Migliori radiatori elettrici ad olio

I migliori radiatori elettrici ad olio selezionati per potenza riscaldante, sicurezza, efficienza energetica, rapporto qualità prezzo e marca.

INDICE
1. Classifica migliori radiatori elettrici ad olio
1.1 Olimpia Splendid Caldorad 11
1.2 AEG RA 5521
1.3 De Longhi TRRS 1225C
1.4 De Longhi TRRS 0510M
1.5 De Longhi TRRS0920
1.6 Ariete 839
2. Come scegliere un radiatore elettrico ad olio

Classifica migliori radiatori elettrici ad olio

Olimpia Splendid Caldorad 11

Pro

  • Solidità costruttiva
  • Facile da spostare
  • Potenza regolabile su tre livelli
  • Modalità Eco
  • Si spegne in automatico in caso di ribaltamento

Contro

  • Manca un telecomando
  • Non dispone di timer per programmare lo spegnimento

Olimpia Splendid Caldorad 11 è un radiatore elettrico ad olio in grado di riscaldare ambienti con volume massimo di 75 metri cubi. La struttura offre una certa solidità e presenta il consueto design che ricorda un classico termosifone. In tutto disponiamo di undici elementi in alluminio, al cui interno circolano 3,3 litri di olio per alzare piuttosto rapidamente la temperatura.

Per spostare senza difficoltà i circa 12 chilogrammi di peso, il dispositivo integra quattro ruote piroettanti e antigraffio per non rovinare pavimenti delicati e una comoda maniglia. Le dimensioni di 50 x 23,5 x 62 (H) centimetri le possiamo ritenere nella norma se rapportate alla potenza termica massima di 2500 watt.

Tramite le due manopole posso scegliere tre valori di potenza (1200, 1350 e 2500 watt) e gestire il termostato ambiente. Per ridurre al minimo i consumi dispongo anche di una modalità ECO che provvede ad automodulare l’assorbimento in base alla temperatura rilevata.

Il termostato meccanico non mi consente una regolazione particolarmente precisa, tuttavia svolge bene la sua funzione. Semmai è necessario effettuare qualche prova al primo utilizzo, così da capire a che livello impostare il selettore a seconda delle diverse esigenze.

Altri aspetti da evidenziare riguardano la funzione antigelo che avvia il dispositivo qualora la temperatura ambiente fosse troppo bassa, lo spegnimento automatico in caso di ribaltamento e il termostato di sicurezza per evitare pericolosi surriscaldamenti.

Olimpia Splendid Caldorad 11 è un radiatore elettrico ad olio con tutte le caratteristiche utili ed essenziali per offrire un’adeguata praticità e migliorare il comfort abitativo. Secondo la mia opinione, le uniche mancanze riguardano l’impossibilità di impostare un timer per programmare lo spegnimento e l’assenza del telecomando.

In base alle indicazioni del costruttore, l’apparecchio dovrebbe risultare adatto per ambienti di circa 30 metri quadri. Dato attendibile se la stanza presenta un ottimo isolamento termico, altrimenti la potenza è sufficiente per riscaldare e mantenere a lungo il calore in locali di al massimo 20 metri quadri.

AEG RA 5521

Pro

  • Solidità costruttiva
  • Rapido riscaldamento

Contro

  • Prezzo alto
  • Design poco curato
  • Maniglia scomoda
  • Spegnimento automatico non programmabile
  • Manca la funzione antigelo

AEG RA 5521 è un radiatore ad olio composto da 9 elementi, con dimensioni pari a 45,5 x 64 x 24,5 centimetri ed un peso di circa 11,5 chilogrammi. La struttura è completamente in ferro verniciato, tranne il pannello di controllo realizzato in materiale plastico.

Nel complesso la solidità costruttiva l’ho trovata soddisfacente, così come la mobilità grazie alle quattro ruote multidirezionali. Se trascinare il radiatore per casa non è affatto un problema, non posso dire altrettanto nel caso lo debba sollevare in quanto la maniglia impedisce una presa sicura.

Il funzionamento risulta molto semplice come, del resto, ci aspettiamo da un elettrodomestico di tale tipologia. Per riscaldare il locale non devo far altro che selezionare uno dei tre livelli di potenza disponibili (800, 1200 e 200 watt) e stabilire la temperatura tramite il termostato a rotella.

Quando viene raggiunto il calore desiderato, la luce rossa si spegne a indicare l’arresto della macchina. Il termostato provvede a riavviare l’apparecchio all’abbassarsi della temperatura ambiente, così da mantenere sempre un adeguato comfort. Al fine di garantire un utilizzo sicuro, un apposito sistema provvede a spegnere la macchina in caso di surriscaldamento.

Tra i motivi che portano all’acquisto di questo radiatore ad olio non rientra il design ricercato. AEG RA 5521 bada molto più alle prestazioni che non all’aspetto estetico, rappresentando un valido aiuto per riscaldare in tempi rapidi locali di al massimo 20 / 25 metri quadri.

Nonostante l’affidabilità ed un efficace funzionamento, secondo la mia opinione il prezzo di listino è troppo alto per ciò che viene offerto. Spendendo pressapoco la stessa cifra possiamo acquistare modelli di potenza termica superiore, dotati di modalità Eco per ottimizzare i consumi, con regolazione elettronica della temperatura tramite display e gestibili anche da remoto grazie al telecomando.

De Longhi TRRS 1225C

Pro

  • Buona qualità dei materiali
  • Modalità di funzionamento automatico per limitare i consumi
  • Riscalda rapidamente e mantiene la temperatura costante
  • Funzione antigelo

Contro

  • Prezzo alto
  • Non è previsto il telecomando
  • Manca un timer

De Longhi TRRS 1225C è un radiatore ad olio con potenza termica massima di 2500 watt per riscaldare ambienti di circa 25 / 30 metri quadri. La struttura in metallo composta da 12 elementi assicura una certa robustezza come, del resto, dimostra il peso di quasi 15 chilogrammi.

Non è comunque un problema posizionare dove serve l’apparecchio vista la presenza di 4 ruote girevoli a 360°. Anche la maniglia è stata ben progettata per favorire l’eventuale sollevamento, riuscendo ad inserire comodamente le dita. A completare le caratteristiche costruttive c’è il pratico avvolgicavo per consentire un ordinato rimessaggio dopo l’uso.

Al netto dei naturali limiti estetici di tale tipologia di apparecchi, questo modello offre un design sufficientemente elegante per integrarsi con armonia nell’ambiente domestico. Il pannello comandi è costituito dal selettore con cui regolo la temperatura che desidero raggiungere nel locale e una coppia di tasti per stabilire la potenza termica.

Pigiando entrambi i pulsanti sfrutto tutti i 2500 watt e ottengo un rapido riscaldamento, mentre con gli altri interruttori imposto il livello minimo o intermedio. In aggiunta dispongo della modalità Comfortemp, ovvero funzionamento del radiatore in automatico.

Per utilizzare la funzione entrambi gli interruttori devono essere premuti, con il dispositivo che raggiunge e provvede a mantenere la temperatura stabilita. Una buona soluzione per ottenere un soddisfacente comfort e nel contempo limitare i consumi.

Secondo la mia opinione, il maggiore limite di questo De Longhi TRRS 1225C è l’alto prezzo di vendita. Un aspetto ancor più rilevante se consideriamo l’assenza di un timer alquanto utile per programmare lo spegnimento automatico, la mancanza del telecomando e l’impostazione della temperatura con termostato meccanico.

A prezzi decisamente inferiori non è difficile trovare radiatori ad olio di pari potenza termica, ma con funzioni aggiuntive e regolazione elettronica della temperatura molto più precisa.

De Longhi TRRS 0510M

Pro

  • Design moderno
  • Dimensioni compatte
  • Struttura robusta
  • Facile da trasportare e sollevare
  • Funzione antigelo

Contro

  • Prezzo alto
  • Non permette la programmazione di avvio e arresto automatico
  • Manca un telecomando

De Longhi TRRS 0510M è un radiatore ad olio composto da 5 elementi per offrire una massima potenza termica di 1000 watt e dimensioni pari a 16 x 34,8 x 65 centimetri. Caratteristiche tecniche che lo rendono una buona soluzione qualora dobbiamo riscaldare ambienti di modeste dimensioni e disponiamo di spazi ristretti per il posizionamento.

La struttura in metallo assicura una certa solidità, potendo prevedere un utilizzo prolungato nel tempo senza particolari problemi. I cinque chilogrammi di peso complessivo li possiamo spostare per casa comodamente grazie alle quattro ruote piroettanti.

La pratica maniglia integrata permette di sollevare facilmente l’apparecchio per il trasporto, mentre il lungo filo elettrico lo avvolgiamo attorno all’apposito supporto.

La console comandi è costituita da un pannello di plastica nera in cui trovano collocazione l’interruttore per accendere il dispositivo e la manopola per regolare la temperatura. Possiamo attivare un solo livello di potenza, ma del resto è un aspetto normale in un modello con appena 5 elementi riscaldanti.

Il termostato meccanico presenta il consueto limite di tale sistema di controllo, ovvero non sapere con esattezza che valore di temperatura abbiamo stabilito. Tuttavia, basta qualche tentativo per riuscire a gestire con una certa efficacia il riscaldamento.

De Longhi TRRS 0510M è un radiatore ad olio che svolge in maniera soddisfacente la propria funzione, a patto di posizionarlo in un locale di al massimo 10 metri quadri. Di conseguenza è un apparecchio adatto per riscaldare un bagno, una piccola camera da letto o migliorare il comfort in camper e roulotte visto il poco spazio occupato.

Detto questo rimane il limite, secondo la mia opinione, di un prezzo piuttosto alto per un modello a 5 elementi e senza un timer, nonché privo di telecomando per consentire l’accessione e lo spegnimento da remoto.

De Longhi TRRS0920

Pro

  • Facile da spostare
  • Riscalda rapidamente ambienti di piccole dimensioni
  • Materiali robusti

Contro

  • Nessun problema rilevato

De’Longhi TRRS0920 è un radiatore elettrico ad olio costituito da 9 elementi e con potenza massima di 2000 watt; possiede tutte le caratteristiche tecniche e costruttive che posso desiderare da un apparecchio di questa categoria.

Mi riferisco a dimensioni contenute (16 x 47.2 x 65 (H) centimetri), peso di nemmeno 10 chilogrammi, maniglia integrata e ruote piroettanti per facilitare trasporto e spostamenti, avvolgicavo per un rimessaggio ordinato e semplice funzionamento. Dal punto di vista estetico ha la classica forma di un termosifone con batteria realizzata in modo da aumentare il più possibile la superficie radiante, così da garantire un maggior scambio termico.

Per utilizzare il radiatore non è necessario consultare il libretto delle istruzioni, comunque molto chiaro. Basta infatti posizionare l’apparecchio nel locale, collegare la spina schuko, selezionare uno dei tre livelli di potenza (2000, 1100 o 900 watt) tramite i due interruttori e stabilire il riscaldamento col termostato che gestirà accensione e spegnimento. Con il massimo assorbimento di corrente bastano pochi minuti per ottenere un evidente miglioramento del comfort in locali di piccole dimensioni.

De’Longhi TRRS0920 è un radiatore ad olio che vale la spesa richiesta ed in grado di riscaldare con buoni risultati ambienti fino a 60 metri cubi. Impostando la potenza più alta funziona per ore senza che la superficie diventi troppo calda, rappresentando un pericolo in presenza di bambini. L’azione del termostato invece mantiene costante la temperatura limitando i consumi e l’aumento dei costi in bolletta.

Ariete 839

Pro

  • Design ricercato
  • Tre livelli di potenza
  • Arresto automatico in caso di caduta

Contro

  • Prezzo alto
  • Struttura piuttosto leggera
  • Manca un timer
  • Non ha la funzione antigelo
  • Gestione manuale senza telecomando

Ariete 839 è un radiatore ad olio che di certo non lascia indifferente l’osservatore. Questo modello fa parte della linea di elettrodomestici Vintage, ovvero progettato con l’intenzione di soddisfare le esigenze estetiche dei consumatori più nostalgici.

Il design è stato curato nei minimi particolari per cercare di offrire un originale stile retro. Secondo la mia opinione, l’obbiettivo viene raggiunto grazie all’impiego di colorazioni pastello per la struttura (disponibile in versione verde o celeste), finitura in oro del pannello di controllo, maniglia e ruote, nonché linee arrotondate tipiche di apparecchi degli anni 50.

Questo radiatore ad olio non è solo un oggetto bello da vedere ma aggiunge utili funzionalità. Innanzitutto possiamo spostarlo comodamente sfruttando l’ampia maniglia e le 4 ruote piroettanti, mentre per rendere più ordinato il rimessaggio disponiamo di un pratico avvolgicavo.

Durante il test ho però notato un peso piuttosto leggero di poco superiore agli 8 chilogrammi. Un dato nettamente inferiore alla media dei modelli a 11 elementi che, sebbene facilita il trasporto, denota una certa mancanza di solidità.

Per quanto riguarda le funzioni, non c’è nulla di nuovo rispetto alla consueta dotazione di serie. Ciò significa disporre di apposito selettore per stabilire il livello di potenza termica (1000, 1500 o 2500 watt) e manopola per gestire il termostato meccanico.

Come sempre la regolazione della temperatura è abbastanza spannometrica, potendo decidere tra valore minimo, intermedio e massimo. Ho però la possibilità di impostare il termostato in funzionamento continuo lasciandolo fisso al valore massimo, oppure in modalità automatica seguendo la semplice procedura indicata nel manuale.

In questo caso l’apparecchio si spegnerà e riavvierà ripetutamente in base alla temperatura rilevata nel locale, provvedendo a mantenere un giusto livello di calore.

Il principale motivo che porta all’acquisto del radiatore ad olio Ariete 839 è l’originalità dell’aspetto estetico, con opportunità di sfruttare l’elettrodomestico come oggetto di arredamento. Le funzioni essenziali, lo spegnimento manuale vista la mancanza di un timer e la gestione senza telecomando, sono invece limiti che rendono il rapporto qualità prezzo non dei più vantaggiosi. Se poco interessa lo stile vintage, suggerisco di valutare altri prodotti di pari caratteristiche tecniche ma costi inferiori.

Come scegliere un radiatore elettrico ad olio

Gli elementi del radiatore sono riempiti di speciale olio in grado di trattenere a lungo il calore; quando si accende l’apparecchio l’olio viene riscaldato e inizia a circolare tra gli elementi, che si riscaldano e trasmettono il calore all’aria circostante. Quando l’olio arriva in temperatura il sistema si spegne automaticamente, per poi riaccendersi quando l’olio si raffredda.

Questo sistema a cicli di riscaldamento risulta essere molto più sicuro ed economicamente più conveniente rispetto alle classiche stufe alogene elettriche, e praticamente non hanno bisogno di manutenzione.

Naturalmente i modelli ad olio più moderni sono dotati di tutti i sistemi si sicurezza che spengono l’apparato in caso di rovesciamento o caduta accidentali o di surriscaldamento. La velocità con cui si raggiunge la temperatura è paragonabile a quella espressa dai termoconvettori elettrici ventilati, ma rispetto a questi ultimi il vantaggio sostanziale è la capacità dell’olio di immagazzinare calore per rilasciarlo a lungo, dopo lo spegnimento degli elementi riscaldanti.

Una volta individuata la misura e la potenza ideali per gli ambienti che dovete riscaldare, magari consultandovi con il personale addetto alla vendita, il consiglio è quello di affidarsi alle migliori marche, come garanzia di affidabilità e di sicurezza del dispositivo, e di non cedere alla tentazione di offerte di marche sconosciute a prezzi particolarmente vantaggiosi: quando c’è di mezzo l’elettricità e il calore, è meglio stare sicuri.

Ecco una serie di caratteristiche tecniche da prendere in considerazione per una scelta oculata di questa tipologia di elettrodomestico per riscaldare la vostra casa:

Consumi

I consumi sono direttamente proporzionali all’uso che se ne farà; più grande è l’ambiente che si desidera riscaldare, più grande sarà l’energia che il radiatore deve essere in grado di gestire.

Sicurezza

Dato che siamo di fronte sempre e comunque ad apparecchi che generano calore, esiste il piccolissimo rischio che qualcosa vada storto; per questo, i modelli più moderni sono dotati di tutti i sistemi di sicurezza, di spegnimento automatico e anti-brina, per ovviare a qualsiasi inconveniente o difetto di utilizzo.

AspettoTutti siamo alla ricerca di un aspetto gradevole anche negli apparecchi più funzionali, e i modelli più moderni sono dotati di design armoniosi ed equilibrati, che si integrano senza problemi in qualsiasi tipo di ambiente.

PesoNon diciamo niente di nuovo quando affermiamo che più l’apparecchio è leggero, e più sarà facile trasportarlo in giro per casa o ovunque ci sia bisogno di un po’ di calore in più.

Portabilità

Una delle caratteristiche più importanti di un sistema di riscaldamento ausiliario è la sua portabilità, quindi quando siete in fase di acquisto accertatevi di scegliere il modello giusto per i vostri ambienti e per la vostra necessità di spostarlo di volta in volta dove ce n’è più bisogno.

CostiI costi di questi apparecchi si aggirano tra 80 e 130 euro, in base alla dimensione e alle funzionalità. Naturalmente, più si è disposti a spendere e più si guadagnerà in tecnologia, sicurezza e prestazioni.

Domande frequenti

Classifiche correlate

Articolo di Andrea Pilotti

Sono un appassionato di tecnologia. Dal 2005 ad oggi ho recensito più di 3500 elettrodomestici. La mia missione è trovare i prodotti con il miglior rapporto qualità prezzo. Nel mio sito trovi classifiche, recensioni, consigli e news di elettrodomestici ed elettronica di consumo per la casa.