Ventilatore a parete, a piantana o a colonna?

Ventilatore a parete, a piantana o a colonna? Leggi la guida per conoscerne differenze, pro e contro, e capire quale elettrodomestico scegliere.

Differenze

Il ventilatore è un ottimo aiuto per dare sollievo dal caldo e migliorare la circolazione d’aria in ambienti chiusi. In commercio puoi trovare diverse tipologie suddivise tra modelli a parete, piantana e colonna.

Le prime due categorie sfruttano lo stesso principio di funzionamento ovvero la rotazione di pale di dimensioni e numero variabile. La particolare conformazione delle eliche permette di generare un potente flusso d’aria da indirizzare dove desideri. La sostanziale differenza sta nel tipo di installazione che in un caso prevede il montaggio a parete e nel secondo una libera collocazione all’interno della casa.

La parte elettromeccanica è identica e costituita da un motore e dalla girante protetta da una griglia metallica. Il pannello di controllo è posizionato sul corpo del ventilatore e coadiuvato da un telecomando che replica le funzioni. Grazie ad un movimento oscillatorio destra-sinistra è possibile distribuire uniformemente il flusso d’aria in tutto il locale.

Il ventilatore a colonna è comunemente anche chiamato a torre proprio per via della sua forma affusolata e molto compatta. Rappresenta la logica alternativa ad un modello a piantana visto che si può posizionare liberamente in qualsiasi punto. Le pale sono state sostituite da un più silenzioso cilindro rotante che tuttavia genera un minor spostamento d’aria. Anche in questo caso sarà possibile azionare un movimento oscillatorio e controllare le funzioni tramite console e telecomando.

Pro e Contro

Efficacia

Il ventilatore a piantana è in grado di generare il maggior spostamento d’aria grazie al meccanismo a pale con ampia superficie di contatto e rotazione ad elevato numero di giri. Ciò permette al flusso di raggiungere anche i punti più distanti. Un modello a colonna movimenta meno metri cubi d’aria e perde la sua efficacia al crescere della distanza, oltre i 2 metri puoi già avvertire una diminuzione dell’effetto. Altro vantaggio dei ventilatori a pale è un miglior orientamento del flusso potendo variare manualmente l’inclinazione della girante.

Qualità dell’aria

I modelli a parete e con piantana si limitano a generare uno spostamento d’aria senza incidere in alcun modo sulla salubrità dell’ambiente. Alcuni ventilatori a torre sono invece dotati di filtro per trattenere le particelle di polvere più grossolane, mentre altri dispongono anche di ionizzatore per abbattere sostanze inquinanti.

Praticità

I ventilatori a piantana e colonna sono la soluzione più pratica poiché li puoi posizionare dove desideri e riordinarli altrettanto comodamente a fine utilizzo. I modelli a parete sono fissi ed esteticamente poco gradevoli, risultano molto vistosi e difficilmente si mimetizzano con l’ambiente domestico. Per cui è ormai sempre più raro trovarne un modello installato in casa, mentre sono ancora impiegati in uffici o comunque in ambiti lavorativi.

Funzioni

I modelli a parete sono i più essenziali disponendo della variazione di velocità, timer e oscillazione automatica. I migliori ventilatori a piantana e colonna aggiungono la modalità sleep da attivare durante il riposo e quella per simulare una brezza.

Rumorosità

Il ventilatore per sua natura è un apparecchio di certo non silenzioso. La rumorosità aumenta progressivamente incrementando la velocità e i modelli a pale sono i meno prestazionali sotto questo punto di vista. Decisamente più virtuosi i ventilatori a torre, infatti grazie al cilindro rotante riescono a generare qualche dB in meno a parità di spostamento d’aria.

Costo

In commercio puoi trovare decine e decine di modelli con solo l’imbarazzo della scelta. In generale il ventilatore è un elettrodomestico molto economico che richiede una spesa compresa tra 30 e 100 euro. Rimanendo in questo range riesci a soddisfare ogni tua esigenza indipendentemente dalla tipologia. Ci sono poi eccezioni, con prodotti che adottano particolari motori ultra silenziosi e altri accorgimenti tecnici che fanno lievitare il prezzo attorno ai 150 euro.

Quale scegliere

Non esiste una tipologia che ritengo in assoluto superiore alle altre, devi solo scegliere un prodotto di adeguata potenza e dimensioni in base alle tue necessità. Se desideri il massimo spostamento d’aria dovrai indirizzare l’attenzione su modelli a pale e specialmente quelli a piantana, capaci di assicurarti anche un’apprezzabile praticità. Se invece vuoi un buon compromesso tra potenza e rumorosità i ventilatori a colonna sono la miglior soluzione.