Migliori Termoventilatori

di

Il termoventilatore è un ottimo accessorio per scaldare il bagno o i locali domestici. Funziona a corrente elettrica in virtù di una resistenza che scalda l’aria e che la ventola diffonde nell’ambiente circostante. Leggi la guida per conoscerne caratteristiche, tipologie, uso e come scegliere il modello più idoneo alle tue esigenze di riscaldamento domestico.

Classifica e Recensioni dei migliori termoventilatori portatili elettrici sul mercato

Per la scelta del termoventilatore è importante considerare tutte le caratteristiche di questo elettrodomestico, acquistando un prodotto che sia funzionale alle nostre necessità e all’ampiezza degli ambienti che esso dovrà riscaldare. Leggi a guida per conoscere caratteristiche e prezzi dei migliori termoventilatori elettrici portatili.

DELONGHI DCH 4590ER

DE'LONGHI DCH 4590ERDE’LONGHI DCH 4590ER al costo di 85 € è un prodotto dal disegno essenziale ma funzionale, dotato di un peso molto ridotto che lo rende facilmente riponibile anche in piccoli spazi.

Il Display elettronico ci consente di sapere sempre a quanti gradi è impostato il termostato, permettendoci di risparmiare energia, in quanto si spegne automaticamente in base alla temperatura presente nella stanza.

La potenza massima è di 1800 watt, ideale per riscaldare piccoli spazi, e la sua resistenza in ceramica gli permette di avere dei consumi nettamente al di sotto della media. Il display dei comandi è molto comodo e pratico, e la base rotante gli consente di poter girare su se stesso, andando a coprire una superficie maggiore. Il telecomando ed il timer consentono di poter spegnere questo dispositivo anche a grandi distanze. I filtri sono facilmente estraibili e lavabili, così da garantire una qualità dell’aria sempre alta.

ROWENTA SPRINTO SILENCE SO2020

rowenta-sprinto-silence-so2020ROWENTA SPRINTO SILENCE SO2020 al prezzo di 69  € è un termoventilatore dalle dimensioni molto ridotte, che può essere trasportato in qualsiasi zona o ripiano della casa con facilità.

Il design è austero e la colorazione scusa lo rende poco riconoscibile al buio, anche se le manopole sono di grandi dimensioni e ci consentono di regolarlo intuitivamente. La maniglia presente sulla sua sommità ne facilita il trasporto e la collocazione anche su piani rialzati.

La potenze del termoventilatore è nella media, con due livelli che vanno da 1000 a 2000 watt. Questo dispositivo però, ci consente anche di raffreddare la casa, essendo dotato anche di una modalità studiata per la stagione estiva. Il termostato situato all’interno dell’elettrodomestico è molto pratico, in quanto ci consente di tenere costantemente sott’occhio la temperatura del dispositivo e di regolarla in base alle nostre esigenze. I consumi non sono alti, e rendono questo piccolo termoventilatore ideale per chi dovesse riscaldare o raffreddare piccole stanze.

EINHELL HKLO 2000

EINHELL HKLO 2000EINHELL HKLO 2000 al prezzo di 37  € è uno dei prodotti più economici sul mercato ed il suo buon rapporto qualità prezzo gli sta garantendo un grande successo.

Il termostato è di dimensioni medie, e grazie alla sua base estesa è in grado di garantire una stabilità molto elevata, che gli impedisce di ribaltarsi a seguito di urti.

E’ abbastanza leggero, anche se la sua forma bombata non gli consente di essere riposto in piccoli spazi. La base non ruota, rendendo il dispositivo fisso. Ideale per gli ambienti piccoli e facilmente riscaldabili, questo termoventilatore ha una potenza che varia dai 1000 watt ai 2000 watt.

La sua struttura a griglia gli consente di scaldarsi in maniera repentina, andando così ad innalzare le temperature degli ambienti dove è posizionato in un breve lasso di tempo. Ogni volta che la temperatura preimpostata viene raggiunta, l’elettrodomestico si spegne automaticamente, evitando così sprechi e consumi. Questo termoventilatore però,è molto poco silenzioso, ed è quindi impossibile da tenere acceso per chiunque voglio riposare o guardare la televisione senza venire disturbato.

DE’LONGHI MINI HVK1010

DE'LONGHI MINI HVK1010DE’LONGHI MINI HVK1010 al costo di 42 €  è un dispositivo molto economico e dalle dimensioni ridotte. La sua base fissa ed allargata gli conferisce una buona stabilità ma lo immobilizza verso un’unica direzione.

Il suo disegno è avveniristico e slanciato, e lo rende molto gradevole alla vista. E’ molto contenuto sia nelle dimensioni che nel peso, caratteristiche che lo rendono facilmente spostabile in ogni ambiente della casa.

La manopola di accensione e di regolazione del termostato è manuale e non attivabile tramite telecomando. Questo dispositivo ci consente di poter scegliere tra due livelli possibili, uno da 1000 watt e uno da 2000 watt. Riesce a scaldare ambienti non superiori ai 70 metri cubi. Il consumo, viste le prestazioni non esaltanti, è fin troppo alto, e rendono questo dispositivo uno dei meno ecologici in assoluto.

DE’LONGHI TCH7091ER

DE'LONGHI TCH7091ERDE’LONGHI TCH7091ER al costo di 110 € è un termoventilatore dalla forma a torre, che gli consente di veicolare il suo getto d’aria calda anche verso l’alto. Il suo sistema in ceramica gli consente di abbattere notevolmente i costi energetici.

Questo dispositivo si avvale delle migliori tecnologie nel settore, con display illuminato, termostato regolabile, telecomando per accensione e spegnimento dalla distanza e sistema di oscillazione meccanico.

Il suo filtro antipolvere gli consente di essere pulito con facilità. Ha due livelli di potenza: uno da 1000 watt e uno da 2000 watt. E’ disponibile anche una funzione di raffreddamento per la stagione estiva.

ARGO METAL

ARGO METALARGO METAL al costo di 122 € è un dispositivo a torre, dotato di un sistema di riscaldamento in ceramica che ne limita i consumi, rendendolo uno dei prodotti più ecologici sul mercato.

La base è stabile ed il disegno ultrasottile gli consente di poter essere spostato con facilità. E’ dotato di timer, pannello di controllo digitale e illuminato e di ben 2 ventilatori molto silenziosi.

Con una potenza di 2400 watt è uno dei dispositivi più performanti della categoria. Le griglie ed i filtri estraibili ne facilitano la manutenzione.

Offerte Termoventilatori

Come scegliere un termoventilatore di buona qualità

Anzitutto bisogna scegliere un modello idoneo all’uso che se ne vuole fare: per il bagno, esistono modelli specifici. In secondo luogo, evitare di toccare l’apparecchio in funzione con mani o piedi bagnati, di posizionarlo vicino a getti d’acqua (come vasca da bagno piena o doccia), di otturare le fessure di areazione.

Ricordarsi anche che un termoventilatore non è idoneo a fungere da asciuga biancheria e che non deve assolutamente essere coperto, pena il surriscaldamento e la rottura dello stesso. Non staccate la spina tirando il filo o l’apparecchio stesso e sorvegliarne sempre il funzionamento.

I bambini devo rimanere lontani da questo come da tutti gli altri elettrodomestici in funzione. Per scongiurare possibili principi di incendio, posizionare il ventilatore lontano da altri cavi elettrici in tensione e da tende e tappezzerie.

Data l’elevata potenza di funzionamento, infine, è meglio attaccare il cavo di alimentazione direttamente alla presa del muro ed evitare di frapporre prese multiple (le cosiddette ciabatte) o prolunghe. Questi sono i consigli per un corretto utilizzo ed per la messa in sicurezza dell’elettrodomestico. Per quanto riguarda il risparmio energetico, è bene regolarsi come segue: scegliere un modello di potenza e dimensioni idonee alla grandezza della stanza che si vuole riscaldare. In bagno, bastano i modelli appositi di ridotte dimensioni e dai consumi contenuti.

Questa piccola accortezza serve per contenere i costi sulla bolletta. Fare del termoventilatore un uso moderato è poi responsabilità e scelta di chi lo acquista. Può essere utile sapere che bastano una decina di minuti per scaldare molto bene un bagno di dimensioni modeste. Una volta terminato l’uso o se si pensa di non usare il prodotto per lungo tempo, riporlo in luogo asciutto al riparo dalla polvere. Non lasciarlo esposto alle intemperie e al sole.

Tipologie

Quali sono i modelli di termoventilatore utilizzabili in bagno? Dicevamo nel paragrafo precedente che esistono dei modelli di termoventilatore specifici per il riscaldamento delle stanze da bagno. Perché? Sono prodotti studiati a posta per questa funzione e soddisfano quindi rigorose norme di sicurezza. un buon termoventilatore è un elettrodomestico perfettamente isolato e con una buona messa a terra.

Se così non fosse, utilizzandolo in bagno, può esserci pericolo di rimanere fulminati. In bagno infatti, spesso si spostano oggetti quando si è ancora bagnati o umidi della doccia e con i piedi nudi: un grande pericolo per la sicurezza.

Nel nostro Paese, la normativa di riferimento in materia di riscaldamento del bagno con termo ventilatori è molto rigida. Le stanze da bagno, infatti, vengono divise in base alle loro dimensioni e a ciascuna dimensione corrisponde un tipo diverso di termoventilatore.

  • Volume 0 o 1: si tratta di stanze molto piccole e spesso anche poco areate. In questi locali non è consentito, secondo le norme di sicurezza, l’uso di alcun ventilatore né di altro dispositivo di riscaldamento aggiuntivo ad un eventuale termosifone. Questo soprattutto perché lo spazio non è sufficiente e l’apparecchio si troverebbe troppo a ridosso di lavandini e vasche da bagno con forte rischio di infortuni anche gravi.
  • Volume 2: in questi ambienti può essere introdotto un termoventilatore ma di uno speciale tipo, poiché, a causa delle dimensioni del locale, disterebbe massimo 60 cm dalla doccia o dalla vasca. Quindi, il ventilatore corretto per questi ambienti è quello con doppio isolamento, chiamato “classe II”. Sulla confezione del ventilatore, è sempre specificata la categoria del prodotto e se è, o meno, idoneo al riscaldamento dei locali da bagno.
  • Volume 3: qui si tratta di ambienti più grandicelli, dove, cioè, c’è sufficiente spazio fra la vasca e la doccia e il termoventilatore in funzione (fino a 2.40 m). Va bene un ventilatore di “classe I”.
  • Altri volumi: se la distanza è superiore ai 2.40 m, non servono particolari dispositivi di isolamento e si può usare qualunque modello. Si raccomanda comunque, per il bagno, l’uso di un termoventilatore “calsse II”.

Uso corretto

Come usare correttamente un termoventilatore? I modelli più comuni di termoventilatore da bagno (e non) hanno diverse opzioni di utilizzo. Possono generare aria calda, caldissima e fredda e alcuni modelli hanno anche l’opzione antigelo. Una volta collegato il cavo di alimentazione alla presa di corrente, dunque, è sufficiente scegliere il grado di calore con un pulsante o ruotando l’apposita manopola, per permettere agli elementi riscaldanti di entrare in funzione.

Tutti i modelli sono muniti di un termostato ambiente che permette di mantenere costante la temperatura nella stanza da riscaldare. Grazie al termostato, l’apparecchio si accende e si spegne automaticamente al raggiungimento della temperatura impostata. I modelli da bagno, come specificato nel paragrafo precedente, ma anche molti altri tipi di termoventilatore, sono dotati di un dispositivo di scurezza contro il surriscaldamento.

Questo dispositivo entra in funzione quando gli elementi riscaldanti (la resistenza) sono troppo caldi e arresta il ventilatore per evitare un principio di incendio. Non acquistate prodotti che siano sprovvisti di questo dispositivo: la sicurezza non è mai troppa. Una corretta manutenzione dell’apparecchio, presuppone anche una verifica periodica al funzionamento di questo dispositivo anti surriscaldamento. Quindi, di tanto in tanto, spolverare l’apparecchio rimuovendo la polvere che potrebbe ostruire il flusso dell’aria con conseguente surriscaldamento della resistenza. Le griglie protettive della ventola possono essere pulite con l’aspirapolvere.

Se dopo la pulizia, il dispositivo non dovesse entrare in funzione o si dovesse bloccare la ventola nuovamente, è meglio portare l’apparecchio in assistenza. Un consiglio: non improvvisarsi tecnici manutentori. Quasi tutti gli apparecchi termoventilatori hanno una garanzia rilasciata dalla fabbrica con validità 12 mesi. La garanzia copre le parti di ricambio che dovessero rompersi ed è comprensiva di manodopera. La fabbrica può anche decidere di sostituire l’apparecchio difettato o guasto, con spese a suo carico.

Alcuni consigli

Il termoventilatore, come qualunque altro elettrodomestico, deve essere tenuto in perfetto stato di efficienza, altrimenti non diventa più un dispositivo sicuro. Quindi, per tutti i modelli, è consigliata una periodica pulizia. Come? Generalmente sul libretto di istruzioni (che va sempre conservato insieme allo scontrino per la garanzia), c’è un apposito paragrafo dedicato alla pulizia di quello specifico modello di apparecchio.

Qui di seguito, forniamo indicazioni generiche per pulire qualunque tipo di termoventilatore. Prima di procedere alla pulizia, staccare la spina e far raffreddare l’apparecchio. La parte esterna in plastica, può essere pulita con un panno umido e ben strizzato, facendo la massima attenzione a non far penetrare l’acqua nelle feritoie della griglia. Come già detto, per pulire quest’ultima si può usare una aspirapolvere che ha anche il merito di asportare polvere ed eventuali impurità dalle canaline dell’aria, congiurando un blocco della ventola.

Vanno puliti soprattutto quei termoventilatori attaccati alle pareti: la polvere si deposita facilmente ed è quasi impossibile vederla se l’apparecchio è attaccato in altro. Ricordarsi che l’aria calda tende a salire: è meglio dunque attaccare il termoventilatore in basso sulla parete o appoggiarlo su una mensola, facendo attenzione che sia ben areato davanti e dietro e che asciugamani, tende o quant’altro non lo ostruisca minimamente. Infine, per la sicurezza di tutti ricordarsi:

  • Di verificare la compatibilità di tensione fra l’apparecchio e la rete elettrica, prima di azionare la ventola. La tensione in volt e ampere, è scritta sull’etichetta nel retro dell’apparecchio. Generalmente i prodotti in commercio, soprattutto quelli di marca, sono già settati per la nostra corrente a 220V.
  • Di verificare se l’apparecchio abbia il doppio isolamento (un triangolo con dentro una goccia d’acqua sulla confezione e sulla targhetta). Se non l’avesse dotarsi di presa con messa a terra. Prediligere comunque l’acquisto di prodotti a doppio isolamento perché sono più sicuri.

[Voti: 150    Media Voto: 4.9/5]
Come acquistare a metà prezzo

Per ottenere uno sconto superiore al 50% sul prezzo di listino, la nostra redazione ha sviluppato golden list, una newsletter che ti informa quando i prodotti sono a metà prezzo.

GUIDA ACQUISTI
Guida all'acquisto degli Elettrodomestici
Dal 2007 Guida Acquisti è la rivista consumatori indipendente che ti aiuta scegliere gli elettrodomestici, attraverso classifiche,recensioni e offerte dei migliori prodotti sul mercato.