Migliori Piani Cottura a Induzione

di Andrea Pilotti 6 Marzo 2019

I Migliori Piani Cottura a Induzione selezionati per numero di zone cottura, potenza elettrica assorbita, presenza di zone cottura modulari, funzioni automatizzate, sicurezza, prezzo e marca.

Il migliore

Recensione

Il più facile da pulire

Recensione

Il più venduto

Recensione

Il più economico

Recensione

Il più potente

Recensione

Il più grande

Recensione

Come scegliere un piano cottura a induzione

Il piano di cottura a induzione è una particolare tipologia di cucina molto diffusa nei paesi europei. Esso, come suggerisce il termine stesso, è  composto di un piano piatto, dal colore nero, lucido e liscio, dotato di funzionamento elettrico. Al suo interno è posizionato un induttore che emana calore tramite campo elettromagnetico.

In altre parole la piastra rimane più o meno fredda e il calore viene generato solo nella pentola, permettendo così la cottura del cibo. Inutile dire che questo tipo di apparecchiatura permette un notevole risparmio energetico (qualora l’energia elettrica avesse un costo minore rispetto al gas), rispetto a una cucina intensiva su un piano a gas.

Infatti non solo perché distribuisce calore esclusivamente dove occorre ma anche perché una volta tolta la pentola dalla superficie, il campo elettromagnetico cessa di esistere (la piastra è dotata di speciali sensori di riconoscimento).

schema_induzione

Cucinare con questo tipo di cucina ha i suoi vantaggi. Anzitutto la cottura è molto veloce perché il 90% del calore viene concentrato sugli alimenti. Non ci sono fiamme pericolose come nelle cucine a gas, e la superficie è semplice da pulire in quanto su di essa non si crea nessun accumulo di cibo.

Tuttavia in Italia questa particolare tipologia di apparecchiatura non è molto diffusa a causa del costo elevato dell’energia elettrica, cucine di questo infatti necessitano di un aumento della potenza del contatore (maggiore di 3 kW) che si rivela piuttosto esoso.

Inoltre chi sceglie di cucinare su queste superfici può adoperare solo pentole con un fondo piatto e ferroso adatte all’induzione, le sole in grado di accumulare calore in poco tempo.

Ma quali sono i criteri da seguire per effettuare una buona scelta e acquistare la migliore piastra a induzione? La prima cosa da fare è valutare il tempo e il consumo di energia necessario per portare l’acqua a 90°C. Le migliori piastre sono quelle che impiegano circa 6-8 minuti per riscaldare due litri di acqua.

Un altro criterio fondamentale è la presenza di funzioni che permettono di regolare la potenza delle varie zone di cottura, alcune piastre poi possono essere provviste anche della funzione boost che aumenta la potenza oltre il livello massimo per un certo periodo di tempo, e dotate di un limitatore e di un display che indica il consumo di elettricità.

Una buona superficie di cottura deve essere dotata anche di un dispositiv0 di sicurezza che blocca l’accensione casuale e la variazione dell’impostazione e permette il raffreddamento rapido delle varie zone di cottura.  Utile e anche la funzione contro le fuoriuscite in grado di bloccare il sistema nel momento in cui i liquidi fuoriescono dalla pentola e si riversano sulla piastra.

Induzione o gas?

Migliori Pentole a Induzione

 

Elettrodomestici che potrebbero interessarti
GUIDA ACQUISTI
Guida all'acquisto degli Elettrodomestici
Dal 2007 Guida Acquisti è la rivista consumatori indipendente che ti aiuta scegliere gli elettrodomestici, attraverso classifiche,recensioni e offerte dei migliori prodotti sul mercato.