Quando sostituire il televisore?

Quando conviene cambiare il televisore con un nuovo modello? Ecco una serie di segnali da prendere in considerazione per la sua sostituzione.

Conviene riparare il televisore?

Un tempo la TV durava moltissimi anni e comunque risultava conveniente ripararla anche più volte prima della sostituzione. Con l’avvento di apparecchi al plasma e subito dopo di schermi piatti LCD, LED e OLED la situazione è profondamente cambiata.

Come sempre una tecnologia rivoluzionaria presenta costi all’inizio proibitivi, passando progressivamente da una possibilità per pochi ad un’opportunità per tutti. Sta di fatto che oggi una TV LED da 55 pollici (già una dimensione comunque ragguardevole) la puoi acquistare con cifre tra i 300 e 500 euro. Non sto parlando di modelli di marchi sconosciuti, ma bensì prodotti di assoluta qualità dei brand più prestigiosi.

Rimangono sempre le eccezioni di prodotti top di gamma con pannelli di ultimissima generazione e dimensioni da sala cinematografica che presentano costi molto elevati. Comunque per acquistare una buona TV LED / OLED le cifre in gioco sono, mediamente, alla portata di tutte le tasche.

Quanto appena detto porta, il più della volte, alla totale mancanza di convenienza nel far riparare un apparecchio televisivo. Devi anche considerare che per soddisfare i bisogni di un consumismo sempre più sfrenato, i fabbricanti propongono ogni stagione nuovi modelli e rendono obsolete TV magari acquistate da nemmeno due anni.

Ma non solo, i ricambi presentano prezzi altissimi oppure risultano pressoché introvabili. L’unica possibilità è la fortuna di rivolgerti ad un centro riparazioni che ha rimanenze di magazzino oppure televisori sostituiti da cui recuperare un pezzo ancora buono.

Il televisore non si accende

È in assoluto il guasto più comune e il segnale di un’evidente mancanza di alimentazione elettrica all’apparecchio. In questi casi, come consuetudine, speri che il cavo sia staccato ma spesso devi fare i conti con tutt’altro problema. Rispetto a modelli di qualche anno fa, le attuali TV non dispongono nemmeno di un interruttore on/off ma, una volta inserita la spina, rimangono sempre in standby.

Quindi l’assenza della classica spia rossa ti fa immediatamente capire che l’apparecchio ha un problema al circuito di alimentazione. Le soluzioni a tua disposizione sono chiamare il centro assistenza o decidere di rottamare il televisore.

Macchie sullo schermo

Se ti accorgi della formazione di macchia chiare o scure significa che il pannello ha un problema. In base al tipo di modello e tecnologia di visualizzazione le cause potrebbero essere molteplici. Il danneggiamento al sistema di retroilluminazione e il distacco di appositi filtri sono possibili responsabili, comunque devi rivolgerti ad un tecnico.

Nella maggior parte dei casi l’eventuale sostituzione del pannello fuori garanzia è poco conveniente. Quindi puoi decidere di tenere la TV in tali condizioni, sempre che le macchie non risultino troppo fastidiose, oppure acquistare un nuovo modello.

Qualità immagini peggiorata

Le cause sono il pannello difettoso o un problema all’elettronica che elabora le immagini. Se sei fortunato e il guasto avviene durante la garanzia puoi sostituire gratuitamente schermo o scheda interna, altrimenti devi richiedere un preventivo per le valutazioni del caso. Non è comunque detto che la TV sia ancora riparabile vista la velocità con cui cambiano modelli e i pannelli escono fuori produzione.

Pannello danneggiato

Se lo schermo si rompe per un urto accidentale devi mettere in conto che la garanzia non risponde, per cui la convenienza della riparazione dipende solo dal costo del ricambio nei confronti di una nuova TV di pari caratteristiche.

Problemi a elettronica e software

Ormai la presenza di connessione Wi-Fi e sistema operativo sono da ritenersi degli standard, a cui aggiungere una gestione elettronica delle immagini sempre più sofisticata. Anche il software potrebbero avere dei problemi, così coma la CPU e il processore grafico.

Spesso sono anomalie che non impediscono di utilizzare la TV con i soli canali del digitale terrestre, tuttavia vengono a mancare la riproduzione di immagini in alta definizione e funzioni come la gestione tramite app e visualizzazione di contenuti da piattaforme di streaming audio-video online. A volte basta un aggiornamento del firmware per risolvere l’anomalia, altrimenti è necessario un intervento tecnico.

Non ricevi più i canali

La perdita continua del segnale o la totale scomparsa indicano un chiaro problema alla scheda del digitale terrestre. Purtroppo molto spesso il circuito è integrato con il resto dei componenti. Ciò comporta un inevitabile aumento del costo del ricambio e diminuisce la convenienza della riparazione.

Non dimenticare che eventuali problemi di ricezione possono essere causati da un apparecchio ormai obsoleto non più in grado di rispettare i nuovi standard di trasmissione e codifica. In tali frangenti l’acquisto di un decoder esterno può evitare la sostituzione della TV.

Audio distorto

Un danneggiamento degli altoparlanti provoca fruscii e distorsioni che rendono l’ascolto pressoché impossibile. Se la sostituzione di uno o più diffusori non è un intervento tecnico complicato, tuttavia potrebbe non risultare affatto conveniente in apparecchi poco costosi o con diversi anni di vita alle spalle.

Nuovi modelli sul mercato