Migliori Aspirabriciole

di Andrea Pilotti 4 Febbraio 2019

Classifica, Recensioni e Offerte dei Migliori Aspirabriciole sul mercato, selezionati dalla nostra redazione per volume del serbatoio, potenza aspirante, autonomia, funzione wet & dry, rapporto qualità prezzo.

miglior aspirabriciole

Classifica e Recensioni dei Migliori Aspirabriciole

Il migliore

Bosch BHN14090 è l’aspirabriciole che abbiamo deciso di premiare come il migliore; si tratta di un vero e proprio aspiratore portatile con una potenza decisamente soddisfacente.

Il compito poco gravoso di ripulire la tovaglia o il divano dai piccoli resti di un pranzo o di uno spuntino davanti alla TV, lo svolge senza il minimo tentennamento.

La batteria agli ioni di litio da 14,4 Volt assicura un’autonomia continua di 12 minuti, valore che possiamo ritenere nella norma e che risente dell’elevato potere aspirante. I tempi per una ricarica completa sono di 12 ore che effettivamente sono un po’ lunghi considerando il prezzo del prodotto.

Tra gli aspetti da valutare per questa tipologia di elettrodomestici, uno dei più importanti è la maneggevolezza. Il modello di questa recensione non delude affatto grazie ad un peso di 1,2 chilogrammi e una maniglia confortevole con il tasto on/off in comoda posizione. Svuotamento del contenitore e pulizia del filtro sono operazioni che richiedono non più di una manciata di minuti.

Altra nota spesso dolente per un aspirabriciole è la dotazione di accessori. Bosch BHN14090 presenta una bocchetta a lancia con adeguata lunghezza che, in assoluto, è lo strumento più utile per permettere la pulizia degli interni dell’auto e di punti di difficile accesso.

Completa la dotazione di serie l’alimentatore con spinotto. Peccato che la ditta tedesca non abbia previsto una base di ricarica con possibilità di fissaggio a parete: sarebbe stato un valore aggiunto particolarmente apprezzato.

Il più venduto

Philips MiniVac FC6148/01 nel complesso è un aspirabriciole soddisfacente e meritevole di una buona posizione in classifica; ciò che abbiamo più apprezzato è la qualità dei materiali plastici che offrono solidità e resistenza nel tempo.

Un aspetto interessante è la presenza di una base di ricarica da tavolo per poter posizionare comodamente in verticale il dispositivo a fine utilizzo. La maneggevolezza è garantita da una forma ergonomica ben studiata, dal manico con impugnatura soft touch e da un adeguato bilanciamento del peso che è di soli 0,8 chilogrammi.

Sotto il profilo della potenza aspirante il giudizio è buono ma non eccezionale. Se l’uso previsto è solo per raccogliere briciole, piccoli frammenti e polvere da sopra i mobili non ci sono grossi problemi; pensando ad utilizzi più gravosi come la pulizia degli interni dell’auto, consigliamo di rivolgersi a dispositivi più potenti.

La batteria agli ioni di litio è da 10,8 Volt con un’autonomia di 9 minuti, tempi di ricarica nella norma e funzione di autospegnimento a carica completata.

Philips MiniVac FC6148/01 è il classico aspirabriciole quindi, acquistandolo per svolgere questa funzione, non delude affatto. La dotazione di accessori è di buon livello con la presenza della bocchetta a lancia e della spazzola con setole per togliere la polvere dalle superfici delicate.

Da considerare il livello di rumorosità pari a 81 dB: valore elevato che, tuttavia, non causa troppi fastidi visto il tipo di utilizzo con brevi sessioni di lavoro.

Il più potente

Black + Decker DVJ325J-QW Dustbuster è un prodotto che risulta riduttivo chiamarlo semplicemente aspirabriciole, in quanto si avvicina più ad un vero e proprio aspirapolvere portatile.

La potenza di 35 Air Watts è veramente notevole con un flusso d’aria di ben 946 litri al minuto. Il merito è dovuto all’azione ciclonica e alla potente batteria da 2500 mAh. Anche l’autonomia è di buon livello e oscilla tra 10 e 16 minuti con tempi di ricarica di circa 6 ore.

Il peso attorno al chilogrammo e la presa ergonomica assicurano una soddisfacente maneggevolezza. Le qualità fino ad ora elencate sono da collocamento tra le prime posizioni della classifica, tuttavia è necessario evidenziare anche una serie di difetti che pregiudicano la praticità d’uso.

Il più importante riguarda il sistema di espulsione dell’aria che è stato previsto, abbastanza inspiegabilmente, nella parte inferiore: il risultato è lo spostamento di ciò che si sta per aspirare. Qualora siano frammenti di grosse dimensioni non si ci sono problemi, ma trattandosi di briciole o polvere diventa difficile ottenere risultati soddisfacenti.

Anche la qualità degli accessori non offre una grande versatilità d’uso. La bocchetta a lancia è integrata ed estendibile, ma troppo corta e larga per favorire l’accesso nei punti più stretti. La dotazione di un caricatore con spinotto risulta un po’ scomoda e sarebbe stato decisamente meglio disporre di una base di ricarica.

Tirando le somme Black + Decker DVJ325J-QW Dustbuster è un elettrodomestico con grande potenza aspirante ma poco controllo. Utilizzandolo per raccogliere le briciole non offre l’adeguata comodità e i risultati che ci si aspetta, meglio per altre operazioni come la pulizia dell’auto o per aspirare i peli di animali domestici dal divano.

Da parete

Rowenta AC4769 Extenso Cyclonic è un aspirabriciole con design classico e un po’ retrò che verrà apprezzato dagli amanti dello stile vintage. Rispetto a prodotti dalle forme avveniristiche ma alla fine poco maneggevoli, il modello in oggetto si direziona con estrema facilità sfruttando l’impugnatura ergonomica ed un peso piuma.

Come tutti i diretti rivali, anche quest’apparecchio utilizza una tecnologia d’aspirazione ciclonica alimentata da una batteria al nichel-metalidrato (Ni-MH) che, rispetto agli ioni di litio, può risentire dell’effetto memoria.

Un accumulatore che da una parte assicura una buona autonomia di 16 minuti, ma dall’altra tempi di ricarica decisamente lunghi con 16 ore per arrivare al 100%. Tuttavia, è un aspetto superato dalla possibilità d’installare una base a parete per poter inserire il dispositivo al termine di ogni utilizzo e mantenerlo sempre in carica.

Rowenta AC4769 Extenso Cyclonic è un aspirabriciole che trova nell’ambiente della cucina il suo luogo ideale; un elettrodomestico da avere sempre a portata di mano per effettuare veloci pulizie che richiedono grande maneggevolezza ma una potenza non esagerata.

Da tavolo

Hoover Jive SJ36DWV6 è un aspirabriciole entry level con un prezzo decisamente molto economico. Non ci si deve aspettare un modello particolarmente potente e multiuso; è stato progettato con il solo scopo di raccogliere piccoli frammenti e quindi dimensionato di conseguenza.

La batteria al nichel-metalidrato ha un voltaggio di 3,6 Volt con un’autonomia di 10 minuti e tempi di ricarica di circa 16 ore. Il vantaggio di dati tecnici non particolarmente performanti e di una limitata potenza è l’estrema maneggevolezza. Il peso non raggiunge nemmeno i 700 grammi, offrendo una manovrabilità assoluta anche nei punti più scomodi.

Forma e design sono molto classici con il contenitore realizzato in simpatiche colorazioni per dare un tocco di allegria dentro casa. La bocchetta per fessure è integrata nella scocca e permette all’apparecchio di stare in posizione verticale da solo. Completa la dotazione di accessori un caricatore con spinotto per effettuare la ricarica.

Hoover Jive SJ36DWV6 è un aspirabriciole molto essenziale che nel complesso offre un discreto rapporto qualità prezzo. Tenuto in cucina può risultare un valido aiuto per aspirare rapidamente briciole o piccole quantità di altri alimenti.

Da cucina

Electrolux ZB5104WDB Rapido è un prodotto con un costo contenuto e interessanti caratteristiche. Il design è molto moderno grazie ad una scocca in plastica trasparente di un acceso colore blu.

Al peso fa segnare 1,27 chilogrammi che rappresentano un valore di buon livello ed in grado di assicurare una certa comodità durante l’utilizzo.

Per facilitare le operazioni di pulizia sono state posizionate due piccole rotelle sulla bocca d’aspirazione che permettono di appoggiare la punta e farla scorrere. Una soluzione semplice ed intelligente per pulire superfici delicate senza il rischio di graffiarle.

Se la potenza si può ritenere nella norma per questa fascia di prezzo, c’è però da sottolineare l’importante valore aggiunto della tecnologia Wet&Dry: permette d’aspirare contemporaneamente sia sostanze solide che piccole quantità di liquidi.

Utile anche l’opportunità di regolare la potenza scegliendo tra due diversi livelli in base alle necessità. La batteria è di tipo Ni-MH (nichel-metalidrato) con un voltaggio di 4,8 Volt e un’autonomia di circa 10 minuti, mentre per la ricarica sono necessarie dalle 12 alle 16 ore.

Secondo la nostra opinione Electrolux ZB5104WDB è un aspirabriciole che merita una buona posizione in classifica. Oltre ad apprezzabili dati tecnici che consentono una soddisfacente versatilità, si può sfruttare la presenza di una pratica base di ricarica per un comodo posizionamento dopo l’uso e con sistema di spegnimento automatico una volta raggiunta la piena carica.

Offerte Aspirabriciole

Come scegliere un Aspirabriciole

L’aspirabriciole è un elettrodomestico che si trova in qualsiasi casa vista la sua grande praticità d’uso. Un apparecchio che non si limita a raccogliere i resti del pane dalla tovaglia o dal divano, ma può essere utilizzato anche per mille altri impieghi come la pulizia degli interni dell’auto. Vediamo di seguito quali sono le principali caratteristiche da tenere in considerazione per una scelta corretta.

Tecnologia di aspirazione

La tendenza di tutti i costruttori è di adottare la tecnologia di aspirazione ciclonica o multiciclonica, la stessa che equipaggia i più moderni aspirapolvere senza sacco. Grazie all’utilizzo di un cono (o di un gruppo di coni per la multiciclonica),  si crea un vortice d’aria molto potente che separa lo sporco dall’aria per mezzo della forza centrifuga.

Così facendo si ottiene anche una sorta di prefiltraggio completato poi dagli altri filtri presenti. Il vantaggio di questa tecnologia è di non utilizzare sacchetti di raccolta ma solo un serbatoio che si potrà svuotare facilmente. I modelli migliori sono dotati anche della funzione Wet&Dry che permette di aspirare piccole quantità di liquidi.

Sistema di filtraggio

Per ogni elettrodomestico che aspira la parte riguardante il sistema di filtraggio è molto importante. In un aspirabriciole di fascia alta abbiamo la presenza di due filtri: uno per le particelle di grosse dimensioni e l’altro per le polveri sottili. I dispositivi migliori sono dotati di filtri HEPA (indicati con la sigla H13-H14) in grado di trattenere fino al 99,97% degli allergeni presenti nell’aria. Presenti anche sui modelli più moderni di aspirapolvere senza fili, sono la soluzione ideale per chi soffre di allergie o malattie respiratorie. Modelli meno prestazionali montano invece filtri EPA (indicati con sigle E10, E11, E12, ecc.), che trattengono fino all’85% delle polveri sottili.

Potenza aspirante

La potenza aspirante, indicata in AirWatt, indica la capacità di aspirazione in senso stretto dell’elettrodomestico.  Per i dispositivi più performanti è un dato superiore ai 20 AW mentre per i modelli di fascia media si attesta su valori compresi tra 10 e 20 AW. A nostro parere questo è il livello minimo da considerare se si desidera un elettrodomestico davvero performante. Gli aspirabriciole più economici possono avere anche potenze di soli 4-5 AW.

Spesso, quando si parla di potenza, si fa erroneamente riferimento a valori espressi in Volt (V), che esprimono invece la tensione della batteria. Si tratta tuttavia di un’usanza comune, quindi non è raro incontrare una dicitura del genere perfino nei siti dei più importanti produttori di elettrodomestici.

Per tornare agli aspirabriciole, dopo la dovuta disambiguazione, in commercio troviamo modelli con diversi valori di voltaggio. Si parte da circa 2 volt fino ad arrivare a circa 22 volts. Il nostro consiglio è quello di scegliere modelli che garantiscano almeno 7 volts per un’aspirazione efficace in ogni angolo della casa, mentre chi fa un uso intensivo dell’aspirabriciole (molte passate su divani e tappeti, ad esempio), dovrebbe considerare modelli da 12 volts a salire.

Autonomia

Tra gli aspirabriciole possiamo trovare alcuni modelli che possono essere alimentati anche dalla presa accendisigari presente nell’automobile. Sono pratici per lunghe sessioni di pulizia della vettura, perché l’autonomia è illimitata. Non sostituiscono i più grandi (e ingombranti) aspirapolvere per auto, ma sono un’ottima alternativa per tenere in ordine la vettura quotidianamente.

Se l’utilizzo è previsto solo in casa per le normali pulizie domestiche, la soluzione ideale è invece un aspirabriciole a batteria. È senza dubbio la tipologia più impiegata per via della massima comodità e praticità. In questo caso bisogna prestare attenzione all’autonomia.

I modelli di fascia alta utilizzano batterie agli ioni di litio che sono leggere, durano a lungo e si ricaricano piuttosto velocemente. Altre batterie utilizzate sono quelle al nichel-metallo idruro (Ni-MH), che sono più pesanti e soffrono dell’effetto memoria. Infine ci sono le batterie al nichel-cadmio (Ni-Cd) dotate di una tecnologia ormai sorpassata che potrebbero equipaggiare aspirabriciole molto economici.

Ergonomia e praticità di utilizzo

Un aspetto da valutare è la praticità di utilizzo dell’aspirabriciole. Verificare per prima cosa l’ergonomia, data principalmente da un buon bilanciamento dei pesi, dalla comodità dell’impugnatura e dalla facilità con cui si riesce a raggiungere con un dito il pulsante di accensione.

Peso e dimensioni sono due aspetti che influiscono notevolmente sulla maneggevolezza. Mediamente il peso si aggira sul chilogrammo con i modelli migliori che scendono anche a raggiungere i 700 grammi. Gli apparecchi più economici sono decisamente più pesanti (a causa soprattutto della batteria) e arrivano a sfiorare i 2 chilogrammi.

Come ogni tipo di aspirapolvere, anche per gli aspirabriciole la capacità del serbatoio di raccolta è un ulteriore fattore da prendere in considerazione. Un buon prodotto ha una capienza compresa tra i 350 e 500 ml.

Dotazione di accessori

Ultimo particolare da valutare riguarda gli accessori. In pratica vengono fornite diverse bocchette. Normalmente c’è una spazzola per la pulizia di tappetti, coperte, tovaglie, una per togliere la polvere dai mobili e una bocchetta a lancia indispensabile per raggiungere i punti più difficili. Quest’ultima è quella più utilizzata per la pulizia degli interni dell’auto e deve essere di adeguata lunghezza: se troppo corta serve praticamente a nulla.

[Voti: 242    Media Voto: 5/5]
Elettrodomestici che potrebbero interessarti
Come acquistare a metà prezzo

Per ottenere uno sconto superiore al 50% sul prezzo di listino, la nostra redazione ha sviluppato golden list, un servizio gratuito che ti informa quando i prodotti sono a metà prezzo. Guarda un esempio

GUIDA ACQUISTI
Guida all'acquisto degli Elettrodomestici
Dal 2007 Guida Acquisti è la rivista consumatori indipendente che ti aiuta scegliere gli elettrodomestici, attraverso classifiche,recensioni e offerte dei migliori prodotti sul mercato.