Migliori Termostufe a Pellet Idro

di

Classifica, Recensioni e Offerte delle Migliori Termostufe a Pellet Idro sul mercato, selezionate dalla nostra redazione per potenza riscaldante, rendimento energetico, sicurezza, dimensioni, prezzo e marca.

Classifica e Recensioni delle migliori Termostufe a Pellet Idro

Tabella comparativa

Modello Potenza Termica (kW) Rendimento (%) Autonomia massima (ore)
Palazzetti Ecofire Ginger Idro 15 kW 15,71 94,33 28
Edilkamin Blade Acciaio 22,5 92,7 27
Mcz Clio Hydro 23 22,8 96,5 26
Laminox Idro PETRA 34 idro 30,5 90 22
Rossato Circe 24 23,12 97 37
Karmek One Nikita 33 85 22

Palazzetti Ecofire Ginger Idro 15 kW

Palazzetti Ecofire Ginger Idro 15 kW, grazie al sistema di programmazione digitale accessibile dal Display Easy Touch a sfioramento, è un prodotto completo e moderno, con un’efficienza di funzionamento elevata che le rende una buona posizione nella nostra classifica delle migliori termostufe a pellet sul mercato.

Esternamente, la struttura in acciaio verniciato e vetro presenta un design curato che secondo la nostra opinione, è indicata per ambienti moderni e raffinati, e si adatta a diversi stili di arredamento grazie alle diverse combinazioni di colore disponibili: nero e bianco in tinta unica, caffelatte con inserti a contrasto cromatico.

La disposizione delle componenti interne inoltre rende l’elettrodomestico poco ingombrante in profondità e di facile installazione anche a filo muro: il prodotto misura 117 x 95 x 32 centimetri.

Il rendimento nominale raggiunge il valore di 94,33 % con potenza termica ridotta: dei 4,35 kW prodotti dalla stufa (corrispondenti a 3800 Kcal/h), vengono trasferiti all’acqua 3,11 kW (e 2700 Kcal/h).
In condizioni di massima potenza termica nominale, invece, Palazzetti Ecofire Ginger Idro 15 kW raggiunge un valore di 14,52 Kw e 12500 Kcal/h, trasferendo all’acqua 11,81 Kw e 10200 Kcal/h, per un rendimento pari al 92,44 %. La potenza termica massima di ingresso è di 15,71 Kw e 13600 Kcal/h.

Le prestazioni energetiche offerte rendono questo prodotto vantaggioso sotto un profilo fiscale, potendo così usufruire degli incentivi statali come ad esempio il Conto Termico.

Il serbatoio del combustibile può ospitare fino a 25 Kg di pellet, e con un consumo orario variabile tra 0,908 e 3,095 Kg, l’autonomia di funzionamento massimo può raggiungere le 28 ore di riscaldamento consecutive.

La zona dedicata alla combustione presenta alcuni accorgimenti utili ad aumentare l’efficienza energetica e la semplicità di utilizzo, come il vetro ceramico per un miglior isolamento termico con sistema di pulizia automatica e il braciere realizzato in ghisa di alto spessore, mentre nella zona sinistra è installato il gruppo idraulico composto da vaso di espansione chiuso, sistema di circolazione e valvola di sicurezza.

Per una maggior flessibilità di installazione, questa termostufa a pellet è predisposta per avere lo scarico dei fumi di combustione in alto o sul lato posteriore, così come è possibile controllarla da Connection Box e telecomando, disponibili come optional.

Temperatura, ventilazione e potenza di funzionamento sono configurabili su una scala di 5 valori indipendenti, intervenendo sul display, da dove è possibile anche comandare il timer a programmazione digitale per personalizzare l’uso della termostufa in base alle fasce orarie preferite.

Edilkamin Blade Acciaio

Edilkamin Blade Acciaio è la termostufa top di gamma del brand italiano con oltre 50 anni di esperienza nel settore legna e pellet.

Il design è caratterizzato da spigoli netti e linee rigorose, che suggeriscono un’idea di razionalità ed efficienza, e ben si adattano ad ambienti eleganti. La gamma di colori disponibili prevede un rivestimento nelle varianti bordeaux, bianco opaco, bronzo, nero lucido.

Alta 120,5 centimetri, profonda 39 e larga 104, questa termostufa è in buona posizione nella nostra classifica perché in grado di riscaldare un volume massimo di 485 m³ con la versione 18, e 595 m³ con la 22: la prima sviluppa una potenza utile compresa tra 4,9 e 18,7 kW, la seconda raggiunge valori pari a 4,9 e 22,5 kW. Il rendimento raggiunge valori elevati: 93,3% e 92,7% rispettivamente, con potenze utili trasferite cioè all’acqua che vanno da 3,8 a 16,3 kW per il modello 18, e da 3,8 a 20 kW nel caso del modello 22.

Aspetto utile da ricordare in questa recensione, i valori di efficienza raggiunti dal prodotto lo fanno rientrare nella possibilità di accedere alle agevolazioni previste dal Conto Termico.

Equipaggiata in entrambe le versioni con un serbatoio capace di 30 Kg di pellet, Edilkamin Blade Acciaio ha un’autonomia massima di 27 ore di funzionamento ininterrotto, con un consumo di combustibile minimo di 1,1 Kg per ora, fino a un massimo di 5,1 Kg.

Per entrambe, il serbatoio da 20 litri alimentare l’impianto di riscaldamento con circolazione d’acqua, ma è possibile all’occorrenza attivare la funzione di ventilazione sul frontale: questa soluzione è a nostro avviso una buona scelta, per desidera un getto di calore in più, magari prima che la termostufa riscaldi l’intera abitazione.

La condizione di rientrare a casa e trovarla fredda è però facilmente evitabile, perché il prodotto è dotato di cronotermostato con programmazione sia giornaliera che settimanale, in modo da entrare in funzione secondo le abitudini dell’utente, che può agire dal display in dotazione o anche da remoto.

Edilkamin Blade Acciaio può infatti essere dotata di Kit di comunicazione sia WiFi che GSM, che permette di accendere e spegnere l’impianto dal cellulare, anche se si è fuori casa.

Mcz Clio Hydro 23

Mcz Clio Hydro 23 è una termostufa a pellet ad alta efficienza, che rientra nei parametri per accedere al contributo Conto Termico, ed è conforme alla normativa Ecodesign 2022 in materia di emissioni inquinanti e impatto ambientale.

Realizzata in ghisa nella parte superiore, presenta fianchi in acciaio disponibili in 4 varianti di colore: Bianco, Argento, Nero, Bordeaux, ed è capace di riscaldare ambienti grandi, come case o appartamenti superiori ai 200 metri quadrati, per un volume massimo riscaldabile di
560 metri cubi.

Dotata di camera di combustione stagna, questa termostufa a pellet può essere installata anche in nuove abitazioni ad alta efficienza energetica, prelevando l’ossigeno dall’esterno, dove vengono espulsi anche i gas di scarico.

Riguardo l’efficienza energetica, un contributo all’abbattimento dei costi di funzionamento è dato dalla candeletta di accensione di tipo ceramico, che secondo la nostra opinione è una soluzione indicata per chi è attento ai consumi: in fase di accensione si registrano infatti i massimi consumi elettrici per questo genere di prodotto, e la tecnologia di accensione che segnaliamo in questa recensione permette di abbattere notevolmente i tempi, che risultano ridotti fino al 40%.

Questo accorgimento permette, insieme alle altre caratteristiche di costruzione, di raggiungere la Classe di efficienza energetica A+, per un elettrodomestico capace di un rendimento del 96,5% al minimo della potenza, con valori pari al 91,3% a pieno regime. La potenza termica minima è di 4.7 kW, mentre la massima raggiunge i 22.8 kW, e con un consumo di pellet orario compreso tra 0.9 e 5 Kg, l’autonomia di funzionamento può raggiungere le 26 ore consecutive.

Mcz Clio Hydro 23 occupa una buona posizione nella nostra classifica delle migliori termostufe a pellet sul mercato, per le sue caratteristiche di efficienza energetica e per la facilità di funzionamento: il pratico vano cenere è abbastanza capiente da non richiedere una pulizia continua (lo svuotamento si effettua circa una volta a settimana), e il pannello di controllo risulta particolarmente semplice da utilizzare. Inoltre, è possibile comandare a distanza il prodotto – che misura 112 x 50.2 x 60.7 centimetri– tramite un semplice sms, attraverso un kit accessorio venduto come optional.

Laminox Idro PETRA 34 idro

Laminox Idro PETRA 34 idro è una termostufa a pellet con rivestimento in acciaio tra le versioni Lux e Plus vanta un totale di ben 12 varianti di colori.

Disponibile anche nella versione che permette la produzione di acqua calda sanitaria istantanea, questo prodotto è in grado di riscaldare un volume massimo di 850 m³. Un valore elevato, che secondo la nostra opinione rende l’elettrodomestico una buona scelta per chi ha necessità di riscaldare grandi abitazioni, magari su più livelli, come ad esempio una villa monofamiliare.

La potenza nominale al minimo è di 8 kW, per arrivare a 30,5 kW a pieno regime, riuscendo a trasferire all’acqua dell’impianto dai 6 ai 22,5 kW per un rendimento medio del 90%. La potenza irraggiata invece, ossia quella che viene sfruttata per riscaldare l’aria dell’ambiente dove la termostufa è installata, va da un minimo di 1,2 a un massimo di 8 kW.

Dotata di scarico fumi con bocchetta circolare da 100 millimetri di diametro, Laminox Idro PETRA 34 idro misura 140 x 58 x 58 centimetri, ha una caldaia che contiene 25 litri d’acqua e vaso di espansione da 8 litri. Il serbatoio del combustibile può contenere 40 Kg di pellet che, con un consumo orario compreso tra valori pari a 1.8 e 6.8 Kg, permette un’autonomia massima di funzionamento di circa 22 ore.

La termostufa a pellet trattata in questa recensione, disponibile anche in versione ventilata, rispetta i requisiti del D.M. 16 febbraio 2016, che permettono di accedere alle agevolazioni relative al “Conto energia termico 2.0” .

Rossato Circe 24

Rossato Circe 24 è una termostufa a pellet indicata per nuove costruzioni, o in sostituzione di vecchi impianti di riscaldamento alimentati a combustibili quali gasolio o GPL: prodotto in Classe 5, gode dei requisiti necessari per accedere alle agevolazioni economiche previste dal Conto termico 2.0.

Aspetto da prendere in considerazione, secondo la nostra opinione, per chi ha la necessità di ammodernare gli impianti di casa o deve costruirne una nuova, perché i consumi rispetto ai combustibili tradizionali sono inferiori anche del 70 %, con un impatto ambientale ridotto.

L’elettrodomestico può integrarsi con ogni tipo di impianto esistente o di nuova installazione, permettendo inoltre l’allaccio diretto all’impianto dei termosifoni.
Costruita in materiali particolarmente resistenti alle alte temperature per scongiurare rischi di deformazioni o malfunzionamenti nel lungo periodo, Rossato Circe è un prodotto estremamente efficiente: il suo rendimento massimo raggiunge un valore massimo del 97%. 

Tra gli accorgimenti che contribuiscono a raggiungere questo valore troviamo il sistema di caricamento, che oltre a consentire un rifornimento del pellet con la termostufa in funzione, permette un dosaggio ottimale del combustibile utile a ridurre gli sprechi. Questo sistema a chiusura girevole inoltre agisce come dispositivo di sicurezza, che evita il blocco della caldaia in fase di rifornimento ed elimina la possibilità di ritorni di fiamma.

Per aumentare la resa ed abbattere ulteriormente i consumi, la termostufa a pellet di questa recensione riutilizza il calore dei gas di scarico, che vengono fatti circolare in tubazioni adiacenti a quelle dedicate all’acqua di riscaldamento, mentre dei ventilatori di tipo tangenziale riscaldano contemporaneamente l’aria dell’ambiente in cui il prodotto è installato.

Anche il sistema di controllo a gestione elettronica, che regola funzionamento, programmazione e gestione della temperatura dell’acqua, si adatta alle condizioni ambientali e alla potenza richiesta per abbattere i consumi ottimizzando il rendimento globale della termostufa.

Rossato Circe 24, che viene fornita dotata di telecomando per il controllo e la programmazione giornaliera e settimanale, è dotata di pressostato di sicurezza e sistema di pulizia meccanica, e grazie alla configurazione “plug & play” è già pronta a essere installata, con tutte le componenti interne già predisposte per essere allacciate.

Le dimensioni sono compatte, in relazione alle prestazioni offerte: 126,6 x 61,1 x 67,1 centimetri, e la potenza termica globale va da 5,26 a 23,12 kW, per un consumo orario compreso tra 1,1 e 4,9 Kg di combustibile e un’autonomia massima di ben 37 ore di funzionamento. Con una potenza nominale di 5,08 al minimo e 21,96 kW a pieno regime, la termostufa riesce a trasferire ai 50 litri d’acqua contenuti nella caldaia, una potenza compresa tra 4,2 e 17,86 kW.

Karmek One Nikita

Karmek One Nikita è una termostufa a pellet ventilata per la produzione di acqua calda destinata agli impianti di riscaldamento, ma può essere equipaggiata con un kit opzionale che permette la produzione di acqua calda sanitaria.

Le linee semplici e tradizionali della termostufa uniscono in un gioco di contrasti cromatici la struttura in acciaio verniciata nera con il rivestimento che può essere in acciaio o ceramica. Si può scegliere per la parte esterna una configurazione con superfici lisce o in  effetto bugnato a quadri concentrici. Entrambe le versioni prevedono due varianti di colore per il rivestimento esterno.

Sulla parte superiore del prodotto troviamo il display di controllo retroilluminato, attraverso il quale è possibile regolare temperatura, ventilazione, circolazione dell’acqua gestita a controllo elettronico.

Attraverso il termostato remoto disponibile in kit e acquistabile come optional separato, è possibile regolare il funzionamento della termostufa per gestire il riscaldamento in altri ambienti, mentre il ventilatore ambiente permette un flusso di aria calda subito disponibile nel locale dove è stata installata.

La potenza della termostufa a pellet Karmek One Nikita, dotata di valvola di sicurezza, è pari a 33 kW, e con un rendimento dell’ 85% si riescono a trasferire all’acqua di riscaldamento fino a 23,2 kW, mentre ulteriori 4,9 kW di potenza riscaldante vengono resi all’ambiente per convezione e irraggiamento, per un volume d’aria riscaldabile compreso tra 155 e 772 m³.

Il consumo di combustibile oscilla a seconda della potenza impiegata, tra un minimo di 1,8 e un massimo di 6,7 Kg di pellet bruciati per ogni ora di funzionamento, prelevati dai 39 Kg disponibili, per riscaldare i 22 litri d’acqua contenuti nel serbatoio.

Lo scarico dei fumi è disponibile nella sola zona posteriore, con una bocchetta dal diametro pari a 100 millimetri, per un ingombro totale della termostufa a pellet differente a seconda della configurazione: la versione in acciaio misura 130 x 58 x 67 centimetri, quella in ceramica 130 x 64 x 68 centimetri.

Offerte Termostufe a Pellet

Come scegliere una Termostufa a Pellet Idro

Una termostufa a pellet può rappresentare una valida alternativa alla caldaia a metano o GPL che tradizionalmente utilizziamo per riscaldare le nostre abitazioni, soprattutto per costi, efficienza, ed emissioni inquinanti.

Nel momento in cui si sceglie questo tipo di prodotto, che può produrre acqua calda sia per il riscaldamento che per uso sanitario, abbracciando una causa non solo economica, ma anche ecologica e fiscale: sempre più spesso, infatti, vengono proposti ecoincentivi (come il Conto Termico 2.0) per chi ristruttura casa, eliminando i vecchi impianti di riscaldamento per sostituirli con più moderni basati ad esempio su termocamini, caldaie e stufe a pellet.

I vantaggi sono quindi molteplici, così come i parametri da valutare nell’acquisto di un elettrodomestico del genere. Innanzitutto va considerata la potenza della termostufa a pellet, e la sua capacità di riscaldare volumi e superfici congrui con quelli a nostra disposizione. La potenza riscaldante, espressa in kWh, è un valore che rapportato alla potenza trasferita all’acqua ci restituisce il parametro di rendimento termico: tanto più elevata sarà questa cifra espressa in percentuale, tanto più efficiente sarà la termostufa che stiamo valutando.

Più efficienza significa minore energia da spendere per ottenere la potenza termica che poi utilizziamo effettivamente per scaldarci, e il tutto si traduce quindi in maggior risparmio economico.

Un altro parametro da valutare è la grandezza del serbatoio del pellet, dalla quale dipenderà l’autonomia di funzionamento continuo, prima di dover effettuare di nuovo il rifornimento, e non per ultimo la posizione degli attacchi, che influenza la posizione di installazione del prodotto in casa.

Nella fase di acquisto di una termostufa a pellet, inoltre, si possono considerare altri aspetti che non sono secondari, ma che vanno valutati in base alle proprie abitudini quotidiane: chi è solito passare molto tempo fuori casa, perché magari è al lavoro tutto il giorno, troverà di certo comodo il poter a distanza controllare la stufa tramite smartphone, per programmare l’accensione in tempo utile e trovare la casa calda la rientro.

Questa opzione, offerta su molti prodotti moderni spesso come optional, è l’evoluzione del cronotermostato e di altre funzioni automatizzate presenti ormai su tutte le migliori termostufe a pellet sul mercato, e che ne rendono più pratico e comodo l’utilizzo.

Infine, un punto importante per la scelta del prodotto che fa al proprio caso è la possibilità di allacciare la termostufa all’ impianto solare o solare termico: alcuni modelli possono integrarsi nel funzionamento con queste tecnologie, e un utilizzo combinato può sicuramente contribuire ad abbattere i costi in bolletta e delle forniture di pellet, anche se a fronte di un costo d’acquisto più elevato rispetto a modelli più semplici e meno accessoriati.

Come acquistare a metà prezzo

Per ottenere uno sconto superiore al 50% sul prezzo di listino, la nostra redazione ha sviluppato golden list, un servizio gratuito che ti informa quando i prodotti sono a metà prezzo. Leggi le opinioni di chi ha provato il servizio.

I dati inseriti saranno gestiti nel pieno rispetto del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e non ceduti a terzi.

GUIDA ACQUISTI
Guida all'acquisto degli Elettrodomestici
Dal 2007 Guida Acquisti è la rivista consumatori indipendente che ti aiuta scegliere gli elettrodomestici, attraverso classifiche,recensioni e offerte dei migliori prodotti sul mercato.