolo computer e di un termostato per determinare la velocità e la quantità di combustibile inserito nella camera di combustione.

Stufe con alimentazione dal basso o dall’alto

Queste stufe generalmente utilizzano due sistemi di alimentazione automatici: dall’alto e dal basso. Nei sistemi dall’alto, il dispositivo è inclinato a un determinato angolo e fa scivolare i pellet dall’alto o lateralmente nella camera di combustione, riducendo in questo modo la possibilità di eventuali ritorni di fiamma nelle scorte di combustibile.

Nonostante tutto, i sistemi con alimentazione dall’alto potrebbero non riuscire ad eliminare la cenere dalla grata del braciere, e quando questo succede si potrebbero formare delle scorie create dal continuo riscaldamento e raffreddamento delle ceneri che possono interferire con il flusso d’aria della combustionee far spegnere il fuoco.

Per evitare la formazione di queste scorie, i produttori di stufe con alimentazione dall’alto raccomandano di utilizzare pellet di buona qualità, con ridotta formazione di cenere. La stessa raccomandazione vige anche se si utilizza un camino a pellet per scaldare casa.

I modelli con alimentazione dal basso solitamente utilizzano un dispositivo orizzontale che muove il combustibile all’interno della camere di combustione, facendo in modo che i pellet in entrata spingano via e buttino ai lati le ceneri e le scorie, facendole cadere dentro il vassoio per la cenere. In questi casi non è necessario usare obbligatoriamente pellet di massima qualità.

Sistema di ventilazione interno

Per ottenere il massimo calore da ogni pellet e creare una combustione “pulita”, le stufe a pellet utilizzano un apposito sistema di ventilazione che procura l’aria per la combustione e spinge via allo stesso tempo i fumi di scarico. Il sistema di ventilazione può o aspirare via l’aria dal braciere o soffiarla dentro, e ognuno di questi metodi potrebbe causare qualche problema.

Ad esempio, l’aria che viene soffiata dentro la camere di combustione causa una pressione positiva nella stufa, e se si dovesse aprire lo sportello ci sarebbe uno sbuffo verso l’esterno di ceneri e fumo. In più, con l’invecchiamento della stufa si potrebbero creare anche delle piccole perdite di aria; se questo succede, i fumi di scarico potrebbero piano piano invadere la stanza. Per una maggior sicurezza, il consiglio degli esperti è sempre quello di installare un rilevatore di gas nelle case dove è presente una stufa a pellet.

Nel caso dei modelli in cui l’aria viene aspirata fuori dalla stufa, l’apertura dello sportello spesso causa lo spegnimento del fuoco, e il sistema richiede inoltre molta più manutenzione per mantenere il ventilatore libero dalla cenere e garantirne il corretto funzionamento.

Seguire tutte le istruzioni di funzionamento e di manutenzione della stufa e utilizzare pellet di buona qualità con un basso tasso di formazione di cenere può in ogni modo contribuire a minimizzare questi problemi. Inoltre tutti i produttori di stufe sconsigliano vivamente di aprire lo sportello mentre la stufa è in funzione.

Domande frequenti

Classifiche correlate