Condizionatore portatile o ventilatore?

Condizionatore portatile o ventilatore? Leggi la guida per conoscerne differenze, pro e contro, e capire quale elettrodomestico scegliere.

Differenze

Condizionatore portatile e ventilatore hanno un solo punto in comune, ossia cercare di migliorare il comfort abitativo e ridurre il senso di caldo.

Un ventilatore portatile è un elettrodomestico essenziale nella forma e funzionamento. In commercio puoi trovare i classici modelli a pale con design spartano; sono costituiti da una piantana con piedistallo e un motore elettrico che genera la rotazione di un tot numero di eliche protette da una griglia metallica.

L’alternativa sono i modelli a torre (detti anche a colonna) molto meno ingombranti e dal design più snello e ricercato, in cui le grosse pale sono state sostituite da un rotore cilindrico. Il flusso d’aria viene distribuito in modo uniforme grazie al movimento oscillatorio da destra a sinistra.

Le funzioni sono gestite dal pannello comandi direttamente sull’apparecchio o da remoto tramite telecomando se previsto nella fornitura. Un condizionatore portatile ha dimensioni decisamente più ingombranti e per funzionare necessita di uno sbocco verso l’esterno dove far passare il tubo dell’aria calda. La temperatura viene abbassata grazie allo scambio termico tra un liquido refrigerante in pressione, fatto circolare da una pompa, e l’ambiente in cui è collocato il dispositivo.

L’aria raffreddata, prima di fuoriuscire dalle apposite bocchette, viene opportunamente filtrata per eliminare eventuali agenti inquinanti e allergeni. La programmazione avviene tramite console con display oppure pratico telecomando.

Pro e contro

Abbassamento della temperatura

Un ventilatore portatile è in grado solo di generare uno spostamento d’aria e di conseguenza dare un minimo sollievo dalla calura senza abbassare la temperatura del locale. Il climatizzatore invece ha lo scopo di migliorare il comfort abitativo rendendo l’ambiente molto più fresco e riuscendo a far diminuire di alcuni gradi la temperatura interna. Un climatizzatore sarà tanto più efficace quanto maggiore è il potere refrigerante, indicato da un valore espresso in btu/h.

Consumi

L’utilizzo anche per molte ore al giorno di un ventilatore non incide più di tanto sui costi in bolletta, viste le potenze in gioco molto ridotte e di solito inferiori ai 50 watt. Discorso diverso per un climatizzatore che ha ben altre richieste energetiche, con consumi che crescono in maniera proporzionale all’aumentare del potere refrigerante. E’ buona norma acquistare un apparecchio almeno in classe di efficienza energetica A e programmare con attenzione gli orari di funzionamento.

Salubrità dell’ambiente

Il climatizzatore rende l’aria più fresca, abbassa l’umidità e riduce o elimina sostanze inquinanti, allergeni e particelle sottili. Quindi è un dispositivo che, oltre a rendere l’ambiente domestico più confortevole, ne migliora la salubrità. Nulla di tutto questo per un ventilatore, anzi spostando grossi volumi d’aria smuove la polvere e non è assolutamente indicato per persone con problemi di allergie respiratorie.

Funzioni

Il condizionatore può raffreddare l’ambiente impostando la temperatura desiderata oppure agire come deumidificatore o solo ventilatore. È dotato di timer per impostare accensione e spegnimento e di speciali modalità per il risparmio energetico e il funzionamento notturno. In un buon ventilatore puoi scegliere diverse velocità, avviare l’oscillazione automatica, impostare una modalità sleep per conciliare il sonno e programmare un timer per lo spegnimento.

Prezzo

Il ventilatore è decisamente più economico e richiede una spesa che oscilla tra 30 e 100 euro a seconda dei modelli. Se invece desideri acquistare un climatizzatore portatile con buone prestazioni e di aziende leader nel settore, metti in conto un investimento dai 300 euro a salire.

Quale scegliere

La decisione dipende solo dalle diverse situazioni e dal miglioramento del comfort abitativo che desideri. Ritengo inutile acquistare un ventilatore per abbassare la temperatura di un locale, poiché il massimo che puoi ottenere è una maggior circolazione d’aria. Se il caldo si fa opprimente e vuoi un ambiente fresco con adeguato livello di umidità, l’unica scelta efficace è un climatizzatore portatile.