Migliori piani cottura a induzione

I migliori piani cottura a induzione selezionati per numero di zone cottura, potenza elettrica assorbita, zone cottura modulari, funzioni automatizzate, sicurezza, prezzo e marca.

Classifica migliori piani cottura a induzione

Electrolux KIS82449

Electrolux KIS82449

Pro

  • Riconoscimento automatico dimensioni pentola
  • Possibilità di unire due zone di cottura
  • 14 livelli di potenza selezionabili

Contro

  • Nessun problema riscontrato

Sono molte le qualità che fanno di questo piano di cottura ad induzione un modello dal soddisfacente rapporto qualità prezzo ed in grado di assicurare un utilizzo intuitivo e notevole versatilità. Le zone di cottura sono 4 ma si nota da subito la comoda possibilità di azionare una funzione Bridge, unendo le 2 zone di destra per poter impiegare padelle o piastre di notevoli dimensioni.

Ho apprezzato anche l’opportunità di collocare una pentola ovunque io desideri, senza preoccuparmi che il diametro corrisponda a quello della zona scelta. Infatti il dispositivo è dotato di un sistema di riconoscimento automatico in base alle dimensioni della pentola appoggiata, quindi si sfrutta al meglio tutto lo spazio messo a disposizione.

Altro punto di forza è la funzione SenseBoil che modula la potenza in modo da tenere sotto controllo l’ebollizione dell’acqua. Tutti i comandi sono raggruppati in un pannello touch posto sull’angolo in basso a destra.

L’utilizzo risulta molto semplice, tanto che non ho dovuto nemmeno consultare il libretto delle istruzioni. Con pochi tocchi posso scegliere la zona e impostare un timer, nonché selezionare uno dei 14 livelli di potenza e bloccare la console.

Electrolux KIS82449 è un piano ad induzione decisamente completo e capace di regalare un elegante aspetto estetico. Da non dimenticare che questo modello è dotato della funzione Hob3Hood, per connettere in modalità wireless una specifica cappa e regolare automaticamente l’aspirazione in base ai livelli di potenza selezionati.

Smeg SI2741D

Smeg SI2741D

Pro

  • Funzione Booster su tutte le zone
  • Programmazione durata cottura

Contro

  • Nessun problema riscontrato

Smeg SI2741D è un piano di cottura ad induzione essenziale nel design e nel funzionamento. Non ci sono particolari novità o aspetti tecnici da dover sottolineare, ma semplicemente ho costatato la disponibilità di tutto ciò che serve per un pratico ed efficace utilizzo.

Il classico piano in vetro di colore nero ospita 4 zone di cottura e un piccolo pannello touch per la gestione dei comandi. Oltre ai 9 livelli di potenza, è interessante la funzione Booster per avere il massimo riscaldamento per pochi minuti. Molto utile anche la cottura temporizzata per programmare lo spegnimento automatico di ogni singola zona (da 1 a 99 minuti).

Come ogni buon piano ad induzione che si rispetti, anche questo Smeg SI2741D offre l’adattamento automatico al diametro delle pentole e il rilevamento della presenza di un tegame con diametro minimo di 9 cm. Naturalmente disponiamo anche di indicatore per il calore residuo, allarme di fine cottura, auto-arresto in caso di surriscaldamento e blocco tasti per la massima sicurezza in presenza di bambini.

Hotpoint IKIA 640 F

Hotpoint IKIA 640 F - F104101

Pro

  • Facilità di pulizia
  • Possibilità di utilizzo con fornitura elettrica da 3 kWh
  • Rapporto qualità prezzo

Contro

  • Nessun particolare difetto da segnalare

Hotpoint IKIA 640 F – F104101 è un piano cottura a induzione inserito all’interno della mia classifica non solo per le funzionalità di cui dispone, ma soprattutto per le dimensioni compatte.

Equipaggiato con 4 zone di cottura, azionabili in modo indipendente con i comandi touch control, il modello misura 58 x 51 cm e richiede uno spazio utile nel vano in cui verrà installato di 56 x 49 cm.

L’elettrodomestico si rivela anche sicuro da utilizzare grazie alla presenza delle spie di calore residuo che avvertono quando la superficie è ancora calda, nonché al blocco comandi per salvaguardare i bambini ed evitare modifiche accidentali delle impostazioni.

Hotpoint IKIA 640 F – F104101, che assorbe al massimo 7,2 Kw, secondo la mia opinione, rappresenta una buona scelta per chi dispone di moduli incasso da 60 centimetri, potendo installare un piano a induzione in luogo del gas perché funziona con i comuni contratti di fornitura elettrica da 3 kW. Convincente a mio avviso il rapporto qualità prezzo.

Indesit VID 741 B

Indesit VID 741 B

Pro

  • Buon rapporto qualità prezzo
  • Due zone cottura combinabili

Contro

  • Nessuna criticità riscontrata

Indesit VID 741 B C è un piano a induzione in vetroceramica con 4 zone cottura che misura 70 centimetri in larghezza e 50 in profondità.

Il prodotto si caratterizza per un soddisfacente rapporto qualità prezzo, oltre che per la linea pulita e la facilità d’utilizzo.

Dotato di timer contaminuti, nonché di controllo digitale indipendente per impostare la potenza di assorbimento a 2,5, 4, 6 e 7,2 kW, questo piano presenta anche il blocco dei comandi per evitare l’attivazione involontaria.

Inoltre, sulla parte laterale della superficie è presente una zona speciale di cottura Double Size per posizionare tegami di grandi dimensioni.

Indesit VID 741 B C, secondo la mia opinione, è un piano a induzione indicato per chi non desidera spendere eccessivamente, senza rinunciare alle più comuni funzioni e alla praticità della cottura per induzione.

Bosch Serie 6 PVS851FB1E

Bosch Serie 6 PVS851FB1E

Pro

  • Buon rapporto qualità prezzo
  • Completezza di funzioni
  • Due delle quattro zone cottura sono combinabili
  • Visualizzazione del consumo elettrico

Contro

  • Nessuna criticità riscontrata

Bosch Serie 6 PVS851FB1E è un piano cottura a induzione realizzato in vetroceramica e che occupa uno spazio di 80 cm in larghezza e 52,2 in profondità. Presenta 4 zone di cottura con ampia flessibilità di gestione e un design curato che si contraddistingue per gli angoli smussati.

Il prodotto è stato selezionato per le numerose funzionalità di cui dispone, azionabili sfiorando il comandi sul display.

L’utente può avere un completo controllo dell’elettrodomestico, selezionando e regolando i fuochi singolarmente grazie alla tecnologia DirectSelect che permette anche di verificare il consumo elettrico.

Quando si utilizzano pentole di grandi dimensioni o rostiere è anche possibile attivare l’opzione CombiZone che consente di utilizzare due zone cottura contemporaneamente.

Degna di nota è anche la funzione PowerBoost, per velocizzare il processo di cottura e portare ad ebollizione 2 litri di acqua quasi tre volte più rapidamente rispetto ai tradizionali piani cottura in vetroceramica, con conseguente risparmio energetico.

Si segnala che il prodotto assorbe una potenza massima di 7,4 kW, fattore da tenere in considerazione durante l’acquisto, per essere sicuri da poterlo utilizzare con la fornitura elettrica della propria abitazione.

Bosch Serie 6 PVS851FB1E secondo la mia opinione è un buon piano cottura a induzione, sia per il buon rapporto qualità prezzo che per le sue funzioni avanzate, che permettono di ottimizzare e ridurre i tempi di lavoro in cucina.

Whirlpool ACM 795/BA

Whirlpool ACM 795/BA

Pro

  • Zone cottura combinabili
  • Efficienza energetica
  • Funzionalità

Contro

  • Le caffettiere più piccole non possono essere utilizzate

Whirlpool ACM 795/BA è un piano cottura a induzione in vetroceramica a 5 zone cottura che occupa uno spazio di 86 cm in larghezza e 56 in profondità.

Quando si cucina con tegami e padelle di grandi dimensioni e fino a 38 cm di diametro, la tecnologia FlexiCook permette di combinare le zone di cottura, in modo da ottenere una unica grande superficie di lavoro.

L’elettrodomestico si fregia della tecnologia 6° senso che ottimizza la cottura riducendo gli sprechi: premendo l’apposito pulsante i sensori riducono la potenza, e conseguentemente mantengono solo quella necessaria, una volta condotta l’acqua in ebollizione.

Il piano con una potenza elettrica di 10,2 kW, concepito per la sicurezza grazie alla spia che avverte del calore residuo, dispone della funzione Powerbooster, utile per le cotture rapide in quanto attiva 5 kW aggiuntivi.

Whirlpool ACM 795/BA, secondo la mia opinione, è un piano a induzione completo nelle funzionalità con un solo limite da segnalare: le dimensioni delle piastre sono generose, e non consentono l’utilizzo con le più piccole macchine da caffè moka.

Come scegliere un piano cottura a induzione

Il piano di cottura a induzione è una particolare tipologia di cucina molto diffusa nei paesi europei. Esso, come suggerisce il termine stesso, è  composto di un  piano piatto, dal colore nero, lucido e liscio, dotato di funzionamento elettrico. Al suo interno è posizionato un induttore che emana calore tramite campo elettromagnetico.

In altre parole la piastra rimane più o meno fredda e il calore viene generato solo nella pentola, permettendo così la cottura del cibo. Inutile dire che questo tipo di apparecchiatura permette un notevole risparmio energetico (qualora l’energia elettrica avesse un costo minore rispetto al gas), rispetto a una cucina intensiva su un piano a gas.

Infatti non solo perché distribuisce calore esclusivamente dove occorre ma anche perché una volta tolta la pentola dalla superficie, il campo elettromagnetico cessa di esistere (la piastra è dotata di speciali sensori di riconoscimento).

Cucinare con questo tipo di cucina ha i suoi vantaggi. Anzitutto la cottura è molto veloce perché il 90% del calore viene concentrato sugli alimenti. Non ci sono fiamme pericolose come nelle cucine a gas, e la superficie è semplice da pulire in quanto su di essa non si crea nessun accumulo di cibo.

Tuttavia in Italia questa particolare tipologia di apparecchiatura non è molto diffusa a causa del costo elevato dell’energia elettrica, cucine di questo infatti necessitano di un aumento della potenza del contatore (maggiore di 3 kW) che si rivela piuttosto esoso.

Inoltre chi sceglie di cucinare su queste superfici può adoperare solo pentole con un fondo piatto e ferroso adatte all’induzione, le sole in grado di accumulare calore in poco tempo.

Ma quali sono i criteri da seguire per effettuare una buona scelta e acquistare la migliore piastra a induzione? La prima cosa da fare è valutare il tempo e il consumo di energia necessario per portare l’acqua a 90°C. Le migliori piastre sono quelle che impiegano circa 6-8 minuti per riscaldare due litri di acqua.

Un altro criterio fondamentale è la presenza di funzioni che permettono di regolare la potenza delle varie zone di cottura, alcune piastre poi possono essere provviste anche della funzione boost che aumenta la potenza oltre il livello massimo per un certo periodo di tempo, e dotate di un limitatore e di un display che indica il consumo di elettricità.

Una buona superficie di cottura deve essere dotata anche di un dispositivo di sicurezza che blocca l’accensione casuale e la variazione dell’impostazione e permette il raffreddamento rapido delle varie zone di cottura.  Utile e anche la funzione contro le fuoriuscite in grado di bloccare il sistema nel momento in cui i liquidi fuoriescono dalla pentola e si riversano sulla piastra.

Domande frequenti

Classifiche correlate