in

Migliori ventilatori nebulizzatori ad acqua

I migliori ventilatori nebulizzatori ad acqua selezionati per capacità di refrigerazione, sicurezza, capienza della tanica acqua, design, rapporto qualità prezzo e marca.

miglior ventilatore nebulizzatore ad acqua

Ardes AR5M41 Ariel

Recensione

Vinco 70717

Recensione

G3Ferrari Klimas G50022

Recensione

Tristar VE-5887

Recensione

Qlima FSM40

Recensione

OneConcept Big Blizzard

Recensione

 

Come scegliere un ventilatore nebulizzatore ad acqua

Un ventilatore nebulizzatore rappresenta un’interessante variante rispetto al classico modello a pale. Osservando un elettrodomestico di questa tipologia, si potrebbe scambiare benissimo per un comune ventilatore ma in realtà, dopo un’attenta osservazione, si noteranno delle evidenti differenze. Vediamo di seguito le caratteristiche più importanti che contraddistinguono questa tipologia di prodotti.

Capacità del serbatoio

Il funzionamento di un ventilatore nebulizzatore non è complicato. Il flusso d’aria è generato, come sempre, attraverso la rotazione delle pale; per mezzo di un tubo viene spruzzata dell’acqua che, subendo un processo di nebulizzazione, arricchisce d’umidità l’aria.

Questo fatto implica la presenza di un serbatoio che dovrà periodicamente essere riempito. Se è previsto un utilizzo intensivo, è bene scegliere un modello con un serbatoio di buona capienza per non avere la seccatura di dover provvedere allo riempimento anche più volte al giorno. I ventilatori più potenti hanno un serbatoio che sfiora i 3 litri e consente un utilizzo prolungato prima del suo completo svuotamento.

Struttura

La parte che hanno in comune i vari modelli è la pala con la classica protezione metallica. Per il resto ogni costruttore ha cercato di creare dei prodotti funzionali ed esteticamente gradevoli.

Un aspetto importante è il posizionamento del serbatoio che deve essere accessibile e permettere un facile riempimento. Preferire i modelli con il contenitore estraibile anziché fisso, poiché sono nettamente più pratici. Meglio anche un serbatoio trasparente in modo da avere sempre sott’occhio il livello dell’acqua.

Esattamente come quanto accade per i raffrescatori evaporativi domestici, essendo un elettrodomestico che prevede continui spostamenti deve consentire un facile trasporto. Non tutti i modelli sono provvisti di ruote e ci possono essere anche sostanziali differenze nel peso. I più leggeri pesano circa 7/8 chili ma ci sono ventilatori nebulizzatori che raggiungono i 15 chilogrammi.

Rumorosità

Questo valore è interessante soprattutto se s’intende utilizzare il ventilatore durante il riposo. È un dato abbastanza unificato per la maggior parte dei modelli che hanno come livello massimo di rumorosità un dato attorno ai 65 dB.

L’aspetto importante è verificare, tra le funzionalità, la presenza della specifica funzione sleep per poter utilizzare l’elettrodomestico durante il sonno. Un aspetto da controllare è che ci sia la possibilità di spegnere tutte le eventuali luci presenti sul pannello di controllo. Sembra una banalità ma di notte al buio alcuni modelli si trasformano in veri e propri alberi di Natale.

Funzionalità

Questo aspetto offre poche differenza tra i vari modelli. Un buon ventilatore nebulizzatore deve offrire le tre classiche modalità di funzionamento: normale, natural (per simulare il soffio del vento) e sleep.

Fare attenzione alla presenza di un timer per la programmazione dello spegnimento. Tutti i modelli migliori offrono la doppia gestione delle funzioni tramite pannello di controllo posizionato sul corpo del ventilatore o con il telecomando in dotazione.

Potenza e consumi

Quello dei consumi è un tema delicato per la maggior parte degli elettrodomestici, e bisogna utilizzare alcune accortezze per non trovarsi con bollette elettriche troppo elevate. In questo caso invece i consumi sono davvero contenuti.

La potenza oscilla tra i 70 e 100 Watt ma tale differenza non porta a sostanziali differenze prestazionali. Certo il modello più potente riuscirà a sviluppare un volume d’aria superiore, ma in sostanza il risultato che si ottiene non cambia più di tanto. I consumi sono molto ridotti e per di più trattandosi di un elettrodomestico che si utilizza saltuariamente, non andrà di certo a influire, più di tanto, sul costo della bolletta.

Ventilatore o condizionatore?

Elettrodomestici simili