Migliori termostufe a pellet idro

Le migliori termostufe a pellet idro selezionate per potenza termica, rendimento energetico, sicurezza, superficie riscaldabile, rapporto qualità prezzo e marca.

Classifica migliori termostufe a pellet idro

Cadel Idro Prince³ 23 H2O

Cadel Idro Prince³ 23 H2O

Pro

  • Piacevole aspetto estetico
  • Dimensioni compatte
  • Funzioni complete
  • Adeguati sistemi di sicurezza

Contro

  • Manca un telecomando
  • Scheda Wi-Fi prevista solo come optional

Idro Prince³ 23 H2O è il nome piuttosto complesso che l’azienda Cadel ha scelto per questa stufa a pallet, in grado di fornire acqua calda per alimentare l’impianto di riscaldamento e per uso sanitario. Un modello caratterizzato da un design elegante e rivestimento in acciaio verniciato proposto in 5 diverse colorazioni per abbinarsi a qualsiasi arredamento.

Le dimensioni di 53,6 (L) x 55,9 (P) x 111,5 (A) cm non devono far pensare ad una stufa di bassa potenza termica, infatti i complessivi 22,8 kW possono, tranquillamente, riscaldare un ambiente di 200 metri quadri e produrre acqua calda per uso personale. Nella fornitura è compreso il kit idraulico per consentire un comodo allacciamento all’impianto esistente.

Il simbolo di elevato al cubo inserito nella sigla non rappresenta solo una trovata commerciale, ma bensì indica la particolare tecnologia che contraddistingue questa serie. Un insieme di accorgimenti tecnici per assicurare buone prestazioni, maggiori rendimenti e una limitata emissione di inquinanti.

Soddisfacente anche il livello di sicurezza grazie alla camera stagna con prelievo dell’aria comburente dall’ambiente esterno, pressostato nel condotto fumario per sbloccare la coclea in caso di ostruzioni, sonda temperatura fumi e doppio termostato inserito nel serbatoio e nella caldaia per arrestare la stufa qualora la temperatura rilevata superasse valori di guardia.

Non ho riscontrato particolari difficoltà nella programmazione giornaliera e settimanale, utilizzando il pannello dei comandi elettronico posizionato nella parte superiore e di comodo accesso. Grazie ad un display retroilluminato posso effettuare le varie selezioni anche con poca luce e impostare accensione e spegnimento automatico per ogni giorno usufruendo di due fasce orarie diversificabili. Tra le varie modalità a disposizione ho trovato utile la funzione Sleep per avere il massimo comfort durante il riposo e l’Auto Eco per lasciare all’apparecchio la gestione dei parametri con il minimo consumo di combustibile.

Cadel Idro Prince³ 23 H2O è, senza alcun dubbio, una termostufa a pellet affidabile e prestazionale. Due sono però gli aspetti che reputo negativi, ovvero la mancanza di un telecomando per rendere il funzionamento ancor più pratico e non aver previsto di serie la connessione Wi-Fi per la gestione da remoto. Tuttavia, quest’ultimo particolare viene offerto come optional insieme al cronotermostato da esterno.

La Nordica Isidora Idro H20

La Nordica Isidora Idro H20

Pro

  • Consumi contenuti
  • Serbatoio di grande capacità
  • Connessione W-Fi di serie

Contro

  • Nessun problema rilevato

La Nordica Isidora Idro H20 è una termostufa a pellet con camera di combustione a tenuta stagna e potenza complessiva pari a 23,2 kW, di cui 20 kW sfruttati per produrre acqua calda. Un modello che può sostituire una caldaia a gas per riscaldare ambienti fino a 665 metri cubi, garantendo consumi limitati grazie ad una classe di efficienza energetica A++.

Dal punto di vista estetico non è il modello che mi ha più impressionato, pur mantenendo un design sufficientemente moderno ed elegante. Tra i particolari tecnici di maggior interesse, sottolineo lo scambiatore a fascio tubiero con turbolatori per facilitare la pulizia manuale, porta e braciere in ghisa, serbatoio ermetico con capacità di ben 38 kg, rapida accensione con candelette ceramiche e possibilità di regolare o escludere la ventilazione, nonché un sistema di pulizia automatica del braciere attraverso movimentazione a cremagliera.

Immancabile il pannello di controllo con display retroilluminato, abbinato ad un telecomando infrarossi per garantire una certa comodità d’uso. A questo devo aggiungere la presenza di serie dell’interfaccia Wi-Fi per gestione delle impostazioni da remoto tramite l’App TotalControl 2.0. Ho trovato molto intuitivo muovermi tra i vari menu per programmare il funzionamento, fissando avvi e spegnimenti automatici stabilendo giorni e orari. Ricordo che Isidora Idro H20 offre anche la possibilità di collegare un termostato supplementare da collocare in un ambiente della casa e gestibile attraverso la modalità Stand-By.

Klover Class Hydra

Klover Class Hydra

Pro

  • Design molto ricercato
  • Materiali di qualità
  • Efficiente sistema di combustione
  • Fino a 4 accensioni / spegnimenti giornalieri programmabili
  • Controllo da remoto tramite App

Contro

  • Nessun problema riscontrato

Klover Class Hydra è una stufa a pellet che consiglio a chi sta cercando una caldaia per il riscaldamento domestico e produzione d’acqua calda ad uso sanitario, dalle elevate prestazioni e senza scendere a compromessi con l’aspetto estetico.

Il design è molto elegante con grande cura dei dettagli e caratterizzato da un frontale in maiolica e vetro oscurato, ampia visione della fiamma e rivestimento ceramico con quattro colorazioni a scelta. Un modello non solo bello da vedere ma progettato per durare negli anni. In tal senso evidenzio la cromatura di tutti i componenti interni soggetti ad umidità e cavi elettrici rivestiti in fibra di vetro intrecciata per evitare tagli e limitare l’usura causata dalle alte temperature.

Passando ai dati tecnici, la stufa ha una potenza complessiva di 15 kW di cui 3,3 kW per la produzione di aria calda e 11,7 kW per il riscaldamento dell’acqua. Le buone performance sono assicurate dal sistema brevettato di pulizia automatica del braciere e dal meccanismo che impedisce l’ostruzione del flusso d’aria comburente, nonché l’accensione con candelette al quarzo che garantisco un avvio fino a 6 volte più rapido dei metodi tradizionali. Il tutto avendo un occhio di riguardo per i consumi elettrici e di combustibile, come testimonia un rendimento pari al 95,98% e una classe di efficienza energetica A++.

Nel corso del test ho potuto apprezzare la facilità di utilizzo tramite pratico display touch e la possibilità di programmare ben 4 diversi orari di accensione e spegnimento giornalieri, godendo così di un’ampia flessibilità e potendo assecondare ogni mia esigenza. Chi desidera controllare le impostazioni anche stando lontano da casa, potrà sfruttare la connessione Wi-Fi e l’App MyKlover da scaricare sia su dispositivi Apple che Android.

Qlima Donata 124 Idro

Qlima Donata 124 Idro

Pro

  • Buon rapporto qualità prezzo
  • Elevata resa energetica
  • Semplice programmazione

Contro

  • Design non dei più ricercati
  • Serbatoio di limitata capacità
  • Modulo Wi-Fi assente
  • Non è previsto il sistema di autopulizia del braciere

Qlima Donata 124 Idro è una termostufa a pellet che ritengo una valida scelta di acquisto per riscaldare ambienti fino a 400 metri cubi, ottenendo soddisfacenti prestazioni con bassi consumi e dovendo affrontare una spesa non eccessiva.

La potenza termica nominale di 13,8 kW unita ad un rendimento del 96,29% sono un chiaro indice di quanto ho appena affermato. Il design non rappresenta, a parer mio, uno dei punti di forza di questo modello, offrendo una linea piuttosto essenziale e finiture non particolarmente ricercate.

La capacità di 17 kg del serbatoio è un valore che ritengo abbastanza limitato, considerando che alla massima potenza il consumo si attesta a circa 3 kg/h e consente un’autonomia inferiore alle 6 ore.

La programmazione giornaliera e settimanale non è risultata affatto complicata, potendo utilizzare il pannello integrato a bordo macchina o il telecomando in dotazione. Le funzioni sono abbastanza complete e comprendono una comoda modalità Econo per mantenere la temperatura costante con regolazione automatica e progressiva della potenza fino a raggiungere il valore minimo.

Come anticipato ad inizio recensione, reputo Qlima Donata 124 Idro una buona soluzione per alimentare l’impianto di riscaldamento a termosifoni, beneficando di un favorevole rapporto qualità prezzo. Bisogna, tuttavia, mettere in conto di non disporre delle tecnologie di combustione più innovative, con mancanza di braciere autopulente e di modulo Wi-Fi per il controllo a distanza.

Eva calor Tosca 20

Eva Calor Tosca 20

Pro

  • Braciere e camera di combustione in acciaio inox
  • Facilità di pulizia
  • Serbatoio di buona capienza

Contro

  • Manca sistema di pulizia automatica del braciere
  • Modulo Wi-Fi opzionale
  • Interfaccia utente non delle più intuitive

Eva calor Tosca 20 è una stufa a pellet idro da collegare ad un impianto di riscaldamento per ambienti con volumetrie fino a 400 metri cubi. Per essere un modello con potenza termica complessiva di 20 kW presenta dimensioni non eccessive (60,6 L x 60,5 P x 120,3 A cm), favorendo una comoda installazione sia in spazi aperti che più ristretti. A differenza di prodotti concorrenti che utilizzano per camera di combustione e braciere la ghisa, in questo caso il materiale impiegato è l’acciaio inox. Una scelta che da una parte sfavorisce l’accumulo termico, ma dall’altra aumenta la resistenza all’usura e la longevità della macchina.

Il serbatoio offre una buona capacità di 25 kg, mentre il consumo di combustibile arriva ad un massimo di 4,3 kg/h. Adeguata anche la dotazione dal punto di vista della sicurezza, con presenza di pressostato per rilevare pericolose sovrappressioni e termostato per arrestare il funzionamento in caso di temperatura troppo alta.

Le operazioni di pulizia le ho trovate molto semplici, potendo aspirare i residui della combustione dal braciere senza difficoltà e svuotare il cassetto della cenere in un minuto. Non altrettanto facile la programmazione, risultando poco intuitivo il sistema di menu per selezionare gli orari di funzionamento e effettuare tutte le impostazioni; nulla di impossibile ma è necessario dedicare un po’ di tempo per l’attenta lettura delle istruzioni.

Il mio giudizio per questa stufa a pellet idro Eva calor Tosca 20 è nel complesso positivo, apprezzando il soddisfacente rapporto qualità prezzo e la solidità costruttiva. Tuttavia non è il modello tecnologicamente più innovativo e manca di particolari tecnici come la pulizia automatica del braciere e la connessione Wi-Fi di serie. È comunque possibile acquistare la scheda di rete per godere della pratica gestione da remoto.

Ravelli HRV 160 Design

Ravelli HRV 160 Design

Pro

  • Estetica molto curata
  • Braciere autopulente
  • Telecomando con termostato integrato

Contro

  • Impossibilità di controllo stando lontani da casa

Ravelli HRV 160 Design racchiude già nel nome una delle sue principali qualità, ossia la cura per l’aspetto estetico. Questo modello è pensato per tutti coloro che ricercano, in un unico prodotto, elevate prestazioni e sofisticata eleganza. La forma cilindrica con top in ghisa e rivestimento ottenuto da un mix di vetro e acciaio verniciato, sono garanzia di una stufa che costituirà un vero e proprio complemento d’arredo e di certo non passerà inosservata.

La potenza termica totale a disposizione è pari a 21 kW, provvedendo a fornire acqua calda per il riscaldamento domestico e l’uso sanitario in ambienti con massima volumetria di 450 metri cubi. Frontalmente è inserita una ventola che immette aria nel locale, con possibilità di regolare la velocità o disattivarla. Nella parte superiore trova collocamento il pannello di controllo per l’intuitiva programmazione. In alternativa posso impiegare il telecomando con display retroilluminato e dotato di termostato integrato che mi consente di regolare la stufa anche in ambienti diversi rispetto a quello dov’è installata.

Altre caratteristiche che reputo interessanti sono un serbatoio da 25 kg per assicurare un’autonomia massima fino a 19 ore, braciere con sistema autopulente, accensione con resistenza ceramica e il sistema Ravelli Dynamic System che provvede ad autoregolare i parametri di combustione per mantenere un elevato rendimento senza mai compromettere la sicurezza. Alla fine l’unico aspetto che considero negativo è la mancanza di un modulo Wi-Fi o GSM per gestione tramite dispositivo mobile e godere della praticità del controllo stando in ufficio o lontano dall’abitazione.

Palazzetti Ecofire Mirella Idro 15

Palazzetti Ecofire Mirella Idro 15

Pro

  • Serbatoio molto capiente
  • Lunga durata del combustibile
  • Elevato rendimento
  • Valvola anticondensa integrata

Contro

  • Modulo Wi-Fi da acquistare come optional

Palazzetti Ecofire Mirella Idro 15 è una termostufa a pellet con potenza di 15 kW quasi completamente utilizzata per il riscaldamento dell’acqua. L’estetica l’ho trovata gradevole grazie ad una doppia porta con vetro curvo e un rivestimento in acciaio proposto in quattro eleganti colorazioni.

Le vere qualità sono nascoste sotto la scocca e portano a dati tecnici di tutto rispetto. La classe di efficienza energetica A++ e un rendimento massimo del 94,96% assicurano un efficace comfort abitativo alla temperatura desiderata e mantengono i consumi sotto controllo. Sono rimasto stupito dalla grande capacità del serbatoio pari a ben 45 kg, garantendo una lunga autonomia ed evitando così di ricaricare il pellet quotidianamente.

Ho apprezzato la qualità dei materiali e la solidità della struttura, evidenziata dal generoso spessore della ghisa del braciere. Comode anche le operazioni di pulizia e la programmazione delle fasce orarie su base giornaliera e settimanale. Altri particolari da sottolineare sono il pannello di controllo con display e comandi a sfioramento, l’interfaccia per collegare un termostato esterno e la valvola anticondensa integrata.

Palazzetti Ecofire Mirella Idro 15 è, secondo la mia opinione, un prodotto completo e affidabile. Una stufa a pellet idro adatta per alimentare l’impianto di riscaldamento in appartamenti fino a 130 metri quadri e con una caldaia da 20 litri per assicurare acqua calda ad uso sanitario. Questo modello soddisfa anche le esigenze di coloro che desiderano programmare l’apparecchio da remoto, tuttavia sarà necessario acquistare e installare l’apposito connection box.

Thermorossi Dorica Idra 18

Thermorossi Dorica Idra 18 Metalcolor

Pro

  • Rimozione automatica residui della combustione
  • Scambiatore con fascio tubiero in verticale
  • Dimensioni compatte
  • Design ricercato

Contro

  • Modulo Wi-Fi previsto solo come optional

Thermorossi Dorica Idra 18 Metalcolor è una termostufa a pellet con camera di combustione ermetica, serbatoio da 19 kg e una potenza termica in grado di fornire acqua calda per riscaldare ambienti fino a 110 metri quadri. I progettisti hanno avuto un occhio di riguardo per l’aspetto estetico, utilizzando un mix di acciaio, vetro e maiolica per offrire un buon compromesso tra modernità ed eleganza.

Per garantire un elevato rendimento della combustione il bruciatore è dotato di meccanismo brevettato per la rimozione automatica dei residui. Altro particolare tecnico interessante è lo scambiatore di calore con fascio tubiero verticale, una soluzione che aumenta la superficie di scambio e incrementa l’efficienza termica. A tutto questo si devono aggiungere severi criteri costruttivi e l’impiego di materiali di elevato spessore per garantire la longevità di ogni singolo componente.

Dorica Idra 18 non lascia nulla al caso nemmeno sotto il profilo delle funzioni, offrendo la predisposizione elettronica per gestire due sonde da inserire, per esempio, in un serbatoio di accumulo oppure in un bollitore estivo/invernale.

E’ possibile sfruttare anche la modalità T.Ambient collegando un termostato estero e il timer settimanale con tre programmazioni giornaliere indipendenti. L’unico limite emerso nel corso della prova è il dover acquistare il modulo Wi-Fi per sfruttare l’App iControl e poter così controllare la stufa a distanza.

Edilkamin Cherie Up H

Edilkamin Cherie Up H

Pro

  • Sistema di pulizia automatica del crogiolo
  • Gestione elettronica della combustione
  • Serbatoio di buona capacità

Contro

  • Kit Wi-Fi e GSM da acquistare a parte

Edilkamin Cherie Up H è una termostufa a pellet caratterizzata da design a clessidra che si discosta dalla solita forma cilindrica o squadrata. La potenza termica utile di 16,2 kW permette di alimentare impianti a termosifone o pavimento per riscaldare ambienti con volumetria fino a 420 metri cubi. Il serbatoio mi permette di inserire un massimo di 29 kg di pellet, il che si traduce in un’autonomia che raggiunge quasi 30 ore nelle condizioni più gravose.

La stufa presenta un focolare in ghisa e acciaio, nonché un innovativo combustore ceramico con catalizzatore per limitare l’emissione di sostanze inquinanti e ridurre gli interventi di manutenzione. La combustione è gestita elettronicamente tramite il sistema denominato Leonardo, in grado di rilevare diversi parametri ed intervenire di conseguenza per ottimizzare il funzionamento e il risparmio di combustibile.

Come in tutti i modelli proposti da Edilkamin, anche in questo caso è possibile beneficiare dei sistemi E-Brusher ed Ekleanear di autopulizia del crogiolo e dei turbolatori, che rendono più efficiente la combustione del pellet e limitano le operazioni manuali dell’utilizzatore.

Per la programmazione delle fasce orarie e la gestione di ogni funzione è possibile scegliere tra il pannello di controllo integrato sulla macchina, il telecomando con display retroilluminato oppure tramite smartphone scaricando l’apposita App. In quest’ultimo caso è però necessario acquistare il kit Wi-Fi o in alternativa un modulo GSM qualora si volesse impiegare un risponditore/combinatore telefonico.

Montegrappa Coral AQ 21

Caminetti Montegrappa Coral AQ 21

Pro

  • Efficiente tecnologia di controllo della combustione
  • Serbatoio molto capiente
  • Lunga autonomia

Contro

  • Acqua sanitaria disponibile solo con kit opzionale
  • Manca connessione Wi-Fi

L’azienda Caminetti Montegrappa propone, in alternativa alle caldaie alimentate a gas, la linea di termostufe a pellet Coral AQ. Come consuetudine dell’azienda veneta, anche in questo caso c’è la massima cura dell’aspetto estetico, caratterizzato da linee moderne e squadrate che mettono in risalto la parte frontale con vetro serigrafato e ampia visuale della fiamma.

A seconda della superficie da riscaldare è possibile scegliere 5 diversi modelli, con livelli di potenza termica a partire da 15,5 kW per arrivare a 31,5 kW. La stufa può essere utilizzata per il solo riscaldamento, dovendo acquistare un kit per avere anche l’acqua calda ad uso sanitario.

Indipendentemente dal modello, disponiamo della tecnologia Automatic Power System KCC. Si tratta di un sistema che provvede a modulare in automatico la potenza in base agli effettivi fabbisogni, con la finalità di mantenere il comfort abitativo evitando sbalzi di temperatura e limitando i consumi.

Per questa recensione ho scelto la versione AQ21 da 20,5 kW, dotata di un serbatoio da 55 kg che mi assicura un’autonomia massima di ben 42 ore e possibilità di riscaldare ambienti fino a 235 metri quadri. Programmazione, manutenzione ordinaria e pulizia sono tutti aspetti che ritengo nella norma e offrono una complessiva buona praticità e comodità.

Coral AQ 21 ha dimostrato di essere una termostufa a pellet di indubbia qualità e affidabilità, a cui aggiungere una certa versatilità d’uso a patto di acquistare i vari kit per acqua sanitaria, ventilazione e separazione circuito primario e secondario. Tra gli optional manca però l’opportunità di collegare un modulo Wi-Fi, precludendo così la gestione delle impostazioni da remoto.

 

Cola Stufe Mirage

Cola Stufe Mirage

Cola Stufe Mirage è una termostufa a pellet adatta per riscaldare ambienti di grandi dimensioni fino ad un volume massimo di 446 metri cubi.

È possibile sfruttare una potenza termica nominale di 17 kW, con un consumo orario di pellet che varia da 1,053 kg/h a 3,85 kg/h. Le dimensioni di ingombro sono 100 x 60 centimetri con una profondità di 57,9 centimetri, mentre il peso complessivo è di 166 chilogrammi e con un serbatoio di capacità pari a 22 chilogrammi.

Esteticamente è un modello che offre un design moderno con rivestimento in acciaio verniciato disponibile nelle colorazioni avorio, bordeaux e rust. Il braciere è stato realizzato in ghisa ed è dotato di sistema autopulente per mantenere una buona efficienza della combustione e limitare la manutenzione. Frontalmente è stato posizionato un vetro ceramico panoramico autopulente per offrire il piacere di osservare la fiamma ardere.

La termostufa, proposta in questa recensione, è dotata di programmazione per l’accensione e lo spegnimento automatico settimanale con un massimo di cinque start e stop giornalieri. L’utente ha la possibilità di collegare un cronotermostato esterno con cavo e di usufruire di un servizio di diagnostica allarmi di facile interpretazione ed in grado di consentire rapidi interventi. Interessante l’opportunità di gestire da remoto telefonicamente le varie funzioni attraverso l’installazione di un modulo GSM.

Dal punto di vista dei sistemi di sicurezza, l’apparecchio è equipaggiato con valvola antiscoppio integrata nello scambiatore, termostato per proteggere da sovratemperature e depressimetro (pressostato) per evidenziare eventuali problemi dovuti alla canna fumaria ostruita o una tenuta non perfetta dello sportello.

Cola Stufe Mirage è un prodotto particolarmente efficiente che offre buona autonomia, soddisfacente scambio termico e può essere una valida soluzione per sostituire una vecchia caldaia esistente. Modello con prestazioni e qualità costruttive che gli permettono di inserirsi tra le prime tre posizioni della mia classifica.

Innofire Dotty Idro 11,3 KW

Innofire Dotty Idro 11,3 KW

Innofire Dotty Idro 11,3 KW è una termostufa dalle dimensioni compatte (52 x 52 x 90 centimetri) che bene si adatta dove gli spazi per l’installazione sono ridotti.

Grazie ad una potenza termica massima di 11,5 kW è in grado di riscaldare, in modo soddisfacente, ambienti con volumetrie massime fino a 300 metri cubi. I consumi di pellet si possono ritenere nella norma con 0,8 kg/h nelle condizioni più soft, per arrivare ad un massimo di 2,7 kg/h.

Come la maggior parte dei prodotti recensiti, anche questo modello ha un rivestimento in acciaio verniciato con la possibilità di scegliere una classica colorazione bianca o una più calda finitura bordeaux.

Il serbatoio permette di immagazzinare fino a 14 chilogrammi di pellet mentre la struttura e il focolare in acciaio conferiscono una grande resistenza, con il vetro panoramico che invece offre un’ampia e piacevole vista della fiamma. Per il collegamento con la canna fumaria è possibile scegliere tra la classica uscita superiore oppure optare per quella posizionata sul lato sinistro.

Per il controllo di tutte le funzioni l’utente può disporre di un pannello dei comandi molto semplice ed intuitivo oppure decidere di utilizzare il telecomando in dotazione. Molto interessante la doppia possibilità di acquistare come optional un kit Wi-Fi per gestire il dispositivo da remoto tramite collegamento ad internet oppure un kit GSM per utilizzare il telefono senza necessità di connettersi alla rete.

Innofire Dotty Idro 11,3 KW è una termostufa che offre un giusto connubio tra elevate prestazioni e un prezzo contenuto, con l’ulteriore valore aggiunto di un design semplice e moderno.

King Idro 14

King Idro 14

King Idro 14 è una termostufa a pellet che, per la mia opinione, assicura uno dei rapporti qualità prezzo più interessanti.

A fronte di un costo competitivo assicura una potenza termica di 14 kW, un rendimento del 96,29%, un’autonomia che arriva fino a 16 ore e un massimo volume riscaldabile di 340 metri cubi.

La struttura è completamente in acciaio con il rivestimento esterno con parti verniciate che possono essere scelte in due diverse colorazioni: bianca o bordeaux.

Nella parte superiore è stato posizionato il pannello di controllo con una facile programmazione che sfrutta la nuova elettronica in dotazione per regolare accensione e spegnimento settimanale. Volendo è possibile acquistare a parte un telecomando per incrementare la praticità d’uso.

Dal punto di vista costruttivo, il modello proposto in questa recensione, è dotato di scambiatore di calore a fascio tubiero, camera di combustione con convezione secondaria e pareti in acciaio facilmente smontabili per facilitare le operazioni di pulizia.

Il serbatoio da 17 chilogrammi è dotato di griglia protettiva per evitare il contatto con meccanismi in movimento, mentre per la sicurezza sono presenti un pressostato per segnalare eventuali ostruzioni dello scarico dei fumi e sonde di temperatura per monitorare surriscaldamenti anomali. Completano la dotazione di serie il vetro panoramico con sistema di emissione d’aria per mantenerlo sempre pulito.

King Idro 14 è un termostufa a pellet che non colpisce di certo per un aspetto estetico particolarmente ricercato, tuttavia sa invece distinguersi per performance di buon livello che assicurano un soddisfacente comfort abitativo.

Laminox Primula Idro

Laminox Primula Idro

Laminox Primula Idro è una termostufa a pellet con un design moderno e linee essenziali che bene si accostano a qualsiasi ambiente.

La scocca è in acciaio verniciato con polveri epossidiche e con la possibilità di scegliere diverse colorazioni. Il portello ha un‘ampia apertura in vetro temprato per poter rendere la fiamma sempre ben visibile.

Le dimensioni sono molto compatte con una larghezza di 45 centimetri, altezza di 94,5 centimetri e una profondità di 50,7 centimetri.

La potenza termica nominale disponibile è di 13 kW che consente di riscaldare ambienti con una volumetria massima di 330 metri cubi. Il rendimento offerto è del 92% con un consumo orario di pellet che oscilla tra 0,7 kg/h e 2,6 kg/h.

Tra le particolarità costruttive, da segnalare ci sono gli interni in ghisa indeformabile, fornaci funzionanti con fiamma rovesciata, serbatoio con capacità di 20 kg e una considerevole resistenza generale dovuta ad una struttura in acciaio di adeguato spessore e rivestimenti progettati per essere indeformabili sotto l’azione del calore.

Laminox Primula Idro è una termostufa a pellet che riesce a combinare un buon livello tecnologico, con soddisfacente comfort, apprezzabili prestazioni e una notevole solidità.

Come scegliere una termostufa a pellet idro

Una termostufa a pellet può rappresentare una valida alternativa alla caldaia a metano o GPL che tradizionalmente utilizziamo per riscaldare le nostre abitazioni. Si tratta di una soluzione vantaggiosa soprattutto per costi, efficienza, ed emissioni inquinanti.

Nel momento in cui si sceglie questo tipo di prodotto, che può produrre acqua calda sia per il riscaldamento che per uso sanitario, abbracciando una causa non solo economica, ma anche ecologica e fiscale: sempre più spesso, infatti, vengono proposti ecoincentivi per chi ristruttura casa, eliminando i vecchi impianti di riscaldamento per sostituirli con più moderni che utilizzano ad esempio termocamini e stufe a pellet.

I vantaggi sono quindi molteplici, così come i parametri da valutare nell’acquisto di un elettrodomestico del genere. Innanzitutto va considerata la potenza della termostufa a pellet, e la sua capacità di riscaldare volumi e superfici congrui con quelli a mia disposizione. La potenza riscaldante, espressa in kWh, è un valore che rapportato alla potenza trasferita all’acqua ci restituisce il parametro di rendimento termico: tanto più elevata sarà questa cifra espressa in percentuale, tanto più efficiente sarà la termostufa che stiamo valutando.

Più efficienza significa minore energia da spendere per ottenere la potenza termica che poi utilizziamo effettivamente per scaldarci, e il tutto si traduce quindi in maggior risparmio economico.

Un altro parametro da valutare è la grandezza del serbatoio del pellet, dalla quale dipenderà l’autonomia di funzionamento continuo, prima di dover effettuare di nuovo il rifornimento, e non per ultimo la posizione degli attacchi, che influenza la posizione di installazione del prodotto in casa.

Nella fase di acquisto di una termostufa a pellet, inoltre, si possono considerare altri aspetti che non sono secondari, ma che vanno valutati in base alle proprie abitudini quotidiane: chi è solito passare molto tempo fuori casa, perché magari è al lavoro tutto il giorno, troverà di certo comodo il poter a distanza controllare la stufa tramite smartphone, per programmare l’accensione in tempo utile e trovare la casa calda la rientro.

Infine, un punto importante per la scelta del prodotto che fa al proprio caso riguarda la possibilità di allacciare la termostufa all’ impianto fotovoltaico. L’utilizzo combinato con queste soluzioni può contribuire ad abbattere i costi in bolletta e delle forniture di pellet, anche se a fronte di un costo d’acquisto più elevato rispetto a modelli più semplici e meno accessoriati.

Domande frequenti

Classifiche correlate